Live: Savages

Bologna, Locomotiv Club, 26 febbraio 2014

Se gli scettici volevano altre dimostrazioni, la prova live spazza via qualsiasi dubbio: la band inglese è una delle più credibili realtà elettriche degli ultimi anni. Per dirla con loro, "la musica può ancora andare dritta al punto, efficiente ed eccitante".
20140226_A_Dead_Index_Forest_Savages_Locomotiv-9885

Terza tappa del recente passaggio italiano, il concerto delle Savages – aperto dagli australiani A Dead Index Forest – è destinato a imprimersi tra i ricordi più forti dell’anno. Il gruppo inglese, nel suo campo d’azione, ha tutto: un impatto sonoro che arriva violentemente a destinazione, scuote e annichilisce, seppur ottenuto dall’essenziale triade chitarra-basso-batteria; una precisione nelle dinamiche che, nonostante l’urgenza espressiva, consente di godere di ogni passaggio strumentale; una presenza on stage magnetica, quasi d’altri tempi, che vince grazie a minimalismo ed eleganza.

Le quattro ragazze, in look total black, macinano un pezzo dopo l’altro per circa un’ora e un quarto di durata: si è parlato tanto di revival post-punk, eppure la resa perfetta del repertorio, ancora più trascinante e personale che su disco, conferma la sensazione di avere semplicemente a che fare con una band punk-rock con i controcazzi. Jehnny Beth – capello cortissimo e tacchi alti – avrà una voce che ricorda Siouxsie Sioux, ok, ma fila come un treno, Gemma Thompson e Ayse Hassan maneggiano le rispettive corde producendo rumore e groove a getto continuo, Fay Milton batte il ritmo senza requie. Allo spirito iconoclasta si abbina poi una padronanza della propria visione concettuale davvero rara oggidì: ecco che le parole affascinano sempre più, ecco la richiesta di immergersi nelle note e dimenticare i telefoni cellulari per rendere la serata speciale. Perché lo scopo dichiarato è “discover better ways of living and experiencing music”. A centrare l’obiettivo provvedono i brani del primo album Silence Yourself (proiettili ad alta velocità, da Shut Up ad Husbands, ed episodi maggiormente d’atmosfera, da Waiting For A Sign a Marshal Dear), ma anche rarità più datate (Flying To Berlin) e un paio di inediti che dovrebbero finire in un imminente ep: bene il recitato di I Need Something New, superbene la lunga marcia di Fuckers che rapisce con innumerevoli cambi di passo e il mantra “Don’t let the fuckers get you down”. Loro non si lasciano abbattere dagli stronzi, no, e sono promosse una volta per tutte, subito nel giro dei grandi.

Foto di Gloria Soverini

Commenti

Altri contenuti Concerti / Musica
© stefano masselli

Arcade Fire live

Ippodromo del Galoppo (Milano), 17/07/2017

Sette minuti. Tanto ha atteso invano la platea dell’Ippodromo del Galoppo per un secondo bis degli Arcade...
M.I.A-2544

M.I.A.

Royal Festival Hall, Londra - 18/06/2017

Quindici anni dopo i suoi primi passi nel mondo di musica e multimedia, M.I.A. diventa curatrice del...
BillCallahan_byInigoAmescua

Bill Callahan

Hoxton Hall, Londra - 07/05/2017

Mr. Callahan è tornato a Londra per un’intima residenza di quattro giorni, tra concerti serali e pomeridiani....
Gorillaz perform their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017.
Photo by Mark Allan

Gorillaz

Printworks, Londra – 24/03/2017

La nostra recensione del concerto segreto a Londra, in cui i Gorillaz hanno lanciato il nuovo album...
The Can Project in the Barbican Hall on Saturday 8 April 2017.
Photo by Mark Allan

The Can Project

Barbican Centre, Londra - 08/04/2017

Il Barbican Centre di Londra ospita una lunga serata per celebrare i 50 anni di attività dei...
Senni

Lorenzo Senni

Oslo Hackney, Londra - 29/03/2017

Resoconto del set londinese tenuto dal musicista elettronico italiano ormai di casa Warp. Clean trance ed euforia...
misty1440

Father John Misty

Rio Cinema, Londra - 24/03/2017

Sul Mucchio di aprile troverete la nostra intervista a Father John Misty. L’abbiamo visto a Londra, dove...
17157472_1359727164087978_3672625944240950680_o

Baustelle

Teatro dell'Opera, Firenze - 06/03/2017

In splendida forma, il trio toscano inanella un sold out dopo l’altro nel suo tour più completo...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
IMG_20161024_224102

Minor Victories

Santeria Social Club, Milano - 24 Ottobre

L’esordio omonimo dei Minor Victories, uscito a Giugno, si è ritagliato un seguito di culto anche nel...
PJ HARVEY
Per chi l'ha vista a Firenze e anche per chi non c'era

PJ Harvey

OBIHall, Firenze – 24 ottobre 2016

Seconda delle due date italiane per la songwriter inglese, in strepitoso stato di grazia.
040916_2144

L7

Live Club (Trezzo sull'Adda, MI) - 04 settembre 2016

Questo è uno di quegli eventi che non possono passare inosservati.
Credits_Giorgio_Manzato

Kamasi Washington

Locus Festival

L’onda lunga del caso "The Epic", disco dalla durata monstre (circa tre ore) di Kamasi Washington, non...
13731805_10154351218814402_3019691915445494693_o

Festa della musica

Chianciano Terme (SI), 20 – 24 luglio

A Chianciano non si suona un genere preciso. Allo stesso tempo nessun genere viene escluso. Può capitare...
Jessy_Promo

Jessy Lanza

Corsica Studios, Londra - 19 maggio 2016

Il nuovo disco della canadese Jessy Lanza, uno dei nomi di punta della storica etichetta Hyperdub, si...