Supereroi

Wolverine & Co

Non ci sono stati altri periodi più favorevoli di questo ai film di supereroi. Vediamo perché.
Supereroi
Wolverine & Co.

Il 20 giugno è uscito L’uomo d’acciaio. Ennesimo tentativo di portare Superman sul grande schermo sei anni dopo la prova (non riuscita, a quanto pare) di Bryan Singer. Questa volta, la Warner Bros ha affidato il progetto a Christopher Nolan, che con la casa di Burbank e la DC Comics ha già lavorato con profitto alla trilogia del Cavaliere Oscuro. Nolan, qui in veste di produttore, ha delegato la regia alla visionarietà fumettistica di Zack Snyder (che dai fumetti aveva già tratto 300 e Watchmen).
Nello stesso periodo è uscito anche Into Darkness, il secondo capitolo del reboot di Star Trek ad opera di J.J. Abrams. È di pochi mesi fa, ancora, Iron Man 3, mentre il 25 luglio le sale saranno invase da un altro supereoe Marvel, Wolverine – L’immortale. E intanto girano i trailer di Thor: The Dark World, previsto per novembre. Insomma, se mettiamo nel calderone anche il nuovo progetto relativo a Star Wars (ancora JJ Abrams), possiamo affermare che per saghe, serie e supereroi di ogni sorta e genere è un vero periodo d’oro. E non è difficile capire perché.

Ci sono alcuni motivi fondamentali per cui questo tipo di cinema sta ottenendo un successo oltre ogni immaginazione (al punto che i supereroi cambiano faccia e volto dopo appena un lustro: non solo Superman, ma anche Spider Man, che dopo il successo dei film di Raimi ha ricominciato con un nuovo volto – Andrew Garfield – e una nuova serie).
Prima di tutto bisogna pensare a questi film come espansione di autentiche e genuine forme di cultura popolare americana. I fumetti e le serie televisive sono da sempre format narrativi statunitensi per eccellenza, che seguono delle regole specifiche diventando veri e propri ecosistemi. La serie di Star Trek, ad esempio, ha dato il via a un franchise immenso che si è espanso in lungo e in largo con prodotti ufficiali (film, gadget, ecc.) e non (le fan fiction dedicate all’universo di Kirk e soci sono un vero e proprio genere riconosciuto). Marvel e DC, invece, sono davvero forme in continua espansione: contaminazioni tra serie e saghe dedicate a personaggi marginali, un reboot dietro l’altro, linee narrative parallele e così via. Il terreno è fertile per sua stessa definizione. Il cinema, quindi, è una naturale conseguenza: dagli anni Settanta in poi si è sempre cercato di portare i supereroi di ogni genere sullo schermo.

 

henry_cavill_intervista-l-uomo-d-acciaio

 

Non bisogna poi dimenticare che il cinema, negli ultimi anni, ha subito come non mai il ritorno della serialità televisiva. La HBO agisce a tutti gli effetti secondo le logiche dello studio system e ha ormai un potere d’acquisto immenso. La tv gareggia alla pari, il cinema si adatta e risponde. Ecco perché tutti questi film sono soggetti a una serializzazione istantanea. Bisogna cercare di fidelizzare il pubblico. Il tentativo più ambizioso è, ad oggi, quello della Marvel che, di concerto con la Disney (che la controlla dal 2009), ha costruito il puzzle degli Avengers. Vero e proprio universo in cui i film dedicati ai supereroi riuniti da Joss Whedon nel 2012 (nel film omonimo che è diventato il terzo più grande incasso di tutti i tempi) dialogano costruendo una sorta di grande mappa in cui unire i punti.

Ultimo ma non ultimo, lo spettacolo insito nel concetto stesso di film di supereroi permette di poter sperimentare le novità tecnologiche e di fare in mondo che la sala cinematografica possa tornare luogo d’elezione per la fruizione di un prodotto “grande e spettacolare”, che su piccolo schermo potrebbe perdere d’efficacia (in fondo, nonostante alcuni di questi film abbiano sceneggiature di ferro, non si può dire che si vada a vederli per la storia). Ecco perché tutti i film sono gonfiati in 3D. Ed ecco perché si punta al film come spettacolo multisensoriale (non solo le mirabolanti sequenze d’azione: si pensi anche al ruolo della musica con il lavoro intrusivo di compositori come Hans Zimmer) che cerca una totale immersione del pubblico nell’universo della sala.
Una gallina dalle infinite uova d’oro, quindi, che, nonostante alcuni fallimenti (Green Hornet di Michel Gondry), promette di essere ancora per qualche tempo un trend dominante della produzione hollywoodiana e non solo per il periodo estivo.

Pubblicato sul Mucchio 708/709

Altri contenuti Cinema / Visioni
Anteprima:Thelma_al cinema dal 21 giugno

Thelma

A Paranormal Queer Love story

Dal regista di "Reprise" e "Segreti di famiglia" il 21 giugno arriva in Italia "Thelma", quarta...
mucchio_Carrie_still

Carrie: horror rosso sangue

Un altro classico del cinema torna rimasterizzato in Home Video.

Dopo il super cofanetto dedicato a L’armata delle tenebre, Koch Media e Midnight Classics propongono in gran...
2aea98c2-9e8f-4462-8f2c-c4fbcd961704

Sicilia Queer Filmfest 2018

31 maggio - 6 giugno 2018

SICILIA QUEER 2018 Palermo, Cantieri Culturali alla Zisa / Cinema Rouge et Noir 31 maggio – 6...
orlandohd18

Orlando 2018

Il festival dedicato a identità, generi e rappresentazioni del corpo

Bergamo, dal 15 al 20 maggio più di 30 proposte in 11 diversi spazi della città.
coverlg

AKIRA | 30° Anniversario

Solo il 18 aprile al cinema

In sala il 18 aprile torna il capolavoro distopico di Katsuhiro Otomo con un nuovo doppiaggio, fedele...
Mandatory Credit: Photo by Shizuo Kambayashi/AP/REX/Shutterstock (6738377d)
Isao Takahata Japanese animated film director Isao Takahata speaks about his latest film "The Tale of The Princess Kaguya" with its poster during an interview at his office, Studio Ghibli, in suburban Tokyo. The princess laughs and floats in sumie-brush sketches of faint pastel, a lush landscape that animated film director Isao Takahata has painstakingly depicted to relay his gentle message of faith in this world. But his Oscar-nominated work stands as a stylistic challenge to Hollywood's computer-graphics cartoons, where 3D and other digital finesse dominate. Takahata says those terms with a little sarcastic cough. The 79-year-old co-founder of Japan's prestigious animator, Studio Ghibli, instead stuck to a hand-drawn look
Japan Oscars Overseas Princess Animation, Tokyo, Japan

Il cinema di Isao Takahata

Storia di un uomo molto innamorato

All'età di 82 anni è scomparso Isao Takahata, regista noto per aver fondato insieme a Hayao Miyazaki...
66596_26815408_10156096207857277_4670907796239682441_n (828x315)

Bergamo Film Meeting 2018

36° Bergamo Film Meeting (10-18 marzo 2018)

Con la proiezione del capolavoro L’ultima risata di F.W. Murnau, musicato dal vivo dal Maestro Gerardo Chimini...
luca-guadagnino-conferma-remake-suspiria-con-protagoniste-dakota-johnson-tilda-swinton-254641

Luca Guadagnino

Intervista al regista

Il nuovo cinema italiano, la famiglia Agnelli, Renzi e la forza rivoluzionaria dell’eros. In attesa che "Chiamami...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.2)

Top ten: gli ultimi cinque

Un anno di cinema da racchiudere nell’abituale classifica di fine anno: già pubblicata in versione ridotta sulla...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.3)

I film da recuperare

Poco visti, forse incompresi, a volte equivocati, senz’altro da noi molto amati. Più che i nostri film...
LoveIsAllMovie-fb

Love is all: Piergiorgio Welby

Intervista agli autori del documentario

Non è vero che la sofferenza porta alla salvezza. Lo testimonia l’esistenza dinamica, ironica, curiosa, persino psichedelica...
2127142_14011444

Pino Donaggio

Intervista al compositore, vincitore del Gran Premio Torino

Dopo l'intervista a Cliff Martinez, continuiamo a esplorare il mondo della musica da film intervistando il compositore...