I Blue Willa si sciolgono

(fine di una) storia di cover

Sul Mucchio di gennaio 2013 c’erano i Blue Willa in copertina: molti vi avevano visto una scommessa, ma per noi si trattava già di una certezza.
bw

pdf_mucchio 702 (trascinato)L’occasione per l’esteso articolo relativo era infatti l’uscita del bellissimo album omonimo, prodotto da un’estimatrice d’eccezione: Carla Bozulich. Il percorso della band di Prato, però, era in realtà cominciato molto tempo prima, sotto la sigla sociale Baby Blue, con un ep e due dischi all’attivo. Nell’insieme, l’emblema ideale della rinascita della scena toscana e, più ad ampio raggio, dell’indie rock autoctono capace di alzare la testa e farsi apprezzare anche all’estero.

Vogliamo ricordare in sintesi perché i Blue Willa erano e rimangono una splendida anomalia? Come non dire dell’unione fra asperità elettriche e melodie deviate, dei riferimenti arty e dell’attitudine puramente punk, dei continui cambi di passo che hanno reso ogni brano una scoperta avventurosa e indimenticabile. Come non dire, soprattutto, dell’alchimia innescata dalla somma di quattro semplici elementi: la voce incredibile di Serena Altavilla, la chitarra di Mirko Maddaleno, il basso di Lorenzo Maffucci, la batteria di Graziano Ridolfo.

Per chi scrive, che ha visto in loro la miglior formazione rock della sua generazione, è poi impossibile non fare riferimento a concerti di una potenza più unica che rara, vere e proprie esplosioni di euforizzante, catartica adrenalina. Sfilano flashback di club, piazze e festival. Di esibizioni riprese dalle telecamere, set acustici al freddo che congela le dita, bagni di sudore nei pochi centimetri che dividono palcoscenico e prime file. Di musica alla luce del giorno e a notte fonda. Di corde rotte e urla negli amplificatori, salti e danze a piedi nudi, volti coperti e provocazioni. Di una personalità dirompente.

Mancheranno, i Blue Willa. Non solo per la musica, ma anche per il loro modo schivo e naïf di viverla questa musica. Per il loro essere sempre fuori dalle righe. Adesso queste righe le hanno definitivamente rotte. It’s a cruel chain, baby, come in un perfetto copione rock.

I Blue Willa si sciolgono, lunga vita ai Blue Willa.

foto di Angelica Gallorini

Commenti

Altri contenuti Musica
Piers Faccini

Piers Faccini

Guerra e pace

L'imminente manciata di date italiane ci offre l'assist per parlare con il songwriter del suo ultimo album...
THE XX
- Una nuova generazione

The xx

Una nuova generazione

In occasione della data italiana al Mediolanum Forum (MI), pubblichiamo un estratto dell'intervista di copertina del...
SAMPHA
- In tutta onestà

Sampha

In tutta onestà

Collaboratore tra gli altri di Kanye West, Solange e FKA twigs, il cantautore R’n’B Sampha ci racconta...
Tenco

Luigi Tenco

Ieri, oggi e forse domani

In che modo, a 50 anni dalla morte, l’eco delle sue canzoni si riverbera ancora nell’attualità?
SOHN
- Correre

SOHN

Correre

Un secondo album, "Rennen", e un'imminente tappa italiana. Una doppia occasione per tornare a conversare con il...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
amerigo_img-6136

Amerigo Verardi

Spirito, mente e materia

"È un vero e proprio viaggio da fare con la giusta predisposizione d’animo", sostiene Amerigo Verardi, giunto con...
HOWE GELB
- Il classico di domani

Howe Gelb

Classico di domani

"Future Standards" è un disco costruito attorno a pianoforte, basso e batteria, in cui il fondatore dei Giant...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...
best

Dischi: Best of 2016

Un anno in 30 dischi

Ne scriviamo ampiamente sul numero di dicembre che raccoglie tutto il meglio del 2016, ma qui c'è...
BOB DYLAN
L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Bob Dylan

L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Approssimarsi a Bob Dylan è un’impresa destinata al fallimento. Dylan costringe al difficile esercizio della lontananza, dal...
HDADD
Il nuovo album "Sense Of Wonder", l'etichetta Queenspectra, le collaborazioni: Marco Acquaviva si racconta

HDADD

La rinascita dello spirito

Per gli ascoltatori più attenti HDADD è una delle realtà più visionarie e al contempo concrete dell'elettronica italiana:...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
carlo barbagallo

Carlo Barbagallo

Anteprima del video "11 Dreams”

In esclusiva, il video della versione acustica di 11 Dreams, brano tratto da 9, il nuovo album...
SOVIET SOVIET
Nuovo album, nuovi concerti

Soviet Soviet

In attesa dell'imminente secondo album "Endless", il power trio marchigiano ha ripreso a macinare concerti. L'occasione giusta...