Chelsea Wolfe

Queste materie oscure

Il 3 settembre è il giorno di "Pain Is Beauty", il nuovo album di Chelsea Wolfe.
20120821ChelseaWolfe-640x426

Io dico “gotico” e voi pensate a Robert Smith, agli anni Ottanta, a un esercito di ragazzini con il cerone anacronistico rispetto alla vita di tutti i giorni, o rispetto alla vita e basta. Io dico “gotico” e voi pensate a gente che avete preso in giro a scuola perché indossava i gadget di Nightmare Before Christmas, indicativi del modo in cui il “gotico” si è disperso e fumettizzato. Perdendo, forse, quello che lo caratterizzava più di tutto: una forma di militarizzazione estetica e morale, quasi sacerdotale, che rendeva chi ne faceva parte un prescelto.
Ho visto i pochi dark della mia generazione vivere in attesa di tempi e ispirazioni migliori, nascondendo i Death In June in un posto molto privato del loro cuore. Anni dopo li ho visti tirare un sospiro di sollievo dinnanzi Interpol: dark was cool again. Sono passati circa dieci anni e il “gotico” si è affrancato da quei precipitati metal o emocore che ne hanno appesantito la struttura in modi che molti di noi preferiscono dimenticare.
Se queste materie oscure godono oggi di nuova popolarità, è anche grazie ad artiste come Chelsea Wolfe. Se la sera passeggio per Dalston e vedo ragazze con le labbra color fegato e le croci ai lobi e le gambe pallidissime che si stagliano da un paio di goffe Creeper, dev’essere anche per colpa sua. Faccio attenzione a usare la parola “popolarità” in relazione al dark, che non necessariamente aspira a essere rilevante: quando fai parte di una setta, non ti interessa essere quota maggioritaria di una società. Il tuo obiettivo è stare proprio lì, al margine. Ma se c’è una cosa che vuoi, è essere prescelto. E vuoi essere bello, perché la bellezza è qualcosa a cui hai diritto.

cwkofer4

Wolfe non è “gotica” nel senso in cui molti sono portati a immaginare il genere: non ha un’oncia di sfiga addosso e non è monocolore. E se lo è, non è detto che scelga per forza il nero. Ma è proprio la sua attenzione verso forme di malinconia diversa – in questo ultimo disco può ricordare Grouper (Lone), le Breeders (Destruction Makes) e persino Lana Del Rey (They’ll Clap Hand) – a farne una delle paladine più credibili del movimento. Perché Wolfe non fa caricatura di un genere, non lo illanguidisce come Zola Jesus e non lo “cristallizza” come la pur bravissima Soap And Skin. Chelsea Wolfe non ci dà una nuova Nico perché sa che non è quello di cui abbiamo bisogno.
Ricordo quando non era dark nessuno, o quando quelli che lo erano lo facevano in maniera sbagliata. Davanti a un ragazzo conciato come Peter Murphy che appendeva volantini per una serata eloquentemente chiamata “TodtTendenz” durante l’università, chiesi a un amico cosa ne pensasse. Un amico che era dark quanto potevo esserlo io: triste, ma senza la divisa. E lui disse: “niente, che devi contestualizzare il tuo dolore“. Ecco, se il “gotico” oggi vive una condizione particolarmente felice è perché ci sono artisti che ci aiutano a fare proprio questo. Artisti meno militarizzati, meno esoterici e spesso vicini al dancefloor (sono pronta a scommettere su un’imminente collaborazione tra Chelsea Wolfe e gli M83), che forse del gotico prendono solo la morbosità e l’abbigliamento monocromo (vedi gli XX) o una certa simbologia (vedi Fever Ray), ma non per questo sono meno tragici o maestosi. A volte, rimescolare le materie oscure è l’unica arma che abbiamo per far sì che sopravvivano. Ed è l’unico modo per far sì che, in questo scenario musicale in cui tutto cambia e niente cambia, in futuro io possa dire “gotico” senza che vi vengano in mente solo i Cure, Nightmare Before Christmas o i romanzi di Anne Rice. L’unico modo per far sì che nella vostra accumulazione di esperienza ci sia spazio anche per Chelsea Wolfe, Stoker di Chan Wook Park e Jon Snow di Game Of Thrones, che gradualmente andranno a cambiare la vostra idea di cos’è “gotico” e di cosa significa. Perché dark is beauty, oggi come trent’anni fa, e diffidate di chi vi dice il contrario: tutto quello che è successo in mezzo non importa.

Pubblicato sul Mucchio 710, intervista sullo stesso numero.

 

 

 

 

Altri contenuti Musica
040916_2144

L7

Live Club (Trezzo sull'Adda, MI) - 04 settembre 2016

Questo è uno di quegli eventi che non possono passare inosservati.
U2
Quarant'anni da icone rock

U2

Quarant'anni da icone del rock

Il 25 settembre del 1976 nasceva il gruppo di Bono Vox e The Edge: quattro decenni dopo,...
Credits_Giorgio_Manzato

Kamasi Washington

Locus Festival

L’onda lunga del caso "The Epic", disco dalla durata monstre (circa tre ore) di Kamasi Washington, non...
dinosaur-jr-tickets_10-06-16_17_5743419d0a05b

Dinosaur Jr.

La lunga coda

Guardi la copertina di GIVE A GLIMPSE OF WHAT YER NOT, con quelle tinte da psichedelia casereccia,...
ELYSIA CRAMPTON
Identità e club music

Elysia Crampton

Identità e club music

Attraverso il recupero di sonorità laceranti figlie dell’industrial e una propensione per la teoria, un gruppo di...
CHELSEA WOLFE
Una cupa estate italiana al Musica W Festival

Chelsea Wolfe

Dell'amore e di altri incubi

In occasione dell'imminente data italiana al Musica W Festival, riproponiamo la nostra ultima intervista con la cantautrice...
JESUS AND MARY CHAIN
Fenomenologia degli altri 80

The Jesus and Mary Chain

Fenomelogia degli altri 80

Rinvigoriti dal tour per il trentennale di "Psychocandy", i Jesus And Mary Chain tornano in Italia il...
11952970_724959524277304_872030406267911607_o

Dimensions Festival

Croazia, Pola (24-28 agosto)

Un fenomeno ha ribaltato il panorama europeo delle estati in musica, negli ultimi anni: l'invasione della Croazia...
13731805_10154351218814402_3019691915445494693_o

Festa della musica

Chianciano Terme (SI), 20 – 24 luglio

A Chianciano non si suona un genere preciso. Allo stesso tempo nessun genere viene escluso. Può capitare...
FARM FESTIVAL
Dal 10 al 12 agosto ad Alberobello (Puglia)

Il Farm Festival

Dal 10 al 12 agosto ad Alberobello (BA)

Al via la quinta edizione di Farm Festival, dal 10 al 12 agosto nella Masseria Papaperta ad...
MINOR VICTORIES
Il supergruppo che funziona

Minor Victories

Il supergruppo che funziona

I componenti di tre gruppi navigati del Regno Unito - Editors, Mogwai e Slowdive - registrano un...
GRIME
Le parole per dirlo

Grime

Le parole per dirlo

Drake e Skepta si stanno prendendo l’hip hop USA, e nessuno l’avrebbe mai detto.
AFTERHOURS
Il nuovo disco, brano per brano

Afterhours

"Folfiri o Folfox"

Il nuovo album commentato traccia per traccia da Manuel Agnelli
Jessy_Promo

Jessy Lanza

Corsica Studios, Londra - 19 maggio 2016

Il nuovo disco della canadese Jessy Lanza, uno dei nomi di punta della storica etichetta Hyperdub, si...
prince-1-1

Prince

50 canzoni

Perché è stato Purple Rain, ma non solo. Una playlist che parla di lui.