Leonard Cohen

Spegniamo la candela

LEONARD COHEN
Spegniamo la candela

Johnny Cash, David Bowie, Leonard Cohen; andarsene con un disco-testamento è un privilegio riservato ai migliori, un gradito regalo ai posteri, e un motivo di grande commozione. Leonard Cohen è deceduto lo scorso 7 novembre a Los Angeles; e non si è trattato esattamente di un fatto imprevedibile.

Basta calare la puntina su You Want It Darker, l’album uscito a ottobre, per udire cori angelici che sembrano provenire dal firmamento, per un ultimo e definitivo viaggio. Poi il testo, strabiliante e al tempo stesso in odor di presagio: “Hineni Hineni, I’m ready, my Lord“, Hineni significa “Here I am” in ebraico. “Sono pronto, mio Signore“, e prosegue con parole cariche di forza: “But the story’s still the same / There’s a lullaby for suffering / And a paradox to blame / But it’s written in the scriptures / And it’s not some idle claim / You want it darker / We kill the flame“. Testo che si presta a molteplici interpretazioni e implica la volontà, da parte del cantautore, di abbandonarsi a Dio, e insieme di mantenere una promessa fatta alla musa di sempre – Marianne Ihlen, scomparsa lo scorso 29 luglio all’età di 81 anni; quella di ritrovarsi.

Vuoi che sia più scuro? Spegniamo la candela” (e ci ritroveremo). Alla donna il poeta canadese dedicò uno dei pezzi più profondi e riusciti della sua carriera: So Long Marianne, scritta nel 1967 e contenuta nell’imprescindibile Songs Of Leonard Cohen. Fu la musa ispiratrice di decine di altre canzoni, compresa la strabiliante, romantica Bird On A Wire (memorabili, fra tutte, le cover di Judy Collins e Johnny Cash).

Alla stessa Marianne Leonard inviò una lettera, che le fu recapitata il 27 luglio 2016, due giorni prima della morte. E lo s’immagina, il poeta canadese, mentre scrive, e ride, e piange, e pensa a quando, una volta spenta la fiamma, ritroverà l’amata.

Lo scritto, reso pubblico ad agosto da un’emittente canadese, si apre con queste parole: “We are really so old and our bodies are falling apart and I think I will follow you very soon“, parole devastanti, e insieme cariche di speranza, che simbolicamente si riallacciano proprio al testo di You Want It Darker. La medesima lettera prosegue così: “Know that I am so close behind you that if you stretch out your hand, I think you can reach mine” (“Sappi che sono così vicino a te che se allunghi la tua mano potrai raggiungere la mia“). Un testimone, presente al momento della lettura, ha riferito che quando Marianne Ihlen si è imbattuta nella frase “If you stretch out your hand” lei, con la lentezza obbligata dei degenti, ha esteso le mani in aria, nel tentativo di un ultimo – e definitivo – contatto.

Commenti

Altri contenuti Musica
GimmeDanger_Trailer

Iggy Pop & The Stooges

Punk prima di te

A febbraio la storia degli Stooges è arrivata sul grande schermo anche in Italia e la “visione”...
The Can Project in the Barbican Hall on Saturday 8 April 2017.
Photo by Mark Allan

The Can Project

Barbican Centre, Londra - 08/04/2017

Il Barbican Centre di Londra ospita una lunga serata per celebrare i 50 anni di attività dei...
Senni

Lorenzo Senni

Oslo Hackney, Londra - 29/03/2017

Resoconto del set londinese tenuto dal musicista elettronico italiano ormai di casa Warp. Clean trance ed euforia...
misty1440

Father John Misty

Rio Cinema, Londra - 24/03/2017

Sul Mucchio di aprile troverete la nostra intervista a Father John Misty. L’abbiamo visto a Londra, dove...
17157472_1359727164087978_3672625944240950680_o

Baustelle

Teatro dell'Opera, Firenze - 06/03/2017

In splendida forma, il trio toscano inanella un sold out dopo l’altro nel suo tour più completo...
JULIE'S HAIRCUT
- "Il" gruppo psichedelico italiano per eccellenza in tour

Julie’s Haircut

Eterno movimento

A fine febbraio i Julie's Haircut sono tornati con un settimo album, “Invocation and Ritual Dance of...
OvO
- Freak power!

OvO

Freak power!

L'album che ha visto la luce negli ultimi mesi del 2016, "Creatura". L'esteso tour europeo da poco...
Piers Faccini

Piers Faccini

Guerra e pace

L'imminente manciata di date italiane ci offre l'assist per parlare con il songwriter del suo ultimo album...
THE XX
- Una nuova generazione

The xx

Una nuova generazione

In occasione della data italiana al Mediolanum Forum (MI), pubblichiamo un estratto dell'intervista di copertina del...
SAMPHA
- In tutta onestà

Sampha

In tutta onestà

Collaboratore tra gli altri di Kanye West, Solange e FKA twigs, il cantautore R’n’B Sampha ci racconta...
Tenco

Luigi Tenco

Ieri, oggi e forse domani

In che modo, a 50 anni dalla morte, l’eco delle sue canzoni si riverbera ancora nell’attualità?
SOHN
- Correre

SOHN

Correre

Un secondo album, "Rennen", e un'imminente tappa italiana. Una doppia occasione per tornare a conversare con il...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
amerigo_img-6136

Amerigo Verardi

Spirito, mente e materia

"È un vero e proprio viaggio da fare con la giusta predisposizione d’animo", sostiene Amerigo Verardi, giunto con...
HOWE GELB
- Il classico di domani

Howe Gelb

Classico di domani

"Future Standards" è un disco costruito attorno a pianoforte, basso e batteria, in cui il fondatore dei Giant...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...