Cannes vs Netflix

Cannes Day 2 - Una polemica di retroguardia

f2c704f81e8d5ed4ec2581b7930e0101371d5523ff211c0bb01aaf633cb8f980_3950550

L’ultima sentenza è arrivata ieri, mentre la conferenza stampa della giuria di Cannes aveva luogo, pronunciata proprio dal presidente della giuria: “Sarebbe un paradosso una Palma d’oro ad un film non destinato alla sala”. Ciliegina su una torta che sa di rancido.

Torta preparata qualche giorno fa da Thierry Fremaux, direttore del festival, che dopo le proteste delle potenti associazioni di esercenti e distributori francesi per la presenza in concorso di due film targati Netflix – quindi che non usciranno nelle sale se non eccezionalmente – ha dichiarato che dal prossimo anno non si accetteranno in concorso film che non prevedono uscita nelle sale. La risposta di Netflix è immediata e non fa una piega: il film lo produciamo noi e abbiamo diritto a distribuirlo come vogliamo. Ma evidentemente la questione è di tutt’altro spessore che va oltre la bega tra un festival e una produzione, ossia sulle gabbie di sistema a cui il festival deve sottostare. Ma soprattutto è possibile che il principale festival di cinema al mondo decida di compiere una chiusura di retroguardia per difendere la sala rifiutandosi di mappare un territorio che dal punto di vista creativo, produttivo e distributivo è fertile?

I due film incriminati sono Okja, monster-movie del regista coreano di culto Bong John-ho, e The Meyerowitz Stories di Noah Baumbach: due outsider forse, ma non due sconosciuti e almeno uno di loro, il secondo, ha possibilità sulla carta di giocarsi un premio. E qui spunta il primo vizio di forma: come può un presidente di giuria fare simili dichiarazioni escludendo di fatto – almeno dal suo orizzonte – due film prima che vengano visti? La valutazione di un film dovrebbe prescindere dal formato, soprattutto se è un film pensato e realizzato come tale e non come episodio televisivo, a maggior ragione visto che un festival garantisce quella sacralità della fruizione filmica che Almodòvar vorrebbe sempre come prima fonte di visione. Verrebbe quasi da chiedere – se un premio cinematografico fosse una cosa seria o lo scopo ultimo di una pratica (come potrebbe essere il giudizio di un giudice nello sport) – la ricusazione del presidente Almodòvar; per fortuna il fine ultimo della pratica cinematografica è comunicare, emozionare, ampliare la conoscenza del pubblico.

Lo dice il giurato Will Smith per placare un po’ gli animi, ma attirandosi altri sguardi paternalistici dalla giuria: “Io ho tre figli. Vanno al cinema due volte alla settimana e scaricano i film da Netflix. La piattaforma ha permesso loro di guardare film che altrimenti non avrebbero mai visto. A casa mia non ha fatto altro che ingrandire l’offerta e metterli in contatto con questo mondo underground di storie a 8000 chilometri da loro”. Più film si vedono (e libri si leggono, e dischi si ascoltano, e serie si guardano) più la mente si allarga. Lo schermo su cui si vedono pregiudica tutto questo? Rende un film “intrinsecamente” peggiore di uno visto su un altro tipo di schermo?

Però la discussione in sé ci può stare, anzi aiuta. Non aiuta e anzi fa arrabbiare la presa di posizione – obbligata dall’esterno quanto si vuole, ma che avrà un effetto preciso sul regolamento – di un festival nella persona del suo direttore, una presa di posizione che si rifiuta di guardare il presente e il futuro: tutti gli amanti del cinema sono anche amanti della sala e del grande schermo al buio, ma sono altrettanto consapevoli che la produzione e la distribuzione è sempre più tentacolare, che le possibilità tecnologiche non solo ampliano la distribuzione del cinema esistente, ma ne creano uno nuovo, reinventano per schermi di diversa fattura, sperimentano con mezzi alternativi lingue che poi diventeranno ufficiali, istituzionali e mainstream. Negare la dignità di un film partendo non dal suo linguaggio ma dal mezzo tecnico che espone è come pensare che un libro non sia bello perché è stampato su carta di scarsa qualità, come negare lo statuto di capolavoro a “La gioconda”.

E fa ancora più rabbia l’ipocrisia del senno del poi che il festival pare attuare, la stessa ipocrisia che fa scegliere Twin Peaks e Top of the Lake come eventi speciali (fosse la prima volta) per poi negare che le serie tv siano interessanti per un festival. Per fortuna i film e l’arte sono l’avanguardia dell’animo umano e possono essere grandissimi anche su un tablet.

Commenti

Altri contenuti Cinema / Visioni
animaphix2_022930

Animaphix 2017

Il cinema d'animazione a Bagheria

ANIMAPHIX Festival internazionale del film d’animazione III edizione Bagheria (Pa) | Villa Aragona Cutò – Villa Cattolica...
lakecomo-film-festival-2017-132529

Lake Como Film Festival 2017

5a edizione | Lago di Como, 25 giugno - 16 luglio 2017

Lake Como Film Festival – La città paesaggio  La quinta edizione di Lake Como Film Festival, dedicata...
robert690

Il Cinema Ritrovato 2017

Torna a Bologna, per la XXXI edizione.

La Fondazione Cineteca di Bologna presenta la 31a edizione del festival Il Cinema Ritrovato, in programma dal 24 giugno al 1° luglio 2017, a...
Senza-titolo-1

Biografilm è finito

Evviva Biografilm

E nonostante l’heavy rotation del video che giustamente celebra il Guerrilla Staff prima di ogni proiezione consegni...
twinpeaksdougiejones.0.png

Twin Peaks 3

Episodi 3 e 4

Personaggi che parlano al contrario o che non parlano affatto, muti, sordi o senza occhi come la...
COPERTINA-sito3

Asian Film Festival 2017

Lo sguardo dell’Oriente nel cinema

A Bologna Taiwan week e Asian Film Festival 14 Lo sguardo dell’Oriente nel cinema 1-4 giugno Cineteca...
twin-peaks-dale-cooper_

Twin Peaks 3

Episodi 1 e 2

La terza stagione commentata episodio per episodio dopo la messa in onda italiana.
sq17_sito_testatapage_04

Sicilia Queer Filmfest 2017

Nuova edizione del festival siciliano

SICILIA QUEER FILMFEST Palermo, Cantieri Culturali alla Zisa / Cinema Rouge et Noir 24 maggio – 1...
f2c704f81e8d5ed4ec2581b7930e0101371d5523ff211c0bb01aaf633cb8f980_3950550

Cannes vs Netflix

Cannes Day 2 - Una polemica di retroguardia

L’ultima sentenza è arrivata ieri, mentre la conferenza stampa della giuria di Cannes aveva luogo, pronunciata proprio...
image

Hirokazu Kore’eda

Intervista al regista di "Ritratto di famiglia con tempesta"

Erede di un cinema giapponese delicato ma frontale, onesto e diretto ma anche ricco di tatto e...
closeknit

“Orlando”

"Orlando": l'identità di genere sul grande schermo

Torna e cresce "Orlando", festival dedicato a corpo, identità di genere e orientamenti sessuali. 14-21 maggio 2017:...
DANIELE VICARI
- Non una di meno

Daniele Vicari

Nessuna di meno

Conversazione con il regista su "Sole cuore amore", il suo nuovo film in uscita il 4 maggio....
intestazioneh2o

H2O: Iphoneography for human rights

Aperte le iscrizioni al contest H2O - Iphoneography for Human Rights

La macchina fotografica migliore è quella che hai sempre con te: a dirlo è Chase Jarvis, classe...
festival gusto della memoria 2017  dia133

Festival Cinema Vintage

Al via il bando 2017

FESTIVAL CINEMA VINTAGE “IL GUSTO DELLA MEMORIA” V edizione Roma – 28, 29 e 30 settembre 2017 Patrocinato dall’UNESCO AL VIA...
basquiat1

Basquiat: The Radiant Child

Jean-Michel Basquiat in mostra al Chiostro del Bramante

«Papa, I’m going to be famous»: c’è un certo grado di consapevolezza nelle parole di Jean-Michel Basquiat,...
tartaruga-rossa-Michael-Dudok-de-Wit

Michaël Dudok de Wit

Intervista al regista premio Oscar

L’olandese Michaël Dudok de Wit, già premio Oscar per il corto animato Father and Daughter (2000), è...