Festival di Sanremo

Lasciamo perdere

Non c'è gara, non c'è conflitto: era meglio quando era tutto un totocutugno
Festival della Canzone
Lasciamo perdere

Ragazzine dall’aria spavalda strizzate nei jeans. Ragazzini col ciuffo spiovente ed il chiodo indossato con studiata disinvoltura. Ambizioni in conflitto e circostanze ormonali, il tutto innaffiato da ricorrenti e generose dosi di caro, vecchio rock’n’roll. È fiction, ok, ma potrebbe essere qualcosa di più. Ad esempio, il sintomo di una speranza che si avvia a realizzarsi, lo sdoganamento della cultura e della prassi rock nel vivo dell’immaginario giovanile italiano. Ma no, no. Niente di tutto questo. È soltanto un teen-movie della Disney, e quei fanciulli sono soltanto pedine di un gioco strutturato su un’idea rock ingegneristicamente stereotipata. Se li guardi bene, lo capisci come fuor di finzione non attendono altro che l’ultimo ciak per gettarsi su un iPod zeppo di speciose delizie à la Justin Bieber. Dietro quei visini graziosi nascondono una strisciante, pericolosa ambiguità. E mia figlia, sangue del mio sangue, li guarda. Sviluppa empatia. Partecipa incantata a quel miraggio ingannevole. Senza che io possa farci nulla, a meno che non voglia passare per un vecchio scoreggione che vede fantasma nel frigorifero. Che ironia: passi anni ad immaginare quanto sarebbe bello che il rock ottenesse cittadinanza nella programmazione televisiva ordinaria, che non finisse come al solito a mendicare frattaglie satellitari o imbottigliato nel contenitore isotonico del primomaggio, ed in cambio cosa ottieni? Un fotoromanzetto patinato ad uso e consumo di bambocci aspiranti teenager. Che dire, amiche, amici: il mondo perfetto è un’impossibile idiozia. Lo sappiamo e lo sapevamo già da prima d’essere in grado di far girare un vinile o infilare il cd nell’apposita fessura.

Tuttavia, questa favola di poter vivere prima o poi secondo valori e criteri più giusti, da investirci energia emotiva con piena soddisfazione, continua a resisterci dentro. Non la fola del mondo perfetto, figuriamoci, ma la speranziella di un posto migliore, porco cane, quella sì. Che a realizzarsi, almeno sulla carta, non ci vorrebbe neppure chissà quale impresa. Basterebbero piccoli interventi di ristrutturazione, stuccare una crepa qui, puntellare una trave là. Ad esempio, che ne direste di un Festival della Canzone che presenti il meglio della produzione pop-rock italiana, e non soltanto invece ciò che obbedisce ai requisiti turbo-populisti delle playlist radiofoniche e televisive? Non sarebbe già un piccolo grande motivo di conforto? Essì, certo. Ma allora, aspetta un momento: i Perturbazione e Riccardo Sinigallia finiscono in gara al festivalone, e tu non esulti, tu non sei felice. Perché? Perché, come già gli illustri predecessori Afterhours, Marlene Kuntz, Marta Sui Tubi eccetera, staranno lì loro malgrado a fare la parte del freak all’occhiello, una sorta di patentino posticcio di benevolenza verso ciò che non è di stretta osservanza nazionalpopolare, così da giustificare e nobilitare la natura fisiologicamente (e opportunisticamente, e disperatamente) nazionalpopolare della kermesse.

Alla fine dei salmi era meglio quando era tutto un totocutugno. Proprio così: voi di là, noi di
qua. Voi quello, noi questo. Non c’era gara. Non c’era conflitto. Quando era il caso, potevi persino goderne. Con leggerezza. E il mondo migliore? Lasciamo perdere, che tanto il rock è destinato a germogliare negli interstizi dove finiscono i detriti ed il percolato di un sistema tutt’altro che ideale. Quel luogo immaginifico dove nelle radio impazzano gli Hidden Cameras o i Bachi da Pietra, dove nelle sale d’attesa aleggiano suadenti rarità psych-folk e nei supermercati ti solleticano col miglior lo-fi dei Novanta, dove i serial tv per le masse
procedono tra sussulti Fleshtones e caligini My Bloody Valentine, è anche quel posto
orribile dove il rock non è più un’ancora di salvezza e meno ancora quel prezioso intercalare
alieno che definisce il limite tra te e ciò che non vuoi essere. Il mondo perfetto per il rockofilo, ahinoi, è questo mondo sciaguratamente imperfetto.

Commenti

Altri contenuti Musica
misty1440

Father John Misty

Rio Cinema, Londra - 24/03/2017

Sul Mucchio di aprile troverete la nostra intervista a Father John Misty. L’abbiamo visto a Londra, dove...
17157472_1359727164087978_3672625944240950680_o

Baustelle

Teatro dell'Opera, Firenze - 06/03/2017

In splendida forma, il trio toscano inanella un sold out dopo l’altro nel suo tour più completo...
JULIE'S HAIRCUT
- "Il" gruppo psichedelico italiano per eccellenza in tour

Julie’s Haircut

Eterno movimento

A fine febbraio i Julie's Haircut sono tornati con un settimo album, “Invocation and Ritual Dance of...
OvO
- Freak power!

OvO

Freak power!

L'album che ha visto la luce negli ultimi mesi del 2016, "Creatura". L'esteso tour europeo da poco...
Piers Faccini

Piers Faccini

Guerra e pace

L'imminente manciata di date italiane ci offre l'assist per parlare con il songwriter del suo ultimo album...
THE XX
- Una nuova generazione

The xx

Una nuova generazione

In occasione della data italiana al Mediolanum Forum (MI), pubblichiamo un estratto dell'intervista di copertina del...
SAMPHA
- In tutta onestà

Sampha

In tutta onestà

Collaboratore tra gli altri di Kanye West, Solange e FKA twigs, il cantautore R’n’B Sampha ci racconta...
Tenco

Luigi Tenco

Ieri, oggi e forse domani

In che modo, a 50 anni dalla morte, l’eco delle sue canzoni si riverbera ancora nell’attualità?
SOHN
- Correre

SOHN

Correre

Un secondo album, "Rennen", e un'imminente tappa italiana. Una doppia occasione per tornare a conversare con il...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
amerigo_img-6136

Amerigo Verardi

Spirito, mente e materia

"È un vero e proprio viaggio da fare con la giusta predisposizione d’animo", sostiene Amerigo Verardi, giunto con...
HOWE GELB
- Il classico di domani

Howe Gelb

Classico di domani

"Future Standards" è un disco costruito attorno a pianoforte, basso e batteria, in cui il fondatore dei Giant...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...
best

Dischi: Best of 2016

Un anno in 30 dischi

Ne scriviamo ampiamente sul numero di dicembre che raccoglie tutto il meglio del 2016, ma qui c'è...
BOB DYLAN
L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Bob Dylan

L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Approssimarsi a Bob Dylan è un’impresa destinata al fallimento. Dylan costringe al difficile esercizio della lontananza, dal...