Bob Dylan

Mezzo secolo di Blowin' In The Wind

Il 27 maggio del 1963 uscì negli Stati Uniti The Freewheelin' Bob Dylan, secondo Lp di un ragazzo che si avviava a diventare il più famoso cantautore della sua epoca. Bob Dylan aveva compiuto ventidue anni tre giorni prima: è nato a Duluth, Minnesota, il 24 maggio del 1941.
Bob Dylan
Il 27 maggio del 1963 uscì negli Stati Uniti The Freewheelin' Bob Dylan, secondo Lp di un ragazzo che si avviava a diventare il più famoso cantautore della sua epoca.

Estratto da “Quante strade. Bob Dylan e il mezzo secolo di Blowin’ in the Wind” di Alberto Crespi (Arcana edizioni) per gentile concessione dell’editore.
© 2013 Lit Edizioni Srl

L’album si apriva con una canzone destinata a diventare ancora più famosa del suo autore: Blowin’ In The Wind. Dylan l’aveva composta un anno prima, e da tempo la eseguiva dal vivo nei club del Greenwich Village che, da quando era arrivato a New York nell’inverno del 1961, erano la sua vera casa. L’America viveva un momento di grandi fermenti. JFK era il presidente, il movimento per i diritti civili chiamava masse di giovani nelle strade e nelle piazze a manifestare contro il razzismo e la guerra nel Vietnam. “Blowin’ In The Wind” non era una vera canzone di protesta: era una poesia lirica dai toni biblici, che poneva domande sul destino dell’uomo e sulle vie che deve percorrere nel suo passaggio su questa terra. Ma proprio perché le domande erano al tempo stesso così generiche e così epocali, “Blowin’ In The Wind” divenne immediatamente l’inno del movimento, al pari di brani già celebri come “We Shall Overcome” o “If I Had A Hammer”.
Nel giro di pochissimi giorni, prima dell’estate del 1963, la canzone fu pubblicata su 45 giri da un trio folk popolarissimo: Peter, Paul And Mary, anch’essi usciti dal Greenwich Village e amici di Dylan già da tempo (avevano il medesimo manager, Albert Grossman). La loro versione vendette 300mila copie in poche settimane e cominciò ad essere trasmessa da tutte le radio del paese. Nel frattempo Joan Baez, la “regina”del folk, la cantava regolarmente dal vivo, spesso invitando l’ancora sconosciuto Bob a esibirsi con lei. Dylan, dal canto suo, eseguì “Blowin’ In The Wind” durante la leggendaria marcia per i diritti civili che si svolse a Washington il 28 agosto. In quell’occasione, Martin Luther King tenne il suo discorso più celebre, quello in cui pronunciò la frase “I have a dream…”. “Blowin’ In The Wind” era ufficialmente la canzone più famosa del mondo.

Tra il 1964 e il 1966, fu incisa o cantata dal vivo da numerosissimi artisti. Alcune di quelle cover – soprattutto quelle di Sam Cooke e di Stevie Wonder – la trasformarono in un testo crossover, a metà tra la ballata folk bianca e lo spiritual nero; e contribuirono a convincere Dylan del potenziale rock delle sue canzoni, spingendolo verso la famosa “svolta elettrica” che avrebbe scandalizzato i puristi al festival di Newport del 1965. Da allora, “Blowin’ In The Wind” ha attraversato la storia di due secoli. Esattamente come il suo autore, del quale Patti Smith ha scritto: “Ha errato di città in città, di mondo in mondo, attraverso due secoli, come
un menestrello benigno, e con i suoi molti compari, un medicine show con personaggi bizzarri e una vibrante miscela di medicina buona, cibo per la mente e intrattenimento per famiglie”. E “Blowin’ In The Wind”, in versione menestrello solitario o medicine show elettrico, è stata eseguita al concerto per il Bangladesh e al Live Aid, ha accompagnato le mutazioni di Dylan e di tutta la musica rock (la versione metallica di Neil Young, durante la prima guerra del Golfo, è stata seminale per tutto il fenomeno grunge), è comparsa in decine di film, da “Forrest Gump” ai “Simpson”, ha fatto innamorare Steve Jobs… di Joan Baez, ma forse anche di Dylan! Ha fatto litigare due Papi e ha spinto per ben due volte Barack Obama alla Casa Bianca. Come ha scritto Alex Ross in “Senti questo”: “In ogni epoca storica ci sono alcuni compositori e musicisti creativi che sembrano custodire i segreti del proprio tempo”. A questa canzone, più che ad ogni altra del Novecento, è toccato questo destino.

 

Altri contenuti Musica
CONTEST SACRED BONES
- Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevu due cd in omaggio

Contest Sacred Bones

Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevi due cd

L'etichetta, sinonimo di “oscurità”, sperimentazione e grafica impeccabile è nata dieci anni fa nel sotterraneo del negozio...
CRISTIANO GODANO - Italrock anni 90

Cristiano Godano

A tutti mancano gli anni 90. Tutti li citano. Li omaggiano. In Italia la scena rock di...
YOMBE - Il dono del new soul

Yombe

Il dono del new soul

Il duo campano, operativo a Milano, arriva al primo album con "GOOOD", un oggetto synthsoul di pregio...
20171118_214233(0)

The War On Drugs

@ Fabrique, Milano (16/11/17)

È un Fabrique gremito quello che accoglie i War On Drugs, reduci da tre album entusiasmanti a...
20171116_214218

Father John Misty

@Fabrique, Milano (16/11/2017)

La valigia di Josh Tillman è andata persa durante il viaggio aereo verso Milano. “Sembro vestito perfettamente...
shabazz_palaces_01

Shabazz Palaces

Oval Space, Londra - 06/11/2017

Quazarz atterra a Londra: i Shabazz Palaces portano in concerto il loro idiosincratico mix di free jazz...
20171110_215423

Fleet Foxes

@Fabrique, Milano (10/11/2017)

L’ultima incursione dei Fleet Foxes a Milano risale ad un altro novembre, quello del 2011. Nella location...
_MG_0573

Massimo Zamboni

1917-2017: i Soviet + L'elettricità

A Bologna per I Soviet + L'elettricità: lo spettacolo multimediale sui cento anni di rivoluzione russa, un...
cohen

Leonard Cohen

Il piccolo profeta gobbo

Un anno fa moriva Leonard Cohen, il giorno prima dell’elezione di Trump che sconvolgeva il mondo. Questo...
dream-syndicate

Dream Syndicate

Dalle 22 alle 24, minuto più minuto meno. Due ore di carica esplosiva. Con gli strumenti caricati...
vallicelli

Matteo Vallicelli

Botta e risposta

Ripubblichiamo la nostra intervista a Matteo Valliceli in occasione della sua partecipazione alla decima edizione del Transmissions...
CRISTALLO - Se i Melampus risplendono in italiano

Cristallo

La trasparenza del nero

Con l’omonimo EP del loro nuovo progetto, sempre avvolgente ma maggiormente elettronico, Francesca Pizzo e Angelo Casarrubia...
liars1

Liars

A tre anni di distanza da "Mess", i Liars tornano in veste di progetto solistico del frontman...
ZOLA JESUS - Dal vivo in Italia

Zola Jesus

Nostra signora dell'oscurità

A Novembre dal vivo in Italia con il quinto album, un lavoro volutamente heavy
aldousharding_2017blue

Aldous Harding

Strana come un'arancia meccanica

Il 31 ottobre a Torino sarà l'unica occasione per vedere dal vivo Aldous Harding, non perdetevela.
PROG ROCK ITALIANO - La serie in vinile di De Agostini Publishing

Prog Rock Italiano

La stagione d’oro del nostro progressive in vinile

Arriva Prog Rock Italiano, la nuova collana di De Agostini Publishing: sessanta album in vinile per rivivere...