Gli italiani al Lido

Venezia 2013

Tre film in concorso e molto altro, ma la gloria è lontana
A-Venezia-Sacro-GRA-di-Gianfranco-Rosi-le-vite-di-una-brulicante-Roma-periferica_h_partb

Non che la questione c’interessi poi tanto, o meglio non c’interessa posta in questi termini, ma insomma: come sta il cinema italiano? Che polso rende la mostra del cinema di Venezia? Come se una domanda del genere potesse avere una vera risposta, come se dovessimo far finta che un festival sia lo specchio di un’industria o che nella selezione dei titoli non ci siano logica politiche e di altro tipo imperscrutabili e non sempre correttissime. Però, detto questo, gli italiani al Lido stanno un po’ meglio di quanto non stia il cinema italiano in generale.

Tre, come sempre, i film in concorso: Via Castellana Bandiera, l’esordio cinematografico di Emma Dante, è un film viscerale e ancestrale, capace di trasformare la radice teatrale (e romanzesca) dell’opera in un cinema personale e vivido, che si nutre di umori e odori siciliani, di famiglie e rimpianti, di nero popolano e lieve surrealtà; L’intrepido è il risarcimento ad Amelio dello sgarbo fattogli due anni fa dalla Mostra, che negò il concorso al Primo uomo facendole emigrare a Toronto, ma questo film non è all’altezza di quello e se da un lato la delicatezza surreale nel parlare di lavoro colpisce, dall’altro i toni patetici rovinano un’opera che solo nel finale sa mostrare vero talento cinematografico; capo pattuglia per bellezza e possibilità di premi è Sacro GRA, bellissimo documentario – o opera di confine tra i linguaggi – che Gianfranco Rosi dedica all’umanità ai margini della capitale e della sua società, cinema che si immerge nella realtà, nei personaggi ai limiti e che ridiventa creazione ed emozione, guardando tanto ai migliori autori quanto alle vere glorie della commedia all’italiana.

Anche Orizzonti parla italiano e ci fa piacere, essendo la sezione dedicata alle nuove correnti e tendenze, al cinema indipendente e alternativo, alla ricerca e agli esperimenti. Poi però appare Il terzo tempo, esordio nel lungo di Enrico Maria Artale e ti poni più di un dubbio: perché il film è espressamente, nonché fieramente ribadito dal suo autore, un film industriale e commerciale, pensato e fatto per il grande pubblico, che di alternativo non vuole avere nulla. Ma oltre all’aver sbagliato sezione e all’aver tolto un posto a un film magari davvero rispondente ai requisiti, il film è convenzionale, a tratti banale, tra le cose meno belle viste al Lido. Meglio, non troppo, va con Piccola Patria di Alessandro Rossetto, più interessante nella forma, soprattutto nel lavoro su corpi e attori, ma che racconta sempre le solite cose (immigrazione e integrazione) nei soliti modi, ossia macchina a mano a tamponare i personaggi. Abbastanza meglio va con La prima neve di Andrea Segre, sempre sulla base dell’emigrazione, ma più poetico nello spostare il discorso sullo spaesamento, la perdita, l’assenza e il lutto, temi raccontati nelle loro sfumature e sempre calati in contesti naturali e culturali da scoprire. La rivelazione poi è Medeas di Andrea Pallaoro, ma produttivamente batte altre bandiere, quindi è un merito che non possiamo prenderci, come per Still Life di Uberto Pasolini.

Scoperte interessanti nelle sezioni collaterali: più che la graziosa commedia Zoran il mio nipote scemo, che ha vinto la Settimana della Critica suscitando però dubbi sul tipo di cinema che debba vincere certi premi – e si parla di qualità non di generi –, colpisce La mia classe di Daniele Gaglianone, opera ibrida (presente nelle Giornate degli autori) e fertile tra dramma, documentario e meta cinema che racconta l’Italia dei nostri giorni e soprattutto riflette sui modi in cui è rappresentata dal cinema, dai giornali, dalla tv. A metà strada la docu-fiction di Costanza Quatriglio Con il fiato sospeso, inchiesta poetica sullo sfruttamento degli studenti nei laboratori di ricerca e sulle malattie poi contratte che ha il difetto di dire meno di quanto dovrebbe, mentre una vera sorpresa La voce di Berlinguer, lavoro di ricerca e montaggio sui discorsi del leader comunista, sui volti di chi lo seguiva, sulla realtà a cavallo tra ’70 e ’80, con parole che paiono arrivare da domani e suoni e rumori che nelle mani di Teho Teardo vengono scomposti, ricomposti, destrutturati e resi musica: in 20 minuti tutte le emozioni e le passioni di una certa politica.

Poi si esce dal Lido, si torna a Roma e si continua a seguire la realtà produttiva e industriale, i film che escono ogni settimana. E ci si chiede: dov’è il cinema italiano?

Altri contenuti Cinema / Visioni
Lou-Castel-set-A-pugni-chiusi-2827

I pugni chiusi di Lou Castel

Intervista all’attore, protagonista del documentario di Pierpaolo De Sanctis - 34° Torino Film Festival

Attore icona di una generazione isterica e disperata per Bellocchio. Attivista maoista dentro e fuori dall’industria cinematografica....
551491794

Sono Guido e non Guido

Alla scoperta di Guido Catalano. E di Armando - 34° Torino Film Festival

Un poeta ai tempi di Facebook e YouTube. Una figura ibrida tra cabarettista e poeta. Un performer...
1280x720-J60

Nessuno ci può giudicare

I musicarelli secondo Steve Della Casa - 34° Torino Film Festival

Ha impiegato 10 anni per poter realizzare il film: Steve Della Casa, critico cinematografico e storico del...
11

RomaFF 2016

Il meglio della 11esima Festa del cinema di Roma

Un anno di transizione oppure l'ennesimo segno di confusione di una manifestazione, nata sotto il segno di...
larrain

Pablo Larraìn

"Il cinema è un atto di compassione"

Incontro con il regista cileno Pablo Larraìn. Il suo "Neruda" uscirà il 13 ottobre e oggi scopriamo...
UN FILM PER L'ESTATE
Cosa guardare su Sky, Netflix e Infinity

Un film per l’estate

Pescato su Sky, Netflix e Infinity

Se qualcosa vi è sfuggito, ora è il momento di recuperare. 15 titoli per trascorrere l'estate in...
13-SEDOTTA E ABBANDONATA - 1963

Prato Film Festival 2016

Lungometraggi, corti e un omaggio a Pietro Germi

Quinta edizione del Prato Film Festival: al tradizionale concorso per cortometraggi, si aggiunge uno spazio competitivo dedicato...
Far East 2016

Far East 2016

Tempo di maturità

Giunta alla diciottesima edizione, la kermesse udinese conferma i pregi di una formula che consente all'appassionato di...
Morricone e il Western

Ennio Morricone e il western

Una lunghissima storia d'amore

“Ennio Morricone è come Mozart e Beethoven”. Lo ha detto Quentin Tarantino premiando il maestro con il...
Arcipelago

Arcipelago 2015

Street Art e Sperimentazione

Si è da poco conclusa la 2.3a edizione di ARCIPELAGO - Festival Internazionale di Cortometraggi e Nuove...
Straight Outta Compton/
Il film sugli N.W.A. al cinema dal 1 Ottobre

Straight Outta Compton

Il film sugli N.W.A. al cinema in Italia dal 1 ottobre

"Straight Outta Compton", il film sugli N.W.A. già campione di incassi negli USA e al cinema in...
Mad Max: Fury Road
Un ostinato attaccamento alla vita

Mad Max

Un ostinato attaccamento alla vita

Un film che doveva essere sulla crisi petrolifera e invece parla di chirurgia estetica d’avanguardia.
Il racconto dei racconti
La metamorfosi nel cinema di Matteo Garrone

Il racconto dei racconti

La metamorfosi nel cinema di Matteo Garrone

La fascinazione per il corpo era chiara fin dai suoi trascorsi nella pittura, un’attenzione mai voyeuristica né...
Paul Thomas Anderson
Il regista che girava film impossibili

Vizio di forma

Al cinema dal 26 febbraio

Paul Thomas Anderson, l’uomo che girava film impossibili.
Chris Kyle

American Sniper

La nostra intervista al cecchino (era il 2012)

Chris Kyle è il cecchino più letale nella storia militare americana. Per 160 volte ha preso la...