Chelsea Wolfe

Queste materie oscure

Il 3 settembre è il giorno di "Pain Is Beauty", il nuovo album di Chelsea Wolfe.
20120821ChelseaWolfe-640x426

Io dico “gotico” e voi pensate a Robert Smith, agli anni Ottanta, a un esercito di ragazzini con il cerone anacronistico rispetto alla vita di tutti i giorni, o rispetto alla vita e basta. Io dico “gotico” e voi pensate a gente che avete preso in giro a scuola perché indossava i gadget di Nightmare Before Christmas, indicativi del modo in cui il “gotico” si è disperso e fumettizzato. Perdendo, forse, quello che lo caratterizzava più di tutto: una forma di militarizzazione estetica e morale, quasi sacerdotale, che rendeva chi ne faceva parte un prescelto.
Ho visto i pochi dark della mia generazione vivere in attesa di tempi e ispirazioni migliori, nascondendo i Death In June in un posto molto privato del loro cuore. Anni dopo li ho visti tirare un sospiro di sollievo dinnanzi Interpol: dark was cool again. Sono passati circa dieci anni e il “gotico” si è affrancato da quei precipitati metal o emocore che ne hanno appesantito la struttura in modi che molti di noi preferiscono dimenticare.
Se queste materie oscure godono oggi di nuova popolarità, è anche grazie ad artiste come Chelsea Wolfe. Se la sera passeggio per Dalston e vedo ragazze con le labbra color fegato e le croci ai lobi e le gambe pallidissime che si stagliano da un paio di goffe Creeper, dev’essere anche per colpa sua. Faccio attenzione a usare la parola “popolarità” in relazione al dark, che non necessariamente aspira a essere rilevante: quando fai parte di una setta, non ti interessa essere quota maggioritaria di una società. Il tuo obiettivo è stare proprio lì, al margine. Ma se c’è una cosa che vuoi, è essere prescelto. E vuoi essere bello, perché la bellezza è qualcosa a cui hai diritto.

cwkofer4

Wolfe non è “gotica” nel senso in cui molti sono portati a immaginare il genere: non ha un’oncia di sfiga addosso e non è monocolore. E se lo è, non è detto che scelga per forza il nero. Ma è proprio la sua attenzione verso forme di malinconia diversa – in questo ultimo disco può ricordare Grouper (Lone), le Breeders (Destruction Makes) e persino Lana Del Rey (They’ll Clap Hand) – a farne una delle paladine più credibili del movimento. Perché Wolfe non fa caricatura di un genere, non lo illanguidisce come Zola Jesus e non lo “cristallizza” come la pur bravissima Soap And Skin. Chelsea Wolfe non ci dà una nuova Nico perché sa che non è quello di cui abbiamo bisogno.
Ricordo quando non era dark nessuno, o quando quelli che lo erano lo facevano in maniera sbagliata. Davanti a un ragazzo conciato come Peter Murphy che appendeva volantini per una serata eloquentemente chiamata “TodtTendenz” durante l’università, chiesi a un amico cosa ne pensasse. Un amico che era dark quanto potevo esserlo io: triste, ma senza la divisa. E lui disse: “niente, che devi contestualizzare il tuo dolore“. Ecco, se il “gotico” oggi vive una condizione particolarmente felice è perché ci sono artisti che ci aiutano a fare proprio questo. Artisti meno militarizzati, meno esoterici e spesso vicini al dancefloor (sono pronta a scommettere su un’imminente collaborazione tra Chelsea Wolfe e gli M83), che forse del gotico prendono solo la morbosità e l’abbigliamento monocromo (vedi gli XX) o una certa simbologia (vedi Fever Ray), ma non per questo sono meno tragici o maestosi. A volte, rimescolare le materie oscure è l’unica arma che abbiamo per far sì che sopravvivano. Ed è l’unico modo per far sì che, in questo scenario musicale in cui tutto cambia e niente cambia, in futuro io possa dire “gotico” senza che vi vengano in mente solo i Cure, Nightmare Before Christmas o i romanzi di Anne Rice. L’unico modo per far sì che nella vostra accumulazione di esperienza ci sia spazio anche per Chelsea Wolfe, Stoker di Chan Wook Park e Jon Snow di Game Of Thrones, che gradualmente andranno a cambiare la vostra idea di cos’è “gotico” e di cosa significa. Perché dark is beauty, oggi come trent’anni fa, e diffidate di chi vi dice il contrario: tutto quello che è successo in mezzo non importa.

Pubblicato sul Mucchio 710, intervista sullo stesso numero.

 

 

 

 

Altri contenuti Musica
misty1440

Father John Misty

Rio Cinema, Londra - 24/03/2017

Sul Mucchio di aprile troverete la nostra intervista a Father John Misty. L’abbiamo visto a Londra, dove...
17157472_1359727164087978_3672625944240950680_o

Baustelle

Teatro dell'Opera, Firenze - 06/03/2017

In splendida forma, il trio toscano inanella un sold out dopo l’altro nel suo tour più completo...
JULIE'S HAIRCUT
- "Il" gruppo psichedelico italiano per eccellenza in tour

Julie’s Haircut

Eterno movimento

A fine febbraio i Julie's Haircut sono tornati con un settimo album, “Invocation and Ritual Dance of...
OvO
- Freak power!

OvO

Freak power!

L'album che ha visto la luce negli ultimi mesi del 2016, "Creatura". L'esteso tour europeo da poco...
Piers Faccini

Piers Faccini

Guerra e pace

L'imminente manciata di date italiane ci offre l'assist per parlare con il songwriter del suo ultimo album...
THE XX
- Una nuova generazione

The xx

Una nuova generazione

In occasione della data italiana al Mediolanum Forum (MI), pubblichiamo un estratto dell'intervista di copertina del...
SAMPHA
- In tutta onestà

Sampha

In tutta onestà

Collaboratore tra gli altri di Kanye West, Solange e FKA twigs, il cantautore R’n’B Sampha ci racconta...
Tenco

Luigi Tenco

Ieri, oggi e forse domani

In che modo, a 50 anni dalla morte, l’eco delle sue canzoni si riverbera ancora nell’attualità?
SOHN
- Correre

SOHN

Correre

Un secondo album, "Rennen", e un'imminente tappa italiana. Una doppia occasione per tornare a conversare con il...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
amerigo_img-6136

Amerigo Verardi

Spirito, mente e materia

"È un vero e proprio viaggio da fare con la giusta predisposizione d’animo", sostiene Amerigo Verardi, giunto con...
HOWE GELB
- Il classico di domani

Howe Gelb

Classico di domani

"Future Standards" è un disco costruito attorno a pianoforte, basso e batteria, in cui il fondatore dei Giant...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...
best

Dischi: Best of 2016

Un anno in 30 dischi

Ne scriviamo ampiamente sul numero di dicembre che raccoglie tutto il meglio del 2016, ma qui c'è...
BOB DYLAN
L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Bob Dylan

L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Approssimarsi a Bob Dylan è un’impresa destinata al fallimento. Dylan costringe al difficile esercizio della lontananza, dal...