Leonard Cohen

Spegniamo la candela

LEONARD COHEN
Spegniamo la candela

Johnny Cash, David Bowie, Leonard Cohen; andarsene con un disco-testamento è un privilegio riservato ai migliori, un gradito regalo ai posteri, e un motivo di grande commozione. Leonard Cohen è deceduto lo scorso 7 novembre a Los Angeles; e non si è trattato esattamente di un fatto imprevedibile.

Basta calare la puntina su You Want It Darker, l’album uscito a ottobre, per udire cori angelici che sembrano provenire dal firmamento, per un ultimo e definitivo viaggio. Poi il testo, strabiliante e al tempo stesso in odor di presagio: “Hineni Hineni, I’m ready, my Lord“, Hineni significa “Here I am” in ebraico. “Sono pronto, mio Signore“, e prosegue con parole cariche di forza: “But the story’s still the same / There’s a lullaby for suffering / And a paradox to blame / But it’s written in the scriptures / And it’s not some idle claim / You want it darker / We kill the flame“. Testo che si presta a molteplici interpretazioni e implica la volontà, da parte del cantautore, di abbandonarsi a Dio, e insieme di mantenere una promessa fatta alla musa di sempre – Marianne Ihlen, scomparsa lo scorso 29 luglio all’età di 81 anni; quella di ritrovarsi.

Vuoi che sia più scuro? Spegniamo la candela” (e ci ritroveremo). Alla donna il poeta canadese dedicò uno dei pezzi più profondi e riusciti della sua carriera: So Long Marianne, scritta nel 1967 e contenuta nell’imprescindibile Songs Of Leonard Cohen. Fu la musa ispiratrice di decine di altre canzoni, compresa la strabiliante, romantica Bird On A Wire (memorabili, fra tutte, le cover di Judy Collins e Johnny Cash).

Alla stessa Marianne Leonard inviò una lettera, che le fu recapitata il 27 luglio 2016, due giorni prima della morte. E lo s’immagina, il poeta canadese, mentre scrive, e ride, e piange, e pensa a quando, una volta spenta la fiamma, ritroverà l’amata.

Lo scritto, reso pubblico ad agosto da un’emittente canadese, si apre con queste parole: “We are really so old and our bodies are falling apart and I think I will follow you very soon“, parole devastanti, e insieme cariche di speranza, che simbolicamente si riallacciano proprio al testo di You Want It Darker. La medesima lettera prosegue così: “Know that I am so close behind you that if you stretch out your hand, I think you can reach mine” (“Sappi che sono così vicino a te che se allunghi la tua mano potrai raggiungere la mia“). Un testimone, presente al momento della lettura, ha riferito che quando Marianne Ihlen si è imbattuta nella frase “If you stretch out your hand” lei, con la lentezza obbligata dei degenti, ha esteso le mani in aria, nel tentativo di un ultimo – e definitivo – contatto.

Commenti

Altri contenuti Musica
Piers Faccini

Piers Faccini

Guerra e pace

L'imminente manciata di date italiane ci offre l'assist per parlare con il songwriter del suo ultimo album...
THE XX
- Una nuova generazione

The xx

Una nuova generazione

In occasione della data italiana al Mediolanum Forum (MI), pubblichiamo un estratto dell'intervista di copertina del...
SAMPHA
- In tutta onestà

Sampha

In tutta onestà

Collaboratore tra gli altri di Kanye West, Solange e FKA twigs, il cantautore R’n’B Sampha ci racconta...
Tenco

Luigi Tenco

Ieri, oggi e forse domani

In che modo, a 50 anni dalla morte, l’eco delle sue canzoni si riverbera ancora nell’attualità?
SOHN
- Correre

SOHN

Correre

Un secondo album, "Rennen", e un'imminente tappa italiana. Una doppia occasione per tornare a conversare con il...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
amerigo_img-6136

Amerigo Verardi

Spirito, mente e materia

"È un vero e proprio viaggio da fare con la giusta predisposizione d’animo", sostiene Amerigo Verardi, giunto con...
HOWE GELB
- Il classico di domani

Howe Gelb

Classico di domani

"Future Standards" è un disco costruito attorno a pianoforte, basso e batteria, in cui il fondatore dei Giant...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...
best

Dischi: Best of 2016

Un anno in 30 dischi

Ne scriviamo ampiamente sul numero di dicembre che raccoglie tutto il meglio del 2016, ma qui c'è...
BOB DYLAN
L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Bob Dylan

L'idiozia del vento (a proposito del Nobel)

Approssimarsi a Bob Dylan è un’impresa destinata al fallimento. Dylan costringe al difficile esercizio della lontananza, dal...
HDADD
Il nuovo album "Sense Of Wonder", l'etichetta Queenspectra, le collaborazioni: Marco Acquaviva si racconta

HDADD

La rinascita dello spirito

Per gli ascoltatori più attenti HDADD è una delle realtà più visionarie e al contempo concrete dell'elettronica italiana:...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
carlo barbagallo

Carlo Barbagallo

Anteprima del video "11 Dreams”

In esclusiva, il video della versione acustica di 11 Dreams, brano tratto da 9, il nuovo album...
SOVIET SOVIET
Nuovo album, nuovi concerti

Soviet Soviet

In attesa dell'imminente secondo album "Endless", il power trio marchigiano ha ripreso a macinare concerti. L'occasione giusta...