Far East 2016

Tempo di maturità

Giunta alla diciottesima edizione, la kermesse udinese conferma i pregi di una formula che consente all'appassionato di spaziare con lo sguardo su un'offerta quantitativa enorme e di fare il punto sulla salute delle cinematografie d'oriente, di cui vengono presentati, come da tradizione, quasi esclusivamente i prodotti più popolari e in grado di intercettare i bisogni del pubblico di quelle latitudini.
Far East 2016

Se ormai i grandi festival calati dall’alto, sul modello di Cannes o Venezia, appaiono come fiere della vanità anacronistiche e autoreferenziali in tempi di distribuzione digitale e simultaneità delle uscite, è in manifestazioni specialistiche come questa che l’approfondimento e la ricerca mantengono un senso ben preciso. A tal proposito, il futuro del festival appare incerto, se è vero, come pare, che il Far East subirà una trasformazione tramutandosi in un punto d’incontro tra cinema di genere asiatico ed europeo, con la prospettiva allettante di un aumento degli scambi culturali ed economici ma anche con il rischio di una perdita dell’identità sin qui raggiunta. Per ora l’affluenza di pubblico e accreditati resta alta e così il rientro economico complessivo, pari a circa 120 mila euro.

Nove le cinematografie rappresentate nella competizione di quest’anno (Cina, Hong Kong, Giappone, Corea del Sud, Filippine, Thailandia, Vietnam, Malesia e Taiwan) per un totale di cinquanta film proiettati al Teatro Nuovo Giovanni da Udine e al Visionario, escludendo la retrospettiva sulla fantascienza giapponese e un pugno di opere restaurate, tra cui quattro classici di Bruce Lee. Il tradizionale Gelso d’Oro assegnato dal pubblico è andato a A Melody to Remember di Lee Han, un dramma bellico che conferma la tendenza del cinema coreano a guardare indietro e a riesaminare la storia del proprio paese: sono molti, infatti, i film recenti ambientati durante l’epoca coloniale giapponese (1910-1945); mentre il film di Lee si svolge nel 1952, in piena guerra civile, e, nel tratteggiare la storia di un tenente reduce dal fronte impegnato nel lavoro in un orfanotrofio, spinge eccessivamente sul pedale del melò, senza comunque rinunciare a quegli improvvisi scarti di tono, qui esemplificati da una continua alternanza di efferatezze e lirismo, che sono tra i marchi di fabbrica più evidenti del blockbuster coreano. Anche in un’opera piuttosto innocua, per quanto divertente, come Wonderful Nightmare di Kang Hyo-jin, una durissima sequenza di tentata violenza sessuale, piazzata a tre quarti di film, spezza improvvisamente il tono leggero da commedia degli equivoci. La proposta giapponese è stata la più varia, sul piano dei risultati e degli stili. Accanto a film deludenti come il sopravvalutato, in patria, Three Stories of Love di Ryosuke Hashiguchi, cupissimo dramma del quotidiano che intreccia i fallimenti amorosi di tre personaggi o Lowlife Love di Eiji Uchida, cervellotica commedia dal taglio meta-cinematografico, spiccavano il delicato e minimalista Mohican Come Home di Shuichi Okita, che si è aggiudicato il terzo premio del pubblico e soprattutto Creepy di Kiyoshi Kurosawa, già passato al Festival di Berlino, ritorno dell’autore all’horror sulla scia di classici come Cure e Pulse. Eccellente nella prima parte, che Kurosawa costruisce con un crescendo magistrale della tensione e un lento scavo nel rimosso dei protagonisti (la storia si sviluppa sulle basi di un’indagine su un crimine rimasto insoluto), il film cala nella seconda, quando la consistenza dei personaggi principali (un poliziotto in pensione, sua moglie e il loro inquietante vicino di casa) perde di rilievo in favore di una dimensione metaforica sempre più accentuata. Ma resta un grande esercizio di regia, lucido e implacabile, organizzato per il tramite di lungi piani sequenza e un perfetto utilizzo del formato scope con cui Kurosawa riesce sempre a rendere la totalità dell’azione e a trasmettere una sensazione di angoscia quasi polanskiana.

201614692_4_-_h2016

Il peso politico della Cina è sempre crescente: l’industria cinematografica cinese è in piena salute, il 2015 ha fatto rilevare una crescita degli incassi di quasi il 50% rispetto all’anno precedente e il panorama dei generi è assai diversificato. La Cina produce assieme a Hong Kong il divertente terzo capitolo della saga di Ip Man, diretto da Wilson Yip, naif quanto si vuole ma col piacevole retrogusto del vero cinema popolare, e piazza almeno due film significativi. The Dead End di Cao Baoping rappresenta la maturazione di un regista sorprendente (suo il notevole Einstein and Einstein, già presentato al FEFF) alle prese con un thriller solenne e rarefatto, immerso in un clima da tragedia greca, dove una delle tematiche classiche del noir (l’impossibilità di sfuggire al proprio passato) viene articolata in modo complesso, seguendo le storie individuali di tre personaggi e di un poliziotto che dà loro la caccia, e mediante una violenza grafica che ha causato al film diversi problemi con la censura. Quasi inclassificabile è poi Young Love Lost, opera prima di Xiang Guoqiang, bellissimo racconto operaista, pieno di disincanto e amarezza, tutto ambientato all’interno di un complesso industriale del nord della Cina, all’inizio degli anni ’90. L’apprendistato sul lavoro del giovane Xiaolu e della pittoresca fauna umana che lo circonda, tra cui spicca la giovane Bai Lan, di cui è innamorato, è raccontato in forma di scatenata commedia farsesca e girato con una concitazione stilistica non sempre a fuoco ma che ricorda, per generosità e romanticismo, il primo Kusturica e segnala la nascita di un possibile talento da seguire.

Commenti

Altri contenuti Cinema / Visioni
Anteprima:Thelma_al cinema dal 21 giugno

Thelma

A Paranormal Queer Love story

Dal regista di "Reprise" e "Segreti di famiglia" il 21 giugno arriva in Italia "Thelma", quarta...
mucchio_Carrie_still

Carrie: horror rosso sangue

Un altro classico del cinema torna rimasterizzato in Home Video.

Dopo il super cofanetto dedicato a L’armata delle tenebre, Koch Media e Midnight Classics propongono in gran...
2aea98c2-9e8f-4462-8f2c-c4fbcd961704

Sicilia Queer Filmfest 2018

31 maggio - 6 giugno 2018

SICILIA QUEER 2018 Palermo, Cantieri Culturali alla Zisa / Cinema Rouge et Noir 31 maggio – 6...
orlandohd18

Orlando 2018

Il festival dedicato a identità, generi e rappresentazioni del corpo

Bergamo, dal 15 al 20 maggio più di 30 proposte in 11 diversi spazi della città.
coverlg

AKIRA | 30° Anniversario

Solo il 18 aprile al cinema

In sala il 18 aprile torna il capolavoro distopico di Katsuhiro Otomo con un nuovo doppiaggio, fedele...
Mandatory Credit: Photo by Shizuo Kambayashi/AP/REX/Shutterstock (6738377d)
Isao Takahata Japanese animated film director Isao Takahata speaks about his latest film "The Tale of The Princess Kaguya" with its poster during an interview at his office, Studio Ghibli, in suburban Tokyo. The princess laughs and floats in sumie-brush sketches of faint pastel, a lush landscape that animated film director Isao Takahata has painstakingly depicted to relay his gentle message of faith in this world. But his Oscar-nominated work stands as a stylistic challenge to Hollywood's computer-graphics cartoons, where 3D and other digital finesse dominate. Takahata says those terms with a little sarcastic cough. The 79-year-old co-founder of Japan's prestigious animator, Studio Ghibli, instead stuck to a hand-drawn look
Japan Oscars Overseas Princess Animation, Tokyo, Japan

Il cinema di Isao Takahata

Storia di un uomo molto innamorato

All'età di 82 anni è scomparso Isao Takahata, regista noto per aver fondato insieme a Hayao Miyazaki...
66596_26815408_10156096207857277_4670907796239682441_n (828x315)

Bergamo Film Meeting 2018

36° Bergamo Film Meeting (10-18 marzo 2018)

Con la proiezione del capolavoro L’ultima risata di F.W. Murnau, musicato dal vivo dal Maestro Gerardo Chimini...
luca-guadagnino-conferma-remake-suspiria-con-protagoniste-dakota-johnson-tilda-swinton-254641

Luca Guadagnino

Intervista al regista

Il nuovo cinema italiano, la famiglia Agnelli, Renzi e la forza rivoluzionaria dell’eros. In attesa che "Chiamami...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.2)

Top ten: gli ultimi cinque

Un anno di cinema da racchiudere nell’abituale classifica di fine anno: già pubblicata in versione ridotta sulla...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.3)

I film da recuperare

Poco visti, forse incompresi, a volte equivocati, senz’altro da noi molto amati. Più che i nostri film...
LoveIsAllMovie-fb

Love is all: Piergiorgio Welby

Intervista agli autori del documentario

Non è vero che la sofferenza porta alla salvezza. Lo testimonia l’esistenza dinamica, ironica, curiosa, persino psichedelica...
2127142_14011444

Pino Donaggio

Intervista al compositore, vincitore del Gran Premio Torino

Dopo l'intervista a Cliff Martinez, continuiamo a esplorare il mondo della musica da film intervistando il compositore...