James Franco

Venezia 2013

In concorso, Fuori concorso e in Orizzonti, James Franco si fa in quattro alla Mostra Cinematografica di Venezia.
Tutti i volti di James Franco
Venezia 2013

Arrivi con il traghetto a Piazza San Marco e la sua foto enorme, su un cartellone Gucci, occupa l’orizzonte e dà simbolicamente il benvenuto al Lido. Perché più del direttore Barbera o di Bertolucci presidente di giuria, il vero signore della mostra del cinema numero 70 è James Franco. Divo mainstream e autore indie in una sola persona. A Venezia Franco mostra la seconda delle sue due facce, quella in questi ultimi tempi più prolifica: dopo aver portato un’opera da regista al recente festival di Cannes (As I Lay Dying) e dopo aver colpito la Mostra 2 anni fa con Sal, Franco è contemporaneamente in concorso, fuori concorso e in Orizzonti.

Child Of God passa in competizione e prosegue il viaggio di Franco nei miti della letteratura americana: dopo Faulkner e prima di Bukowski ecco McCarthy, il cui Figlio di Dio diventa un viaggio allucinato e metaforico sull’asocialità fiera dell’America, sul suo sentirsi sopra la legge e la morale in nome dell’individualismo e della wilderness qui radicalizzata in necrofilia, l’ultimo e il più spudorato dei tabu umani. Tutto sullo sguardo e l’attitudine repellente del suo protagonista Scott Haze, impegnato in un tour de force anche spirituale, è un film che shocka e ipnotizza, in cui gli altri, il mondo, sono ridotti a voci esterne o carne per soddisfare il bisogno. Cinema estremo ed estremamente politico a cui nuoce un po’ la patina indie, il colore desaturato dell’America profonda ma già rappresentata; eppure Franco sa mettere mano alle perversioni del suo paese e dello spettatore e fa immaginare un autore che può crescere.

27785
Da “Child Of God”

 

Palo Alto invece è nella sezione Orizzonti, quella dedita al cinema più alternativo, di ricerca e sperimentale: qui ricerca e sperimentazione non sono proprio di casa, e basterebbe il nome della regista, Gia Coppola – nipote d’arte – per farsi un’idea di pruriti adolescenziali, sfascio stupefatto ma non troppo e musica indie-pop. Franco però è attore, produttore e autore dei racconti di partenza, quelli In stato d’ebbrezza pubblicati da minimum fax. Coppola cerca di giostrarsi tra i film per teenager commerciali, con un particolare occhio agli anni 80-90 e la versione devastata dei nostri giorni: da Hughes a Lary Clark. Ma anziché amalgamare le due visioni, Coppola se ne tiene equidistante e la sensazione né carne né pesce ben confezionata è forte. E Franco benedice ammiccante più che altro.

E non si sposta di troppo con il micrometraggio senza titolo che compare in Future Reloaded, la raccolta di filmati brevissimi con cui la Mostra ha chiesto a 70 registi di immaginare il futuro del cinema celebrandone il passato: Franco recupera una vecchia intervista di Coppola (nonno) in cui predice un cinema a venire fatto di attrezzature leggere e libertà assoluta e poi le sfalda elettronicamente sostitundolo con immagini casuali e folli della sua risata.

In questo calderone emerge però chiaro come quella di Franco non sia affatto schizofrenia artistica, ma precisa strategia comunicativa, di narrazione di un personaggio alla luce del suo narcisismo, tenuto a bada ché il nostro non è mica un Vincent Gallo qualunque, ma presente e fertile nel partorire idee creative. Un Franco che alla luce di una rilettura del Salò di Pasolini, notizia da poco diffusa, pare non volersi mai fermare.

Altri contenuti Cinema / Visioni
Anteprima:Thelma_al cinema dal 21 giugno

Thelma

A Paranormal Queer Love story

Dal regista di "Reprise" e "Segreti di famiglia" il 21 giugno arriva in Italia "Thelma", quarta...
mucchio_Carrie_still

Carrie: horror rosso sangue

Un altro classico del cinema torna rimasterizzato in Home Video.

Dopo il super cofanetto dedicato a L’armata delle tenebre, Koch Media e Midnight Classics propongono in gran...
2aea98c2-9e8f-4462-8f2c-c4fbcd961704

Sicilia Queer Filmfest 2018

31 maggio - 6 giugno 2018

SICILIA QUEER 2018 Palermo, Cantieri Culturali alla Zisa / Cinema Rouge et Noir 31 maggio – 6...
orlandohd18

Orlando 2018

Il festival dedicato a identità, generi e rappresentazioni del corpo

Bergamo, dal 15 al 20 maggio più di 30 proposte in 11 diversi spazi della città.
coverlg

AKIRA | 30° Anniversario

Solo il 18 aprile al cinema

In sala il 18 aprile torna il capolavoro distopico di Katsuhiro Otomo con un nuovo doppiaggio, fedele...
Mandatory Credit: Photo by Shizuo Kambayashi/AP/REX/Shutterstock (6738377d)
Isao Takahata Japanese animated film director Isao Takahata speaks about his latest film "The Tale of The Princess Kaguya" with its poster during an interview at his office, Studio Ghibli, in suburban Tokyo. The princess laughs and floats in sumie-brush sketches of faint pastel, a lush landscape that animated film director Isao Takahata has painstakingly depicted to relay his gentle message of faith in this world. But his Oscar-nominated work stands as a stylistic challenge to Hollywood's computer-graphics cartoons, where 3D and other digital finesse dominate. Takahata says those terms with a little sarcastic cough. The 79-year-old co-founder of Japan's prestigious animator, Studio Ghibli, instead stuck to a hand-drawn look
Japan Oscars Overseas Princess Animation, Tokyo, Japan

Il cinema di Isao Takahata

Storia di un uomo molto innamorato

All'età di 82 anni è scomparso Isao Takahata, regista noto per aver fondato insieme a Hayao Miyazaki...
66596_26815408_10156096207857277_4670907796239682441_n (828x315)

Bergamo Film Meeting 2018

36° Bergamo Film Meeting (10-18 marzo 2018)

Con la proiezione del capolavoro L’ultima risata di F.W. Murnau, musicato dal vivo dal Maestro Gerardo Chimini...
luca-guadagnino-conferma-remake-suspiria-con-protagoniste-dakota-johnson-tilda-swinton-254641

Luca Guadagnino

Intervista al regista

Il nuovo cinema italiano, la famiglia Agnelli, Renzi e la forza rivoluzionaria dell’eros. In attesa che "Chiamami...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.2)

Top ten: gli ultimi cinque

Un anno di cinema da racchiudere nell’abituale classifica di fine anno: già pubblicata in versione ridotta sulla...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.3)

I film da recuperare

Poco visti, forse incompresi, a volte equivocati, senz’altro da noi molto amati. Più che i nostri film...
LoveIsAllMovie-fb

Love is all: Piergiorgio Welby

Intervista agli autori del documentario

Non è vero che la sofferenza porta alla salvezza. Lo testimonia l’esistenza dinamica, ironica, curiosa, persino psichedelica...
2127142_14011444

Pino Donaggio

Intervista al compositore, vincitore del Gran Premio Torino

Dopo l'intervista a Cliff Martinez, continuiamo a esplorare il mondo della musica da film intervistando il compositore...
p9-fazio-martinez-a-20170112

Cliff Martinez

Dal rock ai synth: intervista al compositore statunitense

Nel 1989 ha iniziato la sua longeva collaborazione con Steven Soderbergh lavorando a Sesso, bugie e videotape,...