Public Service Broadcasting

In anteprima esclusiva per tutti gli amanti della buona musica il disco che segue l'acclamato esordio degli inglesi Public Service Broadcasting, "Inform Educate Entertain". Il nuovo album si chiama "The Race For Space" ed esce il 23 febbraio per Test Card Recording/Goodfellas con una doppia copertina illustrata.
Public Service Broadcasting
Il 19 febbraio l'anteprima streaming del nuovo album

Ne scrive così Chiara Colli sul numero di febbraio 2015 del Mucchio attualmente in edicola:

“Prendere qualcosa di vecchio e metterlo in un contenitore nuovo, in modo da avere un risultato che sia parte del passato ma altro da esso. Non rievocarne semplicemente la memoria. Piuttosto, intrattenere: a suon di postmodernismo. J. Willgoose, Esq., mente occhialuta del duo britannico a nome Public Service Broadcasting condiviso con il batterista Wrigglesworth (entrambi, va da sé, nomi autorevolmente fittizi), ci aveva detto qualcosa di simile, poco più di un anno fa, circa l’idea e l’approccio dietro uno dei progetti più interessanti esplosi nel 2013 in Inghilterra.
Dopo l’esordio Inform – Educate – Entertain pubblicato nel maggio di quell’anno, a dicembre era uscita la versione in dvd che elevava all’ennesima potenza la simbiosi di suoni e immagini alla base del “Servizio Pubblico di Telecomunicazioni”: sul tessuto musicale composto in gran parte da post-rock, elettronica e impennate motorike, si innestavano, al posto del cantato, voci provenienti dal passato tratte da film di propaganda, documentari e commercials, con un corredo di video d’epoca che ne amplificava l’impatto – e la funzione ludico/informativa – tanto live quanto, appunto, del supporto audio/video. L’ispirazione iniziale era stata la BBC e il suo programma The Archive Hour di Radio 4, la fonte principale il BFI (British Film Institution, sotto-organizzazione della beeb, ma con focus sulla parte filmica), la resa finale un concentrato di pop e nerditudine come pochi in circolazione. Roba da Top 20 nel Regno Unito e, udite udite, da riscontri favorevoli dal vivo anche in Italia. La chiave del loro successo? La capacità di far interagire piani sensoriali diversi, ma anche l’equilibrio perfetto tra l’aspetto documentaristico e quello d’intrattenimento – tanto nella proposta musicale quanto nell’ironia british nel modo di porsi, da professori vintage che, in realtà, non si prendono poi così sul serio. Quando, in sede di intervista, provammo a chiedere a Willgoose come avrebbe rinnovato un concept che poteva finire con l’intrappolare se stesso, il giovane inglese sorrise furbescamente: ‘Ci sono un numero infinito di variabili in questo concept. E io ne ho già in mente parecchiei.
Il metodo alla base di The Race For Space resta lo stesso di Inform – Educate – Entertain: tappeti sonori moderni ed eterogenei alla base di reperti video/sonori d’epoca. Ma stavolta, da una generale sensazione stile Life During Wartime con variazioni su tema, si passa a un periodo storico estremamente preciso, quello fra 1957 e 1972.
Quello della corsa allo spazio. Il concept si fa sempre più definito fin dalla copertina, che è doppia, a seconda se si scelga di stare dalla parte degli Stati Uniti o dell’Unione Sovietica; la musica, invece, diventa sempre più trasversale, con inaspettate aperture popular nell’ambito di una composita “suite” che ripercorre gli anni della lotta per la supremazia nello spazio fra le due potenze mondiali. The Race For Space si apre (scaltramente) con l’aura evocativa dello storico discorso del 1962 di John F. Kennedy (‘We choose to go to the Moon’), quando anche l’America si preparava a lanciarsi nel cosmo, e spara subito uno dei beat più azzardati dell’album, la cassa pacatamente space-techno di Sputnik. Tutto il disco è un viaggio attraverso personaggi ed episodi di quello che Willgose definisce ‘Il periodo più straordinario della storia dell’uomo’: c’è l’inaspettato funk di Gagarin, con tanto di sestetto di ottoni e quintetto d’archi, seguito dall’atmosfera gelida (anche qui con archi) di Fire In The Cockpit, ricordo della tragedia dell’Apollo 1 nel 1967; ci sono le nebulose alla Sigur Rós di Valentina (Tereshkova, prima donna nello spazio) e poi l’indie rock futurista di Go! – il cambiamento che incalza mentre l’uomo sbarca davvero sulla luna – o quello più space di The Other Side, il funk-quasi-fusion che torna su E.V.A. e la chiusura lunare e rarefatta di Tomorrow. Un insieme di intuizioni pop che potrebbero dare vita a un altro nerdissimo dvd (speriamo), come a una serie di show ad alto tasso di divertimento. E spazzare definitivamente via il dubbio che questa possa considerarsi nostalgia.”

I Public Service Broadcasting saranno in tour in Italia:

Martedì 12 Maggio 2015 – Milano, Salumeria della Musica // Biglietto € 15,00 + prev.
Mercoledì 13 Maggio 2015 – Roma, Teatro Quirinetta // Biglietto € 15,00 + prev.
Giovedì 14 Maggio 2015 – Firenze, Spazio Alfieri // Biglietto € 15,00 + prev.
Sabato 16 Maggio 2015 – Torino, Spazio 211// Biglietto € 12,00 + prev.

Info tour: BARLEY ARTS – www.barleyarts.com

Commenti

Altri contenuti
1invaders

Space Invaders

La recensione del libro

La memoria è una pietra che può fare male, che forse a volte qualcuno dovrebbe scagliare lontano...
Cover Libro

Come uccidere le aragoste

Recensione e intervista all'autore

Non conosce il vero significato degli oggetti e delle persone chi non ha mai perso qualcuno. Quella...
U2
Quarant'anni da icone rock

U2

Quarant'anni da icone del rock

Il 25 settembre del 1976 nasceva il gruppo di Bono Vox e The Edge: quattro decenni dopo,...
locandina

Elvis & Nixon

La recensione del film

Negli Archivi Nazionali degli Stati Uniti d’America è conservata una fotografia datata 21 dicembre 1970 che è,...
Credits_Giorgio_Manzato

Kamasi Washington

Locus Festival

L’onda lunga del caso "The Epic", disco dalla durata monstre (circa tre ore) di Kamasi Washington, non...
The-beatles-manifesto

The Beatles – Eight Days a Week

Il film evento nelle sale italiane dal 15 al 21 settembre

Nella moltitudine di immagini e video inediti presenti in The Beatles – Eight Days a Week, c’è...
locandina

Heart of a Dog

La recensione del film

Secondo la celebre definizione di Cocteau, il cinema è la morte al lavoro e la settima arte...
61AG4lCxU3L._SL1215_

Nick Cave & The Bad Seeds

La recensione del disco

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
9788874628513-b

Incontri coi selvaggi

La recensione del libro

Spassoso, divertente, puntiglioso e – come se non bastasse – colto, dannatamente colto. “Incontri coi selvaggi” scritto...
a1895762218_10

La recensione del disco

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
download

Doromizu. Acqua Torbida

La recensione del libro

Nell’acqua torbida galleggia e vive di tutto. Uomini e donne senza dignità, rapporti malati, violenze psicologiche e...
dinosaur-jr-tickets_10-06-16_17_5743419d0a05b

Dinosaur Jr.

La lunga coda

Guardi la copertina di GIVE A GLIMPSE OF WHAT YER NOT, con quelle tinte da psichedelia casereccia,...
ELYSIA CRAMPTON
Identità e club music

Elysia Crampton

Identità e club music

Attraverso il recupero di sonorità laceranti figlie dell’industrial e una propensione per la teoria, un gruppo di...
CHELSEA WOLFE
Una cupa estate italiana al Musica W Festival

Chelsea Wolfe

Dell'amore e di altri incubi

In occasione dell'imminente data italiana al Musica W Festival, riproponiamo la nostra ultima intervista con la cantautrice...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e

BadBadNotGood

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540

Russian Circles

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...