Twin Peaks 3

Episodi 3 e 4

twinpeaksdougiejones.0.png

Personaggi che parlano al contrario o che non parlano affatto, muti, sordi o senza occhi come la donna che apre il terzo episodio cercando di parlare con Cooper: la costellazione di Twin Peaks è fitta di elementi con cui una comunicazione perfetta è impossibile. Così anche Lynch con il suo spettatore decide di non comunicare in modo lineare, ma di distruggere i limiti del pensiero razionale per portare il suo senso della sua opera alla dimensione percettiva e artistica. Per farlo, negli episodi 3 e 4 – diretti da Lynch e da lui scritti come sempre con Mark Frost – si serve dell’odissea dimensionale di Cooper, che dopo essere stato spedito fuori dalla Loggia Nera per trovare e fermare il suo doppio malvagio (creato dalla possessione di Bob) vaga sperduto nel corpo di un altro; intanto il doppio finisce in prigione e riceve la visita dell’FBI che indaga sul massacro nella scatola di vetro.

In questi due episodi, Lynch rispolvera le armi dell’umorismo grottesco e del non-sense con Kyle MacLachlan marionetta infantile e spaesata, lo stesso Lynch mirabile agente e cameo di lusso come Naomi Watts, David Duchovny e Michael Cera (già cult il suo Wally Brando): in-jokes, fan service e risate tra i denti. Nel mentre, Lynch dissemina il tutto di indizi subliminali o enigmatici come i numeri sulle scatole o la Rosa Blu come fossimo in un’opera di Peter Greenaway e gioca con le dinamiche stesse di una serie tv, dopo un’apertura di serie in cui invece puntava dritto alla distorsione percettiva, che resta comunque nella descrizione di una cittadina come Twin Peaks bloccata nel tempo, chiusa dentro e fuori dalla Loggia (la scena del telefono cellulare che sorprende Lucy e la successiva ricomparsa della foto di Laura Palmer come centro della questione).

Qui, pur nella gestione di tempi infiniti per la tv che causano un curioso stato di ipnosi e paura, Lynch dimostra che i molti anni lontano dall’audio-visivo non significano che sia rimasto a digiuno di nuovi media e nuove narrazioni: la sua cura per la scena, la sequenza, la singola immagine e la sua portata iconografica raccontano di un artista che oltre che con immagini e suoni ha studiato l’essenza del mezzo su cui opera e anche della forte consapevolezza dei meccanismi di vitalità e di “memeizzazione” dell’immagine: l’Helloooo-ooo-ooo di Cooper divenuto Mr. Jackpot cos’è se non trasformare la goliardia dei social network in tassello creativo?

Commenti

Altri contenuti Cinema / TV / Visioni
animaphix2_022930

Animaphix 2017

Il cinema d'animazione a Bagheria

ANIMAPHIX Festival internazionale del film d’animazione III edizione Bagheria (Pa) | Villa Aragona Cutò – Villa Cattolica...
lakecomo-film-festival-2017-132529

Lake Como Film Festival 2017

5a edizione | Lago di Como, 25 giugno - 16 luglio 2017

Lake Como Film Festival – La città paesaggio  La quinta edizione di Lake Como Film Festival, dedicata...
robert690

Il Cinema Ritrovato 2017

Torna a Bologna, per la XXXI edizione.

La Fondazione Cineteca di Bologna presenta la 31a edizione del festival Il Cinema Ritrovato, in programma dal 24 giugno al 1° luglio 2017, a...
Senza-titolo-1

Biografilm è finito

Evviva Biografilm

E nonostante l’heavy rotation del video che giustamente celebra il Guerrilla Staff prima di ogni proiezione consegni...
twinpeaksdougiejones.0.png

Twin Peaks 3

Episodi 3 e 4

Personaggi che parlano al contrario o che non parlano affatto, muti, sordi o senza occhi come la...
COPERTINA-sito3

Asian Film Festival 2017

Lo sguardo dell’Oriente nel cinema

A Bologna Taiwan week e Asian Film Festival 14 Lo sguardo dell’Oriente nel cinema 1-4 giugno Cineteca...
twin-peaks-dale-cooper_

Twin Peaks 3

Episodi 1 e 2

La terza stagione commentata episodio per episodio dopo la messa in onda italiana.
sq17_sito_testatapage_04

Sicilia Queer Filmfest 2017

Nuova edizione del festival siciliano

SICILIA QUEER FILMFEST Palermo, Cantieri Culturali alla Zisa / Cinema Rouge et Noir 24 maggio – 1...
f2c704f81e8d5ed4ec2581b7930e0101371d5523ff211c0bb01aaf633cb8f980_3950550

Cannes vs Netflix

Cannes Day 2 - Una polemica di retroguardia

L’ultima sentenza è arrivata ieri, mentre la conferenza stampa della giuria di Cannes aveva luogo, pronunciata proprio...
image

Hirokazu Kore’eda

Intervista al regista di "Ritratto di famiglia con tempesta"

Erede di un cinema giapponese delicato ma frontale, onesto e diretto ma anche ricco di tatto e...
closeknit

“Orlando”

"Orlando": l'identità di genere sul grande schermo

Torna e cresce "Orlando", festival dedicato a corpo, identità di genere e orientamenti sessuali. 14-21 maggio 2017:...
DANIELE VICARI
- Non una di meno

Daniele Vicari

Nessuna di meno

Conversazione con il regista su "Sole cuore amore", il suo nuovo film in uscita il 4 maggio....
intestazioneh2o

H2O: Iphoneography for human rights

Aperte le iscrizioni al contest H2O - Iphoneography for Human Rights

La macchina fotografica migliore è quella che hai sempre con te: a dirlo è Chase Jarvis, classe...
festival gusto della memoria 2017  dia133

Festival Cinema Vintage

Al via il bando 2017

FESTIVAL CINEMA VINTAGE “IL GUSTO DELLA MEMORIA” V edizione Roma – 28, 29 e 30 settembre 2017 Patrocinato dall’UNESCO AL VIA...
basquiat1

Basquiat: The Radiant Child

Jean-Michel Basquiat in mostra al Chiostro del Bramante

«Papa, I’m going to be famous»: c’è un certo grado di consapevolezza nelle parole di Jean-Michel Basquiat,...
tartaruga-rossa-Michael-Dudok-de-Wit

Michaël Dudok de Wit

Intervista al regista premio Oscar

L’olandese Michaël Dudok de Wit, già premio Oscar per il corto animato Father and Daughter (2000), è...