I racconti di Canterbury

Dai Wilde Flowers agli Hatfield and the North

Come il Cristianesimo è stato inventato 70 anni dopo la morte del pover'uomo, anche la scena di Canterbury è stata inventata molto tempo dopo, dall'esterno. A dirlo è Robert Wyatt, e noi su Extra vi raccontiamo com'è andata.
wildeflowersmarch65

Dice: “Vuoi scrivere 30mila battute sulla ‘scuola di Canterbury’?”. Ecco. Magari preferivo scriverle, le 30mila battute, su I racconti di Canterbury. Almeno la questione era evidente, il campo più delimitato, e soprattutto, quando compose I racconti di Canterbury, Chaucer aveva ben chiaro in testa di voler comporre I racconti di Canterbury. Robert Wyatt no. Quando lui e gli altri suoi complici, tutti ragazzi sui 20 anni, meno che più, cominciarono a suonare ciò che ancora oggi i critici musicali (ammesso che ne esistano ancora, di critici
musicali) classificano come “scuola di Canterbury” (o Canterbury sound, se preferite), Robert Wyatt e soci, dico, manco se lo immaginavano di essere la “scuola di Canterbury” e di formulare il Canterbury sound. Intanto perché le “scuole”, nella musica pop, non esistono, sono un’invenzione dei critici. Anche da noi – avete presente?- la “scuola genovese”, ad esempio: figurarsi se Gino Paoli e Fabrizio De André e Tenco e Bindi e Lauzi pensavano
a se stessi come “scuola genovese”, quando si trovavano e suonavano e facevano le cose che ancora adesso si definiscono “scuola genovese”. Che poi, “scuola” è una parola che mette tristezza solo a pronunciarla. Quindi no, Wyatt e soci manco ci pensavano alla “scuola
di Canterbury”. Anche perché quando cominciarono a suonare quella musica lì, manco stavano più a Canterbury. Si erano trasferiti a Londra: il posto dove, a quei tempi, accadeva tutto di tutto, non solo nel rock.

Qualcosa di vero, però, c’è in questa faccenda della “scuola di Canterbury”: la vicenda comincia effettivamente a Canterbury, e nasce in una scuola. Negli anni Cinquanta, fra i banchi dell’elementare “Simon Langton”, s’incontrano cinque ragazzini destinati a un curioso avvenire: sono i due fratelli Hugh e Brian Hopper, Dave Sinclair, Mike Ratledge e Robert Ellidge. Chi diavolo è Robert Ellidge? Robert Ellidge è l’essenziale. Quello attorno al quale ruota tutto e tutto ruoterà, in questa storia. Solo che voi lo conoscete da sempre col nome d’arte di Robert Wyatt. Sapete com’è, le amicizie delle elementari a volte sono le più tenaci. Specie se cementate da un interesse comune. Per quei cinque, l’interesse comune è la musica. Crescono insieme, trascorrendo interi pomeriggi a casa di Ellidge (cioè, Wyatt: siamo realisti, d’ora in poi è Wyatt e basta) ad ascoltare jazz e strimpellare qualcosa. La casa di Wyatt è la Camelot del Canterbury sound: lo ha deciso il dottor Destino, che nel 1960 induce uno strampalato chitarrista australiano, tale Daevid Allen, ad affittare una stanza proprio in quella casa. I ragazzi, come tutti i ragazzi, sono affascinati dal Lucignolo di turno. Allen è un perfetto Lucignolo: vita dissipata e fremente passione per il jazz. Un vero maestro per entrare nel Paese dei balocchi musicali. Nel giro di due anni, il fattacciosi compie: sempre in casa Wyatt iniziano le prime registrazioni con i due Hopper (Brian alla chitarra e al sax, Hugh al basso), Wyatt alla batteria e Ratledge al piano. Intanto Allen s’è trasferito a Londra e nel 1963 invita Wyatt e Hugh Hopper a raggiungerlo per formare un trio a suo nome. Tengono qualche concerto, in cui propongono brani di free jazz e poesie beat. Roba pallosa, temo. Tant’è vero che i contratti scarseggiano e in poche settimane il gruppo si dissolve. Eppure, è successo qualcosa. Anzi, tutto. Tutto è cominciato.

Scusate se la faccenda si complica. Non è colpa mia. Sono le vite delle persone a essere complicate. Quella di Daevid Allen, poi, è la complicazione per antonomasia. Insomma, Allen si trasferisce a Deià, nell’isola di Maiorca, che è già capitale degli sballoni grazie alla presenza di una vivace comunità di artisti della Beat generation (adesso non fatemi spiegare cos’era la Beat generation, altrimenti non ne usciamo vivi: diamo la cosa per nota e andiamo avanti). Comunque, con l’arrivo di Allen quel posto diventa un’altra Camelot del Canterbury sound: prima o poi ci passeranno tutti i musicisti di quel giro. Intanto si palesano Wyatt e Ayers, per trascorrerci un’estate, quella del 1964, presumo molto vivace. Intanto a casa, in Inghilterra, Hugh e Brian Hopper e Richard Sinclair – età anni 15 – formano un’altra band: i Wild Flowers. Fiori selvaggi. Quando Wyatt e Ayers tornano da Maiorca, entrano pure loro nel gruppo, e per dimostrare che l’estate non è passata invano ne cambiano il nome in Wilde Flowers, i Fiori di (Oscar) Wilde. Vi pare una cazzata? Boh, a me no. A me quel giocare con le parole (Wild/Wilde) sembra invece molto significativo di ciò che è stato, ammesso che sia esistito, il Canterbury sound: l’immaginazione al potere, lo scherzo dada, lo stravolgimento ironico, il surrealismo. Robe così. Coerente con un certo spirito del tempo. Poi i ragazzi sono cresciuti, alcuni hanno cominciato a prendersi troppo sul serio, e sono diventati pallosi. Sono tornati al jazz, insomma. Ma non anticipiamo…

I Wilde Flowers non arriveranno mai a pubblicare un disco: le registrazioni dell’epoca usciranno solo negli anni Novanta, a gloria raggiunta e consumata. E non hanno nessun sound speciale: fanno rhythm’n’blues all’americana e cover di Chuck Berry e dei Beatles (che a loro volta, all’epoca, facevano cover di Chuck Berry…), con appena un vago sentore, qui e là, di free jazz. Eppure i Wilde Flowers sono determinanti, perché dalla loro diaspora nasceranno le band fondamentali del Canterbury sound, a cominciare da Soft Machine e Caravan. I primi Wilde Flowers durano poco: dopo un paio d’anni, Ayers prima e poi Wyatt, nel maggio 1966, salutano la compagnia per tornare a fare comunella con l’inquieto Allen. Il gruppo continua con altri musicisti (devo citarli? Massì: alcuni sono significativi per il resto della storia): Richard Coughlan alla batteria, Dave Sinclair alle tastiere, Pye Hastings alla chitarra e alla voce, oltre a Richard Sinclair e i fratelli Brian e Hugh Hopper. Dico che sono importanti perché nel 1968 Coughlan, Hastings e i cugini Sinclair se ne vanno per formare i Caravan, band seminale del filone melodico della “scuola di Canterbury”, mentre Brian Hopper e Lawrence fondano gli Zobe. Un anno dopo i Wilde Flowers superstiti si separano
definitivamente. Pace all’anima loro.

Continua sul Mucchio Extra in edicola (oppure ordinalo qui)

extra

 

Commenti

Altri contenuti Musica
HDADD
Il nuovo album "Sense Of Wonder", l'etichetta Queenspectra, le collaborazioni: Marco Acquaviva si racconta

HDADD

La rinascita dello spirito

Per gli ascoltatori più attenti HDADD è una delle realtà più visionarie e al contempo concrete dell'elettronica italiana:...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
carlo barbagallo

Carlo Barbagallo

Anteprima del video "11 Dreams”

In esclusiva, il video della versione acustica di 11 Dreams, brano tratto da 9, il nuovo album...
SOVIET SOVIET
Nuovo album, nuovi concerti

Soviet Soviet

In attesa dell'imminente secondo album "Endless", il power trio marchigiano ha ripreso a macinare concerti. L'occasione giusta...
19'40"
La nuova scommessa di Enrico Gabrielli e Sebastiano De Gennaro

19’40”

Divulgazione divertente

La collana di dischi congegnata da Sebastiano De Gennaro, Enrico Gabrielli e Francesco Fusaro parte col botto...
SHARON JONES
Addio ad una grande voce del soul

Sharon Jones

Addio ad una grande voce del soul

L'intervistammo esattamente un anno fa mentre alla soglia dei sessant’anni se la stava vedendo con il tumore...
LEONARD COHEN
Spegniamo la candela

Leonard Cohen

Spegniamo la candela

Johnny Cash, David Bowie, Leonard Cohen; andarsene con un disco-testamento è un privilegio riservato ai migliori, un...
tumblr_n5qhv77Ne31tbydapo1_1280

Bye Bye Obama

I magnifici otto

I dischi e gli artisti che hanno fatto da colonna sonora all’era Obama: fra R&B, hip hop...
TOM BROSSEAU
Intervista

Tom Brosseau

Ritorno alle radici

Ha appena pubblicato "North Dakota Impressions", il terzo volume di una sorta di trilogia dedicata ai suoi...
jerusalem-in-my-heart

Jerusalem In My Heart

Cannibalismo culturale

Il progetto sull'asse Libano/Canada di Radwan Ghazi Moumneh e condiviso con il filmmaker Charles-André Coderre torna in...
IMG_20161024_224102

Minor Victories

Santeria Social Club, Milano - 24 Ottobre

L’esordio omonimo dei Minor Victories, uscito a Giugno, si è ritagliato un seguito di culto anche nel...
LOU REED
L'incipit del lungo servizio sul Mucchio in edicola

Lou Reed

Eurochild

Perché i riformati Velvet Underground accettarono di fare da spalla agli U2 durante il tour europeo del...
PJ HARVEY
Per chi l'ha vista a Firenze e anche per chi non c'era

PJ Harvey

OBIHall, Firenze – 24 ottobre 2016

Seconda delle due date italiane per la songwriter inglese, in strepitoso stato di grazia.
ZEN CIRCUS
Un selfie sulle rovine del mondo

The Zen Circus

Un selfie sulle rovine del mondo

Andrea Appino, Ufo e Karim festeggiano i diciotto anni di carriera con un nuovo album: "La Terza...
040916_2144

L7

Live Club (Trezzo sull'Adda, MI) - 04 settembre 2016

Questo è uno di quegli eventi che non possono passare inosservati.