20,000 Days On Earth

Il documentario su Nick Cave il 2 e il 3 dicembre al cinema

cave

A Istanbul c’è un posto dove puoi trovare 4,213 mozziconi di sigaretta dietro una teca di vetro. Si chiama Museo dell’Innocenza ed è legato all’omonimo romanzo di Orhan Pamuk, il cui protagonista, dopo aver perso la donna che ama, inizia a collezionare ossessivamente gli oggetti che le sono appartenuti. Il museo ricostruisce la sua missione, finendo col somigliare a una bizzarra cappella funebre per una figura mai esistita. Quel miscuglio di affabulazione, magia e memoria posticcia è la prima cosa a cui penso dopo aver visto 20,000 Days On Earth, il documentario su Nick Cave di cui il cantante è anche sceneggiatore: se c’è un performer che potrebbe mettere in piedi un posto così al limite tra i fatti storici e la pura speculazione, dedicandolo però a se stesso, è lui (l’altro è Bob Dylan, ma temo abbia perso il senso dell’umorismo per operazioni del genere tempo fa).

Non è un caso che nel 1987, quando aveva 30 anni – “Gli anni ottanta sono difficili da ricordare, in un certo senso sono andati via del tutto”– abbia fatto redigere un testamento in cui lasciava tutto a un (ancora) inesistente Nick Cave Memorial. Il suo senso per la memoria, se non del tutto inatteso, è comunque impressionante: quando l’analista gli chiede di cos’ha più paura in assoluto, mi aspetto che dica perdere l’integrità fisica, non smarrire tutti i ricordi. Il fatto è che non penso a Cave come a un nostalgico: è vero che non dimentica i suoi giorni berlinesi ma neanche li trasforma nella parodia di loro stessi e, a differenza di molti coetanei, continua a scrivere bei dischi invece di campare di repertorio. Man mano che il documentario procede, però, capisco che la memoria non gli interessa per conservare la vita sotto sale quanto per portarla avanti e generare nuovo materiale.

L’approccio vale anche per quello vecchio: “Quando canto Deanna, non penso alla donna che è oggi, ma al ricordo che ho di quella ragazza, a come l’ho trasformato e manipolato”. Lo spazio riservato ai giorni difficili è poco, anche se diverte e commuove sentirgli dire che durante la dipendenza dall’eroina andava in chiesa tutte le mattine: “Non sono mai stato tanto religioso come quando mi facevo. Mi svegliavo, sentivo un sermone e poi andavo a Portobello Road a beccare gli spacciatori. Mi sembrava di compensare, di tenere le cose in equilibrio. Mia moglie mi ha fatto promettere di non entrare più in Chiesa”. Enfasi sull’arte del ricordo a parte – aspetto che lo allontana dal rockumentary classico con cui condivide solo un inevitabile appeal erotico – 20,000 Days On Earth insiste molto sull’anelito compulsivo di Cave per la trasformazione: è una cosa che gli ha insegnato suo padre mentre gli leggeva il primo capitolo di Lolita, quando recitando la dedica appassionata di Humbert Humbert ad alta voce, “divenne un’altra cosa”.

Anche se è difficile immaginarlo, c’è stato un momento in cui il lungagnone australiano ha fatto di tutto per andare lontano da sé: come David Bowie e Ian Curtis prima di lui, l’unico modo per tollerare la propria immagine allo specchio era imitare qualcuno sulla copertina di un disco: “mi sono sognato fuori da me e rientrare è stato impossibile. Non sono neanche sicuro di averne avuto voglia”. È una specie di alchimia applicata al vivere, prima ancora che alla performance. Sul suo rapporto con Dio sono state versate colate di inchiostro inutile, ma se in 20,000 Days On Earth c’è un peccato, è solo quello di omissione: quando racconta che la sua prima esperienza sessuale è stata con la ragazza dalla pella più bianca e i capelli più neri che avesse mai visto, tanto che poi ne ha sposata una, ti aspetti che faccia quel nome. Ma di Pj Harvey non c’è traccia. Quando leggo i titoli di coda, dove appare la scritta The Bad Seeds Are prima di The Bad Seeds Were, con l’elenco dei vari musicisti che ne hanno fatto parte, mi rendo conto che vorrei dire a Cave che prima ancora dei ricordi, si perdono le persone: senza i primi non scrivi niente, ma senza le seconde poi finisce che non fai The Boatman’s Call.

Commenti

Altri contenuti Cinema / Visioni
festival gusto della memoria 2017  dia133

Festival Cinema Vintage

Al via il bando 2017

FESTIVAL CINEMA VINTAGE “IL GUSTO DELLA MEMORIA” V edizione Roma – 28, 29 e 30 settembre 2017 Patrocinato dall’UNESCO AL VIA...
basquiat1

Basquiat: The Radiant Child

Jean-Michel Basquiat in mostra al Chiostro del Bramante

«Papa, I’m going to be famous»: c’è un certo grado di consapevolezza nelle parole di Jean-Michel Basquiat,...
tartaruga-rossa-Michael-Dudok-de-Wit

Michaël Dudok de Wit

Intervista al regista premio Oscar

L’olandese Michaël Dudok de Wit, già premio Oscar per il corto animato Father and Daughter (2000), è...
PP-manifesto1

Giovanni Mazzarino

Intervista al noto compositore jazz

Mago Merlino è il primo a entrare in scena. Il set è quello di Piani Paralleli, il...
sottodiciotto2017_immagine-guida

Sottodiciotto Film Festival

Tutti gli appuntamenti della 18° edizione

  SOTTODICIOTTO FILM FESTIVAL & CAMPUS 31 marzo – 7 aprile 2017 Torino, vari luoghi  Le proiezioni...
16406832_10154974528777277_5155378342824301449_n

Bergamo Film Meeting 2017

35° BFM| Marzo 11-19 2017

Giunto alla 35° edizione, lo storico Bergamo Film Meeting si avvia a celebrare il 2017 con un...
locandina

Maren Ade

Intervista alla regista di "Vi presento Toni Erdmann", in sala dal 2 marzo.

Magari la sbronza di premi sarà un po’ passata, dopo la sconfitta agli Oscar a favore di...
trainspotting

Verso Trainspotting 2

La colonna sonora

Per avvicinarci al secondo capitolo in uscita il 23 febbraio 2017, celebriamo una delle colonne sonore più...
trainspottin

Verso Trainspotting 2

La sottocultura che ha segnato il cinema mainstream

"Trainspotting", il film uscito vent'anni fa che ha segnato per sempre il rapporto tra cinema, droga e...
locandina_un_altro_me

Claudio Casazza

Intervista al regista di "Un altro me", in concorso al Trieste Film Festival.

Guardare per capire. Affrontare un tema spinoso e piuttosto scomodo senza giudizi preconcetti ma ascoltando la voce...
best

Film: best of 2016

Non abbiamo dubbi che il 2016 sarà ricordato come l’anno di Pablo Larraìn, che ha proposto tre...
Lou-Castel-set-A-pugni-chiusi-2827

I pugni chiusi di Lou Castel

Intervista all’attore, protagonista del documentario di Pierpaolo De Sanctis - 34° Torino Film Festival

Attore icona di una generazione isterica e disperata per Bellocchio. Attivista maoista dentro e fuori dall’industria cinematografica....
551491794

Sono Guido e non Guido

Alla scoperta di Guido Catalano. E di Armando - 34° Torino Film Festival

Un poeta ai tempi di Facebook e YouTube. Una figura ibrida tra cabarettista e poeta. Un performer...
1280x720-J60

Nessuno ci può giudicare

I musicarelli secondo Steve Della Casa - 34° Torino Film Festival

Ha impiegato 10 anni per poter realizzare il film: Steve Della Casa, critico cinematografico e storico del...
11

RomaFF 2016

Il meglio della 11esima Festa del cinema di Roma

Un anno di transizione oppure l'ennesimo segno di confusione di una manifestazione, nata sotto il segno di...
larrain

Pablo Larraìn

"Il cinema è un atto di compassione"

Incontro con il regista cileno Pablo Larraìn. Il suo "Neruda" uscirà il 13 ottobre e oggi scopriamo...