Ennio Morricone e il western

Una lunghissima storia d'amore

Morricone e il Western

Ennio Morricone è come Mozart e Beethoven”. Lo ha detto Quentin Tarantino premiando il maestro con il Golden Globe assegnato alla partitura per The Hateful Eight. È una sparata, una di quelle esagerazione di cui la comunicazione tarantiniana si nutre, ma dimostra una gratitudine e un affetto sinceri verso un compositore difficile da coinvolgere e che Tarantino ha convinto semplicemente con il suo amore per il cinema, soprattutto per il cinema che ha reso grande la musica di Morricone. Come ha detto Tornatore, basta andare in qualunque parte del mondo e fischiettare i temi di Per un pugno di dollari o Il buono, il brutto e il cattivo e ognuno riconosce quella melodia: Ennio Morricone ha dato un suono al west, partendo dall’Italia e dall’Europa – l’Almeria terra spagnola di decine di spaghetti western – e conquistando Hollywood, il luogo che il West l’ha creato.

Prima di quell’epopea meravigliosa – cominciata da Morricone un anno prima dell’incontro con Leone, in Duello nel Texas di Riccardo Blasco – il west non aveva una colonna sonora, aveva qualche tema, delle canzoni (per esempio My Rifle, My Pony And Me da Un dollaro d’onore) o le sigle delle serie tv, ma non una musica che ne diventasse il timbro sonoro nel mondo e negli anni. Quella musica la trovo Morricone. Fischiando. Ovvero il gesto musicale più popolare e comune che esista. Un fischio che non solo ha legato per sempre Morricone al west, ma soprattutto alla figura registica di Sergio Leone inventore di un modo di intendere e raffigurare il west che è diventato forma e mito a sua volta, influenzando, prima di Tarantino un nome come quello di Sam Peckinpah.

Morricone ha preso elementi della musica popolare e folk del sud degli States, soprattutto dei confini col Messico e li ha rielaborati secondo una cultura musicale più europea, con “rumori” che ricreassero una sensazione del west che fosse intrisa di polvere, di vento, di suoni secchi e violenti ma che allo stesso tempo lasciasse trapelare un velo ironico, una sorta di distanza critica e cinica, da mescolare con un senso della melodia spesso prodigioso. Non solo la trilogia del dollaro, che ha riscritto molti codici della musica per film, mescolando l’uso dell’orchestra all’esecuzione solista della chitarra, della tromba (il memorabile triello con L’estasi dell’oro, o L’arena capolavoro contenuto in Il mercenario di Corbucci e reso eterno dalla fuga sottoterra in Kill Bill 2), dello scacciapensieri e, appunto, del fischio, ma soprattutto nei due western maturi di Leone, C’era una volta il West, in cui la musica diventa elegiaca e funebre, e Giù la testa!, in cui si scorge il velo di un certo, sontuoso decadentismo sonoro.

La musica per il western Morricone ha continuato a elaborarlo e scriverla durante il corso degli anni arrivando a pochi anni fa, quando Quentin Tarantino, che dal repertorio del maestro ha preso a piene mani, gli chiese di comporre una partitura originale per The Hateful Eight. E Morricone non ha semplicemente ricalcato gli schemi sonori spesso orecchiati, ha creato un connubio di atmosfere, tensioni e suoni di cui Tarantino può dirsi orgoglioso. Basterebbero i titoli di testa, lenta carrellata indietro su un crocifisso innevato e L’ultima diligenza di Red Rock a suonare, con l’incedere ritmico di una cavalcata morbosa, gli archi tesissimi, da thriller più che da western e i fiati a creare lame melodiche a dire di un lavoro perfettamente realizzato. Morricone a Tarantino ha dato il suo suono e il suo talento, non i suoi cliché, non le strizzate d’occhio. È per questo che il regista si è potuto spingere così oltre nel ringraziarlo. Forse non sarà Mozart o Beethoven. Ma Morricone è Morricone. E tanto basta.

Commenti

Altri contenuti Cinema / Visioni
210618363-89a705a2-7685-4ef2-84a3-57e9e4909cba

Venezia 74

Tutti i vincitori dell'edizione 2017

Si spengono i riflettori sulla 74ma edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia con il Leone...
19780505_1949415118667274_6593648285938122217_o

Valentina Lodovini

Venezia - Intervista all'attrice

A 12 mesi di distanza, Valentina Lodovini torna alla Mostra del Cinema di Venezia e sempre come...
animaphix2_022930

Animaphix 2017

Il cinema d'animazione a Bagheria

ANIMAPHIX Festival internazionale del film d’animazione III edizione Bagheria (Pa) | Villa Aragona Cutò – Villa Cattolica...
lakecomo-film-festival-2017-132529

Lake Como Film Festival 2017

5a edizione | Lago di Como, 25 giugno - 16 luglio 2017

Lake Como Film Festival – La città paesaggio  La quinta edizione di Lake Como Film Festival, dedicata...
robert690

Il Cinema Ritrovato 2017

Torna a Bologna, per la XXXI edizione.

La Fondazione Cineteca di Bologna presenta la 31a edizione del festival Il Cinema Ritrovato, in programma dal 24 giugno al 1° luglio 2017, a...
Senza-titolo-1

Biografilm è finito

Evviva Biografilm

E nonostante l’heavy rotation del video che giustamente celebra il Guerrilla Staff prima di ogni proiezione consegni...
twinpeaksdougiejones.0.png

Twin Peaks 3

Episodi 3 e 4

Personaggi che parlano al contrario o che non parlano affatto, muti, sordi o senza occhi come la...
COPERTINA-sito3

Asian Film Festival 2017

Lo sguardo dell’Oriente nel cinema

A Bologna Taiwan week e Asian Film Festival 14 Lo sguardo dell’Oriente nel cinema 1-4 giugno Cineteca...
twin-peaks-dale-cooper_

Twin Peaks 3

Episodi 1 e 2

La terza stagione commentata episodio per episodio dopo la messa in onda italiana.
sq17_sito_testatapage_04

Sicilia Queer Filmfest 2017

Nuova edizione del festival siciliano

SICILIA QUEER FILMFEST Palermo, Cantieri Culturali alla Zisa / Cinema Rouge et Noir 24 maggio – 1...
f2c704f81e8d5ed4ec2581b7930e0101371d5523ff211c0bb01aaf633cb8f980_3950550

Cannes vs Netflix

Cannes Day 2 - Una polemica di retroguardia

L’ultima sentenza è arrivata ieri, mentre la conferenza stampa della giuria di Cannes aveva luogo, pronunciata proprio...
image

Hirokazu Kore’eda

Intervista al regista di "Ritratto di famiglia con tempesta"

Erede di un cinema giapponese delicato ma frontale, onesto e diretto ma anche ricco di tatto e...
closeknit

“Orlando”

"Orlando": l'identità di genere sul grande schermo

Torna e cresce "Orlando", festival dedicato a corpo, identità di genere e orientamenti sessuali. 14-21 maggio 2017:...
DANIELE VICARI
- Non una di meno

Daniele Vicari

Nessuna di meno

Conversazione con il regista su "Sole cuore amore", il suo nuovo film in uscita il 4 maggio....
intestazioneh2o

H2O: Iphoneography for human rights

Aperte le iscrizioni al contest H2O - Iphoneography for Human Rights

La macchina fotografica migliore è quella che hai sempre con te: a dirlo è Chase Jarvis, classe...
festival gusto della memoria 2017  dia133

Festival Cinema Vintage

Al via il bando 2017

FESTIVAL CINEMA VINTAGE “IL GUSTO DELLA MEMORIA” V edizione Roma – 28, 29 e 30 settembre 2017 Patrocinato dall’UNESCO AL VIA...