Con il fiato sospeso

Un paese che avvelena i suoi giovani

La regista Costanza Quatriglio ha presentato il suo mediometraggio in anteprima a Catania, sede del cosiddetto “laboratorio dei veleni”.
Con il fiato sospeso
Se il Paese avvelena i suoi giovani

con-il-fiato-sospeso_locandinaBasta guardare l’ingresso del cinema King per rendersi conto che è stato toccato un nervo scoperto della città. Giovani cinefili, qualche coppia, il sindaco Enzo Bianco, docenti dell’università di Catania, famiglie, questo è il pubblico eterogeneo in fila per la proiezione. Spettatori in attesa di un mediometraggio sospeso tra fiction e documentario, quanto di più insolito si possa vedere nella comune programmazione di una sala cinematografica italiana. Dopo essere passato fuori concorso al festival di Venezia 2013, il nuovo lavoro della regista Costanza Quatriglio viene presentato in anteprima proprio a Catania, dove si sono svolti gli eventi a cui il film si ispira: la chiusura per insalubrità d’alcuni laboratori della Facoltà di Medicina dopo la morte di un giovane dottorando. “Ho scoperto questa storia dalla lettura di un articolo su “La Repubblica”, poi il lavoro è partito dal diario di Emanuele Patanè, un dottorando di 29 anni che lo scrisse cinque giorni prima di morire. Ero molto colpita dalle potenzialità cinematografiche della storia e dalla sua forza”, ci racconta la regista.

Grazie alla testimonianza scritta di Emanuele, morto nel 2003 di cancro al polmone, e a un esposto anonimo, nel 2008 sono posti sotto sequestro i laboratori incriminati. La Procura parla di disastro ambientale e gestione dei rifiuti non autorizzati, le indagini accertano la presenza nel sottosuolo di sostanze inquinanti in valori oltremodo superiori ai limiti imposti. Il breve memoriale racconta di smaltimento di liquidi tossici senza rispetto delle norme di sicurezza, cappe di aspirazione mal funzionati e odori tossici; inoltre contiene l’elenco d’alcuni colleghi, personale tecnico e docenti vittime di tumore, ictus e, in un caso, d’un aborto spontaneo. Circa 15 morti, 20 malati e 38 casi di gravi patologie, sono questi i numeri citati dai legali delle parti civili nel processo, ancora in corso, per omicidio colposo plurimo. Tutto questo nel film è trasfigurato nel racconto delle vite parallele della giovane ricercatrice Stella, (interpretata con intensità da Alba Rohrwacher), la sua amica Anna (Anna Balestrieri, membro della band Black Eyed Dog) e dello stesso Emanuele (presente con la voce di Michele Riondino).

Stella-lab-did-1

Un film che non sceglie la strada dell’inchiesta da film denuncia ma s’impegna a insinuare dubbi nello spettatore, “l’interesse era quello di porre un dubbio su quanto accaduto, spero che da qui possa nascere una riflessione sullo stato della ricerca e dell’universitĂ  in Italia”. Non ci sono scorciatoie, non ci sono risposte assolute, anche perchĂŠ “se non hai le prove, una cosa non esiste”, come dice Stella nella pellicola. Una storia che si smarca dalla cittĂ  di Catania per diventare assoluta, teatro dell’assenza d’orizzonte per la gioventĂš italiana. “Come nel mito greco di Cronos, l’universitĂ  finisce per divorare i suoi figli”, giovani cui è strappata la passione, ragazzi traditi rinchiusi in una bolla, vittime di un paese dove neanche le macchinette automatiche rendono il resto. È il ritratto d’un’Italia superficiale, obsoleta nei mezzi, ricattatoria nelle pretese, baronale e anziana nelle gerarchie, interessata a essere servita e mai a servire. L’instabilitĂ  e la paura però si contrappongono alla gioia e bellezza della gioventĂš, incarnate dal personaggio di Anna, che lascia l’universitĂ  per dedicarsi alla musica. “Lei è come se fosse un amico immaginario, l’amico che ti accompagna nei momenti di difficoltĂ ; del suo personaggio rimane la tenerezza, la musica che si fa affettuositĂ . Quasi a incarnare lo spirito della musica catanese.”, una realtĂ  rappresentata dalla sala Lomax, la partecipazione della band Black Eyed Dog e la colonna sonora di Paolo Buonvino.

Un ruolo drammaturgico forte è assegnato alla musica, infatti “per me era importante che quell’ambiente musicale, lo spirito dei ragazzi, quel sentimento lĂŹ fosse presente nel film.  Siccome la musica doveva essere interna al film, io e Paolo abbiamo lavorato come nel film “Once”, istruendo Anna facendole suonare la colonna sonora del film. Il discorso musicale di Buonvino entra nel film anche perchĂŠ la cantante interpreta se stessa, mescolando cosĂŹ fiction e realtà”. Un’oscillazione tra la cruda realtĂ  degli eventi e la sua messa in scena che è la cifra del film, rendendolo spiazzante e ancora piĂš potente alla visione. Quando la cineasta palermitana entra in sala per incontrare il pubblico, l’elettricitĂ  è nell’aria, molti conti in sospeso che chiedono d’essere saldati. L’emozione è evidente negli occhi della regista, cosĂŹ com’è palpabile la voglia di parlare, domandare, far sentire la propria voce da parte degli spettatori. Quella voce che ha stentato ad alzarsi quando sono emersi i fatti e che rimarrĂ  muta anche dopo la proiezione, troppo scossa perchĂŠ partecipi, come se la visione del film abbia dato la possibilitĂ  di elaborare il lutto e ora sia giunto il tempo d’ascoltare in silenzio. Stretti da un veleno che fa gonfiare il cuore quasi fino a far scoppiare la cassa toracica.

Altri contenuti Cinema / Visioni
Lou-Castel-set-A-pugni-chiusi-2827

I pugni chiusi di Lou Castel

Intervista all’attore, protagonista del documentario di Pierpaolo De Sanctis - 34° Torino Film Festival

Attore icona di una generazione isterica e disperata per Bellocchio. Attivista maoista dentro e fuori dall’industria cinematografica....
551491794

Sono Guido e non Guido

Alla scoperta di Guido Catalano. E di Armando - 34° Torino Film Festival

Un poeta ai tempi di Facebook e YouTube. Una figura ibrida tra cabarettista e poeta. Un performer...
1280x720-J60

Nessuno ci può giudicare

I musicarelli secondo Steve Della Casa - 34° Torino Film Festival

Ha impiegato 10 anni per poter realizzare il film: Steve Della Casa, critico cinematografico e storico del...
11

RomaFF 2016

Il meglio della 11esima Festa del cinema di Roma

Un anno di transizione oppure l'ennesimo segno di confusione di una manifestazione, nata sotto il segno di...
larrain

Pablo LarraĂŹn

"Il cinema è un atto di compassione"

Incontro con il regista cileno Pablo LarraĂŹn. Il suo "Neruda" uscirĂ  il 13 ottobre e oggi scopriamo...
UN FILM PER L'ESTATE
Cosa guardare su Sky, Netflix e Infinity

Un film per l’estate

Pescato su Sky, Netflix e Infinity

Se qualcosa vi è sfuggito, ora è il momento di recuperare. 15 titoli per trascorrere l'estate in...
13-SEDOTTA E ABBANDONATA - 1963

Prato Film Festival 2016

Lungometraggi, corti e un omaggio a Pietro Germi

Quinta edizione del Prato Film Festival: al tradizionale concorso per cortometraggi, si aggiunge uno spazio competitivo dedicato...
Far East 2016

Far East 2016

Tempo di maturitĂ 

Giunta alla diciottesima edizione, la kermesse udinese conferma i pregi di una formula che consente all'appassionato di...
Morricone e il Western

Ennio Morricone e il western

Una lunghissima storia d'amore

“Ennio Morricone è come Mozart e Beethoven”. Lo ha detto Quentin Tarantino premiando il maestro con il...
Arcipelago

Arcipelago 2015

Street Art e Sperimentazione

Si è da poco conclusa la 2.3a edizione di ARCIPELAGO - Festival Internazionale di Cortometraggi e Nuove...
Straight Outta Compton/
Il film sugli N.W.A. al cinema dal 1 Ottobre

Straight Outta Compton

Il film sugli N.W.A. al cinema in Italia dal 1 ottobre

"Straight Outta Compton", il film sugli N.W.A. giĂ  campione di incassi negli USA e al cinema in...
Mad Max: Fury Road
Un ostinato attaccamento alla vita

Mad Max

Un ostinato attaccamento alla vita

Un film che doveva essere sulla crisi petrolifera e invece parla di chirurgia estetica d’avanguardia.
Il racconto dei racconti
La metamorfosi nel cinema di Matteo Garrone

Il racconto dei racconti

La metamorfosi nel cinema di Matteo Garrone

La fascinazione per il corpo era chiara fin dai suoi trascorsi nella pittura, un’attenzione mai voyeuristica né...
Paul Thomas Anderson
Il regista che girava film impossibili

Vizio di forma

Al cinema dal 26 febbraio

Paul Thomas Anderson, l’uomo che girava film impossibili.
Chris Kyle

American Sniper

La nostra intervista al cecchino (era il 2012)

Chris Kyle è il cecchino piÚ letale nella storia militare americana. Per 160 volte ha preso la...