I Blue Willa si sciolgono

(fine di una) storia di cover

Sul Mucchio di gennaio 2013 c’erano i Blue Willa in copertina: molti vi avevano visto una scommessa, ma per noi si trattava già di una certezza.
bw

pdf_mucchio 702 (trascinato)L’occasione per l’esteso articolo relativo era infatti l’uscita del bellissimo album omonimo, prodotto da un’estimatrice d’eccezione: Carla Bozulich. Il percorso della band di Prato, però, era in realtà cominciato molto tempo prima, sotto la sigla sociale Baby Blue, con un ep e due dischi all’attivo. Nell’insieme, l’emblema ideale della rinascita della scena toscana e, più ad ampio raggio, dell’indie rock autoctono capace di alzare la testa e farsi apprezzare anche all’estero.

Vogliamo ricordare in sintesi perché i Blue Willa erano e rimangono una splendida anomalia? Come non dire dell’unione fra asperità elettriche e melodie deviate, dei riferimenti arty e dell’attitudine puramente punk, dei continui cambi di passo che hanno reso ogni brano una scoperta avventurosa e indimenticabile. Come non dire, soprattutto, dell’alchimia innescata dalla somma di quattro semplici elementi: la voce incredibile di Serena Altavilla, la chitarra di Mirko Maddaleno, il basso di Lorenzo Maffucci, la batteria di Graziano Ridolfo.

Per chi scrive, che ha visto in loro la miglior formazione rock della sua generazione, è poi impossibile non fare riferimento a concerti di una potenza più unica che rara, vere e proprie esplosioni di euforizzante, catartica adrenalina. Sfilano flashback di club, piazze e festival. Di esibizioni riprese dalle telecamere, set acustici al freddo che congela le dita, bagni di sudore nei pochi centimetri che dividono palcoscenico e prime file. Di musica alla luce del giorno e a notte fonda. Di corde rotte e urla negli amplificatori, salti e danze a piedi nudi, volti coperti e provocazioni. Di una personalità dirompente.

Mancheranno, i Blue Willa. Non solo per la musica, ma anche per il loro modo schivo e naïf di viverla questa musica. Per il loro essere sempre fuori dalle righe. Adesso queste righe le hanno definitivamente rotte. It’s a cruel chain, baby, come in un perfetto copione rock.

I Blue Willa si sciolgono, lunga vita ai Blue Willa.

foto di Angelica Gallorini

Commenti

Altri contenuti Musica
© stefano masselli

Arcade Fire live

Ippodromo del Galoppo (Milano), 17/07/2017

Sette minuti. Tanto ha atteso invano la platea dell’Ippodromo del Galoppo per un secondo bis degli Arcade...
Chrysta_Bell_BeatTheBeat

Chrysta Bell

È tra i 217 nomi reclutati nel cast della terza serie di "Twin Peaks", nei panni dell'agente...
Naomi Punk (cred. Jami Nadel)

Naomi Punk

Energia

Parliamo con Travis Coster, cantante/chitarrista del trio di Olympia al terzo album con il nuovo "Yellow", di...
MAC DEMARCO - Vecchie abitudini

Mac DeMarco

Vecchie abitudini

Il cantautore canadese in concerto per due date ad Agosto ci racconta la genesi del suo “album...
JTpanorama

U2

Le lacrime di Warhol

The Joshua Tree fa trent’anni, un anniversario celebrato con un tour mondiale con tappe anche a Roma...
laura-coulson---the-xx-6-29985add-16fe-412a-b598-825cdd8623ae

The xx

Una nuova generazione

Sono sempre in tre, sono al terzo album con"I See You". In occasione del nuovo passaggio in...
JENS LEKMAN - Canzoni della vita

Jens Lekman

Canzoni della vita

Il songwriter svedese suonerà il 30 luglio al Siren festival di Vasto (CH), un'occasione per riproporre la...
SUMMER OF LOVE - Dall’estate dell'amore all'inverno del malcontento

Summer Of Love

Dall’estate dell'amore all'inverno del malcontento

Nel 1967, la Summer Of Love colloca San Francisco al centro delle mappe giovanili: a Haight-Ashbury fiorisce...
M.I.A-2544

M.I.A.

Royal Festival Hall, Londra - 18/06/2017

Quindici anni dopo i suoi primi passi nel mondo di musica e multimedia, M.I.A. diventa curatrice del...
184209147-74fa6fc2-02bb-470a-b5c6-1271ad9f6eb5

Sgt. Pepper

Come venne accolto in Italia?

"Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band" uscì in Italia nella prima quindicina di giugno del 1967 e...
kaitlynaureliasmith_header_1440x720

Kaitlyn Aurelia Smith

Giungla futuristica

La natura come primaria fonte d’ispirazione, il carattere alieno del Buchla umanizzato attraverso le melodie vocali, la sinestesia...
000096680022

Kevin Morby

La fine dei vent'anni

Al quarto album da solista, il songwriter statunitense, già membro dei Woods, passa dalla natura a scenari...
Goldie by Chelone Wolf

Goldie

Killing Music

Il ritorno del re della jungle e della drum and bass è a tutti gli effetti un...
IMG_5789_med

Cody ChesnuTT

Black Music Have The Power

Attivo dalla fine degli anni 90, ChesnuTT esprime una vitalità soul-rock in grado di portare la rivoluzione...
ANGEL OLSEN
Intervista e concerti in Italia

Angel Olsen

This woman's work

La cantautrice originaria del Missouri arriva in Italia (Bologna e Milano) con il nuovo album MY WOMAN,...