James Franco

Venezia 2013

In concorso, Fuori concorso e in Orizzonti, James Franco si fa in quattro alla Mostra Cinematografica di Venezia.
Tutti i volti di James Franco
Venezia 2013

Arrivi con il traghetto a Piazza San Marco e la sua foto enorme, su un cartellone Gucci, occupa l’orizzonte e dà simbolicamente il benvenuto al Lido. Perché più del direttore Barbera o di Bertolucci presidente di giuria, il vero signore della mostra del cinema numero 70 è James Franco. Divo mainstream e autore indie in una sola persona. A Venezia Franco mostra la seconda delle sue due facce, quella in questi ultimi tempi più prolifica: dopo aver portato un’opera da regista al recente festival di Cannes (As I Lay Dying) e dopo aver colpito la Mostra 2 anni fa con Sal, Franco è contemporaneamente in concorso, fuori concorso e in Orizzonti.

Child Of God passa in competizione e prosegue il viaggio di Franco nei miti della letteratura americana: dopo Faulkner e prima di Bukowski ecco McCarthy, il cui Figlio di Dio diventa un viaggio allucinato e metaforico sull’asocialità fiera dell’America, sul suo sentirsi sopra la legge e la morale in nome dell’individualismo e della wilderness qui radicalizzata in necrofilia, l’ultimo e il più spudorato dei tabu umani. Tutto sullo sguardo e l’attitudine repellente del suo protagonista Scott Haze, impegnato in un tour de force anche spirituale, è un film che shocka e ipnotizza, in cui gli altri, il mondo, sono ridotti a voci esterne o carne per soddisfare il bisogno. Cinema estremo ed estremamente politico a cui nuoce un po’ la patina indie, il colore desaturato dell’America profonda ma già rappresentata; eppure Franco sa mettere mano alle perversioni del suo paese e dello spettatore e fa immaginare un autore che può crescere.

27785
Da “Child Of God”

 

Palo Alto invece è nella sezione Orizzonti, quella dedita al cinema più alternativo, di ricerca e sperimentale: qui ricerca e sperimentazione non sono proprio di casa, e basterebbe il nome della regista, Gia Coppola – nipote d’arte – per farsi un’idea di pruriti adolescenziali, sfascio stupefatto ma non troppo e musica indie-pop. Franco però è attore, produttore e autore dei racconti di partenza, quelli In stato d’ebbrezza pubblicati da minimum fax. Coppola cerca di giostrarsi tra i film per teenager commerciali, con un particolare occhio agli anni 80-90 e la versione devastata dei nostri giorni: da Hughes a Lary Clark. Ma anziché amalgamare le due visioni, Coppola se ne tiene equidistante e la sensazione né carne né pesce ben confezionata è forte. E Franco benedice ammiccante più che altro.

E non si sposta di troppo con il micrometraggio senza titolo che compare in Future Reloaded, la raccolta di filmati brevissimi con cui la Mostra ha chiesto a 70 registi di immaginare il futuro del cinema celebrandone il passato: Franco recupera una vecchia intervista di Coppola (nonno) in cui predice un cinema a venire fatto di attrezzature leggere e libertà assoluta e poi le sfalda elettronicamente sostitundolo con immagini casuali e folli della sua risata.

In questo calderone emerge però chiaro come quella di Franco non sia affatto schizofrenia artistica, ma precisa strategia comunicativa, di narrazione di un personaggio alla luce del suo narcisismo, tenuto a bada ché il nostro non è mica un Vincent Gallo qualunque, ma presente e fertile nel partorire idee creative. Un Franco che alla luce di una rilettura del Salò di Pasolini, notizia da poco diffusa, pare non volersi mai fermare.

Altri contenuti Cinema / Visioni
robert690

Il Cinema Ritrovato 2017

Torna a Bologna, per la XXXI edizione.

La Fondazione Cineteca di Bologna presenta la 31a edizione del festival Il Cinema Ritrovato, in programma dal 24 giugno al 1° luglio 2017, a...
Senza-titolo-1

Biografilm è finito

Evviva Biografilm

E nonostante l’heavy rotation del video che giustamente celebra il Guerrilla Staff prima di ogni proiezione consegni...
twinpeaksdougiejones.0.png

Twin Peaks 3

Episodi 3 e 4

Personaggi che parlano al contrario o che non parlano affatto, muti, sordi o senza occhi come la...
COPERTINA-sito3

Asian Film Festival 2017

Lo sguardo dell’Oriente nel cinema

A Bologna Taiwan week e Asian Film Festival 14 Lo sguardo dell’Oriente nel cinema 1-4 giugno Cineteca...
twin-peaks-dale-cooper_

Twin Peaks 3

Episodi 1 e 2

La terza stagione commentata episodio per episodio dopo la messa in onda italiana.
sq17_sito_testatapage_04

Sicilia Queer Filmfest 2017

Nuova edizione del festival siciliano

SICILIA QUEER FILMFEST Palermo, Cantieri Culturali alla Zisa / Cinema Rouge et Noir 24 maggio – 1...
f2c704f81e8d5ed4ec2581b7930e0101371d5523ff211c0bb01aaf633cb8f980_3950550

Cannes vs Netflix

Cannes Day 2 - Una polemica di retroguardia

L’ultima sentenza è arrivata ieri, mentre la conferenza stampa della giuria di Cannes aveva luogo, pronunciata proprio...
image

Hirokazu Kore’eda

Intervista al regista di "Ritratto di famiglia con tempesta"

Erede di un cinema giapponese delicato ma frontale, onesto e diretto ma anche ricco di tatto e...
closeknit

“Orlando”

"Orlando": l'identità di genere sul grande schermo

Torna e cresce "Orlando", festival dedicato a corpo, identità di genere e orientamenti sessuali. 14-21 maggio 2017:...
DANIELE VICARI
- Non una di meno

Daniele Vicari

Nessuna di meno

Conversazione con il regista su "Sole cuore amore", il suo nuovo film in uscita il 4 maggio....
intestazioneh2o

H2O: Iphoneography for human rights

Aperte le iscrizioni al contest H2O - Iphoneography for Human Rights

La macchina fotografica migliore è quella che hai sempre con te: a dirlo è Chase Jarvis, classe...
festival gusto della memoria 2017  dia133

Festival Cinema Vintage

Al via il bando 2017

FESTIVAL CINEMA VINTAGE “IL GUSTO DELLA MEMORIA” V edizione Roma – 28, 29 e 30 settembre 2017 Patrocinato dall’UNESCO AL VIA...
basquiat1

Basquiat: The Radiant Child

Jean-Michel Basquiat in mostra al Chiostro del Bramante

«Papa, I’m going to be famous»: c’è un certo grado di consapevolezza nelle parole di Jean-Michel Basquiat,...
tartaruga-rossa-Michael-Dudok-de-Wit

Michaël Dudok de Wit

Intervista al regista premio Oscar

L’olandese Michaël Dudok de Wit, già premio Oscar per il corto animato Father and Daughter (2000), è...
PP-manifesto1

Giovanni Mazzarino

Intervista al noto compositore jazz

Mago Merlino è il primo a entrare in scena. Il set è quello di Piani Paralleli, il...
sottodiciotto2017_immagine-guida

Sottodiciotto Film Festival

Tutti gli appuntamenti della 18° edizione

  SOTTODICIOTTO FILM FESTIVAL & CAMPUS 31 marzo – 7 aprile 2017 Torino, vari luoghi  Le proiezioni...