La variabile Smiths

Film di formazione

La loro "Please, Please, Please" è la più inflazionata, ma gli Smiths non sono gli unici ad andare forte come commento sonoro ad un certo cinema. Vediamo perché.
The-Smiths-2

I love the Smiths”. Quella che è forse la frase più famosa di (500) giorni insieme (Marc Webb, 2009), pronunciata da Zooey Deschanel per rompere il ghiaccio con Joseph Gordon-Leavitt in ascensore, non è solo una piaggeria messa lì apposta per far piacere al pubblico ideale di un film dal common feel indie, ma un vero e proprio “attivatore”. Un campanello d’allarme. Perché gli Smiths? Come mai sempre più film che si posizionano giocoforza in quella imprecisata fascia a metà tra il cinema indipendente, il teen-movie e la commedia di qualità optano per una colonna sonora che si aggira attorno agli spettri di Morrissey, Marr e, più in generale, di tutta la new wave chitarristica d’area anglosassone? La motivazione più semplice è quella del gusto personale e dal fatto che la musica è bellissima, quindi, perché no? Ovviamente vale come punto di partenza. Così come vale il fatto che inserire in determinate sequenze una canzone dal testo e l’atmosfera adeguata non fa altro che potenziarne l’effetto. Ma c’è dell’altro. Una relazione un po’ più profonda e che va cercata in due componenti fondamentali. Una generazionale e una, se così vogliamo dire, antropologico-culturale.

 

I registi (e sceneggiatori) di film come, ad esempio, (500) giorni insieme, Noi siamo infinito e Non mi scaricare fanno parte di quella generazione immediatamente successiva alla “X” evocata da Douglas Coupland e che aveva come mantra il distacco ironico per guardare a una realtà sempre più in frantumi. Questa “nuova” generazione non ha più nemmeno quel tipo di certezza (ripararsi nel nichilismo è un lusso che non ci si può più concedere) e vive in una condizione di precarietà effettiva e non più solamente percepita. Nel raccontare storie, questo atteggiamento si può tradurre in quella che David Shields nel 2009 ha argutamente definito fame di realtà. Questa tendenza, che può essere vista come parte di quella grande temperie di risposta all’età post-ironica che hanno già indicato come new sincerity (e, da noi, nuovo realismo), impone quindi un approccio più diretto, capace di andare dritto al punto di quello che si vuole comunicare senza troppi paraventi e sarcasmi. Ed ecco quindi gli Smiths, gli Psychedelic Furs, gli Echo And The Bunnymen, e tutte quelle band che gli autori ascoltavano da ragazzi e che collegano a determinati fatti autobiografici che giocoforza si riflettono poi nei film e nei racconti. Ci sono poi altri motivi per cui Smiths & co. si adattano perfettamente a questo tipo di film. Secondo lo studioso di cinema David Z. Newman, infatti, l’indie è espressione di una determinata cultura americana bianca e middle-class che si esprime nelle metropoli e nelle cittadine universitarie e che costruisce un suo proprio sistema di riferimento a partire da alcuni denominatori comuni. Ovviamente, la musica pop gioca un ruolo fondamentale.

 

In uno studio abbastanza recente sulla musica indie inglese, la antropologa Julia Fonarow ha indicato alcuni tratti che rendono l’indie-pop voce perfetta per questa cultura. Ad esempio, la sua componente nostalgica. Nel rifiutare tastiere e dettami tecnologici del loro tempo, gruppi come gli Smiths operano una vera e propria contro-rivoluzione, rifugiandosi in una sorta di eden rassicurante dove esprimere una determinata frustrazione. Di seguito, il legame tra la nostalgia e il mondo dell’adolescenza. Non a caso, il periodo che più di tutti ha visto negli ultimi vent’anni un allungamento e una stratificazione tale per cui a 30 anni ancora non ci si sente adulti. Esiste una vera e propria “variable Smiths” che aiuta a definire un certo tipo di cinema. Non si può dire se questo sistema sia un modo per “andare avanti” e uscire da quel limbo post-adolescenziale potenzialmente eterno, ma spiega perché, negli ultimi anni, i racconti di questo genere hanno abbandonato un tono consolatorio (quando non ironico o allusivo-idealizzante) per andare a pescare nel torbido e per portare a galla una sorta di “inconscio collettivo” generazionale.

Altri contenuti Cinema / Visioni
animaphix2_022930

Animaphix 2017

Il cinema d'animazione a Bagheria

ANIMAPHIX Festival internazionale del film d’animazione III edizione Bagheria (Pa) | Villa Aragona Cutò – Villa Cattolica...
lakecomo-film-festival-2017-132529

Lake Como Film Festival 2017

5a edizione | Lago di Como, 25 giugno - 16 luglio 2017

Lake Como Film Festival – La città paesaggio  La quinta edizione di Lake Como Film Festival, dedicata...
robert690

Il Cinema Ritrovato 2017

Torna a Bologna, per la XXXI edizione.

La Fondazione Cineteca di Bologna presenta la 31a edizione del festival Il Cinema Ritrovato, in programma dal 24 giugno al 1° luglio 2017, a...
Senza-titolo-1

Biografilm è finito

Evviva Biografilm

E nonostante l’heavy rotation del video che giustamente celebra il Guerrilla Staff prima di ogni proiezione consegni...
twinpeaksdougiejones.0.png

Twin Peaks 3

Episodi 3 e 4

Personaggi che parlano al contrario o che non parlano affatto, muti, sordi o senza occhi come la...
COPERTINA-sito3

Asian Film Festival 2017

Lo sguardo dell’Oriente nel cinema

A Bologna Taiwan week e Asian Film Festival 14 Lo sguardo dell’Oriente nel cinema 1-4 giugno Cineteca...
twin-peaks-dale-cooper_

Twin Peaks 3

Episodi 1 e 2

La terza stagione commentata episodio per episodio dopo la messa in onda italiana.
sq17_sito_testatapage_04

Sicilia Queer Filmfest 2017

Nuova edizione del festival siciliano

SICILIA QUEER FILMFEST Palermo, Cantieri Culturali alla Zisa / Cinema Rouge et Noir 24 maggio – 1...
f2c704f81e8d5ed4ec2581b7930e0101371d5523ff211c0bb01aaf633cb8f980_3950550

Cannes vs Netflix

Cannes Day 2 - Una polemica di retroguardia

L’ultima sentenza è arrivata ieri, mentre la conferenza stampa della giuria di Cannes aveva luogo, pronunciata proprio...
image

Hirokazu Kore’eda

Intervista al regista di "Ritratto di famiglia con tempesta"

Erede di un cinema giapponese delicato ma frontale, onesto e diretto ma anche ricco di tatto e...
closeknit

“Orlando”

"Orlando": l'identità di genere sul grande schermo

Torna e cresce "Orlando", festival dedicato a corpo, identità di genere e orientamenti sessuali. 14-21 maggio 2017:...
DANIELE VICARI
- Non una di meno

Daniele Vicari

Nessuna di meno

Conversazione con il regista su "Sole cuore amore", il suo nuovo film in uscita il 4 maggio....
intestazioneh2o

H2O: Iphoneography for human rights

Aperte le iscrizioni al contest H2O - Iphoneography for Human Rights

La macchina fotografica migliore è quella che hai sempre con te: a dirlo è Chase Jarvis, classe...
festival gusto della memoria 2017  dia133

Festival Cinema Vintage

Al via il bando 2017

FESTIVAL CINEMA VINTAGE “IL GUSTO DELLA MEMORIA” V edizione Roma – 28, 29 e 30 settembre 2017 Patrocinato dall’UNESCO AL VIA...
basquiat1

Basquiat: The Radiant Child

Jean-Michel Basquiat in mostra al Chiostro del Bramante

«Papa, I’m going to be famous»: c’è un certo grado di consapevolezza nelle parole di Jean-Michel Basquiat,...
tartaruga-rossa-Michael-Dudok-de-Wit

Michaël Dudok de Wit

Intervista al regista premio Oscar

L’olandese Michaël Dudok de Wit, già premio Oscar per il corto animato Father and Daughter (2000), è...