Live: Ulver

Roma, Circolo degli Artisti, 16 Febbraio 2014

Una band irrequieta, perennemente in bilico tra forma e sostanza, coerenza e futuro. Gli Ulver scendono in Italia con un set imprevedibile e coraggioso.
ulver

Le prime immagini sono quelle di uno stadio semivuoto, appeso a una trave da cui penzola il telo bianco su cui è proiettata una partita calcistica dall’esito già scritto, nelle ore finali di un weekend romano stranamente libero dalla pioggia. Per i lupi norvegesi bisogna attendere ancora un paio d’ore, e la piccola folla raccolta intorno all’ultimo carico di album e magliette del tour restituisce l’idea di un pubblico stranamente farcito di quindicenni in uscita-premio, barbe curate e vecchie facce in ora d’aria dagli anni Novanta.

L’improbabile traccia funky proposta in noioso loop dal Circolo muore un’ultima volta alle dieci e trenta, quando un lungo intro di campane e catene, nervi e buio introduce England tra i fotogrammi di 2001: Odissea nello spazio e il silenzio di una sala ora finalmente gremita. Un set inaspettato perché stranamente organico e percussivo che vede Daniel O’Sullivan al centro dell’improvvisazione relegando Kristoffer Rygg a un ruolo da comprimario. Almeno fino a quando la sua voce non torna al centro dell’intricato dialogo tra basse frequenze ed elettronica sulla stessa England o, poco più tardi, su quella Nowhere/Catastrophe che chiuderà l’esibizione prima del bis con una splendida Eitttlane completamente stravolta dalle ripetizioni e dalle derive noise. In mezzo, tra una traccia che sembra di riconoscere e l’altra, ci sono forse i veri Ulver di oggi: una miscela impura di glitch, trip-hop, post-rock e tutto quello che viene generato da un’ispirazione ibrida ed egregiamente confusa.

I trucchi del mestiere (i crescendo, le pause, le ripetizioni) tengono a galla una scaletta che trascura completamente album come Shadows Of The Sun e le tracce più note di Wars Of The Roses e Blood Inside a favore di brani come Doom Sticks o Tomorrow Never Knows, che permettono e giustificano le sortite improvvisative – a tratti psichedeliche – del set. L’anima classica della band – Tore Ylwizaker in camicia bianca stirata di fresco, gilet e cravatta – chiude il cerchio partito dalle percussioni, proseguito nell’elettronica e completato dai tasti – ora di un pianoforte, poi di un synth – colpevolmente relegati a un ruolo di second’ordine. Eppure il segreto degli Ulver degli ultimi anni è proprio nel dinamismo sonoro e nelle apparenti contraddizioni stilistiche e di pensiero: il minimalismo su disco e l’esagerazione dal vivo; la ricerca del silenzio e l’attrazione per i droni di Sunn O))) e affini. L’esito era già scritto, ma se la sostanza è una combinazione audace e insperata, il risultato è sublime.

 

Commenti

Altri contenuti Concerti
The Can Project in the Barbican Hall on Saturday 8 April 2017.
Photo by Mark Allan

The Can Project

Barbican Centre, Londra - 08/04/2017

Il Barbican Centre di Londra ospita una lunga serata per celebrare i 50 anni di attività dei...
Senni

Lorenzo Senni

Oslo Hackney, Londra - 29/03/2017

Resoconto del set londinese tenuto dal musicista elettronico italiano ormai di casa Warp. Clean trance ed euforia...
misty1440

Father John Misty

Rio Cinema, Londra - 24/03/2017

Sul Mucchio di aprile troverete la nostra intervista a Father John Misty. L’abbiamo visto a Londra, dove...
17157472_1359727164087978_3672625944240950680_o

Baustelle

Teatro dell'Opera, Firenze - 06/03/2017

In splendida forma, il trio toscano inanella un sold out dopo l’altro nel suo tour più completo...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
IMG_20161024_224102

Minor Victories

Santeria Social Club, Milano - 24 Ottobre

L’esordio omonimo dei Minor Victories, uscito a Giugno, si è ritagliato un seguito di culto anche nel...
PJ HARVEY
Per chi l'ha vista a Firenze e anche per chi non c'era

PJ Harvey

OBIHall, Firenze – 24 ottobre 2016

Seconda delle due date italiane per la songwriter inglese, in strepitoso stato di grazia.
040916_2144

L7

Live Club (Trezzo sull'Adda, MI) - 04 settembre 2016

Questo è uno di quegli eventi che non possono passare inosservati.
Credits_Giorgio_Manzato

Kamasi Washington

Locus Festival

L’onda lunga del caso "The Epic", disco dalla durata monstre (circa tre ore) di Kamasi Washington, non...
13731805_10154351218814402_3019691915445494693_o

Festa della musica

Chianciano Terme (SI), 20 – 24 luglio

A Chianciano non si suona un genere preciso. Allo stesso tempo nessun genere viene escluso. Può capitare...
Jessy_Promo

Jessy Lanza

Corsica Studios, Londra - 19 maggio 2016

Il nuovo disco della canadese Jessy Lanza, uno dei nomi di punta della storica etichetta Hyperdub, si...
DIIV

DIIV

18 marzo 2016 - Londra, Heaven

“You ain’t the first / You ain’t the first”, sussurra Zachary Cole Smith durante "Is The Is...
JF-hi-res-promo-foto-by-M-Borthwick-color-lores

Josephine Foster

25/26 Febbraio, Londra

Nel 2000 la cantautrice e polistrumentista del Colorado Josephine Foster pubblicava There Are Eyes Above, un’autoproduzione in...
FatWhiteFamily12

Fat White Family

2 marzo 2016, Parigi

Non è mica da poco il dilemma che si trovano a fronteggiare Lias Saoudi e i Fat...
1401x788-Grimes---Kill-V.-Maim

Grimes

10 MARZO 2015 - O2 BRIXTON ACADEMY, LONDRA

Il tour di Artangels riporta Grimes a Londra dopo quattro anni. La Brixton Academy non potrebbe essere...