Jonathan Wilson

Firenze, Cavea del Nuovo Teatro dell’Opera - 01/08/2014

Un set in cui il meglio del progressive inglese si fonde con la grande tradizione americana, da Neil Young agli Allman Brothers. Per capire a fondo il successo dell’album "Fanfare", è imprescindibile vedere Wilson dal vivo.
IMG_5185

La Cavea del Nuovo Teatro dell’Opera, con le sue scalinate all’aperto, i bei giochi di luce e Firenze alle spalle, è una cornice suggestiva per la musica di Jonathan Wilson, che torna in Italia a pochi mesi di distanza dal tour dell’aprile 2014. Il suo ultimo album Fanfare, sèguito del già acclamato Gentle Sprit, gli ha valso la notorietà internazionale. Eppure, vederlo dal vivo è il tassello definitivo per capire fino in fondo la musica del giovane e talentuoso chitarrista americano, classe 1974.

Molti sono i brani tratti da Fanfare. Si parte in modo soffuso con Lovestrong, che Wilson esegue con voce delicata mentre la band dimostra in pochi minuti la pasta di cui è fatta. Jason Borger è un organista fenomenale, Omar Velasco (che apre il concerto) impeccabile, Richard Gowen e Dan Horne solidi alla sezione ritmica. I quattro seguono Wilson con disciplina e un senso delle dinamiche strepitoso, uniti a fantasia e coraggio quando è il momento di improvvisare. Su questo si innestano le sei corde di Wilson, che oltre ad essere un bravo autore è un chitarrista di grande talento.

L’incedere rilassato e funky di Fazon arriva come un treno a confermare le capacità del gruppo. Lo segue Dear Friend, piccola sinfonia che parte in punta di piedi per esplodere in un crescendo elettrico. Ottima Moses Pain, uno dei brani più convincenti del disco, così come una bella versione di Illumination. Quadratura del cerchio è la cover di Angel dei Fleetwood Mac, una lunga digressione psichedelica in cui trionfano la chitarra di Wilson e  l’organo di Borger e in cui la formazione vola a vista tra Allman Brothers e Grateful Dead. Dall’album precedente Wilson regala efficaci momenti come Gentle Spirit (che inizia solo con chitarra acustica e pianoforte) e in chiusura una trascinante e psichedelica The Valley Of The Silver Moon, segnata dall’incipit ruggente e da uno degli ottimi assoli del padrone di casa.

Concerto che dimostra come Wilson incroci in modo perfetto le influenze che provengono da ambo i lati dell’Oceano: genuinamente americano, padroneggia le ballate alla Neil Young e alla Dylan, le aperture melodiche alla Pink Floyd che lo rendono convincentemente progressive (nel più inglese dei sensi), l’eredità musicale del Laurel Canyon in cui aveva il suo studio (oggi a Echo Park),  la lezione del southern rock. Il bis è riservato alla più cantabile Love To Love. Facile sospettare di essere caduti in una macchina del tempo e rischiare di svegliarsi l’indomani negli anni Settanta.

Commenti

Altri contenuti Concerti / Musica
© stefano masselli

Arcade Fire live

Ippodromo del Galoppo (Milano), 17/07/2017

Sette minuti. Tanto ha atteso invano la platea dell’Ippodromo del Galoppo per un secondo bis degli Arcade...
M.I.A-2544

M.I.A.

Royal Festival Hall, Londra - 18/06/2017

Quindici anni dopo i suoi primi passi nel mondo di musica e multimedia, M.I.A. diventa curatrice del...
BillCallahan_byInigoAmescua

Bill Callahan

Hoxton Hall, Londra - 07/05/2017

Mr. Callahan è tornato a Londra per un’intima residenza di quattro giorni, tra concerti serali e pomeridiani....
Gorillaz perform their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017.
Photo by Mark Allan

Gorillaz

Printworks, Londra – 24/03/2017

La nostra recensione del concerto segreto a Londra, in cui i Gorillaz hanno lanciato il nuovo album...
The Can Project in the Barbican Hall on Saturday 8 April 2017.
Photo by Mark Allan

The Can Project

Barbican Centre, Londra - 08/04/2017

Il Barbican Centre di Londra ospita una lunga serata per celebrare i 50 anni di attività dei...
Senni

Lorenzo Senni

Oslo Hackney, Londra - 29/03/2017

Resoconto del set londinese tenuto dal musicista elettronico italiano ormai di casa Warp. Clean trance ed euforia...
misty1440

Father John Misty

Rio Cinema, Londra - 24/03/2017

Sul Mucchio di aprile troverete la nostra intervista a Father John Misty. L’abbiamo visto a Londra, dove...
17157472_1359727164087978_3672625944240950680_o

Baustelle

Teatro dell'Opera, Firenze - 06/03/2017

In splendida forma, il trio toscano inanella un sold out dopo l’altro nel suo tour più completo...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
IMG_20161024_224102

Minor Victories

Santeria Social Club, Milano - 24 Ottobre

L’esordio omonimo dei Minor Victories, uscito a Giugno, si è ritagliato un seguito di culto anche nel...
PJ HARVEY
Per chi l'ha vista a Firenze e anche per chi non c'era

PJ Harvey

OBIHall, Firenze – 24 ottobre 2016

Seconda delle due date italiane per la songwriter inglese, in strepitoso stato di grazia.
040916_2144

L7

Live Club (Trezzo sull'Adda, MI) - 04 settembre 2016

Questo è uno di quegli eventi che non possono passare inosservati.
Credits_Giorgio_Manzato

Kamasi Washington

Locus Festival

L’onda lunga del caso "The Epic", disco dalla durata monstre (circa tre ore) di Kamasi Washington, non...
13731805_10154351218814402_3019691915445494693_o

Festa della musica

Chianciano Terme (SI), 20 – 24 luglio

A Chianciano non si suona un genere preciso. Allo stesso tempo nessun genere viene escluso. Può capitare...
Jessy_Promo

Jessy Lanza

Corsica Studios, Londra - 19 maggio 2016

Il nuovo disco della canadese Jessy Lanza, uno dei nomi di punta della storica etichetta Hyperdub, si...