Live: Ulver

Roma, Circolo degli Artisti, 16 Febbraio 2014

Una band irrequieta, perennemente in bilico tra forma e sostanza, coerenza e futuro. Gli Ulver scendono in Italia con un set imprevedibile e coraggioso.
ulver

Le prime immagini sono quelle di uno stadio semivuoto, appeso a una trave da cui penzola il telo bianco su cui è proiettata una partita calcistica dall’esito già scritto, nelle ore finali di un weekend romano stranamente libero dalla pioggia. Per i lupi norvegesi bisogna attendere ancora un paio d’ore, e la piccola folla raccolta intorno all’ultimo carico di album e magliette del tour restituisce l’idea di un pubblico stranamente farcito di quindicenni in uscita-premio, barbe curate e vecchie facce in ora d’aria dagli anni Novanta.

L’improbabile traccia funky proposta in noioso loop dal Circolo muore un’ultima volta alle dieci e trenta, quando un lungo intro di campane e catene, nervi e buio introduce England tra i fotogrammi di 2001: Odissea nello spazio e il silenzio di una sala ora finalmente gremita. Un set inaspettato perché stranamente organico e percussivo che vede Daniel O’Sullivan al centro dell’improvvisazione relegando Kristoffer Rygg a un ruolo da comprimario. Almeno fino a quando la sua voce non torna al centro dell’intricato dialogo tra basse frequenze ed elettronica sulla stessa England o, poco più tardi, su quella Nowhere/Catastrophe che chiuderà l’esibizione prima del bis con una splendida Eitttlane completamente stravolta dalle ripetizioni e dalle derive noise. In mezzo, tra una traccia che sembra di riconoscere e l’altra, ci sono forse i veri Ulver di oggi: una miscela impura di glitch, trip-hop, post-rock e tutto quello che viene generato da un’ispirazione ibrida ed egregiamente confusa.

I trucchi del mestiere (i crescendo, le pause, le ripetizioni) tengono a galla una scaletta che trascura completamente album come Shadows Of The Sun e le tracce più note di Wars Of The Roses e Blood Inside a favore di brani come Doom Sticks o Tomorrow Never Knows, che permettono e giustificano le sortite improvvisative – a tratti psichedeliche – del set. L’anima classica della band – Tore Ylwizaker in camicia bianca stirata di fresco, gilet e cravatta – chiude il cerchio partito dalle percussioni, proseguito nell’elettronica e completato dai tasti – ora di un pianoforte, poi di un synth – colpevolmente relegati a un ruolo di second’ordine. Eppure il segreto degli Ulver degli ultimi anni è proprio nel dinamismo sonoro e nelle apparenti contraddizioni stilistiche e di pensiero: il minimalismo su disco e l’esagerazione dal vivo; la ricerca del silenzio e l’attrazione per i droni di Sunn O))) e affini. L’esito era già scritto, ma se la sostanza è una combinazione audace e insperata, il risultato è sublime.

 

Commenti

Altri contenuti Concerti
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
IMG_20161024_224102

Minor Victories

Santeria Social Club, Milano - 24 Ottobre

L’esordio omonimo dei Minor Victories, uscito a Giugno, si è ritagliato un seguito di culto anche nel...
PJ HARVEY
Per chi l'ha vista a Firenze e anche per chi non c'era

PJ Harvey

OBIHall, Firenze – 24 ottobre 2016

Seconda delle due date italiane per la songwriter inglese, in strepitoso stato di grazia.
040916_2144

L7

Live Club (Trezzo sull'Adda, MI) - 04 settembre 2016

Questo è uno di quegli eventi che non possono passare inosservati.
Credits_Giorgio_Manzato

Kamasi Washington

Locus Festival

L’onda lunga del caso "The Epic", disco dalla durata monstre (circa tre ore) di Kamasi Washington, non...
13731805_10154351218814402_3019691915445494693_o

Festa della musica

Chianciano Terme (SI), 20 – 24 luglio

A Chianciano non si suona un genere preciso. Allo stesso tempo nessun genere viene escluso. Può capitare...
Jessy_Promo

Jessy Lanza

Corsica Studios, Londra - 19 maggio 2016

Il nuovo disco della canadese Jessy Lanza, uno dei nomi di punta della storica etichetta Hyperdub, si...
DIIV

DIIV

18 marzo 2016 - Londra, Heaven

“You ain’t the first / You ain’t the first”, sussurra Zachary Cole Smith durante "Is The Is...
JF-hi-res-promo-foto-by-M-Borthwick-color-lores

Josephine Foster

25/26 Febbraio, Londra

Nel 2000 la cantautrice e polistrumentista del Colorado Josephine Foster pubblicava There Are Eyes Above, un’autoproduzione in...
FatWhiteFamily12

Fat White Family

2 marzo 2016, Parigi

Non è mica da poco il dilemma che si trovano a fronteggiare Lias Saoudi e i Fat...
1401x788-Grimes---Kill-V.-Maim

Grimes

10 MARZO 2015 - O2 BRIXTON ACADEMY, LONDRA

Il tour di Artangels riporta Grimes a Londra dopo quattro anni. La Brixton Academy non potrebbe essere...
mum2

múm

4 marzo 2016, Bergamo

La 34a edizione di Bergamo Film Meeting è stata inaugurata dall’anteprima italiana della performance della band islandese...
11826022_881445975276903_4379589732803519447_n

Ypsigrock Festival

Castelbuono (Palermo) – 06-09/08/2015

Come a ogni edizione, Giulia Sarno/unePassante ci racconta il festival siciliano che quest'anno porta nelle sue terre...
deus

dEUS

Villa Ada, 25 luglio 2015

Ho sempre pensato che se mai il Belgio dovesse cambiare inno nazionale – quello attualmente in vigore...