Bob Dylan

Mezzo secolo di Blowin' In The Wind

Il 27 maggio del 1963 uscì negli Stati Uniti The Freewheelin' Bob Dylan, secondo Lp di un ragazzo che si avviava a diventare il più famoso cantautore della sua epoca. Bob Dylan aveva compiuto ventidue anni tre giorni prima: è nato a Duluth, Minnesota, il 24 maggio del 1941.
Bob Dylan
Il 27 maggio del 1963 uscì negli Stati Uniti The Freewheelin' Bob Dylan, secondo Lp di un ragazzo che si avviava a diventare il più famoso cantautore della sua epoca.

Estratto da “Quante strade. Bob Dylan e il mezzo secolo di Blowin’ in the Wind” di Alberto Crespi (Arcana edizioni) per gentile concessione dell’editore.
© 2013 Lit Edizioni Srl

L’album si apriva con una canzone destinata a diventare ancora più famosa del suo autore: Blowin’ In The Wind. Dylan l’aveva composta un anno prima, e da tempo la eseguiva dal vivo nei club del Greenwich Village che, da quando era arrivato a New York nell’inverno del 1961, erano la sua vera casa. L’America viveva un momento di grandi fermenti. JFK era il presidente, il movimento per i diritti civili chiamava masse di giovani nelle strade e nelle piazze a manifestare contro il razzismo e la guerra nel Vietnam. “Blowin’ In The Wind” non era una vera canzone di protesta: era una poesia lirica dai toni biblici, che poneva domande sul destino dell’uomo e sulle vie che deve percorrere nel suo passaggio su questa terra. Ma proprio perché le domande erano al tempo stesso così generiche e così epocali, “Blowin’ In The Wind” divenne immediatamente l’inno del movimento, al pari di brani già celebri come “We Shall Overcome” o “If I Had A Hammer”.
Nel giro di pochissimi giorni, prima dell’estate del 1963, la canzone fu pubblicata su 45 giri da un trio folk popolarissimo: Peter, Paul And Mary, anch’essi usciti dal Greenwich Village e amici di Dylan già da tempo (avevano il medesimo manager, Albert Grossman). La loro versione vendette 300mila copie in poche settimane e cominciò ad essere trasmessa da tutte le radio del paese. Nel frattempo Joan Baez, la “regina”del folk, la cantava regolarmente dal vivo, spesso invitando l’ancora sconosciuto Bob a esibirsi con lei. Dylan, dal canto suo, eseguì “Blowin’ In The Wind” durante la leggendaria marcia per i diritti civili che si svolse a Washington il 28 agosto. In quell’occasione, Martin Luther King tenne il suo discorso più celebre, quello in cui pronunciò la frase “I have a dream…”. “Blowin’ In The Wind” era ufficialmente la canzone più famosa del mondo.

Tra il 1964 e il 1966, fu incisa o cantata dal vivo da numerosissimi artisti. Alcune di quelle cover – soprattutto quelle di Sam Cooke e di Stevie Wonder – la trasformarono in un testo crossover, a metà tra la ballata folk bianca e lo spiritual nero; e contribuirono a convincere Dylan del potenziale rock delle sue canzoni, spingendolo verso la famosa “svolta elettrica” che avrebbe scandalizzato i puristi al festival di Newport del 1965. Da allora, “Blowin’ In The Wind” ha attraversato la storia di due secoli. Esattamente come il suo autore, del quale Patti Smith ha scritto: “Ha errato di città in città, di mondo in mondo, attraverso due secoli, come
un menestrello benigno, e con i suoi molti compari, un medicine show con personaggi bizzarri e una vibrante miscela di medicina buona, cibo per la mente e intrattenimento per famiglie”. E “Blowin’ In The Wind”, in versione menestrello solitario o medicine show elettrico, è stata eseguita al concerto per il Bangladesh e al Live Aid, ha accompagnato le mutazioni di Dylan e di tutta la musica rock (la versione metallica di Neil Young, durante la prima guerra del Golfo, è stata seminale per tutto il fenomeno grunge), è comparsa in decine di film, da “Forrest Gump” ai “Simpson”, ha fatto innamorare Steve Jobs… di Joan Baez, ma forse anche di Dylan! Ha fatto litigare due Papi e ha spinto per ben due volte Barack Obama alla Casa Bianca. Come ha scritto Alex Ross in “Senti questo”: “In ogni epoca storica ci sono alcuni compositori e musicisti creativi che sembrano custodire i segreti del proprio tempo”. A questa canzone, più che ad ogni altra del Novecento, è toccato questo destino.

 

Altri contenuti Musica
jeff-buckley

Tutto per una canzone

Musicista per Casio

Ho un ricordo di me che ascolto questa canzone e la amo nel 1994; ho un ricordo...
GettyImages-885676404_gorillaz_1000-920x584

Gorillaz

Lucca, 12 luglio 2018

Al Lucca Summer Festival l'unica tappa in Italia dei Gorillaz.
Yakamoto Kotzuga_intervista

Yakamoto Kotzuga

Il fascino della dissolvenza

Il secondo album "Slowly Fading", la partecipazione alla prossima Red Bull Music Academy: parliamo con il giovane...
Pink Floyd_accadeva 50 anni fa

Pink Floyd

L'esercito della Salvezza racconta

Nell’estate di 50 anni fa Syd Barrett si congedava dai Pink Floyd con una canzone folle nata...
Efrim Manuel Menuck_intervista

Efrim Manuel Menuck

Il fondatore dei Godspeed You! Black Emperor affronta la sua carriera a cerchi concentrici: dalla solitudine del...
Eleanor Friedberger_intervista

Eleanor Friedberger

In viaggio con l’ex Fiery Furnaces, inconfondibile songwriter al quarto album con "Rebound". Dagli U.S.A. alla Grecia,...
Cat Power_Ode a Chan Marshall

Cat Power

Ode a Chan Marshall


“A volte ricordo che il pubblico è lì davanti e vado nel panico. Allora mi dico: forza,...
100x140-PRINT-CONTORNO.indd

TRI-P

Musica indisciplinata

Dalla rivelazione Moses Sumney ad un veterano come Mark Lanegan, ce n’è per tutti i gusti in...
Medimex 2018_Cartolina da Taranto

Medimex 2018

Cartolina da Taranto

Da giovedì 7 giugno a domenica 10 giugno siamo volati al Medimex, evento Puglia Sounds,...
breeders 1

The Breeders

@Cortile Castello Estense, Ferrara (05/06/2018)

Prima data italiana, in assoluto, per la celebre band delle sorelle Deal, a inaugurare la 23esima edizione...
Yorke Firenze

Thom Yorke (+ Oliver Coates)

@Teatro Verdi, Firenze (28/05/2018)

Prima data del nuovo tour europeo da solista, per il leader dei Radiohead, con il violoncellista Oliver...
Bruno Belissimo_intervista

Bruno Belissimo

Il party del musicista italo-canadese entra nel vivo con il secondo album “Ghetto Falsetto”, all’insegna della disco...
The Breeders_intervista

The Breeders

Icona indie rock, assente di lusso nel nuovo corso discografico dei Pixies, Kim Deal ritorna alla sua...
Greil Marcus racconta Lester Bangs

Lester Bangs

Greil Marcus ricorda l'amico e collega

35 anni fa moriva Lester Bangs. Ce lo racconta il critico rock Greil Marcus, suo amico e...
Downtown Boys_intervista

Downtown Boys

Lottare per la libertà

Spirito DIY, dinamismo a mille, ritornelli killer sparati a pieni polmoni, contenuti di protesta per un mix...