Far East 2016

Tempo di maturità

Giunta alla diciottesima edizione, la kermesse udinese conferma i pregi di una formula che consente all'appassionato di spaziare con lo sguardo su un'offerta quantitativa enorme e di fare il punto sulla salute delle cinematografie d'oriente, di cui vengono presentati, come da tradizione, quasi esclusivamente i prodotti più popolari e in grado di intercettare i bisogni del pubblico di quelle latitudini.
Far East 2016

Se ormai i grandi festival calati dall’alto, sul modello di Cannes o Venezia, appaiono come fiere della vanità anacronistiche e autoreferenziali in tempi di distribuzione digitale e simultaneità delle uscite, è in manifestazioni specialistiche come questa che l’approfondimento e la ricerca mantengono un senso ben preciso. A tal proposito, il futuro del festival appare incerto, se è vero, come pare, che il Far East subirà una trasformazione tramutandosi in un punto d’incontro tra cinema di genere asiatico ed europeo, con la prospettiva allettante di un aumento degli scambi culturali ed economici ma anche con il rischio di una perdita dell’identità sin qui raggiunta. Per ora l’affluenza di pubblico e accreditati resta alta e così il rientro economico complessivo, pari a circa 120 mila euro.

Nove le cinematografie rappresentate nella competizione di quest’anno (Cina, Hong Kong, Giappone, Corea del Sud, Filippine, Thailandia, Vietnam, Malesia e Taiwan) per un totale di cinquanta film proiettati al Teatro Nuovo Giovanni da Udine e al Visionario, escludendo la retrospettiva sulla fantascienza giapponese e un pugno di opere restaurate, tra cui quattro classici di Bruce Lee. Il tradizionale Gelso d’Oro assegnato dal pubblico è andato a A Melody to Remember di Lee Han, un dramma bellico che conferma la tendenza del cinema coreano a guardare indietro e a riesaminare la storia del proprio paese: sono molti, infatti, i film recenti ambientati durante l’epoca coloniale giapponese (1910-1945); mentre il film di Lee si svolge nel 1952, in piena guerra civile, e, nel tratteggiare la storia di un tenente reduce dal fronte impegnato nel lavoro in un orfanotrofio, spinge eccessivamente sul pedale del melò, senza comunque rinunciare a quegli improvvisi scarti di tono, qui esemplificati da una continua alternanza di efferatezze e lirismo, che sono tra i marchi di fabbrica più evidenti del blockbuster coreano. Anche in un’opera piuttosto innocua, per quanto divertente, come Wonderful Nightmare di Kang Hyo-jin, una durissima sequenza di tentata violenza sessuale, piazzata a tre quarti di film, spezza improvvisamente il tono leggero da commedia degli equivoci. La proposta giapponese è stata la più varia, sul piano dei risultati e degli stili. Accanto a film deludenti come il sopravvalutato, in patria, Three Stories of Love di Ryosuke Hashiguchi, cupissimo dramma del quotidiano che intreccia i fallimenti amorosi di tre personaggi o Lowlife Love di Eiji Uchida, cervellotica commedia dal taglio meta-cinematografico, spiccavano il delicato e minimalista Mohican Come Home di Shuichi Okita, che si è aggiudicato il terzo premio del pubblico e soprattutto Creepy di Kiyoshi Kurosawa, già passato al Festival di Berlino, ritorno dell’autore all’horror sulla scia di classici come Cure e Pulse. Eccellente nella prima parte, che Kurosawa costruisce con un crescendo magistrale della tensione e un lento scavo nel rimosso dei protagonisti (la storia si sviluppa sulle basi di un’indagine su un crimine rimasto insoluto), il film cala nella seconda, quando la consistenza dei personaggi principali (un poliziotto in pensione, sua moglie e il loro inquietante vicino di casa) perde di rilievo in favore di una dimensione metaforica sempre più accentuata. Ma resta un grande esercizio di regia, lucido e implacabile, organizzato per il tramite di lungi piani sequenza e un perfetto utilizzo del formato scope con cui Kurosawa riesce sempre a rendere la totalità dell’azione e a trasmettere una sensazione di angoscia quasi polanskiana.

201614692_4_-_h2016

Il peso politico della Cina è sempre crescente: l’industria cinematografica cinese è in piena salute, il 2015 ha fatto rilevare una crescita degli incassi di quasi il 50% rispetto all’anno precedente e il panorama dei generi è assai diversificato. La Cina produce assieme a Hong Kong il divertente terzo capitolo della saga di Ip Man, diretto da Wilson Yip, naif quanto si vuole ma col piacevole retrogusto del vero cinema popolare, e piazza almeno due film significativi. The Dead End di Cao Baoping rappresenta la maturazione di un regista sorprendente (suo il notevole Einstein and Einstein, già presentato al FEFF) alle prese con un thriller solenne e rarefatto, immerso in un clima da tragedia greca, dove una delle tematiche classiche del noir (l’impossibilità di sfuggire al proprio passato) viene articolata in modo complesso, seguendo le storie individuali di tre personaggi e di un poliziotto che dà loro la caccia, e mediante una violenza grafica che ha causato al film diversi problemi con la censura. Quasi inclassificabile è poi Young Love Lost, opera prima di Xiang Guoqiang, bellissimo racconto operaista, pieno di disincanto e amarezza, tutto ambientato all’interno di un complesso industriale del nord della Cina, all’inizio degli anni ’90. L’apprendistato sul lavoro del giovane Xiaolu e della pittoresca fauna umana che lo circonda, tra cui spicca la giovane Bai Lan, di cui è innamorato, è raccontato in forma di scatenata commedia farsesca e girato con una concitazione stilistica non sempre a fuoco ma che ricorda, per generosità e romanticismo, il primo Kusturica e segnala la nascita di un possibile talento da seguire.

Commenti

Altri contenuti Cinema / Visioni
sq17_sito_testatapage_04

Sicilia Queer Filmfest 2017

Nuova edizione del festival siciliano

SICILIA QUEER FILMFEST Palermo, Cantieri Culturali alla Zisa / Cinema Rouge et Noir 24 maggio – 1...
f2c704f81e8d5ed4ec2581b7930e0101371d5523ff211c0bb01aaf633cb8f980_3950550

Cannes vs Netflix

Cannes Day 2 - Una polemica di retroguardia

L’ultima sentenza è arrivata ieri, mentre la conferenza stampa della giuria di Cannes aveva luogo, pronunciata proprio...
image

Hirokazu Kore’eda

Intervista al regista di "Ritratto di famiglia con tempesta"

Erede di un cinema giapponese delicato ma frontale, onesto e diretto ma anche ricco di tatto e...
closeknit

“Orlando”

"Orlando": l'identità di genere sul grande schermo

Torna e cresce "Orlando", festival dedicato a corpo, identità di genere e orientamenti sessuali. 14-21 maggio 2017:...
DANIELE VICARI
- Non una di meno

Daniele Vicari

Nessuna di meno

Conversazione con il regista su "Sole cuore amore", il suo nuovo film in uscita il 4 maggio....
intestazioneh2o

H2O: Iphoneography for human rights

Aperte le iscrizioni al contest H2O - Iphoneography for Human Rights

La macchina fotografica migliore è quella che hai sempre con te: a dirlo è Chase Jarvis, classe...
festival gusto della memoria 2017  dia133

Festival Cinema Vintage

Al via il bando 2017

FESTIVAL CINEMA VINTAGE “IL GUSTO DELLA MEMORIA” V edizione Roma – 28, 29 e 30 settembre 2017 Patrocinato dall’UNESCO AL VIA...
basquiat1

Basquiat: The Radiant Child

Jean-Michel Basquiat in mostra al Chiostro del Bramante

«Papa, I’m going to be famous»: c’è un certo grado di consapevolezza nelle parole di Jean-Michel Basquiat,...
tartaruga-rossa-Michael-Dudok-de-Wit

Michaël Dudok de Wit

Intervista al regista premio Oscar

L’olandese Michaël Dudok de Wit, già premio Oscar per il corto animato Father and Daughter (2000), è...
PP-manifesto1

Giovanni Mazzarino

Intervista al noto compositore jazz

Mago Merlino è il primo a entrare in scena. Il set è quello di Piani Paralleli, il...
sottodiciotto2017_immagine-guida

Sottodiciotto Film Festival

Tutti gli appuntamenti della 18° edizione

  SOTTODICIOTTO FILM FESTIVAL & CAMPUS 31 marzo – 7 aprile 2017 Torino, vari luoghi  Le proiezioni...
16406832_10154974528777277_5155378342824301449_n

Bergamo Film Meeting 2017

35° BFM| Marzo 11-19 2017

Giunto alla 35° edizione, lo storico Bergamo Film Meeting si avvia a celebrare il 2017 con un...
locandina

Maren Ade

Intervista alla regista di "Vi presento Toni Erdmann", in sala dal 2 marzo.

Magari la sbronza di premi sarà un po’ passata, dopo la sconfitta agli Oscar a favore di...
trainspotting

Verso Trainspotting 2

La colonna sonora

Per avvicinarci al secondo capitolo in uscita il 23 febbraio 2017, celebriamo una delle colonne sonore più...
trainspottin

Verso Trainspotting 2

La sottocultura che ha segnato il cinema mainstream

"Trainspotting", il film uscito vent'anni fa che ha segnato per sempre il rapporto tra cinema, droga e...
locandina_un_altro_me

Claudio Casazza

Intervista al regista di "Un altro me", in concorso al Trieste Film Festival.

Guardare per capire. Affrontare un tema spinoso e piuttosto scomodo senza giudizi preconcetti ma ascoltando la voce...