Of Horses and Men

Il sorprendente Benedikt Erlingsson

I cavalli, protagonisti come mai prima, e la natura islandese nel sorprendente film di Benedikt Erlingsson "Of Horses and Men". Vi raccontiamo il titolo più interessante visto al Festival di Bari.
benedikt.jpg

Certo, un festival di cinema fa gola perché si possono vedere i film dei grandi registi e dei grandi attori, le novità più attese, i colpi al cuore dell’appassionato. Ma il vero gusto del cinefilo nel partecipare ad un festival è aspettarsi l’inattesa, scoprire ciò che non si potrebbe scoprire altrimenti, farsi cogliere aperti e impreparati. È quello che al BIF&ST 2014 di Bari ci è accaduto con Of Horses And Men, sorprendente e spiazzante opera dell’islandese Benedikt Erlingsson, attore al primo lungometraggio e subito scelto dall’Islanda per rappresentarla agli Oscar, che racconta la campagna islandese e la natura attraverso una raccolta di novelle, con lo sguardo dei cavalli, veri protagonisti.

Un film a suo modo epico, sullo scontro tra natura e cultura: “Volevo raccontare il nostro rapporto tra persone e con la natura, ma anche sul controllo che esercitiamo sulla natura e su quello che essa esercita su di noi. È come un tango se fossimo legati in un tango”. Un film che si snoda proprio sulla figura del cavallo, centrale nella mitologia islandese, ma anche punto di contatto con l’immaginario hollywoodiano del west, della frontiera. “I cavalli sono da sempre al centro della vita degli islandesi, sono sulle tombe del 19° secolo, fanno parte delle famiglie, non si potevano mangiare se non in segreto. Sono estremamente legati all’identità islandese: siamo “horse people”, siamo venuti su barche, sopra i cavalli. E di questo ho voluto parlare nel film, raccontare come quella mitologia ha senso oggi”.

benedikt-erlingsson-of-horses-and-men1

Un film che ha a che fare con una visione mitica del cinema e delle immagini, come una versione in minore di Valhalla Rising di Nicolas Winding Refn, letta in chiave più ironica: come se mettesse a contatto le due anime di John Ford, quella dell’Arizona nella Monument Valley e l’Irlanda. “Forse, però il western non è mai stato tra i miei orizzonti, anzi: l’ho sempre odiato proprio per il modo in cui tratta i cavalli: non solo Hollywood è stata la più grande assassina di cavalli del secolo scorso, ma nell’immaginario i cowboys trattavano i cavalli come motociclette, non come animali. Attraversavano il deserto senza dargli da bere, li lasciavano sellati e legati agli alberi senza mai dar loro da mangiare. Non li hanno mai ringraziati. Credo di essere più ispirato da registi come Pasolini, per la forma dei racconti che viene dal Decameron o dai Racconti di Canterbury, e dal concetto di tableau, di quadro, perché se voglio fare un film mitico o mitologico non posso prescindere dalla dimensione pittorica e artistica dell’immagine”.

Un film che proprio per questa sua componente mitica lascia da parte le parole e soprattutto i dialoghi per rielaborare la tradizione orale attraverso l’uso quasi puro delle immagini: “Sono un narratore, mi sento uno storyteller in senso classico, antico (è una tradizione della sua famiglia, N.d.R.), e quindi applico questa mia vocazione a ogni mezzo con cui lavoro. Così da regista devo fare i conti con la potenza delle immagini, la loro tensione, la loro forma, che sono gli elementi traino del film, al contrario delle parole. Non serve nemmeno una storia o dei personaggi per fare un grande film, basta inquadrare l’homo sapiens con la giusta tensione per renderlo interessante e appassionante, per ipnotizzare il pubblico con ritmi e forme diversi”. Cita Tarkovski per indicare un regista che ha saputo lavorare sul subconscio attraverso la pura forma delle immagini e in questo discorso entra anche il suo passato di performer teatrale, il suo lavoro di metteur en scène: “Dal teatro ho appreso quel discorso sul tableau che dicevo prima, e la necessità di creare un’immagine, una situazione tridimensionale, dare forma visibile all’invisibile attraverso la suggestione, permettendo al pubblico da solo di avere come un’illuminazione. Per questo mi è sembrato assolutamente naturale passare dal teatro al cinema”. Naturale come Of Horses And Men, uno dei punti più alti del BIF&ST 2014.

Commenti

Altri contenuti Cinema / Visioni
festival gusto della memoria 2017  dia133

Festival Cinema Vintage

Al via il bando 2017

FESTIVAL CINEMA VINTAGE “IL GUSTO DELLA MEMORIA” V edizione Roma – 28, 29 e 30 settembre 2017 Patrocinato dall’UNESCO AL VIA...
basquiat1

Basquiat: The Radiant Child

Jean-Michel Basquiat in mostra al Chiostro del Bramante

«Papa, I’m going to be famous»: c’è un certo grado di consapevolezza nelle parole di Jean-Michel Basquiat,...
tartaruga-rossa-Michael-Dudok-de-Wit

Michaël Dudok de Wit

Intervista al regista premio Oscar

L’olandese Michaël Dudok de Wit, già premio Oscar per il corto animato Father and Daughter (2000), è...
PP-manifesto1

Giovanni Mazzarino

Intervista al noto compositore jazz

Mago Merlino è il primo a entrare in scena. Il set è quello di Piani Paralleli, il...
sottodiciotto2017_immagine-guida

Sottodiciotto Film Festival

Tutti gli appuntamenti della 18° edizione

  SOTTODICIOTTO FILM FESTIVAL & CAMPUS 31 marzo – 7 aprile 2017 Torino, vari luoghi  Le proiezioni...
16406832_10154974528777277_5155378342824301449_n

Bergamo Film Meeting 2017

35° BFM| Marzo 11-19 2017

Giunto alla 35° edizione, lo storico Bergamo Film Meeting si avvia a celebrare il 2017 con un...
locandina

Maren Ade

Intervista alla regista di "Vi presento Toni Erdmann", in sala dal 2 marzo.

Magari la sbronza di premi sarà un po’ passata, dopo la sconfitta agli Oscar a favore di...
trainspotting

Verso Trainspotting 2

La colonna sonora

Per avvicinarci al secondo capitolo in uscita il 23 febbraio 2017, celebriamo una delle colonne sonore più...
trainspottin

Verso Trainspotting 2

La sottocultura che ha segnato il cinema mainstream

"Trainspotting", il film uscito vent'anni fa che ha segnato per sempre il rapporto tra cinema, droga e...
locandina_un_altro_me

Claudio Casazza

Intervista al regista di "Un altro me", in concorso al Trieste Film Festival.

Guardare per capire. Affrontare un tema spinoso e piuttosto scomodo senza giudizi preconcetti ma ascoltando la voce...
best

Film: best of 2016

Non abbiamo dubbi che il 2016 sarà ricordato come l’anno di Pablo Larraìn, che ha proposto tre...
Lou-Castel-set-A-pugni-chiusi-2827

I pugni chiusi di Lou Castel

Intervista all’attore, protagonista del documentario di Pierpaolo De Sanctis - 34° Torino Film Festival

Attore icona di una generazione isterica e disperata per Bellocchio. Attivista maoista dentro e fuori dall’industria cinematografica....
551491794

Sono Guido e non Guido

Alla scoperta di Guido Catalano. E di Armando - 34° Torino Film Festival

Un poeta ai tempi di Facebook e YouTube. Una figura ibrida tra cabarettista e poeta. Un performer...
1280x720-J60

Nessuno ci può giudicare

I musicarelli secondo Steve Della Casa - 34° Torino Film Festival

Ha impiegato 10 anni per poter realizzare il film: Steve Della Casa, critico cinematografico e storico del...
11

RomaFF 2016

Il meglio della 11esima Festa del cinema di Roma

Un anno di transizione oppure l'ennesimo segno di confusione di una manifestazione, nata sotto il segno di...
larrain

Pablo Larraìn

"Il cinema è un atto di compassione"

Incontro con il regista cileno Pablo Larraìn. Il suo "Neruda" uscirà il 13 ottobre e oggi scopriamo...