Supereroi

Wolverine & Co

Non ci sono stati altri periodi più favorevoli di questo ai film di supereroi. Vediamo perché.
Supereroi
Wolverine & Co.

Il 20 giugno è uscito L’uomo d’acciaio. Ennesimo tentativo di portare Superman sul grande schermo sei anni dopo la prova (non riuscita, a quanto pare) di Bryan Singer. Questa volta, la Warner Bros ha affidato il progetto a Christopher Nolan, che con la casa di Burbank e la DC Comics ha già lavorato con profitto alla trilogia del Cavaliere Oscuro. Nolan, qui in veste di produttore, ha delegato la regia alla visionarietà fumettistica di Zack Snyder (che dai fumetti aveva già tratto 300 e Watchmen).
Nello stesso periodo è uscito anche Into Darkness, il secondo capitolo del reboot di Star Trek ad opera di J.J. Abrams. È di pochi mesi fa, ancora, Iron Man 3, mentre il 25 luglio le sale saranno invase da un altro supereoe Marvel, Wolverine – L’immortale. E intanto girano i trailer di Thor: The Dark World, previsto per novembre. Insomma, se mettiamo nel calderone anche il nuovo progetto relativo a Star Wars (ancora JJ Abrams), possiamo affermare che per saghe, serie e supereroi di ogni sorta e genere è un vero periodo d’oro. E non è difficile capire perché.

Ci sono alcuni motivi fondamentali per cui questo tipo di cinema sta ottenendo un successo oltre ogni immaginazione (al punto che i supereroi cambiano faccia e volto dopo appena un lustro: non solo Superman, ma anche Spider Man, che dopo il successo dei film di Raimi ha ricominciato con un nuovo volto – Andrew Garfield – e una nuova serie).
Prima di tutto bisogna pensare a questi film come espansione di autentiche e genuine forme di cultura popolare americana. I fumetti e le serie televisive sono da sempre format narrativi statunitensi per eccellenza, che seguono delle regole specifiche diventando veri e propri ecosistemi. La serie di Star Trek, ad esempio, ha dato il via a un franchise immenso che si è espanso in lungo e in largo con prodotti ufficiali (film, gadget, ecc.) e non (le fan fiction dedicate all’universo di Kirk e soci sono un vero e proprio genere riconosciuto). Marvel e DC, invece, sono davvero forme in continua espansione: contaminazioni tra serie e saghe dedicate a personaggi marginali, un reboot dietro l’altro, linee narrative parallele e così via. Il terreno è fertile per sua stessa definizione. Il cinema, quindi, è una naturale conseguenza: dagli anni Settanta in poi si è sempre cercato di portare i supereroi di ogni genere sullo schermo.

 

henry_cavill_intervista-l-uomo-d-acciaio

 

Non bisogna poi dimenticare che il cinema, negli ultimi anni, ha subito come non mai il ritorno della serialità televisiva. La HBO agisce a tutti gli effetti secondo le logiche dello studio system e ha ormai un potere d’acquisto immenso. La tv gareggia alla pari, il cinema si adatta e risponde. Ecco perché tutti questi film sono soggetti a una serializzazione istantanea. Bisogna cercare di fidelizzare il pubblico. Il tentativo più ambizioso è, ad oggi, quello della Marvel che, di concerto con la Disney (che la controlla dal 2009), ha costruito il puzzle degli Avengers. Vero e proprio universo in cui i film dedicati ai supereroi riuniti da Joss Whedon nel 2012 (nel film omonimo che è diventato il terzo più grande incasso di tutti i tempi) dialogano costruendo una sorta di grande mappa in cui unire i punti.

Ultimo ma non ultimo, lo spettacolo insito nel concetto stesso di film di supereroi permette di poter sperimentare le novità tecnologiche e di fare in mondo che la sala cinematografica possa tornare luogo d’elezione per la fruizione di un prodotto “grande e spettacolare”, che su piccolo schermo potrebbe perdere d’efficacia (in fondo, nonostante alcuni di questi film abbiano sceneggiature di ferro, non si può dire che si vada a vederli per la storia). Ecco perché tutti i film sono gonfiati in 3D. Ed ecco perché si punta al film come spettacolo multisensoriale (non solo le mirabolanti sequenze d’azione: si pensi anche al ruolo della musica con il lavoro intrusivo di compositori come Hans Zimmer) che cerca una totale immersione del pubblico nell’universo della sala.
Una gallina dalle infinite uova d’oro, quindi, che, nonostante alcuni fallimenti (Green Hornet di Michel Gondry), promette di essere ancora per qualche tempo un trend dominante della produzione hollywoodiana e non solo per il periodo estivo.

Pubblicato sul Mucchio 708/709

Altri contenuti Cinema / Visioni
festival gusto della memoria 2017  dia133

Festival Cinema Vintage

Al via il bando 2017

FESTIVAL CINEMA VINTAGE “IL GUSTO DELLA MEMORIA” V edizione Roma – 28, 29 e 30 settembre 2017 Patrocinato dall’UNESCO AL VIA...
basquiat1

Basquiat: The Radiant Child

Jean-Michel Basquiat in mostra al Chiostro del Bramante

«Papa, I’m going to be famous»: c’è un certo grado di consapevolezza nelle parole di Jean-Michel Basquiat,...
tartaruga-rossa-Michael-Dudok-de-Wit

Michaël Dudok de Wit

Intervista al regista premio Oscar

L’olandese Michaël Dudok de Wit, già premio Oscar per il corto animato Father and Daughter (2000), è...
PP-manifesto1

Giovanni Mazzarino

Intervista al noto compositore jazz

Mago Merlino è il primo a entrare in scena. Il set è quello di Piani Paralleli, il...
sottodiciotto2017_immagine-guida

Sottodiciotto Film Festival

Tutti gli appuntamenti della 18° edizione

  SOTTODICIOTTO FILM FESTIVAL & CAMPUS 31 marzo – 7 aprile 2017 Torino, vari luoghi  Le proiezioni...
16406832_10154974528777277_5155378342824301449_n

Bergamo Film Meeting 2017

35° BFM| Marzo 11-19 2017

Giunto alla 35° edizione, lo storico Bergamo Film Meeting si avvia a celebrare il 2017 con un...
locandina

Maren Ade

Intervista alla regista di "Vi presento Toni Erdmann", in sala dal 2 marzo.

Magari la sbronza di premi sarà un po’ passata, dopo la sconfitta agli Oscar a favore di...
trainspotting

Verso Trainspotting 2

La colonna sonora

Per avvicinarci al secondo capitolo in uscita il 23 febbraio 2017, celebriamo una delle colonne sonore più...
trainspottin

Verso Trainspotting 2

La sottocultura che ha segnato il cinema mainstream

"Trainspotting", il film uscito vent'anni fa che ha segnato per sempre il rapporto tra cinema, droga e...
locandina_un_altro_me

Claudio Casazza

Intervista al regista di "Un altro me", in concorso al Trieste Film Festival.

Guardare per capire. Affrontare un tema spinoso e piuttosto scomodo senza giudizi preconcetti ma ascoltando la voce...
best

Film: best of 2016

Non abbiamo dubbi che il 2016 sarà ricordato come l’anno di Pablo Larraìn, che ha proposto tre...
Lou-Castel-set-A-pugni-chiusi-2827

I pugni chiusi di Lou Castel

Intervista all’attore, protagonista del documentario di Pierpaolo De Sanctis - 34° Torino Film Festival

Attore icona di una generazione isterica e disperata per Bellocchio. Attivista maoista dentro e fuori dall’industria cinematografica....
551491794

Sono Guido e non Guido

Alla scoperta di Guido Catalano. E di Armando - 34° Torino Film Festival

Un poeta ai tempi di Facebook e YouTube. Una figura ibrida tra cabarettista e poeta. Un performer...
1280x720-J60

Nessuno ci può giudicare

I musicarelli secondo Steve Della Casa - 34° Torino Film Festival

Ha impiegato 10 anni per poter realizzare il film: Steve Della Casa, critico cinematografico e storico del...
11

RomaFF 2016

Il meglio della 11esima Festa del cinema di Roma

Un anno di transizione oppure l'ennesimo segno di confusione di una manifestazione, nata sotto il segno di...
larrain

Pablo Larraìn

"Il cinema è un atto di compassione"

Incontro con il regista cileno Pablo Larraìn. Il suo "Neruda" uscirà il 13 ottobre e oggi scopriamo...