Live: The National

1 luglio 2013 - Milano, Ippodromo di San Siro

Confezionato come uno di quegli eventi in cui è importante esserci, il concerto milanese dei National ha confermato quanto di buono si è scritto, anche sul Mucchio, su di loro. E offerto parecchi spunti di riflessione. (spoiler: non si parla di Johnny Marr)
20130606-the-national-barclays-600x-1370535367

Verrebbe da dar ragione a quelli che imputano al caso le ragioni del successo. Non me li vedo i fratelli Dressler guardarsi e dirsi: “Sì, adesso facciamo una musica più accattivante”. Non me lo vedo Matt Berninger riflettere sui suoi testi e dire: “Ecco, questo può piacere a questo tipo di pubblico”. Non riesco a interpretare l’idea di mischiare – come si è letto da più parti – Bruce Springsteen ai Joy Divsion come una mossa per guadagnare consensi. I National sono una band mainstream nel significato più ampio che il termine può avere oggi. Del resto, escono comunque per la 4AD. I National hanno fatto successo con canzoni come Terrible Love e Bloodbuzz Ohio. I National in questo momento possono addirittura permettersi di venire in Italia – paese storicamente freddo, con un pubblico per di più affascinato dalla dimensione dell’evento e dal presenzialismo – e lasciar cantare alla gente Fake Empire (e la gente canta), lasciarsi andare all’abbraccio del pubblico che su Mr. November non solo insegue Berninger, sceso tra la folla, ma lo alza per fargli fare crowd-surfing. Forse è un tipo di successo che lascia un po’ interdetti. A vedere i filmati dei concerti in giro per il mondo che si possono raccogliere su YouTube, è così ovunque. Il botto. Ma quello vero. Quello che ti porta a livello raggiunto da gente come Arcade Fire e Bon Iver, che vince poi il Grammy con i douchebags che scrivono su twitter: “e questi chi cazzo sono?”.

Togliamoci subito l’impiccio: è stato un grandissimo concerto.

Scaletta concentrata su Trouble Will Find Me. Ed è normale. La gente canta con un trasporto abbastanza sorprendente. “They say, love is a virtue don’t they?” e sì che forse qualcosa vuol dire. Evidentemente, se certe band – che esprimono un fortissimo senso di disagio e di passione, di empatia e di rimorso, di delusione e di rabbia – riescono a farsi portatrici di un sentimento condiviso vuol dire che si è intercettato qualcosa. Non è tanto una questione di essere quando qualcosa sta capitando, ma di vivere le cose mentre stanno capitando. E forse questo vuol dire che i National stanno avendo il successo che stanno avendo proprio perché sono una “nostra” band. E per “nostra” intendo del “nostro tempo”. Spesso ci si lamenta della mancanza di gruppi capaci di interpretare il presente, di farsi carico di una proposta urgente e appassionata, in grado di andare oltre la rimasticazione delle influenze precedenti legandosi a un immaginario che non esiste più. Forse siamo anche noi troppo affezionati all’idea di lamentarci da non capire pienamente quando le cose stanno capitando e che sì, forse bisogna prestare attenzione per davvero.

D’altronde, il panorama della fruizione musicale è cambiato al punto da far diventare il concerto il momento fondamentale – forse anche più del disco, a questo punto – per capire quanto una band sia efficace come interprete delle cose, e per verificare se quello che sta facendo ha un senso anche oltre il bell’esercizio di stile. Poi possiamo stare qui a parlare per ore del senso di malinconia che si può provare a vedere Matt Berninger ormai divo a tutti gli effetti (quando scende dal palco su Mr. November la gente si sposta in massa da un lato all’altro del pubblico anche solo per toccarlo, come se fosse effettivamente diventato Bono + Springsteen e non uno che da un momento all’altro di urla in faccia: “it takes an ocean not to break”), possiamo storcere il naso sulla ricerca un po’ ruffiana del sing-along ad amplificazione ridotta sulla versione voci e chitarre acustiche di Vanderlyle Crybaby Geeks, con cui hanno chiuso il bis. Ma sono problemi personali, che poco hanno a che fare con i segni più grandi. Segni che ci dicono che i National, cercando di esorcizzare i loro demoni, ci aiutano ad esorcizzare anche i nostri. E che riescono a farlo evitando gli slogan catartici da dimensione collettiva, ma attraverso canzoni che in quella dimensione collettiva trovano della gente che ascolta, canta e vive.

 

Setlist:

I Should Live In Salt

Don’t Swallow The Cap

Bloodbuzz Ohio

Secret Meeting

Sea Of Love

Demons

Afraid Of Everyone

Conversation 16

Squalor Victoria

I Need My Girl

This Is The Last Time

All The Wine

Abel

Apartment Story

Pink Rabbits

England

Graceless

About Today

Fake Empire

 

Runaway

Humiliation

Mr. November

Terrible Love

 

Vanderlyle Crybaby Geeks

Altri contenuti Concerti / Musica
040916_2144

L7

Live Club (Trezzo sull'Adda, MI) - 04 settembre 2016

Questo è uno di quegli eventi che non possono passare inosservati.
Credits_Giorgio_Manzato

Kamasi Washington

Locus Festival

L’onda lunga del caso "The Epic", disco dalla durata monstre (circa tre ore) di Kamasi Washington, non...
13731805_10154351218814402_3019691915445494693_o

Festa della musica

Chianciano Terme (SI), 20 – 24 luglio

A Chianciano non si suona un genere preciso. Allo stesso tempo nessun genere viene escluso. Può capitare...
Jessy_Promo

Jessy Lanza

Corsica Studios, Londra - 19 maggio 2016

Il nuovo disco della canadese Jessy Lanza, uno dei nomi di punta della storica etichetta Hyperdub, si...
DIIV

DIIV

18 marzo 2016 - Londra, Heaven

“You ain’t the first / You ain’t the first”, sussurra Zachary Cole Smith durante "Is The Is...
JF-hi-res-promo-foto-by-M-Borthwick-color-lores

Josephine Foster

25/26 Febbraio, Londra

Nel 2000 la cantautrice e polistrumentista del Colorado Josephine Foster pubblicava There Are Eyes Above, un’autoproduzione in...
FatWhiteFamily12

Fat White Family

2 marzo 2016, Parigi

Non è mica da poco il dilemma che si trovano a fronteggiare Lias Saoudi e i Fat...
1401x788-Grimes---Kill-V.-Maim

Grimes

10 MARZO 2015 - O2 BRIXTON ACADEMY, LONDRA

Il tour di Artangels riporta Grimes a Londra dopo quattro anni. La Brixton Academy non potrebbe essere...
mum2

múm

4 marzo 2016, Bergamo

La 34a edizione di Bergamo Film Meeting è stata inaugurata dall’anteprima italiana della performance della band islandese...
11826022_881445975276903_4379589732803519447_n

Ypsigrock Festival

Castelbuono (Palermo) – 06-09/08/2015

Come a ogni edizione, Giulia Sarno/unePassante ci racconta il festival siciliano che quest'anno porta nelle sue terre...
deus

dEUS

Villa Ada, 25 luglio 2015

Ho sempre pensato che se mai il Belgio dovesse cambiare inno nazionale – quello attualmente in vigore...
IMG_1752

Ryley Walker

Paradiso, Amsterdam - 02/05/2015

Trasferta olandese per ascoltare dal vivo il cantautore americano, da poco al suo secondo album con "Primrose...
10918993_966678046698254_8783892567178930641_n

Giovanni Lindo Ferretti

Sonar, Colle Val d'Elsa, Siena - 28/02/2015

Un concentrato di accordi, canzoni e sentimenti per due ore di spettacolo che di sicuro non hanno...
MY BRIGHTEST DIAMOND 30 © stefano masselli

My Brightest Diamond

Milano, Salumeria della Musica - 17/02/2015

Salumeria della Musica di Milano non gremita, ma più piena di quanto mi aspettassi: stasera a Milano...