“Orlando”

"Orlando": l'identità di genere sul grande schermo

Torna e cresce "Orlando", festival dedicato a corpo, identità di genere e orientamenti sessuali. 14-21 maggio 2017: più di 30 eventi tra film in anteprima, spettacoli, mostre, incontri e laboratori
closeknit

ORLANDO

Identità, relazioni, possibilità 

Quarta ricchissima edizione del festival dedicato 

a identità di genere e orientamenti sessuali

Oltre 30 eventi sparsi per la città tra film in anteprima, spettacoli di teatro e danza, mostre, incontri e momenti 

di formazione. Al centro il tema della relazione con l’alterità, tra generi e generazioni

Bergamo | dal 14 al 21 maggio 2017

www.lab80.it/orlando

Cresce Orlando. Identità, relazioni, possibilità, il festival che Lab 80 dedica ai temi del corpo, dell’identità di genere e degli orientamenti sessuali nella cultura contemporanea: giunto alla quarta edizione, presenta un programma che dura una settimana e propone più di 30 eventi tra film in anteprima (mai usciti nelle sale italiane e scelti nei più interessanti festival nazionali è internazionali), spettacoli di danza e teatro con proposte nuove e di punta, mostre, incontri, laboratori e diversi momenti di formazione sia per adulti che per bambini.

Un calendario a 360 gradi, che da domenica 14 a domenica 21 maggio, a Bergamo, riempie diversi spazi della città di appuntamenti che raccontano in particolare il tema delle relazioni con l’altro da sé, le complessità e le ricchezze che l’incontro comporta, il rapporto tra corpi, generi e generazioni.  

«Orlando è un festival queer interdisciplinare – spiega Mauro Danesi, curatore del festival – che esplora Il rapporto con l’alterità, la molteplicità delle identità e degli orientamenti sessuali, gli stereotipi e le rappresentazioni del maschile e del femminile, oltre che il rapporto con la corporeità e le visioni contemporanee sul corpo».

Il festival è in crescita: per quantità e qualità della proposta, per i numeri di pubblico che registra, per le collaborazioni che ha concretizzato, superando quest’anno quota 50 realtà tra festival partner nazionali e internazionali, enti e sostenitori. Orlando non è solo un festival: è un progetto culturale, che durante tutto l’anno aggrega, fa pensare e crea spazi non solo di riflessione ma anche di cambiamento.

Da segnalare, all’interno del programma cinematografico, sono i film Girls Lost della svedese Alexandra-Therese Keining, del 2016, sulla scoperta di un possibile sorprendente cambio di genere da parte di tre ragazze vittime di bullismo; The Live of Thérèse di Sébastien Lifshitz, Palma Queer a Cannes 2016, omaggio alla femminista storica Thérèse Clerc che, scoperta una malattia incurabile, mette in campo un ultimo racconto, tenero e lucido, su battaglie e amori. E poi Close-Knit di Naoko Ogigami, direttamente dal Festival di Berlino 2017, racconto delicatamente sovversivo su una bambina la sua seconda mamma transessuale. In programma, tra lunghi e cortometraggi, ci sono 17 film, di cui 14 in anteprima.

Nel comparto spettacoli teatrali spicca Geppetto e Geppeto di Tindaro Granata, Premio UBU 2016, racconto lieve e ironico sulla relazione tra un figlio e i suoi due papà (lo spettacolo sarà seguito da un dibattito con Tommasio Giartosio, conduttore di Radio 3 e scrittore). Per la danza R.osa – 10 esercizi per nuovi virtuosismi, ultima e recentissima creatura di Silvia Gribaudi, in cui una straordinaria Claudia Marsicano (finalista Premio UBU 2016 Nuova attrice  under 35) porta in scena l’espressione del corpo della donna e del ruolo sociale che esso occupa, con una trascinante ribellione alla gravità, e la produzione franco-svizzera Vacuum di Philippe Saire, gioco di corpi che appaiono e scompaiono tra luci e buchi neri grazie al fluttuare di due danzatori che si muovono nel vuoto (gli spettacoli di danza sono in collaborazione con Festival DanzaEstate e Teatro Sociale di Bergamo).

Tra le mostre: s’intitola Toilet. Immagini per transizione l’esposizione fotografica di Marco Riva, allestita alla 255 Raw Gallery di via Tasso 49 dall’8 al 18 maggio: racconto per immagini del mondo del travestitismo, tra club kids e drag queens, frutto di una ricerca di cinque anni.

Arriva invece dal MoMA di New York una copia del film Kiss di Andy Warhol, che grazie ad un progetto speciale costruito in collaborazione con Contemporary Locus, viene proiettato in Piazza Dante dal 17 al 21 maggio, a partire dalle ore 19 sulla parete vetrata della Domus (visibile dall’esterno).

Da ricordare anche il convegno dedicato a David Bowie, simposio internazionale a cura di Fabio Cleto, docente dell’Università degli studi di Bergamo: si tiene giovedì 18 e venerdì 19 maggio e, a un anno dalla morte del grandissimo artista, riunisce studiosi di rilievo internazionale per indagarne la complessa eredità culturale e il carattere iconico, fra permanenza e trasformazione.

Ampio spazio inoltre per i momenti di formazione: sono 15 gli appuntamenti, per adulti e bambini, che all’interno di laboratori condotti da esperti possono scoprire, ad esempio, il superamento degli stereotipi nelle letture per i più piccoli, lavorare sull’espressione del corpo o imparare a danzare dopo i 60 anni.

Il programma completo di Orlando e le indicazioni sugli eventuali costi degli ingressi agli spettacoli è sul sito dedicato al festival: www.lab80.it/orlando

Commenti

Altri contenuti Cinema / Visioni
Anteprima:Thelma_al cinema dal 21 giugno

Thelma

A Paranormal Queer Love story

Dal regista di "Reprise" e "Segreti di famiglia" il 21 giugno arriva in Italia "Thelma", quarta...
mucchio_Carrie_still

Carrie: horror rosso sangue

Un altro classico del cinema torna rimasterizzato in Home Video.

Dopo il super cofanetto dedicato a L’armata delle tenebre, Koch Media e Midnight Classics propongono in gran...
2aea98c2-9e8f-4462-8f2c-c4fbcd961704

Sicilia Queer Filmfest 2018

31 maggio - 6 giugno 2018

SICILIA QUEER 2018 Palermo, Cantieri Culturali alla Zisa / Cinema Rouge et Noir 31 maggio – 6...
orlandohd18

Orlando 2018

Il festival dedicato a identità, generi e rappresentazioni del corpo

Bergamo, dal 15 al 20 maggio più di 30 proposte in 11 diversi spazi della città.
coverlg

AKIRA | 30° Anniversario

Solo il 18 aprile al cinema

In sala il 18 aprile torna il capolavoro distopico di Katsuhiro Otomo con un nuovo doppiaggio, fedele...
Mandatory Credit: Photo by Shizuo Kambayashi/AP/REX/Shutterstock (6738377d)
Isao Takahata Japanese animated film director Isao Takahata speaks about his latest film "The Tale of The Princess Kaguya" with its poster during an interview at his office, Studio Ghibli, in suburban Tokyo. The princess laughs and floats in sumie-brush sketches of faint pastel, a lush landscape that animated film director Isao Takahata has painstakingly depicted to relay his gentle message of faith in this world. But his Oscar-nominated work stands as a stylistic challenge to Hollywood's computer-graphics cartoons, where 3D and other digital finesse dominate. Takahata says those terms with a little sarcastic cough. The 79-year-old co-founder of Japan's prestigious animator, Studio Ghibli, instead stuck to a hand-drawn look
Japan Oscars Overseas Princess Animation, Tokyo, Japan

Il cinema di Isao Takahata

Storia di un uomo molto innamorato

All'età di 82 anni è scomparso Isao Takahata, regista noto per aver fondato insieme a Hayao Miyazaki...
66596_26815408_10156096207857277_4670907796239682441_n (828x315)

Bergamo Film Meeting 2018

36° Bergamo Film Meeting (10-18 marzo 2018)

Con la proiezione del capolavoro L’ultima risata di F.W. Murnau, musicato dal vivo dal Maestro Gerardo Chimini...
luca-guadagnino-conferma-remake-suspiria-con-protagoniste-dakota-johnson-tilda-swinton-254641

Luca Guadagnino

Intervista al regista

Il nuovo cinema italiano, la famiglia Agnelli, Renzi e la forza rivoluzionaria dell’eros. In attesa che "Chiamami...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.2)

Top ten: gli ultimi cinque

Un anno di cinema da racchiudere nell’abituale classifica di fine anno: già pubblicata in versione ridotta sulla...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.3)

I film da recuperare

Poco visti, forse incompresi, a volte equivocati, senz’altro da noi molto amati. Più che i nostri film...
LoveIsAllMovie-fb

Love is all: Piergiorgio Welby

Intervista agli autori del documentario

Non è vero che la sofferenza porta alla salvezza. Lo testimonia l’esistenza dinamica, ironica, curiosa, persino psichedelica...
2127142_14011444

Pino Donaggio

Intervista al compositore, vincitore del Gran Premio Torino

Dopo l'intervista a Cliff Martinez, continuiamo a esplorare il mondo della musica da film intervistando il compositore...