20,000 Days On Earth

Il documentario su Nick Cave il 2 e il 3 dicembre al cinema

cave

A Istanbul c’è un posto dove puoi trovare 4,213 mozziconi di sigaretta dietro una teca di vetro. Si chiama Museo dell’Innocenza ed è legato all’omonimo romanzo di Orhan Pamuk, il cui protagonista, dopo aver perso la donna che ama, inizia a collezionare ossessivamente gli oggetti che le sono appartenuti. Il museo ricostruisce la sua missione, finendo col somigliare a una bizzarra cappella funebre per una figura mai esistita. Quel miscuglio di affabulazione, magia e memoria posticcia è la prima cosa a cui penso dopo aver visto 20,000 Days On Earth, il documentario su Nick Cave di cui il cantante è anche sceneggiatore: se c’è un performer che potrebbe mettere in piedi un posto così al limite tra i fatti storici e la pura speculazione, dedicandolo però a se stesso, è lui (l’altro è Bob Dylan, ma temo abbia perso il senso dell’umorismo per operazioni del genere tempo fa).

Non è un caso che nel 1987, quando aveva 30 anni – “Gli anni ottanta sono difficili da ricordare, in un certo senso sono andati via del tutto”– abbia fatto redigere un testamento in cui lasciava tutto a un (ancora) inesistente Nick Cave Memorial. Il suo senso per la memoria, se non del tutto inatteso, è comunque impressionante: quando l’analista gli chiede di cos’ha più paura in assoluto, mi aspetto che dica perdere l’integrità fisica, non smarrire tutti i ricordi. Il fatto è che non penso a Cave come a un nostalgico: è vero che non dimentica i suoi giorni berlinesi ma neanche li trasforma nella parodia di loro stessi e, a differenza di molti coetanei, continua a scrivere bei dischi invece di campare di repertorio. Man mano che il documentario procede, però, capisco che la memoria non gli interessa per conservare la vita sotto sale quanto per portarla avanti e generare nuovo materiale.

L’approccio vale anche per quello vecchio: “Quando canto Deanna, non penso alla donna che è oggi, ma al ricordo che ho di quella ragazza, a come l’ho trasformato e manipolato”. Lo spazio riservato ai giorni difficili è poco, anche se diverte e commuove sentirgli dire che durante la dipendenza dall’eroina andava in chiesa tutte le mattine: “Non sono mai stato tanto religioso come quando mi facevo. Mi svegliavo, sentivo un sermone e poi andavo a Portobello Road a beccare gli spacciatori. Mi sembrava di compensare, di tenere le cose in equilibrio. Mia moglie mi ha fatto promettere di non entrare più in Chiesa”. Enfasi sull’arte del ricordo a parte – aspetto che lo allontana dal rockumentary classico con cui condivide solo un inevitabile appeal erotico – 20,000 Days On Earth insiste molto sull’anelito compulsivo di Cave per la trasformazione: è una cosa che gli ha insegnato suo padre mentre gli leggeva il primo capitolo di Lolita, quando recitando la dedica appassionata di Humbert Humbert ad alta voce, “divenne un’altra cosa”.

Anche se è difficile immaginarlo, c’è stato un momento in cui il lungagnone australiano ha fatto di tutto per andare lontano da sé: come David Bowie e Ian Curtis prima di lui, l’unico modo per tollerare la propria immagine allo specchio era imitare qualcuno sulla copertina di un disco: “mi sono sognato fuori da me e rientrare è stato impossibile. Non sono neanche sicuro di averne avuto voglia”. È una specie di alchimia applicata al vivere, prima ancora che alla performance. Sul suo rapporto con Dio sono state versate colate di inchiostro inutile, ma se in 20,000 Days On Earth c’è un peccato, è solo quello di omissione: quando racconta che la sua prima esperienza sessuale è stata con la ragazza dalla pella più bianca e i capelli più neri che avesse mai visto, tanto che poi ne ha sposata una, ti aspetti che faccia quel nome. Ma di Pj Harvey non c’è traccia. Quando leggo i titoli di coda, dove appare la scritta The Bad Seeds Are prima di The Bad Seeds Were, con l’elenco dei vari musicisti che ne hanno fatto parte, mi rendo conto che vorrei dire a Cave che prima ancora dei ricordi, si perdono le persone: senza i primi non scrivi niente, ma senza le seconde poi finisce che non fai The Boatman’s Call.

Commenti

Altri contenuti Cinema / Visioni
coverlg

AKIRA | 30° Anniversario

Solo il 18 aprile al cinema

In sala il 18 aprile torna il capolavoro distopico di Katsuhiro Otomo con un nuovo doppiaggio, fedele...
Mandatory Credit: Photo by Shizuo Kambayashi/AP/REX/Shutterstock (6738377d)
Isao Takahata Japanese animated film director Isao Takahata speaks about his latest film "The Tale of The Princess Kaguya" with its poster during an interview at his office, Studio Ghibli, in suburban Tokyo. The princess laughs and floats in sumie-brush sketches of faint pastel, a lush landscape that animated film director Isao Takahata has painstakingly depicted to relay his gentle message of faith in this world. But his Oscar-nominated work stands as a stylistic challenge to Hollywood's computer-graphics cartoons, where 3D and other digital finesse dominate. Takahata says those terms with a little sarcastic cough. The 79-year-old co-founder of Japan's prestigious animator, Studio Ghibli, instead stuck to a hand-drawn look
Japan Oscars Overseas Princess Animation, Tokyo, Japan

Il cinema di Isao Takahata

Storia di un uomo molto innamorato

All'età di 82 anni è scomparso Isao Takahata, regista noto per aver fondato insieme a Hayao Miyazaki...
66596_26815408_10156096207857277_4670907796239682441_n (828x315)

Bergamo Film Meeting 2018

36° Bergamo Film Meeting (10-18 marzo 2018)

Con la proiezione del capolavoro L’ultima risata di F.W. Murnau, musicato dal vivo dal Maestro Gerardo Chimini...
luca-guadagnino-conferma-remake-suspiria-con-protagoniste-dakota-johnson-tilda-swinton-254641

Luca Guadagnino

Intervista al regista

Il nuovo cinema italiano, la famiglia Agnelli, Renzi e la forza rivoluzionaria dell’eros. In attesa che "Chiamami...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.2)

Top ten: gli ultimi cinque

Un anno di cinema da racchiudere nell’abituale classifica di fine anno: già pubblicata in versione ridotta sulla...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.3)

I film da recuperare

Poco visti, forse incompresi, a volte equivocati, senz’altro da noi molto amati. Più che i nostri film...
LoveIsAllMovie-fb

Love is all: Piergiorgio Welby

Intervista agli autori del documentario

Non è vero che la sofferenza porta alla salvezza. Lo testimonia l’esistenza dinamica, ironica, curiosa, persino psichedelica...
2127142_14011444

Pino Donaggio

Intervista al compositore, vincitore del Gran Premio Torino

Dopo l'intervista a Cliff Martinez, continuiamo a esplorare il mondo della musica da film intervistando il compositore...
p9-fazio-martinez-a-20170112

Cliff Martinez

Dal rock ai synth: intervista al compositore statunitense

Nel 1989 ha iniziato la sua longeva collaborazione con Steven Soderbergh lavorando a Sesso, bugie e videotape,...
Grace-810x400

Sophie Fiennes

Incontro con la regista di "Grace Jones: Bloodlight and Bami"

La costruzione dell’icona, la narrazione spettacolare di un corpo e di una voce e il suo retroterra...
halloween

Halloween: il buio oltre la siepe

Di nuovo in sala il cult movie di John Carpenter.

Come tutti i film dell’orrore che si sono fatti strada nella vita, anche Halloween (1978) di John...
wearex

Yoshiki

Il leader degli X-Japan presenta il film "We Are X"

Sembra fragilissimo, efebico, sul punto di rompersi da un momento all’altro. Nel corpo (il polso ben fasciato),...
Poster-Lucca-Comics-2017

Lucca Comics & Games 2017

Lucca | 1-5 novembre

Lucca Comics & Games  HEROES 1-5 novembre 2017 Torna anche quest’anno l’Area Movie di Lucca Comics & Games,...