Live: Marissa Nadler

Parigi, Point Ephémère, 24 aprile 2014

Un pubblico ridotto ma appassionato, uno fra gli spazi musicali più “alternativi” della capitale francese: in queste condizioni, ideali per la sua natura schiva, la cantautrice americana ha lasciato prendere vita alle atmosfere più scure e inquietanti del suo ultimo album.
Processed with VSCOcam with p5 preset

Nella pancia di un ex capannone industriale, sulle rive del canale Saint Martin, in quest’angolo di Parigi fra la sopraelevata della metropolitana e i playground per il basket e lo skateboard, si trova una piccola sala buia molto lontana dalla grandeur sfavillante della Ville Lumière. È in spazi come questo (e per fortuna ne esistono ancora tanti anche in Italia) che un concerto continua a essere un momento di scambio diretto, perfino intimo, fra l’artista e l’audience. Comunque sia arrivata dunque, la scelta di venue non poteva essere più adatta alle note sospese di Marissa Nadler, la cui relazione con il pubblico è apparsa evidente fin dal momento in cui, a luci accese e con la musica del sound system in sottofondo, è apparsa sul palco, roadie di se stessa, per accordarsi le chitarre. Ma la connessione si è creata più tardi, grazie alla sua espressività vocale – capace di tirare fuori da ogni verso la più lieve sfumatura, e di tenere in pugno i sensi e l’immaginazione di una piccola folla visibilmente emozionata.

Com’era naturale, la setlist è stata largamente dedicata a July, nuovo album uscito per Sacred Bones Records (la stessa label di David Lynch). Scelta che ha evidenziato la fibra densa e pastosa dell’ultimo lavoro, decisamente più scura rispetto alla sottile leggerezza del passato. Dal vivo, pezzi come 1923, Drive, Was It A Dream e We Are Coming Back sembrano assumere tinte quasi dark, in contrasto con l’immagine “eterea” che si associa da sempre  – a volte un po’ pigramente – alla cantautrice di Boston. La quale non è una virtuosa della chitarra e ha quindi optato per arrangiamenti piuttosto semplici, appoggiandosi alle voci e alle corde incantate di Janel Leppin (violoncello) e Nina Violet (viola) per arricchire il suono. Che infatti perde qualcosa nel finale, quando l’americana resta sola sul palco per i pezzi conclusivi. Forse se ne rende conto, perché a un certo punto decide, in tutta evidenza improvvisando, di richiamare le due musiciste sul palco con lei – ma queste sono ormai fuori dalla portata del suo appello, e non si rivedono. Poco importa; resta impresso l’incantesimo, operato da una fata che sa anche, all’occorrenza, diventare una strega.

Commenti

Altri contenuti Concerti / Musica
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
IMG_20161024_224102

Minor Victories

Santeria Social Club, Milano - 24 Ottobre

L’esordio omonimo dei Minor Victories, uscito a Giugno, si è ritagliato un seguito di culto anche nel...
PJ HARVEY
Per chi l'ha vista a Firenze e anche per chi non c'era

PJ Harvey

OBIHall, Firenze – 24 ottobre 2016

Seconda delle due date italiane per la songwriter inglese, in strepitoso stato di grazia.
040916_2144

L7

Live Club (Trezzo sull'Adda, MI) - 04 settembre 2016

Questo è uno di quegli eventi che non possono passare inosservati.
Credits_Giorgio_Manzato

Kamasi Washington

Locus Festival

L’onda lunga del caso "The Epic", disco dalla durata monstre (circa tre ore) di Kamasi Washington, non...
13731805_10154351218814402_3019691915445494693_o

Festa della musica

Chianciano Terme (SI), 20 – 24 luglio

A Chianciano non si suona un genere preciso. Allo stesso tempo nessun genere viene escluso. Può capitare...
Jessy_Promo

Jessy Lanza

Corsica Studios, Londra - 19 maggio 2016

Il nuovo disco della canadese Jessy Lanza, uno dei nomi di punta della storica etichetta Hyperdub, si...
DIIV

DIIV

18 marzo 2016 - Londra, Heaven

“You ain’t the first / You ain’t the first”, sussurra Zachary Cole Smith durante "Is The Is...
JF-hi-res-promo-foto-by-M-Borthwick-color-lores

Josephine Foster

25/26 Febbraio, Londra

Nel 2000 la cantautrice e polistrumentista del Colorado Josephine Foster pubblicava There Are Eyes Above, un’autoproduzione in...
FatWhiteFamily12

Fat White Family

2 marzo 2016, Parigi

Non è mica da poco il dilemma che si trovano a fronteggiare Lias Saoudi e i Fat...
1401x788-Grimes---Kill-V.-Maim

Grimes

10 MARZO 2015 - O2 BRIXTON ACADEMY, LONDRA

Il tour di Artangels riporta Grimes a Londra dopo quattro anni. La Brixton Academy non potrebbe essere...
mum2

múm

4 marzo 2016, Bergamo

La 34a edizione di Bergamo Film Meeting è stata inaugurata dall’anteprima italiana della performance della band islandese...
11826022_881445975276903_4379589732803519447_n

Ypsigrock Festival

Castelbuono (Palermo) – 06-09/08/2015

Come a ogni edizione, Giulia Sarno/unePassante ci racconta il festival siciliano che quest'anno porta nelle sue terre...
deus

dEUS

Villa Ada, 25 luglio 2015

Ho sempre pensato che se mai il Belgio dovesse cambiare inno nazionale – quello attualmente in vigore...