Kamasi Washington

Locus Festival

L’onda lunga del caso "The Epic", disco dalla durata monstre (circa tre ore) di Kamasi Washington, non accenna a fermarsi. Il sassofonista losangelino e la sua band infiammano la serata conclusiva del Locus Festival, rassegna che per la sua dodicesima edizione a Locorotondo (BA) ha chiamato a raccolta anche nomi altisonanti quali Floating Points e Theo Parrish.
Credits_Giorgio_Manzato

Nella splendida cornice rurale della Fattoria Mavù, su un palco arricchito da trulli sullo sfondo, il 27 agosto Kamasi porta in scena il suo funk-jazz retro-futuristico in un set muscolare e tecnico al tempo stesso. E non basta un fastidioso ritardo di quasi un’ora a placare l’entusiasmo della platea e la magia della musica di The Epic. Bastano i pochi minuti di introduzione a Change of the Guard e si capisce tutto: Kamasi e i suoi sono i piena modalità bomba. Avevo già assistito ad un live di Washington qualche mese fa ad Omaha, Nebraska, uscendone parzialmente perplesso: dov’erano i suoi assoli? Perché tanto spazio concesso agli altri musicisti? Dubbi che vengono spazzati e risolti nella serata pugliese: eccole le lunghe incursioni al sax, le contorsioni che vanno a stravolgere i pezzi e le piroette impazzite assecondate dai compagni di band. I quali anche questa volta si ritagliano un posto di riguardo nelle due ore di show. In particolare Miles Mosley, che Kamasi presenta come “il più bravo contrabbassista che ascolterete” (e che, in effetti, si guadagna una meritata standing ovation). Mosley propone addirittura un pezzo proprio, Abraham, che farà parte del suo esordio su formato lungo in uscita nel 2017 e che evidenzia il suo eclettismo allo strumento, distorsioni incluse, manco fosse una chitarra elettrica. E poi i due batteristi, Ronald Bruner Jr. e Tony Austin, che si esibiscono in un duello (o, per dirla con Kamasi, “dialogo”) alle pelli tra controtempi, disparità di sorta e persino casse dritte in 4/4.

Ciò che colpisce maggiormente è l’alchimia sul palco, favorita certamente da un’amicizia consolidatasi durante anni ed anni di collaborazioni e jam session. A partire dalla seconda traccia Henrietta Our Hero, dedicata alla nonna, sul palco sale persino il papà di Kamasi e flautista Rickey Washington (già alla guida di una band jazz cristiana negli anni 80). Ma non manca neanche quella col pubblico, di alchimia, alimentata da brevi banter tra i brani e da un selfie in pieno stile Ellen in coda al set canonico conclusosi con The Rhythm Changes. È l’ultima occasione per la cantante Patrice Quinn di esibire le sue danze in piena botta estatica. Come darle torto, d’altronde?

Commenti

Altri contenuti Concerti / Musica
20171118_214233(0)

The War On Drugs

@ Fabrique, Milano (16/11/17)

È un Fabrique gremito quello che accoglie i War On Drugs, reduci da tre album entusiasmanti a...
20171116_214218

Father John Misty

@Fabrique, Milano (16/11/2017)

La valigia di Josh Tillman è andata persa durante il viaggio aereo verso Milano. “Sembro vestito perfettamente...
shabazz_palaces_01

Shabazz Palaces

Oval Space, Londra - 06/11/2017

Quazarz atterra a Londra: i Shabazz Palaces portano in concerto il loro idiosincratico mix di free jazz...
20171110_215423

Fleet Foxes

@Fabrique, Milano (10/11/2017)

L’ultima incursione dei Fleet Foxes a Milano risale ad un altro novembre, quello del 2011. Nella location...
_MG_0573

Massimo Zamboni

1917-2017: i Soviet + L'elettricità

A Bologna per I Soviet + L'elettricità: lo spettacolo multimediale sui cento anni di rivoluzione russa, un...
dream-syndicate

Dream Syndicate

Dalle 22 alle 24, minuto più minuto meno. Due ore di carica esplosiva. Con gli strumenti caricati...
© stefano masselli

Arcade Fire live

Ippodromo del Galoppo (Milano), 17/07/2017

Sette minuti. Tanto ha atteso invano la platea dell’Ippodromo del Galoppo per un secondo bis degli Arcade...
M.I.A-2544

M.I.A.

Royal Festival Hall, Londra - 18/06/2017

Quindici anni dopo i suoi primi passi nel mondo di musica e multimedia, M.I.A. diventa curatrice del...
BillCallahan_byInigoAmescua

Bill Callahan

Hoxton Hall, Londra - 07/05/2017

Mr. Callahan è tornato a Londra per un’intima residenza di quattro giorni, tra concerti serali e pomeridiani....
Gorillaz perform their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017.
Photo by Mark Allan

Gorillaz

Printworks, Londra – 24/03/2017

La nostra recensione del concerto segreto a Londra, in cui i Gorillaz hanno lanciato il nuovo album...
The Can Project in the Barbican Hall on Saturday 8 April 2017.
Photo by Mark Allan

The Can Project

Barbican Centre, Londra - 08/04/2017

Il Barbican Centre di Londra ospita una lunga serata per celebrare i 50 anni di attività dei...
Senni

Lorenzo Senni

Oslo Hackney, Londra - 29/03/2017

Resoconto del set londinese tenuto dal musicista elettronico italiano ormai di casa Warp. Clean trance ed euforia...
misty1440

Father John Misty

Rio Cinema, Londra - 24/03/2017

Sul Mucchio di aprile troverete la nostra intervista a Father John Misty. L’abbiamo visto a Londra, dove...
17157472_1359727164087978_3672625944240950680_o

Baustelle

Teatro dell'Opera, Firenze - 06/03/2017

In splendida forma, il trio toscano inanella un sold out dopo l’altro nel suo tour più completo...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...