Leonard Cohen

Spegniamo la candela

LEONARD COHEN
Spegniamo la candela

Johnny Cash, David Bowie, Leonard Cohen; andarsene con un disco-testamento è un privilegio riservato ai migliori, un gradito regalo ai posteri, e un motivo di grande commozione. Leonard Cohen è deceduto lo scorso 7 novembre a Los Angeles; e non si è trattato esattamente di un fatto imprevedibile.

Basta calare la puntina su You Want It Darker, l’album uscito a ottobre, per udire cori angelici che sembrano provenire dal firmamento, per un ultimo e definitivo viaggio. Poi il testo, strabiliante e al tempo stesso in odor di presagio: “Hineni Hineni, I’m ready, my Lord“, Hineni significa “Here I am” in ebraico. “Sono pronto, mio Signore“, e prosegue con parole cariche di forza: “But the story’s still the same / There’s a lullaby for suffering / And a paradox to blame / But it’s written in the scriptures / And it’s not some idle claim / You want it darker / We kill the flame“. Testo che si presta a molteplici interpretazioni e implica la volontà, da parte del cantautore, di abbandonarsi a Dio, e insieme di mantenere una promessa fatta alla musa di sempre – Marianne Ihlen, scomparsa lo scorso 29 luglio all’età di 81 anni; quella di ritrovarsi.

Vuoi che sia più scuro? Spegniamo la candela” (e ci ritroveremo). Alla donna il poeta canadese dedicò uno dei pezzi più profondi e riusciti della sua carriera: So Long Marianne, scritta nel 1967 e contenuta nell’imprescindibile Songs Of Leonard Cohen. Fu la musa ispiratrice di decine di altre canzoni, compresa la strabiliante, romantica Bird On A Wire (memorabili, fra tutte, le cover di Judy Collins e Johnny Cash).

Alla stessa Marianne Leonard inviò una lettera, che le fu recapitata il 27 luglio 2016, due giorni prima della morte. E lo s’immagina, il poeta canadese, mentre scrive, e ride, e piange, e pensa a quando, una volta spenta la fiamma, ritroverà l’amata.

Lo scritto, reso pubblico ad agosto da un’emittente canadese, si apre con queste parole: “We are really so old and our bodies are falling apart and I think I will follow you very soon“, parole devastanti, e insieme cariche di speranza, che simbolicamente si riallacciano proprio al testo di You Want It Darker. La medesima lettera prosegue così: “Know that I am so close behind you that if you stretch out your hand, I think you can reach mine” (“Sappi che sono così vicino a te che se allunghi la tua mano potrai raggiungere la mia“). Un testimone, presente al momento della lettura, ha riferito che quando Marianne Ihlen si è imbattuta nella frase “If you stretch out your hand” lei, con la lentezza obbligata dei degenti, ha esteso le mani in aria, nel tentativo di un ultimo – e definitivo – contatto.

Commenti

Altri contenuti Musica
CONTEST SACRED BONES
- Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevu due cd in omaggio

Contest Sacred Bones

Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevi due cd

L'etichetta, sinonimo di “oscurità”, sperimentazione e grafica impeccabile è nata dieci anni fa nel sotterraneo del negozio...
CRISTIANO GODANO - Italrock anni 90

Cristiano Godano

A tutti mancano gli anni 90. Tutti li citano. Li omaggiano. In Italia la scena rock di...
YOMBE - Il dono del new soul

Yombe

Il dono del new soul

Il duo campano, operativo a Milano, arriva al primo album con "GOOOD", un oggetto synthsoul di pregio...
20171118_214233(0)

The War On Drugs

@ Fabrique, Milano (16/11/17)

È un Fabrique gremito quello che accoglie i War On Drugs, reduci da tre album entusiasmanti a...
20171116_214218

Father John Misty

@Fabrique, Milano (16/11/2017)

La valigia di Josh Tillman è andata persa durante il viaggio aereo verso Milano. “Sembro vestito perfettamente...
shabazz_palaces_01

Shabazz Palaces

Oval Space, Londra - 06/11/2017

Quazarz atterra a Londra: i Shabazz Palaces portano in concerto il loro idiosincratico mix di free jazz...
20171110_215423

Fleet Foxes

@Fabrique, Milano (10/11/2017)

L’ultima incursione dei Fleet Foxes a Milano risale ad un altro novembre, quello del 2011. Nella location...
_MG_0573

Massimo Zamboni

1917-2017: i Soviet + L'elettricità

A Bologna per I Soviet + L'elettricità: lo spettacolo multimediale sui cento anni di rivoluzione russa, un...
cohen

Leonard Cohen

Il piccolo profeta gobbo

Un anno fa moriva Leonard Cohen, il giorno prima dell’elezione di Trump che sconvolgeva il mondo. Questo...
dream-syndicate

Dream Syndicate

Dalle 22 alle 24, minuto più minuto meno. Due ore di carica esplosiva. Con gli strumenti caricati...
vallicelli

Matteo Vallicelli

Botta e risposta

Ripubblichiamo la nostra intervista a Matteo Valliceli in occasione della sua partecipazione alla decima edizione del Transmissions...
CRISTALLO - Se i Melampus risplendono in italiano

Cristallo

La trasparenza del nero

Con l’omonimo EP del loro nuovo progetto, sempre avvolgente ma maggiormente elettronico, Francesca Pizzo e Angelo Casarrubia...
liars1

Liars

A tre anni di distanza da "Mess", i Liars tornano in veste di progetto solistico del frontman...
ZOLA JESUS - Dal vivo in Italia

Zola Jesus

Nostra signora dell'oscurità

A Novembre dal vivo in Italia con il quinto album, un lavoro volutamente heavy
aldousharding_2017blue

Aldous Harding

Strana come un'arancia meccanica

Il 31 ottobre a Torino sarà l'unica occasione per vedere dal vivo Aldous Harding, non perdetevela.
PROG ROCK ITALIANO - La serie in vinile di De Agostini Publishing

Prog Rock Italiano

La stagione d’oro del nostro progressive in vinile

Arriva Prog Rock Italiano, la nuova collana di De Agostini Publishing: sessanta album in vinile per rivivere...