Chelsea Wolfe

Queste materie oscure

Il 3 settembre è il giorno di "Pain Is Beauty", il nuovo album di Chelsea Wolfe.
20120821ChelseaWolfe-640x426

Io dico “gotico” e voi pensate a Robert Smith, agli anni Ottanta, a un esercito di ragazzini con il cerone anacronistico rispetto alla vita di tutti i giorni, o rispetto alla vita e basta. Io dico “gotico” e voi pensate a gente che avete preso in giro a scuola perché indossava i gadget di Nightmare Before Christmas, indicativi del modo in cui il “gotico” si è disperso e fumettizzato. Perdendo, forse, quello che lo caratterizzava più di tutto: una forma di militarizzazione estetica e morale, quasi sacerdotale, che rendeva chi ne faceva parte un prescelto.
Ho visto i pochi dark della mia generazione vivere in attesa di tempi e ispirazioni migliori, nascondendo i Death In June in un posto molto privato del loro cuore. Anni dopo li ho visti tirare un sospiro di sollievo dinnanzi Interpol: dark was cool again. Sono passati circa dieci anni e il “gotico” si è affrancato da quei precipitati metal o emocore che ne hanno appesantito la struttura in modi che molti di noi preferiscono dimenticare.
Se queste materie oscure godono oggi di nuova popolarità, è anche grazie ad artiste come Chelsea Wolfe. Se la sera passeggio per Dalston e vedo ragazze con le labbra color fegato e le croci ai lobi e le gambe pallidissime che si stagliano da un paio di goffe Creeper, dev’essere anche per colpa sua. Faccio attenzione a usare la parola “popolarità” in relazione al dark, che non necessariamente aspira a essere rilevante: quando fai parte di una setta, non ti interessa essere quota maggioritaria di una società. Il tuo obiettivo è stare proprio lì, al margine. Ma se c’è una cosa che vuoi, è essere prescelto. E vuoi essere bello, perché la bellezza è qualcosa a cui hai diritto.

cwkofer4

Wolfe non è “gotica” nel senso in cui molti sono portati a immaginare il genere: non ha un’oncia di sfiga addosso e non è monocolore. E se lo è, non è detto che scelga per forza il nero. Ma è proprio la sua attenzione verso forme di malinconia diversa – in questo ultimo disco può ricordare Grouper (Lone), le Breeders (Destruction Makes) e persino Lana Del Rey (They’ll Clap Hand) – a farne una delle paladine più credibili del movimento. Perché Wolfe non fa caricatura di un genere, non lo illanguidisce come Zola Jesus e non lo “cristallizza” come la pur bravissima Soap And Skin. Chelsea Wolfe non ci dà una nuova Nico perché sa che non è quello di cui abbiamo bisogno.
Ricordo quando non era dark nessuno, o quando quelli che lo erano lo facevano in maniera sbagliata. Davanti a un ragazzo conciato come Peter Murphy che appendeva volantini per una serata eloquentemente chiamata “TodtTendenz” durante l’università, chiesi a un amico cosa ne pensasse. Un amico che era dark quanto potevo esserlo io: triste, ma senza la divisa. E lui disse: “niente, che devi contestualizzare il tuo dolore“. Ecco, se il “gotico” oggi vive una condizione particolarmente felice è perché ci sono artisti che ci aiutano a fare proprio questo. Artisti meno militarizzati, meno esoterici e spesso vicini al dancefloor (sono pronta a scommettere su un’imminente collaborazione tra Chelsea Wolfe e gli M83), che forse del gotico prendono solo la morbosità e l’abbigliamento monocromo (vedi gli XX) o una certa simbologia (vedi Fever Ray), ma non per questo sono meno tragici o maestosi. A volte, rimescolare le materie oscure è l’unica arma che abbiamo per far sì che sopravvivano. Ed è l’unico modo per far sì che, in questo scenario musicale in cui tutto cambia e niente cambia, in futuro io possa dire “gotico” senza che vi vengano in mente solo i Cure, Nightmare Before Christmas o i romanzi di Anne Rice. L’unico modo per far sì che nella vostra accumulazione di esperienza ci sia spazio anche per Chelsea Wolfe, Stoker di Chan Wook Park e Jon Snow di Game Of Thrones, che gradualmente andranno a cambiare la vostra idea di cos’è “gotico” e di cosa significa. Perché dark is beauty, oggi come trent’anni fa, e diffidate di chi vi dice il contrario: tutto quello che è successo in mezzo non importa.

Pubblicato sul Mucchio 710, intervista sullo stesso numero.

 

 

 

 

Altri contenuti Musica
1507251989-billy_corgan_tickets

Billy Corgan

Intervista a Mr Smashing Pumpkins

Di giorno in giorno aumentano gli indizi che fanno pensare ad un imminente ritorno degli Smashing Pumpikins....
maxresdefault

Roger Eno

Una promessa che ho mantenuto

Questa intervista è un estratto da "L'algebra delle lampade" di Paolo Tarsi, libro dedicato all’influenza esercitata dalle...
L I M

L I M

Come colla

Sofia Gallotti ci parla di tutto ciò che scorre attorno al suo progetto elettronico da solista, giunto...
170415_JoanAsPoliceWoman

Joan As Police Woman

Giovanna Dark

"Damned Devotion", il nuovo album di Joan Wasser in uscita il 9 febbraio, si presenta, innanzitutto, come...
OUGHT

Ought

Oggi, più di ogni altro giorno

La band canadese è al terzo album, “Room Inside The World”, contraddistinto da una forte componente umana,...
wolf alice

Wolf Alice

@Santeria Social Club, Milano (13/01/2018)

Un uragano si abbatte su Milano e il suo nome è Wolf Alice. La band nord-londinese, reduce...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
throbbing-gristle

Throbbing Gristle

Distruttori di civiltà

Continua l'opera di ristampa della discografia dei Throbbing Gristle via Mute. A gennaio è il turno di...
SUICIDE_Visti da Massimo Zamboni

Suicide

Massimo Zamboni racconta

40 anni fa esatti il debutto dei Suicide: il duo newyorkese che anticipò il punk. Ce li...
RICHARD HELL_La Generazione Vuota ha compiuto 40 anni

Richard Hell

Memorie della Generazione Vuota

A 40 anni dalla pubblicazione, torna ristampato "Blank Generation": manifesto del punk newyorkese redatto da Richard Hell...
BEE BEE SEA_Suona Garage

Bee Bee Sea

Vibrazioni

Il trio mantovano arriva al secondo album con "Sonic Boomerang", garage rock in ogni senso internazionale. Noi...
sommario-besto_of_2017

Suoni: best of 2017 (pt.1)

Mentre sul numero di dicembre del Mucchio Selvaggio, attualmente in edicola, abbiamo messo in fila i migliori...
CONTEST SACRED BONES
- Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevu due cd in omaggio

Contest Sacred Bones

Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevi due cd

L'etichetta, sinonimo di “oscurità”, sperimentazione e grafica impeccabile è nata dieci anni fa nel sotterraneo del negozio...
CRISTIANO GODANO - Italrock anni 90

Cristiano Godano

A tutti mancano gli anni 90. Tutti li citano. Li omaggiano. In Italia la scena rock di...
YOMBE - Il dono del new soul

Yombe

Il dono del new soul

Il duo campano, operativo a Milano, arriva al primo album con "GOOOD", un oggetto synthsoul di pregio...