Extra n.43

In edicola

I contenuti del nuovo numero del nostro semestrale di approfondimento diretto da Alberto Campo. In edicola fino alla fine di agosto.
Extra
Il nuovo numero in edicola

Milano è risucchiata nel vortice dell’Expo: tanto se n’è parlato che quasi non se ne può più. Eppure il pretesto era troppo allettante, così ci siamo detti: proviamo a intercettare un’altra dimensione della città, rovistando nel retrobottega di quella vetrina scintillante. E facciamolo come sappiamo: inseguendone cioè il suono. Il risultato – leggerete – è un cocktail di “punk, elettronica e soldi facili”. Esattamente 15 anni fa, invece, l’Expo stava a Hannover, in Germania. Fu un fiasco economico mica da poco, con un passivo che superò il miliardo e mezzo di marchi (circa 800 milioni di euro, al cambio attuale). Goccia nel mare di un simile disavanzo furono i 400mila marchi pagati dagli organizzatori per avere una sigla firmata dai Kraftwerk, allora già conclamati artefici della “rivoluzione elettronica” che aveva sovvertito irreversibilmente le sembianze della pop music. Erano sembrati viceversa alieni, e persino un po’ grotteschi, agli albori di quel rivolgimento, quando nel 1975 sbucarono per la prima volta in hit parade con Autobahn: canzone congegnata impiegando i rumori dell’autostrada come fonte sonora. La cifra della loro grandezza, tuttavia, sta nell’aver esplorato in seguito, con spirito pionieristico, la combinazione dialettica fra Uomo e Macchina, che informa ora larga parte della nostra iperconnessa vita quotidiana.
Il 1995 fu carico di presagi, a tale proposito: Amazon vendeva il primo libro online e nasceva eBay. Impostare la nostra Macchina del tempo su quell’anno, però, ci ha rammentato che all’avanzare di un futuro addirittura inimmaginabile corrispondeva l’ostinata persistenza di un passato doloroso, in particolare per l’Europa, durante il Novecento ferita ripetutamente dai conflitti, l’ultimo dei quali inscenato nell’ex Jugoslavia. La musica perdeva intanto, il 19 ottobre, uno dei suoi eroi: minore fin che si vuole, ma per qualcuno gigantesco. Don Cherry era un Miles Davis con glamour inferiore e altrettanto estro: meritava dunque di essere ricordato. Allo stesso modo di Bobby Womack, altro protagonista della black music non adeguatamente celebrato nella storiografia ufficiale, la cui vicenda personale – potrete constatare – ha consistenza degna di un romanzo. Categoria – quest’ultima – alla quale appartiene Meno di zero. L’esordio di Bret Easton Ellis taglia il traguardo del trentennale e rappresenta una buona scusa – pieno com’è di musica, al pari dei lavori successivi dell’autore – per indagare su che peso specifico abbiano le canzoni nella produzione letteraria dello scrittore statunitense.
Potremmo poi rubricare nella sezione “cervelli in fuga” le vicende dei gemelli Pace, coppia motrice dei Blonde Redhead, che abbiamo intervistato per ripercorrerne la carriera, e di Luca Guadagnino, regista di Io sono l’amore, un film – tra i migliori italiani in epoca recente – del cui valore si sono resi conto più oltreoceano che in patria. L’Italia e il mondo anglofono, insomma: relazione particolarmente intensa ai tempi del “beat” nostrano, fenomeno del quale rievochiamo splendori e miserie attraverso le testimonianze di alcuni dei personaggi che animarono i “favolosi anni Sessanta”. Trovate questo e altro ancora nel nuovo numero del “Mucchio Extra”, che ci auguriamo possa essere compagno di viaggio per una buona estate.

extra

Commenti

Altri contenuti Musica
SOHN
- Correre

SOHN

Correre

Un secondo album, "Rennen", e un'imminente tappa italiana. Una doppia occasione per tornare a conversare con il...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
amerigo_img-6136

Amerigo Verardi

Spirito, mente e materia

"È un vero e proprio viaggio da fare con la giusta predisposizione d’animo", sostiene Amerigo Verardi, giunto con...
HOWE GELB
- Il classico di domani

Howe Gelb

Classico di domani

"Future Standards" è un disco costruito attorno a pianoforte, basso e batteria, in cui il fondatore dei Giant...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...
best

Dischi: Best of 2016

Un anno in 30 dischi

Ne scriviamo ampiamente sul numero di dicembre che raccoglie tutto il meglio del 2016, ma qui c'è...
BOB DYLAN
L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Bob Dylan

L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Approssimarsi a Bob Dylan è un’impresa destinata al fallimento. Dylan costringe al difficile esercizio della lontananza, dal...
HDADD
Il nuovo album "Sense Of Wonder", l'etichetta Queenspectra, le collaborazioni: Marco Acquaviva si racconta

HDADD

La rinascita dello spirito

Per gli ascoltatori più attenti HDADD è una delle realtà più visionarie e al contempo concrete dell'elettronica italiana:...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
carlo barbagallo

Carlo Barbagallo

Anteprima del video "11 Dreams”

In esclusiva, il video della versione acustica di 11 Dreams, brano tratto da 9, il nuovo album...
SOVIET SOVIET
Nuovo album, nuovi concerti

Soviet Soviet

In attesa dell'imminente secondo album "Endless", il power trio marchigiano ha ripreso a macinare concerti. L'occasione giusta...
19'40"
La nuova scommessa di Enrico Gabrielli e Sebastiano De Gennaro

19’40”

Divulgazione divertente

La collana di dischi congegnata da Sebastiano De Gennaro, Enrico Gabrielli e Francesco Fusaro parte col botto...
SHARON JONES
Addio ad una grande voce del soul

Sharon Jones

Addio ad una grande voce del soul

L'intervistammo esattamente un anno fa mentre alla soglia dei sessant’anni se la stava vedendo con il tumore...
LEONARD COHEN
Spegniamo la candela

Leonard Cohen

Spegniamo la candela

Johnny Cash, David Bowie, Leonard Cohen; andarsene con un disco-testamento è un privilegio riservato ai migliori, un...
tumblr_n5qhv77Ne31tbydapo1_1280

Bye Bye Obama

I magnifici otto

I dischi e gli artisti che hanno fatto da colonna sonora all’era Obama: fra R&B, hip hop...