Grime

Le parole per dirlo

Drake e Skepta si stanno prendendo l’hip hop USA, e nessuno l’avrebbe mai detto.
GRIME
Le parole per dirlo

Durante una lecture del 2015 A$ap Rocky si ritrovò a parlare di Skepta, della sua label (la BBK, che gestisce insieme al fratello JME) e di tutto il movimento grime, definendolo impropriamente un “sottogenere dell’hip hop”. Qualche mese più tardi, Kanye West trascinò tutta la BBK sul palco dei Brits, in una shoccante performance di All Day. Lo stesso Skepta, a cavallo tra la fine dell’anno e l’inizio del 2016, ha rilasciato due singoli It Ain’t Safe e Ladies Hit Squad con due esponenti della crew di Rocky. Ecco: lì è stato subito chiaro come il tanto atteso momento del grime in USA, della musica urbana inglese che trova attenzione e dignità anche in America, fosse finalmente arrivato.

Generatosi nei primi del 2000 sulle ceneri dell’UK Garage, il grime è stato illuminato per qualche anno da Dizzee Rascal – ma mai era stato così esposto al mainstream fino a che sul suo trono non si è seduto Joseph Junior Adenuga, altrimenti noto come Skepta. Nato nel Northeast di Londra da una famiglia di immigrati nigeriani, Skepta c’ha messo un po’ prima di trovare la formula giusta («Non mi permetterò più di essere infelice») per il successo. Nessun compromesso, ma lavoro costante e Track Suit – lo stile d’abbigliamento fatto di tute in triacetato parte integrante della cultura grime. L’uscita di Konnichiwa, la collaborazione con Pharrell e l’ingresso nella top 5 americana dopo una sola settimana, hanno ribaltato la prospettiva secondo cui il rap USA fosse pronto a mangiarsi il grime. Magari, è vero il contrario. Nella traccia di punta del quinto album di Skepta, Shutdown, intro e outro sono affidate a due Vine registrati qualche tempo prima da Drake, un ossessionato dal grime sin dal giorno uno, così come di dancehall e di reggae. Tutte influenze che Drake stesso, in un modo o nell’altro, ha cercato di portare in VIEWS, il suo ultimo lavoro uscito solo qualche giorno prima di quello di Skepta. E che sono perfettamente udibili in Controlla in Tood Good. VIEWS può essere considerato il primo album del Drake superstar come siamo abituati a conoscerlo da qualche anno a questa parte: un disco che, seppur non sorprendente come il mixtape che l’ha anticipato, ha avuto se non altro il merito di prendersi tutte le prime posizioni in classifica.

Drake e Skepta insomma, si stanno prendendo l’hip hop USA, e nessuno l’avrebbe mai detto. I due sono amici, in più occasioni hanno dichiarato di voler lavorare insieme, si sono esibiti sullo stesso palco e la storia continua fino alla firma di Drake per la BBK (il primo canadese della storia). Seppur non fosse (e non lo sia tuttora…) chiaro cosa questo comporterà, il passaggio è di fondamentale interesse se si guarda a Skepta e Drake come ai più classici dei poli opposti che si attraggono fatalmente: Drake ha preso a prestito da Skepta musica, sfumature stilistiche e soprattutto tutta la street cred che un movimento culturale underground come il grime si porta appresso; Skepta d’altra parte ha visto il suo nome comparire sempre più sulle pagine digitali dei maggiori siti di informazione, autoalimentando il crescente interesse attorno alla sua figura. Visti da vicino, poi, i due album si somigliano più di quanto si possa pensare. VIEWS è costruito attorno all’idea di voler condensare in un unico album tutti i suoni (e le stagioni) di Toronto, risultando però troppo lungo e a tratti claustrofobico. Konnichiwa, nonostante il titolo giapponese, nasce dalla voglia di raccontare non solo il grime e la sua cultura, ma la Londra che necessariamente lo permea.

Nel mezzo, entrambi c’hanno inserito una storia, la loro, che si riscopre molto personale, seppur sempre sotto controllo. Drake è oramai la quintessenza del rap prestato al pop, fenomeno globale e multilivello; eppure il giorno dopo l’uscita di VIEWS ha messo in piedi un piccolo block party simile – seppur meno disruptive – a quello organizzato da Skepta a Shoreditch circa un anno fa. Drake e Skepta stanno provando ad accerchiare l’hip hop americano, con due esigenze comunicative molto diverse: sociale quella dell’inglese, mediatica quella del canadese. È il fatto che lo facciano insieme, nel senso letterale del termine (Drake è arrivato a tatuarsi il logo della BBK) a rappresentare una sorta di inedito nel panorama rap americano.

Commenti

Altri contenuti Musica
CONTEST SACRED BONES
- Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevu due cd in omaggio

Contest Sacred Bones

Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevi due cd

L'etichetta, sinonimo di “oscurità”, sperimentazione e grafica impeccabile è nata dieci anni fa nel sotterraneo del negozio...
CRISTIANO GODANO - Italrock anni 90

Cristiano Godano

A tutti mancano gli anni 90. Tutti li citano. Li omaggiano. In Italia la scena rock di...
YOMBE - Il dono del new soul

Yombe

Il dono del new soul

Il duo campano, operativo a Milano, arriva al primo album con "GOOOD", un oggetto synthsoul di pregio...
20171118_214233(0)

The War On Drugs

@ Fabrique, Milano (16/11/17)

È un Fabrique gremito quello che accoglie i War On Drugs, reduci da tre album entusiasmanti a...
20171116_214218

Father John Misty

@Fabrique, Milano (16/11/2017)

La valigia di Josh Tillman è andata persa durante il viaggio aereo verso Milano. “Sembro vestito perfettamente...
shabazz_palaces_01

Shabazz Palaces

Oval Space, Londra - 06/11/2017

Quazarz atterra a Londra: i Shabazz Palaces portano in concerto il loro idiosincratico mix di free jazz...
20171110_215423

Fleet Foxes

@Fabrique, Milano (10/11/2017)

L’ultima incursione dei Fleet Foxes a Milano risale ad un altro novembre, quello del 2011. Nella location...
_MG_0573

Massimo Zamboni

1917-2017: i Soviet + L'elettricità

A Bologna per I Soviet + L'elettricità: lo spettacolo multimediale sui cento anni di rivoluzione russa, un...
cohen

Leonard Cohen

Il piccolo profeta gobbo

Un anno fa moriva Leonard Cohen, il giorno prima dell’elezione di Trump che sconvolgeva il mondo. Questo...
dream-syndicate

Dream Syndicate

Dalle 22 alle 24, minuto più minuto meno. Due ore di carica esplosiva. Con gli strumenti caricati...
vallicelli

Matteo Vallicelli

Botta e risposta

Ripubblichiamo la nostra intervista a Matteo Valliceli in occasione della sua partecipazione alla decima edizione del Transmissions...
CRISTALLO - Se i Melampus risplendono in italiano

Cristallo

La trasparenza del nero

Con l’omonimo EP del loro nuovo progetto, sempre avvolgente ma maggiormente elettronico, Francesca Pizzo e Angelo Casarrubia...
liars1

Liars

A tre anni di distanza da "Mess", i Liars tornano in veste di progetto solistico del frontman...
ZOLA JESUS - Dal vivo in Italia

Zola Jesus

Nostra signora dell'oscurità

A Novembre dal vivo in Italia con il quinto album, un lavoro volutamente heavy
aldousharding_2017blue

Aldous Harding

Strana come un'arancia meccanica

Il 31 ottobre a Torino sarà l'unica occasione per vedere dal vivo Aldous Harding, non perdetevela.
PROG ROCK ITALIANO - La serie in vinile di De Agostini Publishing

Prog Rock Italiano

La stagione d’oro del nostro progressive in vinile

Arriva Prog Rock Italiano, la nuova collana di De Agostini Publishing: sessanta album in vinile per rivivere...