Public Service Broadcasting

In anteprima esclusiva per tutti gli amanti della buona musica il disco che segue l'acclamato esordio degli inglesi Public Service Broadcasting, "Inform Educate Entertain". Il nuovo album si chiama "The Race For Space" ed esce il 23 febbraio per Test Card Recording/Goodfellas con una doppia copertina illustrata.
Public Service Broadcasting
Il 19 febbraio l'anteprima streaming del nuovo album

Ne scrive così Chiara Colli sul numero di febbraio 2015 del Mucchio attualmente in edicola:

“Prendere qualcosa di vecchio e metterlo in un contenitore nuovo, in modo da avere un risultato che sia parte del passato ma altro da esso. Non rievocarne semplicemente la memoria. Piuttosto, intrattenere: a suon di postmodernismo. J. Willgoose, Esq., mente occhialuta del duo britannico a nome Public Service Broadcasting condiviso con il batterista Wrigglesworth (entrambi, va da sé, nomi autorevolmente fittizi), ci aveva detto qualcosa di simile, poco più di un anno fa, circa l’idea e l’approccio dietro uno dei progetti più interessanti esplosi nel 2013 in Inghilterra.
Dopo l’esordio Inform – Educate – Entertain pubblicato nel maggio di quell’anno, a dicembre era uscita la versione in dvd che elevava all’ennesima potenza la simbiosi di suoni e immagini alla base del “Servizio Pubblico di Telecomunicazioni”: sul tessuto musicale composto in gran parte da post-rock, elettronica e impennate motorike, si innestavano, al posto del cantato, voci provenienti dal passato tratte da film di propaganda, documentari e commercials, con un corredo di video d’epoca che ne amplificava l’impatto – e la funzione ludico/informativa – tanto live quanto, appunto, del supporto audio/video. L’ispirazione iniziale era stata la BBC e il suo programma The Archive Hour di Radio 4, la fonte principale il BFI (British Film Institution, sotto-organizzazione della beeb, ma con focus sulla parte filmica), la resa finale un concentrato di pop e nerditudine come pochi in circolazione. Roba da Top 20 nel Regno Unito e, udite udite, da riscontri favorevoli dal vivo anche in Italia. La chiave del loro successo? La capacità di far interagire piani sensoriali diversi, ma anche l’equilibrio perfetto tra l’aspetto documentaristico e quello d’intrattenimento – tanto nella proposta musicale quanto nell’ironia british nel modo di porsi, da professori vintage che, in realtà, non si prendono poi così sul serio. Quando, in sede di intervista, provammo a chiedere a Willgoose come avrebbe rinnovato un concept che poteva finire con l’intrappolare se stesso, il giovane inglese sorrise furbescamente: ‘Ci sono un numero infinito di variabili in questo concept. E io ne ho già in mente parecchiei.
Il metodo alla base di The Race For Space resta lo stesso di Inform – Educate – Entertain: tappeti sonori moderni ed eterogenei alla base di reperti video/sonori d’epoca. Ma stavolta, da una generale sensazione stile Life During Wartime con variazioni su tema, si passa a un periodo storico estremamente preciso, quello fra 1957 e 1972.
Quello della corsa allo spazio. Il concept si fa sempre più definito fin dalla copertina, che è doppia, a seconda se si scelga di stare dalla parte degli Stati Uniti o dell’Unione Sovietica; la musica, invece, diventa sempre più trasversale, con inaspettate aperture popular nell’ambito di una composita “suite” che ripercorre gli anni della lotta per la supremazia nello spazio fra le due potenze mondiali. The Race For Space si apre (scaltramente) con l’aura evocativa dello storico discorso del 1962 di John F. Kennedy (‘We choose to go to the Moon’), quando anche l’America si preparava a lanciarsi nel cosmo, e spara subito uno dei beat più azzardati dell’album, la cassa pacatamente space-techno di Sputnik. Tutto il disco è un viaggio attraverso personaggi ed episodi di quello che Willgose definisce ‘Il periodo più straordinario della storia dell’uomo’: c’è l’inaspettato funk di Gagarin, con tanto di sestetto di ottoni e quintetto d’archi, seguito dall’atmosfera gelida (anche qui con archi) di Fire In The Cockpit, ricordo della tragedia dell’Apollo 1 nel 1967; ci sono le nebulose alla Sigur Rós di Valentina (Tereshkova, prima donna nello spazio) e poi l’indie rock futurista di Go! – il cambiamento che incalza mentre l’uomo sbarca davvero sulla luna – o quello più space di The Other Side, il funk-quasi-fusion che torna su E.V.A. e la chiusura lunare e rarefatta di Tomorrow. Un insieme di intuizioni pop che potrebbero dare vita a un altro nerdissimo dvd (speriamo), come a una serie di show ad alto tasso di divertimento. E spazzare definitivamente via il dubbio che questa possa considerarsi nostalgia.”

I Public Service Broadcasting saranno in tour in Italia:

Martedì 12 Maggio 2015 – Milano, Salumeria della Musica // Biglietto € 15,00 + prev.
Mercoledì 13 Maggio 2015 – Roma, Teatro Quirinetta // Biglietto € 15,00 + prev.
Giovedì 14 Maggio 2015 – Firenze, Spazio Alfieri // Biglietto € 15,00 + prev.
Sabato 16 Maggio 2015 – Torino, Spazio 211// Biglietto € 12,00 + prev.

Info tour: BARLEY ARTS – www.barleyarts.com

Commenti

Altri contenuti
2287_4ef9d454e539e1.23589375-big

Timothy Leary

Dalla psichedelia al cyberspazio

A 75 anni dalla scoperta dell'Lsd, ripercorriamo la vicenda di uno dei maggiori protagonisti della controcultura statunitense...
coverlg

AKIRA | 30° Anniversario

Solo il 18 aprile al cinema

In sala il 18 aprile torna il capolavoro distopico di Katsuhiro Otomo con un nuovo doppiaggio, fedele...
rs-198724-TheRoll_StickyF_Publici_3000DPI300RGB1000162369

Il 1971, l’anno d’oro del rock

Intervista al critico David Hepworth

Il racconto di un periodo cruciale nella storia della musica, featuring David Bowie, Nick Drake e tanti...
Luca_Quarin_Il_battito_oscuro_del_mondo

Il battito oscuro del mondo

La recensione del libro

“E così la mia vita si ritrovò al punto di partenza, com’è tipico della vita, mi sembra”....
Mandatory Credit: Photo by Shizuo Kambayashi/AP/REX/Shutterstock (6738377d)
Isao Takahata Japanese animated film director Isao Takahata speaks about his latest film "The Tale of The Princess Kaguya" with its poster during an interview at his office, Studio Ghibli, in suburban Tokyo. The princess laughs and floats in sumie-brush sketches of faint pastel, a lush landscape that animated film director Isao Takahata has painstakingly depicted to relay his gentle message of faith in this world. But his Oscar-nominated work stands as a stylistic challenge to Hollywood's computer-graphics cartoons, where 3D and other digital finesse dominate. Takahata says those terms with a little sarcastic cough. The 79-year-old co-founder of Japan's prestigious animator, Studio Ghibli, instead stuck to a hand-drawn look
Japan Oscars Overseas Princess Animation, Tokyo, Japan

Il cinema di Isao Takahata

Storia di un uomo molto innamorato

All'età di 82 anni è scomparso Isao Takahata, regista noto per aver fondato insieme a Hayao Miyazaki...
Tonya-poster

Tonya

La recensione del film

Questa è la storia di Tonya Harding, pattinatrice americana, e del suo tonfo professionale avvenuto nel 1994...
Massimo Padalino_il gioco

Il gioco

La recensione del libro

Ne Il gioco fa da scenario la provincia veneta, ed è da lì che il romanzo parte...
1poore

Reincarnation Blues

La recensione del libro

  Alcuni libri sembrano nascere per essere delle bellissime quarte di copertina. Poi, dopo l’entusiasmo iniziale, l’ultima...
arcana

1977. Gioia e rivoluzione

La recensione del libro

Nell’accerchiamento, coinvolto, sebbene… Libro in libertà, multikulti, esistenziale a/traverso una Rosa al maschile (Alberto Asor), due società,...
locandina

Ready Player One

La recensione del film

Sembra voler rispondere a una precisa domanda Ready Player One, il nuovo film di Steven Spielberg che...
1032815_0_0_97_1280x640

The Chi

Black dramedy again

Raccontare una città come Chicago, raccontarla bene. Ci riesce Lena Waithe – per inciso: la prima donna...
CS672934-01A-BIG

Jonathan Wilson

La recensione del disco

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only

Mount Eerie

La recensione del disco

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations

Preoccupations

La recensione del disco

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
PETER KERNEL_intervista

Peter Kernel

Un esorcismo a colori

Al quarto album, "The Size Of The Night", il duo svizzero-canadese si conferma una delle band più...
Mamuthones_Bags ok

Mamuthones

Italo-disco-occult-psychedelia

Dal misticismo dei primi dischi alla dance straniante del nuovo "Fear On The Corner": il ritorno dei...