Arcade Fire

Portatori sani di epica

Quanto può diventare grande una band? Quanto può tendersi senza perdere l’elasticità che le permette di contenere moltitudini e allo stesso tempo di rappresentare un legame preciso ed esclusivo?
SNL_Arcade_Fire_temporary

Ho visto gli Arcade Fire per la prima volta nel 2010, in un parco nel mezzo di Chicago, quando di The Suburbs si era sentito poco niente. Win Butler apparve sul palco conciato come un working class nazi e iniziò a parlare di amici che si erano tagliati i capelli e avevano rinunciato alla controcultura.
Andrò a centinaia di concerti nella mia vita, ma il ragazzino che sfreccia in bicicletta fuori dai cancelli urlando i versi di Wake Up, con tutto un popolo in marcia al seguito, è probabilmente il momento che definirà il mio appartenere a questa epoca storica. Mi sarebbe piaciuto essere a Berlino ai tempi di Heroes. Mi sarebbe altrettanto piaciuto fare la fila in mezzo a mille scalmanate per mettere mano sulle prime copie di Exile On Main St., ma è una concitazione che posso apprezzare solo nei documentari della BBC. Quando è uscito Achtung Baby, probabilmente il disco game-changer a cui è più opportuno accostare Reflektor, ero una ragazzina. Cos’ho avuto, io? Kid A dei Radiohead, ma quell’album non ha nulla dell’eccitazione glitterata, megalomane e ambigua che ho sempre associato al rock da stadio. Un’eccitazione che mi è mancata anche quando sostenevo di poterne fare a meno.

Ci sono dozzine di band che sono partite bene come fecero gli Arcade Fire con Funeral. Molte di loro sono incappate nella maledizione dell’elastico teso fino allo spasimo (Coldplay), o hanno ceduto a una U2eizzazione del suono e delle intenzioni (Kings Of Leon) che le ha relegate nel baratro della grande distribuzione organizzata. Gli Arcade Fire sono stati abbastanza intelligenti e ambiziosi da pianificare il loro lungo e vertiginoso decollo: c’è chi si è emozionato solo alla partenza, e ci sono detrattori che non vedono l’ora che atterrino, ma per molti di noi Win Butler è ancora in alta quota. È un paradosso che gli Arcade Fire diventino monumentali proprio nel momento in cui hanno deciso di prendersi meno sul serio. Forse dipende tutto dal modo in cui hanno scelto di farlo: Reflektor deve molto al carnevale e alla musica di strada di Haiti, che non possono essere qualificate come esperienze esclusivamente ludiche. Quel che rende speciale Reflektor è la sua sorta di pensosa esoticità, e quel che rende speciali gli Arcade Fire è anche la capacità di giocare con soluzioni virali e video partecipati senza innescare una noia tremenda, ma addirittura veicolando un’emozione riconoscibile ed “aumentata”. Quando una band ci chiede di cliccare qui o di spostare un cursore abbiamo un moto di impazienza – “dateci una canzone, Cristo” – ma sia l’esperimento su We Used To Wait sia su Reflektor dimostrano che quella che viene amplificata non è la distrazione, ma una semplice e banale appartenenza. Epica non è una parolaccia, magniloquenza non è una bestemmia, e io non ho paura di una band “grande”.

Ci sono tante critiche che si possono rivolgere agli Arcade Fire: The Suburbs conteneva invocazioni anti-moderne e tese all’autarchia, l’uso che fanno del corpo negro nell’immaginario che accompagna l’ultimo disco prima o poi va problematizzato, i riferimenti religiosi sono a volte un po’ faciloni e vogliamo parlare di quel video di 20 minuti infarcito di VIP? (nota: basta prendersela con Bono che ormai è un vecchietto in pensione, la presenza più irritante è quella di James Franco). Poi ascolto Afterlife, e non vedo l’ora che il gruppo torni in tour, per darmi tutti gli Heroes e i Sandinista che non ho mai avuto.
C’è stato un momento in cui gli Arcade Fire mi hanno parlato di genitori che morivano e di vicini di casa che impazzivano. Ora è solo giusto che mi parlino di cosa significhi scendere in strada e fare rumore. Se la band riesce ad affrancarci dalla nostra posizione grigia nella storia con queste canzoni lunghe e di crazy conga, ben venga, perché gli Arcade Fire sono la grande band che ci meritiamo. Per una volta, non è insulto a noi stessi né a loro.

Altri contenuti Musica
BOB DYLAN
L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Bob Dylan

L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Approssimarsi a Bob Dylan è un’impresa destinata al fallimento. Dylan costringe al difficile esercizio della lontananza, dal...
HDADD
Il nuovo album "Sense Of Wonder", l'etichetta Queenspectra, le collaborazioni: Marco Acquaviva si racconta

HDADD

La rinascita dello spirito

Per gli ascoltatori più attenti HDADD è una delle realtà più visionarie e al contempo concrete dell'elettronica italiana:...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
carlo barbagallo

Carlo Barbagallo

Anteprima del video "11 Dreams”

In esclusiva, il video della versione acustica di 11 Dreams, brano tratto da 9, il nuovo album...
SOVIET SOVIET
Nuovo album, nuovi concerti

Soviet Soviet

In attesa dell'imminente secondo album "Endless", il power trio marchigiano ha ripreso a macinare concerti. L'occasione giusta...
19'40"
La nuova scommessa di Enrico Gabrielli e Sebastiano De Gennaro

19’40”

Divulgazione divertente

La collana di dischi congegnata da Sebastiano De Gennaro, Enrico Gabrielli e Francesco Fusaro parte col botto...
SHARON JONES
Addio ad una grande voce del soul

Sharon Jones

Addio ad una grande voce del soul

L'intervistammo esattamente un anno fa mentre alla soglia dei sessant’anni se la stava vedendo con il tumore...
LEONARD COHEN
Spegniamo la candela

Leonard Cohen

Spegniamo la candela

Johnny Cash, David Bowie, Leonard Cohen; andarsene con un disco-testamento è un privilegio riservato ai migliori, un...
tumblr_n5qhv77Ne31tbydapo1_1280

Bye Bye Obama

I magnifici otto

I dischi e gli artisti che hanno fatto da colonna sonora all’era Obama: fra R&B, hip hop...
TOM BROSSEAU
Intervista

Tom Brosseau

Ritorno alle radici

Ha appena pubblicato "North Dakota Impressions", il terzo volume di una sorta di trilogia dedicata ai suoi...
jerusalem-in-my-heart

Jerusalem In My Heart

Cannibalismo culturale

Il progetto sull'asse Libano/Canada di Radwan Ghazi Moumneh e condiviso con il filmmaker Charles-André Coderre torna in...
IMG_20161024_224102

Minor Victories

Santeria Social Club, Milano - 24 Ottobre

L’esordio omonimo dei Minor Victories, uscito a Giugno, si è ritagliato un seguito di culto anche nel...
LOU REED
L'incipit del lungo servizio sul Mucchio in edicola

Lou Reed

Eurochild

Perché i riformati Velvet Underground accettarono di fare da spalla agli U2 durante il tour europeo del...
PJ HARVEY
Per chi l'ha vista a Firenze e anche per chi non c'era

PJ Harvey

OBIHall, Firenze – 24 ottobre 2016

Seconda delle due date italiane per la songwriter inglese, in strepitoso stato di grazia.
ZEN CIRCUS
Un selfie sulle rovine del mondo

The Zen Circus

Un selfie sulle rovine del mondo

Andrea Appino, Ufo e Karim festeggiano i diciotto anni di carriera con un nuovo album: "La Terza...