Chris Cornell

Euphoria Mo(u)rning

Raccontare Chris Cornell, attraverso un album, nel giorno in cui morì.
CHRIS-CORNELL

Quando hai una bottiglia per brindare e quello per cui stai per brindare è l’arrivo di un nuovo secolo, il tempo si ferma. Chris indossa un vestito luccicante, è pettinato ad arte, stringe una magnum con la mano destra e con le dita della sinistra trattiene il tappo che spinge per esplodere. Mancano pochi secondi al 2000. Una specie di spauracchio dicono i giornali. C’è quella cosa del millennium bug, c’è quella sensazione che da domani cambierà tutto. Chris aspetta. Ha gli occhi lucidi. E il tempo si ferma per davvero. Così ha qualche momento per
pensare: “sta per finire un decennio pazzesco” – rimugina. Un ottovolante, una giostra infuocata. Quanta musica, quanti viaggi. Quanti amici morti, quanti deliri. Quanti dollari buttati, altri goduti fino in fondo. Quante chitarre a raccontare i migliori anni della vita di un artista. Chris, incrocia lo sguardo degli altri. Al ralenti. L’odore di cibo inonda la stanza, così come quello dei fuochi d’artificio che si scaldano. Ci siamo, dopo quel volo di sughero non si potrà più tornare indietro.

Ma per Chris Cornell il bug del millennio si era già palesato. Succede tutto in una volta come sempre in questi casi. La sua band, i Soundgarden, si era sciolta dopo una serie di scazzi colossali nell’aprile del 1997 ma era il tessuto connettivo ormai a fare acqua da tutte le parti. Quella bolla di sapone chiamata grunge era scoppiata lasciando i resti sui muri. Kurt Cobain era morto, Andy Wood pure. Di Layne Staley poche notizie. E poi quel ragazzo dalla faccia pulita che non c’entrava nulla con lo sfacelo, ma che fu inghiottito dal fiume quasi fosse una punizione divina: Jeff Buckley. Però non è solo questo. Perché a fare traballare la terra sotto i piedi di Cornell ci sono pure il divorzio con la moglie e quel vizio per l’alcol, collante diabolico della sua vita. Ma Chris è sempre stato un esempio per tutti i suoi colleghi, una specie di padre putativo del movimento. Chris è Chris. Lui non fa stronzate. Lui non finisce male. Fortuna che c’è Chris!

ChrisCornell-EuphoriaMorning

E Cornell si dimostra forte abbastanza per affrontare il burrone. In tasca ha una sola parola: “euphoria”, la sensazione che si ha quando ci si infila in qualcosa di sconosciuto. Accanto a quella eccone un’altra “mo(u)rning”. Con o senza ‘u’? – è il grande dubbio di Chris. Perché con significa ‘lutto’, senza invece ‘mattina’. Alla fine opta per la seconda ed Euphoria Morning, uscito nel settembre del 1999 è il debutto solista di Cornell all’insegna della poesia. Perché sia che si tratti dell’euforia della mattina, che del lutto (ma nella ristampa del 2015 tornerà la ‘u’), il senso è quello artistico della ripartenza. E Chris Cornell riparte con un disco straordinario. Un album che si prende la responsabilità, lui, di chiudere il decennio.

Dodici canzoni che mollano il grunge, e che fanno un viaggio nel rock più trasversale e acustico. Un disco che non c’entra nulla con il Cornell sentito fino a quel momento, ma che è lui al 100 percento. Lo è quando in Can’t Change Me, canta soffice: “sta per cambiare il mondo, ma non può cambiare me” o quando, sempre a proposito del secolo in arrivo, gli si stringe il cuore: “Sono alla ricerca di un amico per la fine del mondo” (Preaching The End Of The World). Nella voce di Cornell evapora la cattiveria dei Soundgarden, ora piuttosto il suo cantato è asciutto, per nulla irruente. Le sue canzoni sono suggestioni romantiche, poesie americane, poco sofisticate ma molto sentite. E la musica si scrolla di dosso l’onere degli steccati: c’è il raffinato soul di When I’m Down, lo space-rock di Moonchild, il folk crudo di Sweet Euphoria, la ballata esistenziale Disappearing One. Ci sono gli incubi personali, la solitudine, c’è la storia sfortunata di Jeff Buckley raccontata nella funky ma melanconica Wave Goodbye. C’è l’atterraggio di sicurezza verso un nuovo mondo che – POP! (schizza il tappo dello champagne) – è appena cominciato.

Pubblicato sul Mucchio n. 750

 

Commenti

Altri contenuti Musica
© stefano masselli

Arcade Fire live

Ippodromo del Galoppo (Milano), 17/07/2017

Sette minuti. Tanto ha atteso invano la platea dell’Ippodromo del Galoppo per un secondo bis degli Arcade...
Chrysta_Bell_BeatTheBeat

Chrysta Bell

È tra i 217 nomi reclutati nel cast della terza serie di "Twin Peaks", nei panni dell'agente...
Naomi Punk (cred. Jami Nadel)

Naomi Punk

Energia

Parliamo con Travis Coster, cantante/chitarrista del trio di Olympia al terzo album con il nuovo "Yellow", di...
MAC DEMARCO - Vecchie abitudini

Mac DeMarco

Vecchie abitudini

Il cantautore canadese in concerto per due date ad Agosto ci racconta la genesi del suo “album...
JTpanorama

U2

Le lacrime di Warhol

The Joshua Tree fa trent’anni, un anniversario celebrato con un tour mondiale con tappe anche a Roma...
laura-coulson---the-xx-6-29985add-16fe-412a-b598-825cdd8623ae

The xx

Una nuova generazione

Sono sempre in tre, sono al terzo album con"I See You". In occasione del nuovo passaggio in...
JENS LEKMAN - Canzoni della vita

Jens Lekman

Canzoni della vita

Il songwriter svedese suonerà il 30 luglio al Siren festival di Vasto (CH), un'occasione per riproporre la...
SUMMER OF LOVE - Dall’estate dell'amore all'inverno del malcontento

Summer Of Love

Dall’estate dell'amore all'inverno del malcontento

Nel 1967, la Summer Of Love colloca San Francisco al centro delle mappe giovanili: a Haight-Ashbury fiorisce...
M.I.A-2544

M.I.A.

Royal Festival Hall, Londra - 18/06/2017

Quindici anni dopo i suoi primi passi nel mondo di musica e multimedia, M.I.A. diventa curatrice del...
184209147-74fa6fc2-02bb-470a-b5c6-1271ad9f6eb5

Sgt. Pepper

Come venne accolto in Italia?

"Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band" uscì in Italia nella prima quindicina di giugno del 1967 e...
kaitlynaureliasmith_header_1440x720

Kaitlyn Aurelia Smith

Giungla futuristica

La natura come primaria fonte d’ispirazione, il carattere alieno del Buchla umanizzato attraverso le melodie vocali, la sinestesia...
000096680022

Kevin Morby

La fine dei vent'anni

Al quarto album da solista, il songwriter statunitense, già membro dei Woods, passa dalla natura a scenari...
Goldie by Chelone Wolf

Goldie

Killing Music

Il ritorno del re della jungle e della drum and bass è a tutti gli effetti un...
IMG_5789_med

Cody ChesnuTT

Black Music Have The Power

Attivo dalla fine degli anni 90, ChesnuTT esprime una vitalità soul-rock in grado di portare la rivoluzione...
ANGEL OLSEN
Intervista e concerti in Italia

Angel Olsen

This woman's work

La cantautrice originaria del Missouri arriva in Italia (Bologna e Milano) con il nuovo album MY WOMAN,...