America disperata

Venezia 2013

"Joe", "Night Moves" e "The Canyons": se tre film fanno una prova.
America disperata
I film a Venezia

La pattuglia americana che gli Stati Uniti hanno portato al Lido per la mostra del cinema è tra le più deboli degli ultimi anni. L’industria al di sotto dei kolossal e dei blockbuster è agonizzante e i vari tentativi si scontrano con problematiche crisi di idee. Quello che ne viene fuori però è la sua disperazione, il suo cercare rifugio in oasi – naturali e culturali – che invece rivelano l’ampiezza del declino e dell’abisso in cui la nazione una volta più potente del mondo sta scivolando. Sono tre i film americani che indagano questo declino: Joe di David Gordon Green, Night Moves di Kelly Reichardt e The Canyons di Paul Schrader.

 

Joe-di-David.Gordon.Green

Joe, celebrato come ritorno al cinema “serio” di Nicholas Cage, è la più tipica storia di provincia rurale, bagnata di white trash come un Faulkner corretto da Elmore Leonard: uomo complicato che stringe un rapporto d’amicizia e lavoro con un ragazzo dal padre ubriaco e violento e che deve affrontare l’inospitalità ancestrale dei redneck. Il dramma agreste e suburbano ai tempi della crisi, soprattutto di valori, passa per la violenza repressa e alla fine esplosiva, con un bel finale dal sapore western – non a caso, l’altro lato di Leonard – che suggella un film ben fatto, ma simile ad altri venti film analoghi. Eccezion fatta per Cage, credibile e meno esagitato del solito.

 

night-moves-3-620x350

Reichardt invece, celebrato talento emergente a stelle e strisce, con Night Moves racconta l’estremismo ecologista nei panni di due ragazzi e una sorta di guru che pianificano un attentato a una diga: la regista prima segue meticolosamente la preparazione del colpo e poi le sue conseguenze impreviste sugli attentatori, descrivendo un’America che vorrebbe ribellarsi, riprendersi la bellezza e credere in un sogno, cruento ma giusto e possibile. Resta però un peso la scelta di uno stile antitetico a ciò che la regista vorrebbe raccontare, agli obiettivi prefissati con lo spettatore: idea interessante ma che non raggiunge il suo scopo e delude, fatta eccezione per la sempre più brava Dakota Fanning.

 

the canyons(1)

The Canyons ha invece tutti i presupposti del gioiello: scritto da Bret Easton Ellis e diretto da Paul Schrader – per dire uno che ha scritto Taxi Driver e diretto un film su Mishima – è uno sguardo alla morte dell’industria dei sogni, tra Glamorama e American Psycho passando per Hardcore e Auto Focus. Eppure non quadra, gli manca la vera ferocia dello sguardo, la vera eleganza delle facciate e la vera decadenza degli interni, in cui lo scandalo passa più per lo sfruttamento mediatico di un pornodivo e un’ex divetta sfatta (Deen e Lohan) che per il peso dei suoi discorsi. E allora nasce il sospetto che questi film siano un doppio specchio della morte degli USA, consapevole nei contenuti, ma inconsapevole e quindi ancora più triste nella forma.

Altri contenuti Cinema / Visioni
Lou-Castel-set-A-pugni-chiusi-2827

I pugni chiusi di Lou Castel

Intervista all’attore, protagonista del documentario di Pierpaolo De Sanctis - 34° Torino Film Festival

Attore icona di una generazione isterica e disperata per Bellocchio. Attivista maoista dentro e fuori dall’industria cinematografica....
551491794

Sono Guido e non Guido

Alla scoperta di Guido Catalano. E di Armando - 34° Torino Film Festival

Un poeta ai tempi di Facebook e YouTube. Una figura ibrida tra cabarettista e poeta. Un performer...
1280x720-J60

Nessuno ci può giudicare

I musicarelli secondo Steve Della Casa - 34° Torino Film Festival

Ha impiegato 10 anni per poter realizzare il film: Steve Della Casa, critico cinematografico e storico del...
11

RomaFF 2016

Il meglio della 11esima Festa del cinema di Roma

Un anno di transizione oppure l'ennesimo segno di confusione di una manifestazione, nata sotto il segno di...
larrain

Pablo Larraìn

"Il cinema è un atto di compassione"

Incontro con il regista cileno Pablo Larraìn. Il suo "Neruda" uscirà il 13 ottobre e oggi scopriamo...
UN FILM PER L'ESTATE
Cosa guardare su Sky, Netflix e Infinity

Un film per l’estate

Pescato su Sky, Netflix e Infinity

Se qualcosa vi è sfuggito, ora è il momento di recuperare. 15 titoli per trascorrere l'estate in...
13-SEDOTTA E ABBANDONATA - 1963

Prato Film Festival 2016

Lungometraggi, corti e un omaggio a Pietro Germi

Quinta edizione del Prato Film Festival: al tradizionale concorso per cortometraggi, si aggiunge uno spazio competitivo dedicato...
Far East 2016

Far East 2016

Tempo di maturità

Giunta alla diciottesima edizione, la kermesse udinese conferma i pregi di una formula che consente all'appassionato di...
Morricone e il Western

Ennio Morricone e il western

Una lunghissima storia d'amore

“Ennio Morricone è come Mozart e Beethoven”. Lo ha detto Quentin Tarantino premiando il maestro con il...
Arcipelago

Arcipelago 2015

Street Art e Sperimentazione

Si è da poco conclusa la 2.3a edizione di ARCIPELAGO - Festival Internazionale di Cortometraggi e Nuove...
Straight Outta Compton/
Il film sugli N.W.A. al cinema dal 1 Ottobre

Straight Outta Compton

Il film sugli N.W.A. al cinema in Italia dal 1 ottobre

"Straight Outta Compton", il film sugli N.W.A. già campione di incassi negli USA e al cinema in...
Mad Max: Fury Road
Un ostinato attaccamento alla vita

Mad Max

Un ostinato attaccamento alla vita

Un film che doveva essere sulla crisi petrolifera e invece parla di chirurgia estetica d’avanguardia.
Il racconto dei racconti
La metamorfosi nel cinema di Matteo Garrone

Il racconto dei racconti

La metamorfosi nel cinema di Matteo Garrone

La fascinazione per il corpo era chiara fin dai suoi trascorsi nella pittura, un’attenzione mai voyeuristica né...
Paul Thomas Anderson
Il regista che girava film impossibili

Vizio di forma

Al cinema dal 26 febbraio

Paul Thomas Anderson, l’uomo che girava film impossibili.
Chris Kyle

American Sniper

La nostra intervista al cecchino (era il 2012)

Chris Kyle è il cecchino più letale nella storia militare americana. Per 160 volte ha preso la...