Frances Ha

Sull'amore e sul'amicizia, a Manhattan

Presentato al TFF il nuovo film di Noah Baumbach e Greta Gerwig.
Gerwig

La recensione più bella di I Dreamed I Was A Very Clean Tramp, il memoir di Richard Hell, dice questo: “Troppo spesso, storie sulla gioventù raccontate da chi giovane non lo è più si concentrano, a torto, sull’amore romantico. Ma l’amore romantico in senso tradizionale non è quello che definisce i nostri anni formativi. Mentre entriamo, usciamo o facciamo avanti e indietro dall’adolescenza, quello che definisce i nostri anni di auto-formazione è l’amicizia”.

Ho ripensato a queste parole in occasione di Frances Ha, il film girato e scritto da Noah Baumbach e Greta Gerwig, coppia sacra del cinema indie che sta attirando paragoni, non del tutto fuori luogo, con quella composta a suo tempo da Woody Allen e Diane Keaton. Girato in bianco e nero come Manhattan (qui i paragoni forse sono meno giustificati), Frances Ha è la storia di una ragazza di 27 anni che vive a New York cercando di fare la ballerina. Non abbastanza brava da entrare nella compagnia, si arrangia a dare lezioni ai bambini e in tutto questo vive un’intensa e appassionante storia d’amore, del tutto platonica, con la sua migliore amica Sophie. Finché, come in ogni storia d’amore che merita di essere raccontata in due ore di svolgimento senza tediare il pubblico a morte, non avviene un’interruzione che costringe quel rapporto a finire o a reinventarsi.

Era da tempo che non assistevo a una rappresentazione così felice e onesta di un rapporto di affetto senza sesso. Se pensiamo a ragazze semi-adulte, più o meno attraenti, devote alle arti liberali e innamorate della città, andiamo a parare inevitabilmente su Sex And The City o Girls. Nella prima, però, l’amicizia al femminile risulta sempre sverniciata dalla cattiveria. Guardando Girls, invece, chi desidera diventare amica di Lena Dunham? La prima cosa che ho avuto voglia di fare dopo aver visto Frances Ha è stata telefonare a tutti i miei amici e dire loro che ero pazza di loro come Frances è pazza di Sophie.

Il film di Baumbach e Gerwig non sembra smaniare affinché il “New Yoker” lo qualifichi come generazionale. Semplicemente, lo è. Come Manhattan, e qui l’accostamento è corretto, riesce a inquadrare i vizi e le indulgenze di questi quasi adulti appartenenti alla (sub)élite culturale di un determinato periodo storico, depotenziando l’hype con tocchi umani e sinceri. Sarebbe facile detestare questo film: Frances e i suoi amici vivono in appartamenti “consapevoli di loro stessi” (cit.), dicono di essere al verde ma hanno comunque familiari che vivono nei sobborghi e procureranno loro un tetto, chiedono prestiti che prima o poi ripagheranno. E però ci sono dei dettagli, come quando la protagonista sta per prelevare soldi dal bancomat e compare la scritta “su questa transazione verrà applicata una commissione di 3 dollari” e lei esita a dare conferma (chi non esita?), o trascorre un weekend insulso a Parigi e dorme tutto il giorno, senza che la sua presenza lì le dia la minima soddisfazione (chi non ha viaggiato a vuoto?), che rendono questo film particolarmente caro.

Sicuramente c’è qualcosa di artefatto nel modo in cui Frances conduce la propria vita, e sicuramente c’è un compiacimento nel suo disordine, ma sono artefatti anche i dialoghi che conduciamo con i nostri amici quando ci sfoghiamo del fatto che l’università non ci ha portato dove volevamo essere e della nostra carriera che è meno appagante di quanto avremmo mai immaginato. L’anno scorso, quando mi lamentavo della solita triade lavoro-vita adulta-responsabilità, un’amica mi ha interrotto per dirmi: “Dio, siamo ancora a questo?” con una scrollata di spalle che a vederla era la rappresentazione suprema della crudeltà.

Dopo aver visto il film ho avuto voglia di chiamarla e ridere e dirle “Hai ragione, siamo ancora a questo”. Perché è grazie a conversazioni di questo tipo, così simili a quelle che fa Frances, che costruiamo un codice interno che rende l’amicizia così gratificante.

Altri contenuti Cinema / Visioni
festival gusto della memoria 2017  dia133

Festival Cinema Vintage

Al via il bando 2017

FESTIVAL CINEMA VINTAGE “IL GUSTO DELLA MEMORIA” V edizione Roma – 28, 29 e 30 settembre 2017 Patrocinato dall’UNESCO AL VIA...
basquiat1

Basquiat: The Radiant Child

Jean-Michel Basquiat in mostra al Chiostro del Bramante

«Papa, I’m going to be famous»: c’è un certo grado di consapevolezza nelle parole di Jean-Michel Basquiat,...
tartaruga-rossa-Michael-Dudok-de-Wit

Michaël Dudok de Wit

Intervista al regista premio Oscar

L’olandese Michaël Dudok de Wit, già premio Oscar per il corto animato Father and Daughter (2000), è...
PP-manifesto1

Giovanni Mazzarino

Intervista al noto compositore jazz

Mago Merlino è il primo a entrare in scena. Il set è quello di Piani Paralleli, il...
sottodiciotto2017_immagine-guida

Sottodiciotto Film Festival

Tutti gli appuntamenti della 18° edizione

  SOTTODICIOTTO FILM FESTIVAL & CAMPUS 31 marzo – 7 aprile 2017 Torino, vari luoghi  Le proiezioni...
16406832_10154974528777277_5155378342824301449_n

Bergamo Film Meeting 2017

35° BFM| Marzo 11-19 2017

Giunto alla 35° edizione, lo storico Bergamo Film Meeting si avvia a celebrare il 2017 con un...
locandina

Maren Ade

Intervista alla regista di "Vi presento Toni Erdmann", in sala dal 2 marzo.

Magari la sbronza di premi sarà un po’ passata, dopo la sconfitta agli Oscar a favore di...
trainspotting

Verso Trainspotting 2

La colonna sonora

Per avvicinarci al secondo capitolo in uscita il 23 febbraio 2017, celebriamo una delle colonne sonore più...
trainspottin

Verso Trainspotting 2

La sottocultura che ha segnato il cinema mainstream

"Trainspotting", il film uscito vent'anni fa che ha segnato per sempre il rapporto tra cinema, droga e...
locandina_un_altro_me

Claudio Casazza

Intervista al regista di "Un altro me", in concorso al Trieste Film Festival.

Guardare per capire. Affrontare un tema spinoso e piuttosto scomodo senza giudizi preconcetti ma ascoltando la voce...
best

Film: best of 2016

Non abbiamo dubbi che il 2016 sarà ricordato come l’anno di Pablo Larraìn, che ha proposto tre...
Lou-Castel-set-A-pugni-chiusi-2827

I pugni chiusi di Lou Castel

Intervista all’attore, protagonista del documentario di Pierpaolo De Sanctis - 34° Torino Film Festival

Attore icona di una generazione isterica e disperata per Bellocchio. Attivista maoista dentro e fuori dall’industria cinematografica....
551491794

Sono Guido e non Guido

Alla scoperta di Guido Catalano. E di Armando - 34° Torino Film Festival

Un poeta ai tempi di Facebook e YouTube. Una figura ibrida tra cabarettista e poeta. Un performer...
1280x720-J60

Nessuno ci può giudicare

I musicarelli secondo Steve Della Casa - 34° Torino Film Festival

Ha impiegato 10 anni per poter realizzare il film: Steve Della Casa, critico cinematografico e storico del...
11

RomaFF 2016

Il meglio della 11esima Festa del cinema di Roma

Un anno di transizione oppure l'ennesimo segno di confusione di una manifestazione, nata sotto il segno di...
larrain

Pablo Larraìn

"Il cinema è un atto di compassione"

Incontro con il regista cileno Pablo Larraìn. Il suo "Neruda" uscirà il 13 ottobre e oggi scopriamo...