Serie tv

A che punto siamo?

Un libro sostiene che la buona televisione esiste. Ce ne eravamo accorti.
SERIE TV
A che punto siamo?

L’importo del premio è di 10mila dollari tondi, una somma irrilevante in confronto alla autorevolezza del riconoscimento a cui si accompagna. Se vinci un Pulitzer significa che, secondo l’opinione di esimi giurati, il tuo lavoro nel campo dell’informazione è di diverse
spanne sopra quello dei tuoi colleghi, non solo per gli argomenti trattati, ma anche per la chiave originale in cui li esponi e la capacità di analisi che dimostri nel cogliere lo spirito del tempo. Quest’anno, per la critica, la lode è andata a Emily Nussbaum che scrive di televisione per il “New Yorker”, mentre nel 2015 era toccata a Mary McNamara, stesse pagine ma del “Los Angeles Times”. Una doppietta indicativa del peso specifico della tv che La nuova fabbrica dei sogni, il volume sui miti e i riti delle serie americane appena pubblicato da Il Saggiatore, dimentica di utilizzare come ulteriore dimostrazione di una realtà ormai assodata: al senso di inferiorità della televisione non crede più nessuno, dicono Aldo Grasso e Cecilia Penati che firmano il testo, facciamo un libro che lo sancisca e non torniamoci più.

Come la letteratura e il cinema, il piccolo schermo ha i suoi autori, i suoi personaggi, le sue professionalità (l’onnipotente showrunner vive qui e da nessun’altra parte), i suoi critici e le sue cattedre all’università che costruiscono giorno dopo giorno la cosmogonia, ormai importante, che lo riguarda; tanto vale smettere di tirare in ballo film e romanzi come termini di paragone per discutere, che so, di Mad Men perché ce n’è abbastanza per trattare la serie di Matthew Weiner come opera d’arte a sè stante, secondo regole e canoni propri.
Anzi, per la maniera in cui la serialità televisiva detta l’agenda dei temi più popolari, è decisamente il format che si muove meglio nella fabbrica culturale: è agile, sia per le ridotte risorse economiche che richiede e la facilità di procurarsele grazie all’appeal presso gli investitori, sia per i cicli di lavorazione mediamente più brevi rispetto a qualunque produzione cinematografica, riuscendo quindi a stare sempre sul pezzo: legge il presente e lo mette rapidamente in scena potendo contare su più piattaforme in grado di moltiplicare le modalità e la capacità di fruizione.

Pensateci, solo dieci anni fa non esistevano lo streaming, il binge-watching, le web-series, il live tweeting, la lunga lista di registi e attori venuti dal cinema, le comunità a lavoro sui sottotitoli, i remake, le serie europee esportate negli Stati Uniti, l’utilizzo ad hoc della grafica computerizzata, le sorprendenti location internazionali e la sovrabbondanza di storie che dimostrano i molti modi in cui noi e la televisione siamo cambiati, talvolta in maniera così repentina da renderne difficile una mappatura puntuale su carta: così se La nuova fabbrica dei sogni riesce nella missione di lavare il peccato originale e fissare i punti cardinali di questo giovane mondo, a differenza di testate specifiche come “Link”, ora anche online, o articoli approfonditi su siti e riviste periodiche, il libro non arriva a dare conto degli ultimi sviluppi di The Jinx o Making A Murderer, titoli capaci di uscire dallo schermo e avere risvolti sulla vita reale. La novità sta nel coinvolgimento del pubblico che non ha mai avuto un ruolo così attivo; non è più questione di cambiare canale o decidere come e quando vedere certi episodi, ma di sentirsi chiamati ad intervenire per mutare il corso degli eventi, dei processi, sulla base di quel che viene mostrato.

Non è sbagliato dire che le nostre scelte (anche) in termini di tv ci definiscono, ma per essere spettatori maturi è necessario conoscere i fili che muovono questa fabbrica, possibilmente senza perdere la voglia di sorprendersi, perché come scrive la smaliziata eppure accorata Nussbaum “nella mia immaginazione la televisione è capace di qualunque cosa”.

Commenti

Altri contenuti TV / Visioni
WESTWORLD
Non cancellare il tuo ricordo

Westworld

Non cancellare il tuo ricordo

Sono le nostre percezioni a renderci umani. O forse no? "Westworld" e "Black Mirror" provano a rispondere.
capa

Maccio Capatonda

Mariottide - La sitcom più triste del mondo

“È meglio male, sempre meglio male”. Un inno più che una canzone. Il suo cantore è Mariottide,...
SERIE TV
A che punto siamo?

Serie tv

A che punto siamo?

Un libro sostiene che la buona televisione esiste. Ce ne eravamo accorti.
The Jinx
Stranger than fiction

The Jinx

Stranger than fiction

La serie "The Jinx", che ha stregato pure Mark Kozelek, e il romanzo "Nel mondo a venire"...
Mad Men
Arrivederci Sisifo dei sobborghi

Mad Men

Arrivederci Sisifo dei sobborghi

Non è vero che dopo otto anni di "Mad Men" Don Draper è troppo uguale a se...
Best of 2014
I nostri 20 album da ricordare

Serie tv: best of 2014

Gli esordi da ricordare

In Black Mirror Charlie Brooker lo andava dicendo dal 2011, meglio parlare di “schermo” perché “televisione” è...
True-detective-1x02-7

True Detective

Il cuore di tenebra della Louisiana

C’è un serial killer e ci sono due detective sulle sue tracce. C’è un paesaggio di bayou,...
breakingbad

Breaking Bad

Greatings from Albuquerque

Il destino trasforma un uomo mite in un gangster e in un assassino. Accade in "Breaking Bad",...
true-detective

True Detective

Noir Reloaded

E' senza dubbio la serie dell'anno e negli Stati Uniti sta per volgere al termine.
KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Scrivere per la tv

La sospensione del diritto

A colloquio con Barbara Petronio, sceneggiatrice di serie tv e membro della WritersGuild Italia che tutela chi...
gSXAHxTdZDgUqeUL8I5G3mdHb3Q

Il telefilm non abita più qui

Ma lo trovi (e se ne parla) sul Web

Avete mai provato a riflettere su cosa ne sarebbe delle serie tv senza la Rete? O meglio,...
Gli anni spezzati della fiction italiana
Perché la nostra tv fa cagare (in dieci punti)

Gli anni spezzati della fiction italiana (1×01)

Leggi il resto sul Mucchio di febbraio dal 3 in edicola, pdf e app

Pochi avranno mancato di notare che l’esposizione prolungata ad alcuni spettacoli televisivi, qui da noi audacemente chiamati fiction,...
Le serie per l'estate
Dieci titoli da spararsi in mutande

Serie per l’estate

Dieci titoli da spararsi in mutande

Pensare intensamente all’Islanda non basterà ad ingannare la calura estiva, meglio organizzare maratone televisive. Che ricorriate ai...
DOCTOR WHO SERIES 7B EPISODE 3 COLD WAR

Doctor Who

Nella mia fine è il mio principio

Siccome si va sempre di fretta in Doctor Who, i dettagli sono importanti. Storia di un dottore...