Rappresentazione di David Foster Wallace

The End Of The Tour

"The End Of The Tour", il primo film su DFW, dimostra il rapporto equivoco che intratteniamo con il più importante scrittore americano degli anni 90.
David Foster Wallace, Syracuse, New York, 1995

Il 31 luglio esce al cinema The End Of The Tour, il primo film su David Foster Wallace: basato sul libro Come diventare se stessi, racconta cinque giorni dell’intervista che il giornalista David Lipsky fece allo scrittore durante il tour promozionale di Infinite Jest tra il 5 e il 10 marzo 1996. Il regista, James Ponsoldt, è sconosciuto ai più ma ha una passione per le lettere (porterà sullo schermo il romanzo di fantascienza Il cerchio di Dave Eggers), Wallace è interpretato da Jason Segel e Lipsky da Jesse Eisenberg (Mark Zukerberg in The Social Network). Nel trailer ufficiale, rilasciato il 27 maggio, ci sono interstatali e parcheggi, supermercati e luna park. C’è Wallace-Segel che fuma e parla al registratore vocale dicendo “I am smoking, it’s just me and the tape recorder”.

Al netto di un riconoscimento critico ormai unanime (Foster Wallace è lo scrittore americano del tardo-postmoderno), è interessante notare come a sette anni dal suicidio ogni frammento di cultura pop edificato intorno alla figura dell’autore di Infinite Jest venga recepito con una sorta di cautela, tant’è che a fare il primo passo devono essere degli outsider: era capitato lo stesso con la pur bella biografia Ogni storia d’amore è una storia di fantasmi, che è valsa al suo autore D.T. Max una notorietà solo passeggera. Sembra che chi entra in contatto con DFW e il suo mito in qualche modo si smaterializzi, come se venisse risucchiato in un buco nero.

In parte ciò si deve al fatto che, come ho sentito dire a un amico, Wallace è come Sun Kil Moon: quelle cose che tutti amano ma che nessuno conosce fino in fondo. C’è una verità più profonda in questo (con le dovute differenze) rispetto alla constatazione banale che in pochi possono vantarsi di aver approcciato lo scrittore del New England in maniera spontanea come si potrebbe fare, ad esempio, con uno Stephen King o un Bret Easton Ellis. Infinite Jest escluso, l’importanza di Wallace è nei saggi come E Unibus Pluram, nel discorso sulla New Sincerity, nell’esaurimento espressivo veicolato dalla sua sintassi: non cose semplici. In un’intervista del 1997 dice che all’università il suo campo di studi era “la logica matematica e la semiotica”. Cavar fuori l’hype da questo è tutt’altro che una passeggiata.

Lo stesso vale per quell’America anni 90, delle statali e dei supermercati, che era davvero il mondo di Wallace: un tizio che non hai mai smesso di andare in giro con la bandana e di avere paura degli squali nonostante vivesse a svariate centinaia di chilometri dal mare. Niente di cool. Come non c’è molto di cool nella storia della depressione che l’avrebbe portato alla morte, per quanta leggerezza vi si voglia cercare (e nel film pare che ce ne sia parecchia) con buona pace dell’estetica indie che ha sdoganato ormai da qualche decennio il nerd genialoide come figura dell’eroe in un mondo senza eroi.

Marta Ciccolari Micaldi, che ha visto il film in anteprima lo scorso giugno a Bloomington, Illinois, in compagnia degli amici di DFW, ha scritto sul suo blog lamcmusa.com un pezzo illuminante su come nessuno da quelle parti si aspettasse di vedere un ritratto di David più complesso o tormentato di quello fatto da Ponsoldt. Anche questa è una lezione: il Midwest americano che ha generato Wallace guarda il film e rivede se stesso, ed è giusto così. Noi invece vediamo lo scrittore di culto che genera centinaia di visite annuali al suo archivio conservato a Austin, in Texas, e qualcosa ci sfugge: c’è una barriera culturale, una irriducibilità di Wallace al discorso che lo circonda, che lo salva dalla banalizzazione proprio in virtù della sua tormentata complessità. E anche questo, senza dubbio, è giusto così.

 

Commenti

Altri contenuti Cinema / Visioni
16406832_10154974528777277_5155378342824301449_n

Bergamo Film Meeting 2017

35° BFM| Marzo 11-19 2017

Giunto alla 35° edizione, lo storico Bergamo Film Meeting si avvia a celebrare il 2017 con un...
locandina

Maren Ade

Intervista alla regista di "Vi presento Toni Erdmann", in sala dal 2 marzo.

Magari la sbronza di premi sarà un po’ passata, dopo la sconfitta agli Oscar a favore di...
trainspotting

Verso Trainspotting 2

La colonna sonora

Per avvicinarci al secondo capitolo in uscita il 23 febbraio 2017, celebriamo una delle colonne sonore più...
trainspottin

Verso Trainspotting 2

La sottocultura che ha segnato il cinema mainstream

"Trainspotting", il film uscito vent'anni fa che ha segnato per sempre il rapporto tra cinema, droga e...
locandina_un_altro_me

Claudio Casazza

Intervista al regista di "Un altro me", in concorso al Trieste Film Festival.

Guardare per capire. Affrontare un tema spinoso e piuttosto scomodo senza giudizi preconcetti ma ascoltando la voce...
best

Film: best of 2016

Non abbiamo dubbi che il 2016 sarà ricordato come l’anno di Pablo Larraìn, che ha proposto tre...
Lou-Castel-set-A-pugni-chiusi-2827

I pugni chiusi di Lou Castel

Intervista all’attore, protagonista del documentario di Pierpaolo De Sanctis - 34° Torino Film Festival

Attore icona di una generazione isterica e disperata per Bellocchio. Attivista maoista dentro e fuori dall’industria cinematografica....
551491794

Sono Guido e non Guido

Alla scoperta di Guido Catalano. E di Armando - 34° Torino Film Festival

Un poeta ai tempi di Facebook e YouTube. Una figura ibrida tra cabarettista e poeta. Un performer...
1280x720-J60

Nessuno ci può giudicare

I musicarelli secondo Steve Della Casa - 34° Torino Film Festival

Ha impiegato 10 anni per poter realizzare il film: Steve Della Casa, critico cinematografico e storico del...
11

RomaFF 2016

Il meglio della 11esima Festa del cinema di Roma

Un anno di transizione oppure l'ennesimo segno di confusione di una manifestazione, nata sotto il segno di...
larrain

Pablo Larraìn

"Il cinema è un atto di compassione"

Incontro con il regista cileno Pablo Larraìn. Il suo "Neruda" uscirà il 13 ottobre e oggi scopriamo...
UN FILM PER L'ESTATE
Cosa guardare su Sky, Netflix e Infinity

Un film per l’estate

Pescato su Sky, Netflix e Infinity

Se qualcosa vi è sfuggito, ora è il momento di recuperare. 15 titoli per trascorrere l'estate in...
13-SEDOTTA E ABBANDONATA - 1963

Prato Film Festival 2016

Lungometraggi, corti e un omaggio a Pietro Germi

Quinta edizione del Prato Film Festival: al tradizionale concorso per cortometraggi, si aggiunge uno spazio competitivo dedicato...
Far East 2016

Far East 2016

Tempo di maturità

Giunta alla diciottesima edizione, la kermesse udinese conferma i pregi di una formula che consente all'appassionato di...
Morricone e il Western

Ennio Morricone e il western

Una lunghissima storia d'amore

“Ennio Morricone è come Mozart e Beethoven”. Lo ha detto Quentin Tarantino premiando il maestro con il...
Arcipelago

Arcipelago 2015

Street Art e Sperimentazione

Si è da poco conclusa la 2.3a edizione di ARCIPELAGO - Festival Internazionale di Cortometraggi e Nuove...