Vizio di forma

Al cinema dal 26 febbraio

Paul Thomas Anderson, l’uomo che girava film impossibili.
Paul Thomas Anderson
Il regista che girava film impossibili

È notizia di questi giorni che Charles Manson sposerà la sua fidanzata dopo quarantacinque anni di celibato carcerario in seguito all’omicidio dell’attrice Sharon Tate e di altre sei persone. Posseduto dalla convinzione che l’apocalisse Helter Skelter fosse imminente, Manson ha messo fine ai giorni degli hippie in maniera cruenta, diventando lui sì più famoso di Gesù Cristo (alla faccia di John Lennon). È negli stessi giorni del clamore attorno al suo matrimonio che vedo Vizio di forma di Paul Thomas Anderson. Il film non cita esplicitamente la Famiglia Manson, così come The Master non nominava Scientology: eludendo il reale, Anderson lo magnifica e lo rende ancora più sinistro. È il motivo per cui il suo cinema fatto di contro-toni e di assoluti – la Famiglia, la Religione, l’Autorità – prima o poi gli farà guadagnare l’appellativo di ultimo grande regista americano.

Ci sono film che ti impressionano alla prima visione, e quelli che lo fanno a ogni visione e addirittura migliorano. Tutti i film di Anderson sono così e non è poco, soprattutto quando si tratta dell’adattamento di un libro di Pynchon come in questo caso, già ostico di suo e propenso a intrecci che fanno sembrare lineare una matrioska. Vizio di forma racconta le peripezie di Larry “Doc” Sportello, un detective sballato che viene trascinato dall’ex ragazza in un’indagine fumosa che lo farà scontrare con poliziotti invasati e grotteschi. Per alcuni critici è il romanzo più personale dell’autore, che a metà anni sessanta ha vissuto a Manhattan Beach: i fricchettoni da spiaggia messi in minoranza da una società ostaggio delle paranoie sull’esoterismo e dell’eroina sono persone che deve aver frequentato a lungo.

Questa traccia intima, rilevabile solo da un sismografo che non si lascia distrarre dal virtuosismo, l’ilarità e l’ambizione che accomunano regista e scrittore, salva la trasposizione cinematografica dall’essere uno spin off retrodatato de Il grande Lebowski. Dal trailer, infatti, il film sembra più innocuo di quello che è. È vero che si ride: appena ti siedi ti ritrovi a inalare marijuana da una mascherina e due ore e mezza dopo sei più fatto del protagonista, non per una regia psichedelica gratuita quanto per i dialoghi fedelmente pynchoniani e la fotografia tutta pastelli e California, vitale e languida. Quelle risate, però, anticipano spesso una paralisi, come accadeva in The Master. Dietro la maschera esilarante, Vizio di forma è sulla fine di una stagione e su un baratto storico descritto bene da Joan Didion in The White Album, quando parla dei giorni in cui andare in giro per Los Angeles in tre o in quattro bastava a far parlare di “setta” e la Summer Of Love è diventata una Summer Of Loss definita da poliziotti e affaristi – in una parola Nixon – che hanno avuto la meglio. Chiunque vada a Venice Beach oggi sente la parodia ma anche il residuo molle di quegli anni e ne ha nostalgia come ha nostalgia della New York anni settanta, della Dolce Vita romana o della Parigi di Hemingway, luoghi resi monumentali della retorica e che hanno dato il massimo proprio alla vigilia della dissoluzione, quando l’eccentricità è stata barattata per una sommessa pacificazione sociale o liquidata dalla guerra. È come nelle storie d’amore: forse non amerai mai nessuno come quel fricchettone, ma hai già deciso che quello che ti regalerà saranno solo aneddoti, e non una vita.

Finirà mai? Certo che finisce. È già finita” dice la voce narrante mentre vediamo Larry Sportello steso sul divano. L’indagine non porta da nessuna parte e l’ex fidanzata si è persa dietro a un’altra stagione, più nichilista e infelice. Lì capiamo che Doc è destinato a restare solo: come l’epoca in cui vive, è solo un bellissimo relitto, e se sopravvive, è solo perché un regista non lo ha considerato impossibile.

Commenti

Altri contenuti Cinema / Visioni
coverlg

AKIRA | 30° Anniversario

Solo il 18 aprile al cinema

In sala il 18 aprile torna il capolavoro distopico di Katsuhiro Otomo con un nuovo doppiaggio, fedele...
Mandatory Credit: Photo by Shizuo Kambayashi/AP/REX/Shutterstock (6738377d)
Isao Takahata Japanese animated film director Isao Takahata speaks about his latest film "The Tale of The Princess Kaguya" with its poster during an interview at his office, Studio Ghibli, in suburban Tokyo. The princess laughs and floats in sumie-brush sketches of faint pastel, a lush landscape that animated film director Isao Takahata has painstakingly depicted to relay his gentle message of faith in this world. But his Oscar-nominated work stands as a stylistic challenge to Hollywood's computer-graphics cartoons, where 3D and other digital finesse dominate. Takahata says those terms with a little sarcastic cough. The 79-year-old co-founder of Japan's prestigious animator, Studio Ghibli, instead stuck to a hand-drawn look
Japan Oscars Overseas Princess Animation, Tokyo, Japan

Il cinema di Isao Takahata

Storia di un uomo molto innamorato

All'età di 82 anni è scomparso Isao Takahata, regista noto per aver fondato insieme a Hayao Miyazaki...
66596_26815408_10156096207857277_4670907796239682441_n (828x315)

Bergamo Film Meeting 2018

36° Bergamo Film Meeting (10-18 marzo 2018)

Con la proiezione del capolavoro L’ultima risata di F.W. Murnau, musicato dal vivo dal Maestro Gerardo Chimini...
luca-guadagnino-conferma-remake-suspiria-con-protagoniste-dakota-johnson-tilda-swinton-254641

Luca Guadagnino

Intervista al regista

Il nuovo cinema italiano, la famiglia Agnelli, Renzi e la forza rivoluzionaria dell’eros. In attesa che "Chiamami...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.2)

Top ten: gli ultimi cinque

Un anno di cinema da racchiudere nell’abituale classifica di fine anno: già pubblicata in versione ridotta sulla...
sommario-besto_of_20172

Cinema: best of 2017 (pt.3)

I film da recuperare

Poco visti, forse incompresi, a volte equivocati, senz’altro da noi molto amati. Più che i nostri film...
LoveIsAllMovie-fb

Love is all: Piergiorgio Welby

Intervista agli autori del documentario

Non è vero che la sofferenza porta alla salvezza. Lo testimonia l’esistenza dinamica, ironica, curiosa, persino psichedelica...
2127142_14011444

Pino Donaggio

Intervista al compositore, vincitore del Gran Premio Torino

Dopo l'intervista a Cliff Martinez, continuiamo a esplorare il mondo della musica da film intervistando il compositore...
p9-fazio-martinez-a-20170112

Cliff Martinez

Dal rock ai synth: intervista al compositore statunitense

Nel 1989 ha iniziato la sua longeva collaborazione con Steven Soderbergh lavorando a Sesso, bugie e videotape,...
Grace-810x400

Sophie Fiennes

Incontro con la regista di "Grace Jones: Bloodlight and Bami"

La costruzione dell’icona, la narrazione spettacolare di un corpo e di una voce e il suo retroterra...
halloween

Halloween: il buio oltre la siepe

Di nuovo in sala il cult movie di John Carpenter.

Come tutti i film dell’orrore che si sono fatti strada nella vita, anche Halloween (1978) di John...
wearex

Yoshiki

Il leader degli X-Japan presenta il film "We Are X"

Sembra fragilissimo, efebico, sul punto di rompersi da un momento all’altro. Nel corpo (il polso ben fasciato),...
Poster-Lucca-Comics-2017

Lucca Comics & Games 2017

Lucca | 1-5 novembre

Lucca Comics & Games  HEROES 1-5 novembre 2017 Torna anche quest’anno l’Area Movie di Lucca Comics & Games,...