James Franco

Venezia 2013

In concorso, Fuori concorso e in Orizzonti, James Franco si fa in quattro alla Mostra Cinematografica di Venezia.
Tutti i volti di James Franco
Venezia 2013

Arrivi con il traghetto a Piazza San Marco e la sua foto enorme, su un cartellone Gucci, occupa l’orizzonte e dà simbolicamente il benvenuto al Lido. Perché più del direttore Barbera o di Bertolucci presidente di giuria, il vero signore della mostra del cinema numero 70 è James Franco. Divo mainstream e autore indie in una sola persona. A Venezia Franco mostra la seconda delle sue due facce, quella in questi ultimi tempi più prolifica: dopo aver portato un’opera da regista al recente festival di Cannes (As I Lay Dying) e dopo aver colpito la Mostra 2 anni fa con Sal, Franco è contemporaneamente in concorso, fuori concorso e in Orizzonti.

Child Of God passa in competizione e prosegue il viaggio di Franco nei miti della letteratura americana: dopo Faulkner e prima di Bukowski ecco McCarthy, il cui Figlio di Dio diventa un viaggio allucinato e metaforico sull’asocialità fiera dell’America, sul suo sentirsi sopra la legge e la morale in nome dell’individualismo e della wilderness qui radicalizzata in necrofilia, l’ultimo e il più spudorato dei tabu umani. Tutto sullo sguardo e l’attitudine repellente del suo protagonista Scott Haze, impegnato in un tour de force anche spirituale, è un film che shocka e ipnotizza, in cui gli altri, il mondo, sono ridotti a voci esterne o carne per soddisfare il bisogno. Cinema estremo ed estremamente politico a cui nuoce un po’ la patina indie, il colore desaturato dell’America profonda ma già rappresentata; eppure Franco sa mettere mano alle perversioni del suo paese e dello spettatore e fa immaginare un autore che può crescere.

27785
Da “Child Of God”

 

Palo Alto invece è nella sezione Orizzonti, quella dedita al cinema più alternativo, di ricerca e sperimentale: qui ricerca e sperimentazione non sono proprio di casa, e basterebbe il nome della regista, Gia Coppola – nipote d’arte – per farsi un’idea di pruriti adolescenziali, sfascio stupefatto ma non troppo e musica indie-pop. Franco però è attore, produttore e autore dei racconti di partenza, quelli In stato d’ebbrezza pubblicati da minimum fax. Coppola cerca di giostrarsi tra i film per teenager commerciali, con un particolare occhio agli anni 80-90 e la versione devastata dei nostri giorni: da Hughes a Lary Clark. Ma anziché amalgamare le due visioni, Coppola se ne tiene equidistante e la sensazione né carne né pesce ben confezionata è forte. E Franco benedice ammiccante più che altro.

E non si sposta di troppo con il micrometraggio senza titolo che compare in Future Reloaded, la raccolta di filmati brevissimi con cui la Mostra ha chiesto a 70 registi di immaginare il futuro del cinema celebrandone il passato: Franco recupera una vecchia intervista di Coppola (nonno) in cui predice un cinema a venire fatto di attrezzature leggere e libertà assoluta e poi le sfalda elettronicamente sostitundolo con immagini casuali e folli della sua risata.

In questo calderone emerge però chiaro come quella di Franco non sia affatto schizofrenia artistica, ma precisa strategia comunicativa, di narrazione di un personaggio alla luce del suo narcisismo, tenuto a bada ché il nostro non è mica un Vincent Gallo qualunque, ma presente e fertile nel partorire idee creative. Un Franco che alla luce di una rilettura del Salò di Pasolini, notizia da poco diffusa, pare non volersi mai fermare.

Altri contenuti Cinema / Visioni
Lou-Castel-set-A-pugni-chiusi-2827

I pugni chiusi di Lou Castel

Intervista all’attore, protagonista del documentario di Pierpaolo De Sanctis - 34° Torino Film Festival

Attore icona di una generazione isterica e disperata per Bellocchio. Attivista maoista dentro e fuori dall’industria cinematografica....
551491794

Sono Guido e non Guido

Alla scoperta di Guido Catalano. E di Armando - 34° Torino Film Festival

Un poeta ai tempi di Facebook e YouTube. Una figura ibrida tra cabarettista e poeta. Un performer...
1280x720-J60

Nessuno ci può giudicare

I musicarelli secondo Steve Della Casa - 34° Torino Film Festival

Ha impiegato 10 anni per poter realizzare il film: Steve Della Casa, critico cinematografico e storico del...
11

RomaFF 2016

Il meglio della 11esima Festa del cinema di Roma

Un anno di transizione oppure l'ennesimo segno di confusione di una manifestazione, nata sotto il segno di...
larrain

Pablo Larraìn

"Il cinema è un atto di compassione"

Incontro con il regista cileno Pablo Larraìn. Il suo "Neruda" uscirà il 13 ottobre e oggi scopriamo...
UN FILM PER L'ESTATE
Cosa guardare su Sky, Netflix e Infinity

Un film per l’estate

Pescato su Sky, Netflix e Infinity

Se qualcosa vi è sfuggito, ora è il momento di recuperare. 15 titoli per trascorrere l'estate in...
13-SEDOTTA E ABBANDONATA - 1963

Prato Film Festival 2016

Lungometraggi, corti e un omaggio a Pietro Germi

Quinta edizione del Prato Film Festival: al tradizionale concorso per cortometraggi, si aggiunge uno spazio competitivo dedicato...
Far East 2016

Far East 2016

Tempo di maturità

Giunta alla diciottesima edizione, la kermesse udinese conferma i pregi di una formula che consente all'appassionato di...
Morricone e il Western

Ennio Morricone e il western

Una lunghissima storia d'amore

“Ennio Morricone è come Mozart e Beethoven”. Lo ha detto Quentin Tarantino premiando il maestro con il...
Arcipelago

Arcipelago 2015

Street Art e Sperimentazione

Si è da poco conclusa la 2.3a edizione di ARCIPELAGO - Festival Internazionale di Cortometraggi e Nuove...
Straight Outta Compton/
Il film sugli N.W.A. al cinema dal 1 Ottobre

Straight Outta Compton

Il film sugli N.W.A. al cinema in Italia dal 1 ottobre

"Straight Outta Compton", il film sugli N.W.A. già campione di incassi negli USA e al cinema in...
Mad Max: Fury Road
Un ostinato attaccamento alla vita

Mad Max

Un ostinato attaccamento alla vita

Un film che doveva essere sulla crisi petrolifera e invece parla di chirurgia estetica d’avanguardia.
Il racconto dei racconti
La metamorfosi nel cinema di Matteo Garrone

Il racconto dei racconti

La metamorfosi nel cinema di Matteo Garrone

La fascinazione per il corpo era chiara fin dai suoi trascorsi nella pittura, un’attenzione mai voyeuristica né...
Paul Thomas Anderson
Il regista che girava film impossibili

Vizio di forma

Al cinema dal 26 febbraio

Paul Thomas Anderson, l’uomo che girava film impossibili.
Chris Kyle

American Sniper

La nostra intervista al cecchino (era il 2012)

Chris Kyle è il cecchino più letale nella storia militare americana. Per 160 volte ha preso la...