Gorillaz

Printworks, Londra – 24/03/2017

La nostra recensione del concerto segreto a Londra, in cui i Gorillaz hanno lanciato il nuovo album “Humanz” con una carrellata di ospiti a sorpresa.
Gorillaz perform their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017.
Photo by Mark Allan

Con i musicisti finalmente liberati da dietro il loro sipario virtuale, l’esperienza Gorillaz dal vivo è ora tutta all’insegna di Damon Albarn e compagni, anziché di 2D, Murdoc, Noodle e Russel, ora relegati a proiezioni di secondo piano. Se da un punto di vista concettuale la decisione crea un po’ di delusione, musicalmente si rivela il lasciapassare per uno show più viscerale e Printworks, collocato nel Sud-Est di Londra, è il il miglior locale di media misura che possiate immaginare per un evento di questo tipo.

Albarn promette di avere in serbo quanti più collaboratori è riuscito a radunare per la serata, ma non risponde alla domanda più pressante: “Ci sarà Grace Jones?”. Abbiamo intuito quanto il nuovo disco sia ampiamente influenzato dall’hip hop, dal momento che i rapper in visita fanno il loro ingresso sul palco uno dopo l’altro. Un’ovazione immensa accoglie Saturnz Barz, segnale che il pubblico ha avuto modo di gustarsi il video a 360˚ in circolazione solo dal giorno prima.

Gorillaz perform their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017. Photo by Mark Allan
Gorillaz perform their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017. Photo by Mark Allan

Nonostante l’intero set sia per il pubblico virtualmente nuovo di zecca, la reazione è a dir poco eccezionale. Damon è in uno stato di perenne esaltazione e incita la folla a richiedere immediatamente un bis – “None of this 48/52 shit”, dice. Sembra molto soddisfatto della risposta del pubblico a Let Me Out, al punto da suonarla due volte di fila. Con la partecipazione della più grande star hip hop della serata, Pusha T, le aspettative non potevano che essere altissime, e per nostra fortuna, il brano è un gran bel tormentone. È rinforzato da una spettrale Mavis Staples, la cui testa gigante ondeggia inquietante sullo schermo alle loro spalle: è lei una delle poche star a non essere riuscita a partecipare questa sera.

Ci sono anche momenti queer, con l’ibridazione degli ormai ben solidificati elementi queer hip hop di Zebra Katz con l’house del dimenticato pioniere Jamie Principle, l’ultima leggenda di culto ad aver avuto una riabilitazione di carriera grazie ai Gorillaz. Katz si aggira furtivamente sulla spinta Sex Murder Party, ma sembra un po’ perdersi in mezzo alla confusione. Con molta probabilità lo troveremo più a suo agio su disco.

In compenso, Benjamin Clementine dimostra di essersi trasformato in un performer straordinario. Si percepisce un po’ di delusione nella folla quando iniziamo a capire che Grace Jones non si farà viva, ma in fin dei conti non importa più di tanto. Clementine ha sgraffignato la sua spettralità voodoo e l’ha resa propria, scambiando l’acconciatura affilata a rasoio di Grace con il proprio nido d’uccello altezza grattacielo. Il brano Hallelujah Money suona fuori contesto in un set così upbeat, ma è sempre buona cosa avere un’eccezione alla regola.

Gorillaz perform 'We Got the Power' feat. Jehnny Beth, Noel Gallagher and Jean Michel Jarre' off their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017. Photo by Mark Allan
Gorillaz perform ‘We Got the Power’ feat. Jehnny Beth, Noel Gallagher and Jean Michel Jarre’ off their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017. Photo by Mark Allan

Sarà pur un compito impossibile, ma con We Got The Power Albarn potrebbe essere riuscito (coscientemente) a creare un inno alla positività di cui il mondo ha tanto bisogno di questi tempi. Con Jehnny Beth delle Savages imperiosa al microfono e la presenza di Jean Michel Jarre – JEAN MICHEL JARRE! – il brano si trasforma in uno stellare, trionfante tumulto con cui chiudere il set principale.

Di fatto ci sono così tanti nomi del panorama musicale in circolazione questa sera che potreste esservi persi la presenza in sordina di un certo Noel Gallagher, buttato lì in un angolo. Non è esattamente chiaro quale sia il suo contributo alla traccia, ma a favore di uno spirito di comunione globale, non potremmo avere un simbolo migliore dell’uomo che, un tempo, augurò pubblicamente ad Albarn di morire di AIDS, e ora collabora benignamente dal vivo a una delle sue canzoni.

Traduzione a cura di Giuseppe Zevolli 

 

 

 

 

 

Commenti

Altri contenuti Concerti / Musica
BillCallahan_byInigoAmescua

Bill Callahan

Hoxton Hall, Londra - 07/05/2017

Mr. Callahan è tornato a Londra per un’intima residenza di quattro giorni, tra concerti serali e pomeridiani....
Gorillaz perform their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017.
Photo by Mark Allan

Gorillaz

Printworks, Londra – 24/03/2017

La nostra recensione del concerto segreto a Londra, in cui i Gorillaz hanno lanciato il nuovo album...
The Can Project in the Barbican Hall on Saturday 8 April 2017.
Photo by Mark Allan

The Can Project

Barbican Centre, Londra - 08/04/2017

Il Barbican Centre di Londra ospita una lunga serata per celebrare i 50 anni di attività dei...
Senni

Lorenzo Senni

Oslo Hackney, Londra - 29/03/2017

Resoconto del set londinese tenuto dal musicista elettronico italiano ormai di casa Warp. Clean trance ed euforia...
misty1440

Father John Misty

Rio Cinema, Londra - 24/03/2017

Sul Mucchio di aprile troverete la nostra intervista a Father John Misty. L’abbiamo visto a Londra, dove...
17157472_1359727164087978_3672625944240950680_o

Baustelle

Teatro dell'Opera, Firenze - 06/03/2017

In splendida forma, il trio toscano inanella un sold out dopo l’altro nel suo tour più completo...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
IMG_20161024_224102

Minor Victories

Santeria Social Club, Milano - 24 Ottobre

L’esordio omonimo dei Minor Victories, uscito a Giugno, si è ritagliato un seguito di culto anche nel...
PJ HARVEY
Per chi l'ha vista a Firenze e anche per chi non c'era

PJ Harvey

OBIHall, Firenze – 24 ottobre 2016

Seconda delle due date italiane per la songwriter inglese, in strepitoso stato di grazia.
040916_2144

L7

Live Club (Trezzo sull'Adda, MI) - 04 settembre 2016

Questo è uno di quegli eventi che non possono passare inosservati.
Credits_Giorgio_Manzato

Kamasi Washington

Locus Festival

L’onda lunga del caso "The Epic", disco dalla durata monstre (circa tre ore) di Kamasi Washington, non...
13731805_10154351218814402_3019691915445494693_o

Festa della musica

Chianciano Terme (SI), 20 – 24 luglio

A Chianciano non si suona un genere preciso. Allo stesso tempo nessun genere viene escluso. Può capitare...
Jessy_Promo

Jessy Lanza

Corsica Studios, Londra - 19 maggio 2016

Il nuovo disco della canadese Jessy Lanza, uno dei nomi di punta della storica etichetta Hyperdub, si...
DIIV

DIIV

18 marzo 2016 - Londra, Heaven

“You ain’t the first / You ain’t the first”, sussurra Zachary Cole Smith durante "Is The Is...
JF-hi-res-promo-foto-by-M-Borthwick-color-lores

Josephine Foster

25/26 Febbraio, Londra

Nel 2000 la cantautrice e polistrumentista del Colorado Josephine Foster pubblicava There Are Eyes Above, un’autoproduzione in...