Melt Yourself Down

29 Novembre 2013, The New Empowering Church, Londra

Una gioiosa macchina da musica o qualcosa di più duraturo? I Melt Yourself Down scoprono le carte a due passi dall’East End londinese tra le palme, il freddo, l’Africa e Iggy Pop.
Foto di Francesca Colasanti

Restano ormai solamente due categorie di persone che, in tardo 2013, riescono ancora a parlare di next big thing senza ridersi addosso: gli idioti e una larga fetta di giornalismo musicale britannico. Il rapporto tra le due entità è biunivoco: l’una foraggia l’altra ed entrambe non avrebbero senso se lasciate da sole. Eppure c’è un limbo, appena sotto l’astratto mondo delle vane ma grasse sicurezze dei più, in cui fremono realtà che di vero, certo e innegabile hanno solo il qui e l’ora. Flamingods e Melt Yourself Down: forse la loro proposta resterà parte di un’orgogliosa nicchia all’interno del vasto underground britannico. Ma perché chiederselo ora?

Ai Flamingods, autori comunque di una piccola perla come Sun, non si può certamente rimproverare la carenza di un impianto audio non all’altezza di un suono che, come il loro, vive di sfumature e saliscendi armonici. È una musica che si rifà alla tradizione sub-sahariana, all’afrobeat e alla psichedelia europea che s’infrange chiassosa contro le mura spoglie di un luogo ben lontano dall’habitat naturale dell’ensemble. Eppure l’essenza vera, fatta di percussioni ossessive e mantra vocali, riesce a restare in superfice a discapito di tutto. Tra le palme illuminate della New Empowering Church e il freddo pungente al di fuori; tra le luci ossessivamente monocrome e l’attesa, tangibile, della band del momento.

I Melt Yourself Down appaiono come un’entità in assoluto divenire. Sembrano un gruppo di persone nell’eterno dubbio tra punk e world. Vengono alla mente i Secret Chiefs 3 di Trey Spruance e, quasi in automatico, il pensiero corre ai Mr Bungle più primitivi e meno sperimentali (per modo di dire e “a posteriori”) del debutto, ma anche agli Stooges di Fun House o agli X-Ray Spex all’epoca di Oh Bondage! Up Yours!. La resa live dell’ottimo, omonimo debutto viene riprodotta per tutta la durata di un set senza pause o fronzoli. Si parte e si arriva con Tuna, Kingdom Of Kush, Fix My Life e Camel, ci si perde a seguire le derive scat dell’ottimo frontman, si cerca di capire dove inizino i fiati e dove finiscano le percussioni, si mescolano il jazz e il soul col funky e il metal e si resta sospesi tra l’ironia e la caotica amarezza degli sprazzi in minore. Un set in cui non c’è tempo per i convenevoli e i saluti ma ne resta parecchio per lo stage diving, un finale con buona parte del pubblico sul piccolo palco e la furia di una formula che sarebbe più giusto giudicare a distanza, in ambienti meno angusti, attendendo per sapere se la musica, ciò che poi conta davvero, sul prossimo album riuscirà a mutare restando unica. Difficile dire a cosa siano destinati, i Melt Yourself Down, ma che nessuno pensi di poterli tirare fuori da quella Terra di Mezzo in cui si trovano a meraviglia.

 

Foto di Francesca Colasanti

Altri contenuti Concerti / Musica
20171118_214233(0)

The War On Drugs

@ Fabrique, Milano (16/11/17)

È un Fabrique gremito quello che accoglie i War On Drugs, reduci da tre album entusiasmanti a...
20171116_214218

Father John Misty

@Fabrique, Milano (16/11/2017)

La valigia di Josh Tillman è andata persa durante il viaggio aereo verso Milano. “Sembro vestito perfettamente...
shabazz_palaces_01

Shabazz Palaces

Oval Space, Londra - 06/11/2017

Quazarz atterra a Londra: i Shabazz Palaces portano in concerto il loro idiosincratico mix di free jazz...
20171110_215423

Fleet Foxes

@Fabrique, Milano (10/11/2017)

L’ultima incursione dei Fleet Foxes a Milano risale ad un altro novembre, quello del 2011. Nella location...
_MG_0573

Massimo Zamboni

1917-2017: i Soviet + L'elettricità

A Bologna per I Soviet + L'elettricità: lo spettacolo multimediale sui cento anni di rivoluzione russa, un...
dream-syndicate

Dream Syndicate

Dalle 22 alle 24, minuto più minuto meno. Due ore di carica esplosiva. Con gli strumenti caricati...
© stefano masselli

Arcade Fire live

Ippodromo del Galoppo (Milano), 17/07/2017

Sette minuti. Tanto ha atteso invano la platea dell’Ippodromo del Galoppo per un secondo bis degli Arcade...
M.I.A-2544

M.I.A.

Royal Festival Hall, Londra - 18/06/2017

Quindici anni dopo i suoi primi passi nel mondo di musica e multimedia, M.I.A. diventa curatrice del...
BillCallahan_byInigoAmescua

Bill Callahan

Hoxton Hall, Londra - 07/05/2017

Mr. Callahan è tornato a Londra per un’intima residenza di quattro giorni, tra concerti serali e pomeridiani....
Gorillaz perform their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017.
Photo by Mark Allan

Gorillaz

Printworks, Londra – 24/03/2017

La nostra recensione del concerto segreto a Londra, in cui i Gorillaz hanno lanciato il nuovo album...
The Can Project in the Barbican Hall on Saturday 8 April 2017.
Photo by Mark Allan

The Can Project

Barbican Centre, Londra - 08/04/2017

Il Barbican Centre di Londra ospita una lunga serata per celebrare i 50 anni di attività dei...
Senni

Lorenzo Senni

Oslo Hackney, Londra - 29/03/2017

Resoconto del set londinese tenuto dal musicista elettronico italiano ormai di casa Warp. Clean trance ed euforia...
misty1440

Father John Misty

Rio Cinema, Londra - 24/03/2017

Sul Mucchio di aprile troverete la nostra intervista a Father John Misty. L’abbiamo visto a Londra, dove...
17157472_1359727164087978_3672625944240950680_o

Baustelle

Teatro dell'Opera, Firenze - 06/03/2017

In splendida forma, il trio toscano inanella un sold out dopo l’altro nel suo tour più completo...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...