Chelsea Wolfe

Queste materie oscure

Il 3 settembre è il giorno di "Pain Is Beauty", il nuovo album di Chelsea Wolfe.
20120821ChelseaWolfe-640x426

Io dico “gotico” e voi pensate a Robert Smith, agli anni Ottanta, a un esercito di ragazzini con il cerone anacronistico rispetto alla vita di tutti i giorni, o rispetto alla vita e basta. Io dico “gotico” e voi pensate a gente che avete preso in giro a scuola perché indossava i gadget di Nightmare Before Christmas, indicativi del modo in cui il “gotico” si è disperso e fumettizzato. Perdendo, forse, quello che lo caratterizzava più di tutto: una forma di militarizzazione estetica e morale, quasi sacerdotale, che rendeva chi ne faceva parte un prescelto.
Ho visto i pochi dark della mia generazione vivere in attesa di tempi e ispirazioni migliori, nascondendo i Death In June in un posto molto privato del loro cuore. Anni dopo li ho visti tirare un sospiro di sollievo dinnanzi Interpol: dark was cool again. Sono passati circa dieci anni e il “gotico” si è affrancato da quei precipitati metal o emocore che ne hanno appesantito la struttura in modi che molti di noi preferiscono dimenticare.
Se queste materie oscure godono oggi di nuova popolarità, è anche grazie ad artiste come Chelsea Wolfe. Se la sera passeggio per Dalston e vedo ragazze con le labbra color fegato e le croci ai lobi e le gambe pallidissime che si stagliano da un paio di goffe Creeper, dev’essere anche per colpa sua. Faccio attenzione a usare la parola “popolarità” in relazione al dark, che non necessariamente aspira a essere rilevante: quando fai parte di una setta, non ti interessa essere quota maggioritaria di una società. Il tuo obiettivo è stare proprio lì, al margine. Ma se c’è una cosa che vuoi, è essere prescelto. E vuoi essere bello, perché la bellezza è qualcosa a cui hai diritto.

cwkofer4

Wolfe non è “gotica” nel senso in cui molti sono portati a immaginare il genere: non ha un’oncia di sfiga addosso e non è monocolore. E se lo è, non è detto che scelga per forza il nero. Ma è proprio la sua attenzione verso forme di malinconia diversa – in questo ultimo disco può ricordare Grouper (Lone), le Breeders (Destruction Makes) e persino Lana Del Rey (They’ll Clap Hand) – a farne una delle paladine più credibili del movimento. Perché Wolfe non fa caricatura di un genere, non lo illanguidisce come Zola Jesus e non lo “cristallizza” come la pur bravissima Soap And Skin. Chelsea Wolfe non ci dà una nuova Nico perché sa che non è quello di cui abbiamo bisogno.
Ricordo quando non era dark nessuno, o quando quelli che lo erano lo facevano in maniera sbagliata. Davanti a un ragazzo conciato come Peter Murphy che appendeva volantini per una serata eloquentemente chiamata “TodtTendenz” durante l’università, chiesi a un amico cosa ne pensasse. Un amico che era dark quanto potevo esserlo io: triste, ma senza la divisa. E lui disse: “niente, che devi contestualizzare il tuo dolore“. Ecco, se il “gotico” oggi vive una condizione particolarmente felice è perché ci sono artisti che ci aiutano a fare proprio questo. Artisti meno militarizzati, meno esoterici e spesso vicini al dancefloor (sono pronta a scommettere su un’imminente collaborazione tra Chelsea Wolfe e gli M83), che forse del gotico prendono solo la morbosità e l’abbigliamento monocromo (vedi gli XX) o una certa simbologia (vedi Fever Ray), ma non per questo sono meno tragici o maestosi. A volte, rimescolare le materie oscure è l’unica arma che abbiamo per far sì che sopravvivano. Ed è l’unico modo per far sì che, in questo scenario musicale in cui tutto cambia e niente cambia, in futuro io possa dire “gotico” senza che vi vengano in mente solo i Cure, Nightmare Before Christmas o i romanzi di Anne Rice. L’unico modo per far sì che nella vostra accumulazione di esperienza ci sia spazio anche per Chelsea Wolfe, Stoker di Chan Wook Park e Jon Snow di Game Of Thrones, che gradualmente andranno a cambiare la vostra idea di cos’è “gotico” e di cosa significa. Perché dark is beauty, oggi come trent’anni fa, e diffidate di chi vi dice il contrario: tutto quello che è successo in mezzo non importa.

Pubblicato sul Mucchio 710, intervista sullo stesso numero.

 

 

 

 

Altri contenuti Musica
Downtown Boys

Downtown Boys

Lottare per la libertà

Spirito DIY, dinamismo a mille, ritornelli killer sparati a pieni polmoni, contenuti di protesta per un mix...
Nils_Frahm_18-10-17_-_Photo_by_Mathew_Parri_Thomas-01_1290_726

Indieclassica

Una piccola rivoluzione in atto

L'unica data di Nils Frahm il 2 maggio 2018 al Fabrique di Milano, ci suggerisce di ripubblicare...
Motta, jan 2018

Motta

Quattro appuntamenti dal vivo alla fine di maggio anticipano il tour di Francesco Motta che con il...
JOHN PARISH_intervista

John Parish

Atteso al festival di ricerca Fabbrica Europa, a Firenze dal 4 maggio al 10 giugno, e in...
TOBJAH_intervista

Tobjah

Dall'avventura nei C+C Maxigross al debutto da solista, in italiano, per un folk libero, spirituale. Tobia Poltronieri...
PETER KERNEL_intervista

Peter Kernel

Un esorcismo a colori

Al quarto album, "The Size Of The Night", il duo svizzero-canadese si conferma una delle band più...
Mamuthones_Bags ok

Mamuthones

Italo-disco-occult-psychedelia

Dal misticismo dei primi dischi alla dance straniante del nuovo "Fear On The Corner": il ritorno dei...
GENERIC ANIMAL_intervista

Generic Animal

Equilibrista pop

In Generic Animal, Luca Galizia fa pop. Ma atipico. Una "nuova" realtà nel panorama italiano.
L I M_intervista

L I M

Come colla

Sofia Gallotti ci parla di tutto ciò che scorre attorno al suo progetto elettronico da solista, giunto...
_DSC3099

Cosmo

Tutta la libertà possibile

Oltre il tormentone dell’estate scorsa, il creatore di canzoni pop, il producer di elettronica, l’ex prof. di...
gdm-1

Jukka Reverberi

Post rock, una definizione

Cos’è il post rock? Cos’è stato? Esiste ancora? Proviamo a definirlo con Jukka Reverberi dei Giardini di...
INSECURE MEN_intervista

Insecure Men

La vita è piena di sorprese

Alla scoperta del curioso esordio omonimo, su Fat Possum, del nuovo duo formato dall'ex Fat White Family...
starcontrol 2017 - 02_preview

Starcontrol

Un quadro nerobluastro

Il trio lombardo approda finalmente al primo album "Fragments", per una "spleen wave” cupamente emotiva dalla quale...
1507251989-billy_corgan_tickets

Billy Corgan

Intervista a Mr Smashing Pumpkins

Di giorno in giorno aumentano gli indizi che fanno pensare ad un imminente ritorno degli Smashing Pumpikins....
maxresdefault

Roger Eno

Una promessa che ho mantenuto

Questa intervista è un estratto da "L'algebra delle lampade" di Paolo Tarsi, libro dedicato all’influenza esercitata dalle...
170415_JoanAsPoliceWoman

Joan As Police Woman

Giovanna Dark

"Damned Devotion", il nuovo album di Joan Wasser in uscita il 9 febbraio, si presenta, innanzitutto, come...