Prato Film Festival 2016

Lungometraggi, corti e un omaggio a Pietro Germi

Quinta edizione del Prato Film Festival: al tradizionale concorso per cortometraggi, si aggiunge uno spazio competitivo dedicato alle opere prime e seconde. Nella cornice del Cassero Medievale una mostra fotografica - composta da numerosi scatti inediti - celebra il talento del regista Pietro Germi, cui il festival dedica un omaggio cinematografico.
13-SEDOTTA E ABBANDONATA - 1963

Giunto alla sua quinta edizione, il Prato Film Festival decide di aprire le porte alle opere prime e seconde di registi italiani, allargando così lo spazio rivolto alle sezioni competitive, destinato non più soltanto al mondo dei cortometraggi. Interamente dedicato alla commedia, il festival ospita in questi giorni – fino all’undici giugno – le immagini di Il Ministro di Giorgio Amato, L’universale di Federico Micali, L’amore non perdona di Stefano Consiglio e Un posto sicuro di Francesco Ghiaccio, interessante film di denuncia interpretato da Marco D’Amore e Matilde Gioli.

Ma ciò che rende speciale questa edizione è il corposo omaggio al grande regista italiano Pietro Germi, attraverso una serie di eventi e appuntamenti meritevoli: dalla rassegna cinematografica dedicata al regista, durante la quale saranno proiettati classici come Un maledetto imbroglio e Il ferroviere, passando per la presenza di Lando Buzzanca e Aldo Puglisi, interpreti indimenticabili del capolavoro Sedotta e abbandonata, fino ad arrivare alla mostra fotografica, allestita presso il Cassero Medievale, composta da 60 foto inedite scattate sui set di alcuni suoi film.

16-SIGNORE E SIGNORI - 1965

Fa particolarmente piacere quest’omaggio perché Germi è un regista ancora oggi poco celebrato – di sicuro non quanto meriterebbe – a dispetto della qualità delle sue opere e la quantità di premi vinti; non che i trofei rappresentino un affidabile metro di giudizio, ma siamo convinti che non molti sappiano del suo Oscar per la sceneggiatura con Divorzio all’italiana, oltre ai vari riconoscimenti ottenuti ai festival di Cannes e Berlino. E proprio il festival di Cannes quest’anno ha reso tributo a Germi proiettando la copia restaurata del suo Signore e Signori, vincitore della Palma d’oro nel 1966. L’ennesima dimostrazione di come il regista genovese sia maggiormente amato all’estero, inserito nell’Olimpo dei grandi autori italiani, che nel nostro paese, dove è stato sempre osservato con sospetto per le sue simpatie socialdemocratiche, il carattere burbero e quella caustica ironia verso malcostumi e ipocrisie italiote che ha riversato nelle sue sulfuree commedie. Sia dunque dato merito al Prato Film Festival per questo doveroso ricordo.

Commenti

Altri contenuti Cinema / Visioni
2aea98c2-9e8f-4462-8f2c-c4fbcd961704

Sicilia Queer Filmfest 2018

31 maggio - 6 giugno 2018

SICILIA QUEER 2018 Palermo, Cantieri Culturali alla Zisa / Cinema Rouge et Noir 31 maggio – 6...
orlandohd18

Orlando 2018

Il festival dedicato a identità, generi e rappresentazioni del corpo

Bergamo, dal 15 al 20 maggio più di 30 proposte in 11 diversi spazi della città.
coverlg

AKIRA | 30° Anniversario

Solo il 18 aprile al cinema

In sala il 18 aprile torna il capolavoro distopico di Katsuhiro Otomo con un nuovo doppiaggio, fedele...
Mandatory Credit: Photo by Shizuo Kambayashi/AP/REX/Shutterstock (6738377d)
Isao Takahata Japanese animated film director Isao Takahata speaks about his latest film "The Tale of The Princess Kaguya" with its poster during an interview at his office, Studio Ghibli, in suburban Tokyo. The princess laughs and floats in sumie-brush sketches of faint pastel, a lush landscape that animated film director Isao Takahata has painstakingly depicted to relay his gentle message of faith in this world. But his Oscar-nominated work stands as a stylistic challenge to Hollywood's computer-graphics cartoons, where 3D and other digital finesse dominate. Takahata says those terms with a little sarcastic cough. The 79-year-old co-founder of Japan's prestigious animator, Studio Ghibli, instead stuck to a hand-drawn look
Japan Oscars Overseas Princess Animation, Tokyo, Japan

Il cinema di Isao Takahata

Storia di un uomo molto innamorato

All'età di 82 anni è scomparso Isao Takahata, regista noto per aver fondato insieme a Hayao Miyazaki...
66596_26815408_10156096207857277_4670907796239682441_n (828x315)

Bergamo Film Meeting 2018

36° Bergamo Film Meeting (10-18 marzo 2018)

Con la proiezione del capolavoro L’ultima risata di F.W. Murnau, musicato dal vivo dal Maestro Gerardo Chimini...
luca-guadagnino-conferma-remake-suspiria-con-protagoniste-dakota-johnson-tilda-swinton-254641

Luca Guadagnino

Intervista al regista

Il nuovo cinema italiano, la famiglia Agnelli, Renzi e la forza rivoluzionaria dell’eros. In attesa che "Chiamami...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.2)

Top ten: gli ultimi cinque

Un anno di cinema da racchiudere nell’abituale classifica di fine anno: già pubblicata in versione ridotta sulla...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.3)

I film da recuperare

Poco visti, forse incompresi, a volte equivocati, senz’altro da noi molto amati. Più che i nostri film...
LoveIsAllMovie-fb

Love is all: Piergiorgio Welby

Intervista agli autori del documentario

Non è vero che la sofferenza porta alla salvezza. Lo testimonia l’esistenza dinamica, ironica, curiosa, persino psichedelica...
2127142_14011444

Pino Donaggio

Intervista al compositore, vincitore del Gran Premio Torino

Dopo l'intervista a Cliff Martinez, continuiamo a esplorare il mondo della musica da film intervistando il compositore...
p9-fazio-martinez-a-20170112

Cliff Martinez

Dal rock ai synth: intervista al compositore statunitense

Nel 1989 ha iniziato la sua longeva collaborazione con Steven Soderbergh lavorando a Sesso, bugie e videotape,...
Grace-810x400

Sophie Fiennes

Incontro con la regista di "Grace Jones: Bloodlight and Bami"

La costruzione dell’icona, la narrazione spettacolare di un corpo e di una voce e il suo retroterra...