Baustelle

Teatro dell'Opera, Firenze - 06/03/2017

In splendida forma, il trio toscano inanella un sold out dopo l’altro nel suo tour più completo e divertente di sempre.
17157472_1359727164087978_3672625944240950680_o

Preceduti da Lucio Corsi, storyteller folk-glam giovane e coraggioso nel presentarsi sul palco in solitudine, chitarra e voce, i Baustelle – elegantissimi, amatissimi da un pubblico posto in ideale mix tra rispetto e partecipazione – hanno diviso lo spettacolo in due parti complementari, per circa due ore di durata. Prima, è stato il turno del recente album L’amore e la violenza, eseguito nella sua interezza, rispettando lo stesso ordine della tracklist. La sorpresa è che le nuove tracce, dal vivo, guadagnano ulteriormente in policromia e pienezza di sound. Amanda Lear strappa sorrisi, Eurofestival trascina l’audience in Battiato style, Basso e batteria e Lepidoptera invocano Goblin e Carpenter tanto quanto Musica sinfonica fa con Viola Valentino, La vita spalanca l’intimismo.

Cantautorato e synthpop si fondono in un giocattolo perfetto, illuminato da una scenografia di schermi e luci mai così ambiziosa, un po’ Suspiria, un po’ The Neon Demon, un po’ Stranger Things. Mai prima d’ora i tre di Montepulciano, neanche nel sontuoso giro concertistico a supporto dell’orchestrale Fantasma, erano apparsi oltretutto così a loro agio. Francesco Bianconi è di buonumore, scherza spesso con immutato stile. Rachele Bastreghi si prende la scena, balla e si muove in ogni direzione. Claudio Brasini si lancia in assolo fuori dal tempo. Assieme a loro, un’ottima band, puntuale e affiatata, composta da Sebastiano De Gennaro, Ettore Bianconi, Diego Palazzo, Alessandro Maiorino e la new entry Andrea Faccioli/Cabeki.

Dopo, si passa a un’ampia selezione di classici, che ci si rende sempre più conto essere classici in senso lato della canzone italiana dell’ultimo ventennio. Oltre che uno show, una disinvolta lezione di grandezza in tempi in cui il pubblico premia purtroppo proposte di ben altro tipo, livellate nella musica, banali nelle parole. Un ritorno on stage che mette a dura a prova a livello emotivo, con Monumentale, L’aeroplano, ma soprattutto con Bruci la città, brano composto in origine per Irene Grandi che Bianconi propone in una versione rallentata di una fragilità, di un’intensità pazzesca, e La canzone del parco, dove Rachele si carica addosso tutto il pathos possibile: un 1-2 che spezza, e spazza via, veramente tutto. La serata sfocia pian piano in una festa a suon di Charlie fa surf, Un romantico a Milano, Gomma, La moda del lento, La canzone del riformatorio, La guerra è finita. C’è tempo anche per un inedito, mentre la chiusura è affidata a Le rane. Non perdeteli.

 

Commenti

Altri contenuti Concerti / Musica
20171118_214233(0)

The War On Drugs

@ Fabrique, Milano (16/11/17)

È un Fabrique gremito quello che accoglie i War On Drugs, reduci da tre album entusiasmanti a...
20171116_214218

Father John Misty

@Fabrique, Milano (16/11/2017)

La valigia di Josh Tillman è andata persa durante il viaggio aereo verso Milano. “Sembro vestito perfettamente...
shabazz_palaces_01

Shabazz Palaces

Oval Space, Londra - 06/11/2017

Quazarz atterra a Londra: i Shabazz Palaces portano in concerto il loro idiosincratico mix di free jazz...
20171110_215423

Fleet Foxes

@Fabrique, Milano (10/11/2017)

L’ultima incursione dei Fleet Foxes a Milano risale ad un altro novembre, quello del 2011. Nella location...
_MG_0573

Massimo Zamboni

1917-2017: i Soviet + L'elettricità

A Bologna per I Soviet + L'elettricità: lo spettacolo multimediale sui cento anni di rivoluzione russa, un...
dream-syndicate

Dream Syndicate

Dalle 22 alle 24, minuto più minuto meno. Due ore di carica esplosiva. Con gli strumenti caricati...
© stefano masselli

Arcade Fire live

Ippodromo del Galoppo (Milano), 17/07/2017

Sette minuti. Tanto ha atteso invano la platea dell’Ippodromo del Galoppo per un secondo bis degli Arcade...
M.I.A-2544

M.I.A.

Royal Festival Hall, Londra - 18/06/2017

Quindici anni dopo i suoi primi passi nel mondo di musica e multimedia, M.I.A. diventa curatrice del...
BillCallahan_byInigoAmescua

Bill Callahan

Hoxton Hall, Londra - 07/05/2017

Mr. Callahan è tornato a Londra per un’intima residenza di quattro giorni, tra concerti serali e pomeridiani....
Gorillaz perform their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017.
Photo by Mark Allan

Gorillaz

Printworks, Londra – 24/03/2017

La nostra recensione del concerto segreto a Londra, in cui i Gorillaz hanno lanciato il nuovo album...
The Can Project in the Barbican Hall on Saturday 8 April 2017.
Photo by Mark Allan

The Can Project

Barbican Centre, Londra - 08/04/2017

Il Barbican Centre di Londra ospita una lunga serata per celebrare i 50 anni di attività dei...
Senni

Lorenzo Senni

Oslo Hackney, Londra - 29/03/2017

Resoconto del set londinese tenuto dal musicista elettronico italiano ormai di casa Warp. Clean trance ed euforia...
misty1440

Father John Misty

Rio Cinema, Londra - 24/03/2017

Sul Mucchio di aprile troverete la nostra intervista a Father John Misty. L’abbiamo visto a Londra, dove...
17157472_1359727164087978_3672625944240950680_o

Baustelle

Teatro dell'Opera, Firenze - 06/03/2017

In splendida forma, il trio toscano inanella un sold out dopo l’altro nel suo tour più completo...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...