Film: best of 2016

Non abbiamo dubbi che il 2016 sarà ricordato come l’anno di Pablo Larraìn, che ha proposto tre film in un anno: "Neruda", "Il Club" e "Jackie". Ma non è stato l'unico autore a sorprenderci positivamente con il proprio lavoro. Qui la nostra lista delle pellicole migliori, da cui pescare, magari, durante le feste.
best

Neruda di Pablo Larraìn – Film Mucchio 2016
“Molti dei miei ricordi sono svaniti ad evocarli, sono divenuti polvere come un cristallo irrimediabilmente ferito”, rivelava Pablo Neruda nella sua autobiografia Confesso che ho vissuto. Allo stesso modo Neruda, la pellicola più ambiziosa di Pablo Larraìn, è un prisma ingannevole che tramuta la vita del premio Nobel e la cronaca del suo paese in mille granelli indistinguibili tra loro, confondendo a tal punto lo sguardo dello spettatore da fargli “sovrapporre” verità e finzione, storie e Storia. Parafrasando Borges il film si sarebbe potuto intitolare “Esame dell’opera di Pablo Neruda”, perché similmente alla novella dello scrittore argentino, la pellicola si rivela una finzione labirintica con un ingresso inaccessibile allo spettatore, se non in dirittura d’arrivo. E inaspettatamente il padrone della chiave d’accesso all’opera è un personaggio secondario in cerca d’autore, una figura romanzesca che si ribella alla struttura del racconto per conquistare un’identità personale. Larraìn ne asseconda la fantasia, distrugge quel che fino a quel momento ha costruito e accumulando generi su generi – noir, commedia, road movie e persino il western “bianco” à la Il grande silenzio – astrae sempre più il film, sospendendolo in un’atmosfera irreale. Alla fine ci ritroviamo in un’altra dimensione: ben lontani dal punto di partenza, quando la scelta della voce narrante suonava come incomprensibile. Ora sappiamo che la storia si tramanda non senza invenzioni, ma siamo pur certi che il valore della grande poesia non conosce inganni.

A171_C011_0101R1
Neruda

I miei giorni più belli di Arnaud Desplechin
Anomalisa di Charlie Kaufman, Duke Johnson
Al di là delle montagne di Jia Zhangke
The Hateful Eight di Quentin Tarantino
The Neon Demon di Nicolas Winding Refn
Revenant di Alejandro González Iñárritu
Sing Street di John Carney
Un padre, una figlia di Cristian Mungiu
Weekend di Andrew Haigh
Carol di Todd Haynes

carol-movie-reviews-2015
Carol

The Assassin di Hou Hsiao-Hsien
Tutti vogliono qualcosa di Richard Linklater
Io, Daniel Blake di Ken Loach
Mistress America di Noah Baumbach
Il figlio di Saul di László Nemes
The Witch di Robert Eggers
Steve Jobs di Danny Boyle
Frantz di Francois Ozon
Microbo e Gasolina di Michel Gondry
Ave, Cesare! di Joel ed Ethan Coen
Le mille e una notte di Miguel Gomes
Laurence Anyways di Xavier Dolan

2718143_orig
Laurence Anyways

Fiore di Claudio Giovannesi
Veloce come il vento di Matteo Rovere
Mine di Fabio Guaglione e Fabio Resinaro
Perfetti sconosciuti di Paolo Genovese
Spira Mirabilis di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti
Indivisibili di Edoardo De Angelis
Fai bei sogni di Marco Bellocchio
La pazza gioia di Paolo Virzì
Banat – Il viaggio di Adriano Valerio
Senza lasciare traccia di Gianclaudio Cappai
Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti

coverlg_home1
Lo chiamavano Jeeg Robot

 

DOCUMENTARI

Lo and Behold – Internet: il futuro è oggi di Werner Herzog
Fuocoammare di Gianfranco Rosi
Liberami di Federica Di Giacomo
Nostalgia della luce di Patricio Guzmán
Hitchcock/Truffaut di Kent Jones
Il fiume ha sempre ragione di Silvio Soldini
Heart of a dog di Laurie Anderson
David Bowie Is di Hamish Hamilton
Lumière! La scoperta del cinema di Thierry Frémaux
Mapplethorpe: Look At the Pictures di Fenton Bailey e Randy Barbato
Nick Cave – One More Time With Feelings di Andrew Dominik

One-More-Time-with-Feeling-Nick-Cave
Nick Cave – One More Time With Feelings

Commenti

Altri contenuti Cinema / Visioni
orlandohd18

Orlando 2018

Il festival dedicato a identità, generi e rappresentazioni del corpo

Bergamo, dal 15 al 20 maggio più di 30 proposte in 11 diversi spazi della città.
coverlg

AKIRA | 30° Anniversario

Solo il 18 aprile al cinema

In sala il 18 aprile torna il capolavoro distopico di Katsuhiro Otomo con un nuovo doppiaggio, fedele...
Mandatory Credit: Photo by Shizuo Kambayashi/AP/REX/Shutterstock (6738377d)
Isao Takahata Japanese animated film director Isao Takahata speaks about his latest film "The Tale of The Princess Kaguya" with its poster during an interview at his office, Studio Ghibli, in suburban Tokyo. The princess laughs and floats in sumie-brush sketches of faint pastel, a lush landscape that animated film director Isao Takahata has painstakingly depicted to relay his gentle message of faith in this world. But his Oscar-nominated work stands as a stylistic challenge to Hollywood's computer-graphics cartoons, where 3D and other digital finesse dominate. Takahata says those terms with a little sarcastic cough. The 79-year-old co-founder of Japan's prestigious animator, Studio Ghibli, instead stuck to a hand-drawn look
Japan Oscars Overseas Princess Animation, Tokyo, Japan

Il cinema di Isao Takahata

Storia di un uomo molto innamorato

All'età di 82 anni è scomparso Isao Takahata, regista noto per aver fondato insieme a Hayao Miyazaki...
66596_26815408_10156096207857277_4670907796239682441_n (828x315)

Bergamo Film Meeting 2018

36° Bergamo Film Meeting (10-18 marzo 2018)

Con la proiezione del capolavoro L’ultima risata di F.W. Murnau, musicato dal vivo dal Maestro Gerardo Chimini...
luca-guadagnino-conferma-remake-suspiria-con-protagoniste-dakota-johnson-tilda-swinton-254641

Luca Guadagnino

Intervista al regista

Il nuovo cinema italiano, la famiglia Agnelli, Renzi e la forza rivoluzionaria dell’eros. In attesa che "Chiamami...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.2)

Top ten: gli ultimi cinque

Un anno di cinema da racchiudere nell’abituale classifica di fine anno: già pubblicata in versione ridotta sulla...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.3)

I film da recuperare

Poco visti, forse incompresi, a volte equivocati, senz’altro da noi molto amati. Più che i nostri film...
LoveIsAllMovie-fb

Love is all: Piergiorgio Welby

Intervista agli autori del documentario

Non è vero che la sofferenza porta alla salvezza. Lo testimonia l’esistenza dinamica, ironica, curiosa, persino psichedelica...
2127142_14011444

Pino Donaggio

Intervista al compositore, vincitore del Gran Premio Torino

Dopo l'intervista a Cliff Martinez, continuiamo a esplorare il mondo della musica da film intervistando il compositore...
p9-fazio-martinez-a-20170112

Cliff Martinez

Dal rock ai synth: intervista al compositore statunitense

Nel 1989 ha iniziato la sua longeva collaborazione con Steven Soderbergh lavorando a Sesso, bugie e videotape,...
Grace-810x400

Sophie Fiennes

Incontro con la regista di "Grace Jones: Bloodlight and Bami"

La costruzione dell’icona, la narrazione spettacolare di un corpo e di una voce e il suo retroterra...
halloween

Halloween: il buio oltre la siepe

Di nuovo in sala il cult movie di John Carpenter.

Come tutti i film dell’orrore che si sono fatti strada nella vita, anche Halloween (1978) di John...