Prato Film Festival 2016

Lungometraggi, corti e un omaggio a Pietro Germi

Quinta edizione del Prato Film Festival: al tradizionale concorso per cortometraggi, si aggiunge uno spazio competitivo dedicato alle opere prime e seconde. Nella cornice del Cassero Medievale una mostra fotografica - composta da numerosi scatti inediti - celebra il talento del regista Pietro Germi, cui il festival dedica un omaggio cinematografico.
13-SEDOTTA E ABBANDONATA - 1963

Giunto alla sua quinta edizione, il Prato Film Festival decide di aprire le porte alle opere prime e seconde di registi italiani, allargando così lo spazio rivolto alle sezioni competitive, destinato non più soltanto al mondo dei cortometraggi. Interamente dedicato alla commedia, il festival ospita in questi giorni – fino all’undici giugno – le immagini di Il Ministro di Giorgio Amato, L’universale di Federico Micali, L’amore non perdona di Stefano Consiglio e Un posto sicuro di Francesco Ghiaccio, interessante film di denuncia interpretato da Marco D’Amore e Matilde Gioli.

Ma ciò che rende speciale questa edizione è il corposo omaggio al grande regista italiano Pietro Germi, attraverso una serie di eventi e appuntamenti meritevoli: dalla rassegna cinematografica dedicata al regista, durante la quale saranno proiettati classici come Un maledetto imbroglio e Il ferroviere, passando per la presenza di Lando Buzzanca e Aldo Puglisi, interpreti indimenticabili del capolavoro Sedotta e abbandonata, fino ad arrivare alla mostra fotografica, allestita presso il Cassero Medievale, composta da 60 foto inedite scattate sui set di alcuni suoi film.

16-SIGNORE E SIGNORI - 1965

Fa particolarmente piacere quest’omaggio perché Germi è un regista ancora oggi poco celebrato – di sicuro non quanto meriterebbe – a dispetto della qualità delle sue opere e la quantità di premi vinti; non che i trofei rappresentino un affidabile metro di giudizio, ma siamo convinti che non molti sappiano del suo Oscar per la sceneggiatura con Divorzio all’italiana, oltre ai vari riconoscimenti ottenuti ai festival di Cannes e Berlino. E proprio il festival di Cannes quest’anno ha reso tributo a Germi proiettando la copia restaurata del suo Signore e Signori, vincitore della Palma d’oro nel 1966. L’ennesima dimostrazione di come il regista genovese sia maggiormente amato all’estero, inserito nell’Olimpo dei grandi autori italiani, che nel nostro paese, dove è stato sempre osservato con sospetto per le sue simpatie socialdemocratiche, il carattere burbero e quella caustica ironia verso malcostumi e ipocrisie italiote che ha riversato nelle sue sulfuree commedie. Sia dunque dato merito al Prato Film Festival per questo doveroso ricordo.

Commenti

Altri contenuti Cinema / Visioni
locandina_un_altro_me

Claudio Casazza

Intervista al regista di "Un altro me", in concorso al Trieste Film Festival.

Guardare per capire. Affrontare un tema spinoso e piuttosto scomodo senza giudizi preconcetti ma ascoltando la voce...
best

Film: best of 2016

Non abbiamo dubbi che il 2016 sarà ricordato come l’anno di Pablo Larraìn, che ha proposto tre...
Lou-Castel-set-A-pugni-chiusi-2827

I pugni chiusi di Lou Castel

Intervista all’attore, protagonista del documentario di Pierpaolo De Sanctis - 34° Torino Film Festival

Attore icona di una generazione isterica e disperata per Bellocchio. Attivista maoista dentro e fuori dall’industria cinematografica....
551491794

Sono Guido e non Guido

Alla scoperta di Guido Catalano. E di Armando - 34° Torino Film Festival

Un poeta ai tempi di Facebook e YouTube. Una figura ibrida tra cabarettista e poeta. Un performer...
1280x720-J60

Nessuno ci può giudicare

I musicarelli secondo Steve Della Casa - 34° Torino Film Festival

Ha impiegato 10 anni per poter realizzare il film: Steve Della Casa, critico cinematografico e storico del...
11

RomaFF 2016

Il meglio della 11esima Festa del cinema di Roma

Un anno di transizione oppure l'ennesimo segno di confusione di una manifestazione, nata sotto il segno di...
larrain

Pablo Larraìn

"Il cinema è un atto di compassione"

Incontro con il regista cileno Pablo Larraìn. Il suo "Neruda" uscirà il 13 ottobre e oggi scopriamo...
UN FILM PER L'ESTATE
Cosa guardare su Sky, Netflix e Infinity

Un film per l’estate

Pescato su Sky, Netflix e Infinity

Se qualcosa vi è sfuggito, ora è il momento di recuperare. 15 titoli per trascorrere l'estate in...
13-SEDOTTA E ABBANDONATA - 1963

Prato Film Festival 2016

Lungometraggi, corti e un omaggio a Pietro Germi

Quinta edizione del Prato Film Festival: al tradizionale concorso per cortometraggi, si aggiunge uno spazio competitivo dedicato...
Far East 2016

Far East 2016

Tempo di maturità

Giunta alla diciottesima edizione, la kermesse udinese conferma i pregi di una formula che consente all'appassionato di...
Morricone e il Western

Ennio Morricone e il western

Una lunghissima storia d'amore

“Ennio Morricone è come Mozart e Beethoven”. Lo ha detto Quentin Tarantino premiando il maestro con il...
Arcipelago

Arcipelago 2015

Street Art e Sperimentazione

Si è da poco conclusa la 2.3a edizione di ARCIPELAGO - Festival Internazionale di Cortometraggi e Nuove...
Straight Outta Compton/
Il film sugli N.W.A. al cinema dal 1 Ottobre

Straight Outta Compton

Il film sugli N.W.A. al cinema in Italia dal 1 ottobre

"Straight Outta Compton", il film sugli N.W.A. già campione di incassi negli USA e al cinema in...
Mad Max: Fury Road
Un ostinato attaccamento alla vita

Mad Max

Un ostinato attaccamento alla vita

Un film che doveva essere sulla crisi petrolifera e invece parla di chirurgia estetica d’avanguardia.
Il racconto dei racconti
La metamorfosi nel cinema di Matteo Garrone

Il racconto dei racconti

La metamorfosi nel cinema di Matteo Garrone

La fascinazione per il corpo era chiara fin dai suoi trascorsi nella pittura, un’attenzione mai voyeuristica né...