Principessa Mononoke

Battito animale

Torna nelle sale "Principessa Mononoke" (1997), capolavoro di Hayao Miyazaki, con nuovo doppiaggio e adattamento fedele all’originale. Film che cambiò le regole, mostrando il lato crudo e pessimista di un genio dell’animazione per bambini.
mucchio_mono3

E pensare che doveva essere il film dell’addio. Nel 1997 Principessa Mononoke non era ancora diventato il kolossal frantuma incassi in Giappone che conosciamo (oltre venti miliardi di yen), e già il suo regista Hayao Miyazaki, a un passo dalla notorietà internazionale grazie a Miramax che lo avrebbe presentato ufficialmente agli americani due anni dopo, aveva avvisato giornalisti e fan: Mononoke sarà il mio ultimo film. A quella promessa, per la fortuna degli irriducibili, sono seguiti invece altri quattro lungometraggi animati, compreso il recente Kaze Tachinu (2013) a chiudere definitivamente il cerchio sui suoi cinquant’anni nell’animazione.

Lo disse, Miya-san, più che altro stremato dall’immenso lavoro per creare Principessa Mononoke. Un kolossal di oltre due ore di durata che tenne impegnato lo Studio Ghibli dal 1995 al giugno del ’97, tra ritardi sulla colorazione dei cel e un budget mostruoso, per l’epoca, di due miliardi e mezzo di yen. Un record che rendeva una bazzecola i soldi spesi per Porco Rosso, appena 900 milioni, cinque anni prima. Da capogiro anche il numero di disegni necessari per il film, oltre 135 mila, di cui cinquemila solo per i primi due formidabili minuti in cui si assiste all’assalto di un enorme cinghiale tramutato in demone. Alla devozione di Miyazaki per la qualità delle immagini non ci si abitua mai.

mucchio_mono

Realizzare Principessa Mononoke risultò in realtà un’urgenza che il regista avvertiva in un momento di transizione importante per lo studio e, forse, per la sua stessa carriera, dovuto allo storico accordo siglato con la Disney che prevedeva la distribuzione di tutti i film Ghibli nel resto del mondo, e in Italia affidata a Lucky Red. Passaggio a Occidente che suonò quantomeno ardito: Mononoke infatti non era la pellicola intrisa della consueta poesia di Miyazaki. Ma un film crudele e rancoroso, affogato nel sangue. Proprio quanto ci si aspettava di vedere dai famigerati anime giapponesi.

Nella storia del principe Ashitaka che intraprende un viaggio per debellare la maledizione di cui è caduto vittima e incontra, prima, una misteriosa ragazza che s’accompagna a un branco di giganteschi lupi e, poi, una comunità di uomini che estrae il ferro dalle montagne guidata dalla cinica Eboshi, c’è lo stesso Miyazaki autore di Il mio vicino Totoro. Il discorso sul rapporto tra l’uomo e la natura è tenuto in vita come ai tempi di Nausicaä. E quel finale affatto consolatorio in Principessa Mononoke non è altro che una replica al tema di fondo, ma anche un patto che Miyazaki consolidò con se stesso per non sfiduciare l’assioma che continua a tormentarlo ancora oggi: l’uomo è nato per la distruzione di sé e di tutto ciò che lo circonda. E non ha più diritto a esistere su questa terra. Messaggio a cui in qualche misura la locandina originale della pellicola riparava con un fatalistico: “Vivere” (Ikiru). O meglio: continuare a vivere, nonostante tutto e tutti. Dèi furenti compresi.

Principessa Mononoke era un film che il Ghibli doveva fare, dice Miyazaki. Perfino con tutto quel carico di computer graphic usata con meno parsimonia rispetto al passato (hanno iniziato a sfruttarla in Pompoko, nel 1994) e lo sforzo titanico per portarlo a termine con animatori stremati, notti insonni e non poco nervosismo, quasi si fosse tornati indietro di quarant’anni, ai tempi di Toei Doga, quando cinema e serie animate coinvolgevano senza sosta i disegnatori come in una catena di montaggio di chapliniana memoria.

mucchio_mono2

Soprattutto, Miyazaki intendeva mostrare al pubblico di giovanissimi uno stato delle cose più autentico e crudele rispetto al mondo di illusioni partorito da tv, fumetti e videogiochi. Non farlo sarebbe sembrato un tradimento, anche nei confronti di chi aveva amato Totoro e Nausicaä.

E pensare che in principio, nei primi anni 80, Mononoke era nato come una fiaba in stile La Bella e la Bestia, ambientata nel Giappone feudale, con graziosa fanciulla rapita da un gatto gigante. Ennesimo progetto per bambini che Miyazaki, mezzo disoccupato e molto depresso, sperava di trasformare in film, ma non gli fecero fare. Col senno di poi, la vendetta, ha davvero un sapore amaro.

Commenti

Altri contenuti Cinema / Visioni
festival gusto della memoria 2017  dia133

Festival Cinema Vintage

Al via il bando 2017

FESTIVAL CINEMA VINTAGE “IL GUSTO DELLA MEMORIA” V edizione Roma – 28, 29 e 30 settembre 2017 Patrocinato dall’UNESCO AL VIA...
basquiat1

Basquiat: The Radiant Child

Jean-Michel Basquiat in mostra al Chiostro del Bramante

«Papa, I’m going to be famous»: c’è un certo grado di consapevolezza nelle parole di Jean-Michel Basquiat,...
tartaruga-rossa-Michael-Dudok-de-Wit

Michaël Dudok de Wit

Intervista al regista premio Oscar

L’olandese Michaël Dudok de Wit, già premio Oscar per il corto animato Father and Daughter (2000), è...
PP-manifesto1

Giovanni Mazzarino

Intervista al noto compositore jazz

Mago Merlino è il primo a entrare in scena. Il set è quello di Piani Paralleli, il...
sottodiciotto2017_immagine-guida

Sottodiciotto Film Festival

Tutti gli appuntamenti della 18° edizione

  SOTTODICIOTTO FILM FESTIVAL & CAMPUS 31 marzo – 7 aprile 2017 Torino, vari luoghi  Le proiezioni...
16406832_10154974528777277_5155378342824301449_n

Bergamo Film Meeting 2017

35° BFM| Marzo 11-19 2017

Giunto alla 35° edizione, lo storico Bergamo Film Meeting si avvia a celebrare il 2017 con un...
locandina

Maren Ade

Intervista alla regista di "Vi presento Toni Erdmann", in sala dal 2 marzo.

Magari la sbronza di premi sarà un po’ passata, dopo la sconfitta agli Oscar a favore di...
trainspotting

Verso Trainspotting 2

La colonna sonora

Per avvicinarci al secondo capitolo in uscita il 23 febbraio 2017, celebriamo una delle colonne sonore più...
trainspottin

Verso Trainspotting 2

La sottocultura che ha segnato il cinema mainstream

"Trainspotting", il film uscito vent'anni fa che ha segnato per sempre il rapporto tra cinema, droga e...
locandina_un_altro_me

Claudio Casazza

Intervista al regista di "Un altro me", in concorso al Trieste Film Festival.

Guardare per capire. Affrontare un tema spinoso e piuttosto scomodo senza giudizi preconcetti ma ascoltando la voce...
best

Film: best of 2016

Non abbiamo dubbi che il 2016 sarà ricordato come l’anno di Pablo Larraìn, che ha proposto tre...
Lou-Castel-set-A-pugni-chiusi-2827

I pugni chiusi di Lou Castel

Intervista all’attore, protagonista del documentario di Pierpaolo De Sanctis - 34° Torino Film Festival

Attore icona di una generazione isterica e disperata per Bellocchio. Attivista maoista dentro e fuori dall’industria cinematografica....
551491794

Sono Guido e non Guido

Alla scoperta di Guido Catalano. E di Armando - 34° Torino Film Festival

Un poeta ai tempi di Facebook e YouTube. Una figura ibrida tra cabarettista e poeta. Un performer...
1280x720-J60

Nessuno ci può giudicare

I musicarelli secondo Steve Della Casa - 34° Torino Film Festival

Ha impiegato 10 anni per poter realizzare il film: Steve Della Casa, critico cinematografico e storico del...
11

RomaFF 2016

Il meglio della 11esima Festa del cinema di Roma

Un anno di transizione oppure l'ennesimo segno di confusione di una manifestazione, nata sotto il segno di...
larrain

Pablo Larraìn

"Il cinema è un atto di compassione"

Incontro con il regista cileno Pablo Larraìn. Il suo "Neruda" uscirà il 13 ottobre e oggi scopriamo...