Motörhead

Milano, Ippodromo del Galoppo – 24/6/2014

Dopo che gravi motivi di salute di Lemmy Kilmister hanno costretto i Motörhead a cancellare il tour europeo l’anno scorso e ad annullare quello statunitense solo pochi mesi fa, è con diffidenza e impazienza che attendiamo che il terzetto più rumoroso del rock venga allo scoperto. Stasera non manca all’appello.
foto_concerto_motorhead_milano_24_giugno_2014_elenadivincenzo

Si è immersi in una strana atmosfera di preoccupazione ed entusiasmo. Le voci, le ipotesi e i discorsi sulla salute di Lemmy Kilmister sono l’unico argomento. Ci si rilassa (per modo di dire) solo quando i Motörhead in persona salgono sul palcoscenico e lo calpestano come fosse un campo di battaglia, imbracciano le armi e Damage Case dà vita allo show. In scena sono tre e sembrano sette. A vedere Lemmy che ancora pesta ci si tranquillizza: è tutto a posto. Solo che poi lo guardi bene e scopri che proprio tutto a posto non è: Lemmy è magro e sciupato. Pesano i sessantotto anni, pesano gli eccessi di una vita, pesa il pacemaker, pesa il diabete, pesano i trombi nei vasi sanguigni. Il suono mantiene corpo, ma il ritmo ne fa le spese: per quanto si tratti di un concerto dei Motörhead e quindi sia un set tirato, i brani sono rallentati, trattenuti. Stay Clean, Metropolis, Over The Top, The Chase Is Better Than The Catch, Rock It, Doctor Rock, Just ’cause You Got The Power, Going To Brazil, Killed By Death scorrono via in un batter d’occhio. Ace Of Spades a chiudere e Overkill il bis. L’unica scaletta che i Motörhead potessero suonare.

Immancabili i lunghi assolo. Mikkey Dee è Thor e la doppia cassa regala il pezzo dance (sì, dance) più bello che abbia mai sentito. Phil Campbell se ne esce con una chitarra bianca con le lucette verdi lampeggianti. Sarebbe la cosa più tamarra sulla faccia della terra, se non fosse che lui la rende fantastica.
La sinergia e la precisione all’interno della band sono perfette, cementificate in trenta anni l’uno accanto all’altro a macinare chilometri tutti i giorni e a martellare sul palco tutte le sere. Eppure il piacere che mostrano stasera sembra sincero, nemmeno un velo di noia. A corollario il pubblico, che scandisce per tutto il tempo il nome del gruppo, quando non scandisce quello del leader. Una devozione commovente. E poi quel saluto alla folla, quell’inchino profondo che Campbell e Dee fanno e Lemmy, più che accennarlo, pensa e basta. A noi sta bene così.

foto di Elena Di Vincenzo

Commenti

Altri contenuti Concerti / Musica
BillCallahan_byInigoAmescua

Bill Callahan

Hoxton Hall, Londra - 07/05/2017

Mr. Callahan è tornato a Londra per un’intima residenza di quattro giorni, tra concerti serali e pomeridiani....
Gorillaz perform their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017.
Photo by Mark Allan

Gorillaz

Printworks, Londra – 24/03/2017

La nostra recensione del concerto segreto a Londra, in cui i Gorillaz hanno lanciato il nuovo album...
The Can Project in the Barbican Hall on Saturday 8 April 2017.
Photo by Mark Allan

The Can Project

Barbican Centre, Londra - 08/04/2017

Il Barbican Centre di Londra ospita una lunga serata per celebrare i 50 anni di attività dei...
Senni

Lorenzo Senni

Oslo Hackney, Londra - 29/03/2017

Resoconto del set londinese tenuto dal musicista elettronico italiano ormai di casa Warp. Clean trance ed euforia...
misty1440

Father John Misty

Rio Cinema, Londra - 24/03/2017

Sul Mucchio di aprile troverete la nostra intervista a Father John Misty. L’abbiamo visto a Londra, dove...
17157472_1359727164087978_3672625944240950680_o

Baustelle

Teatro dell'Opera, Firenze - 06/03/2017

In splendida forma, il trio toscano inanella un sold out dopo l’altro nel suo tour più completo...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
IMG_20161024_224102

Minor Victories

Santeria Social Club, Milano - 24 Ottobre

L’esordio omonimo dei Minor Victories, uscito a Giugno, si è ritagliato un seguito di culto anche nel...
PJ HARVEY
Per chi l'ha vista a Firenze e anche per chi non c'era

PJ Harvey

OBIHall, Firenze – 24 ottobre 2016

Seconda delle due date italiane per la songwriter inglese, in strepitoso stato di grazia.
040916_2144

L7

Live Club (Trezzo sull'Adda, MI) - 04 settembre 2016

Questo è uno di quegli eventi che non possono passare inosservati.
Credits_Giorgio_Manzato

Kamasi Washington

Locus Festival

L’onda lunga del caso "The Epic", disco dalla durata monstre (circa tre ore) di Kamasi Washington, non...
13731805_10154351218814402_3019691915445494693_o

Festa della musica

Chianciano Terme (SI), 20 – 24 luglio

A Chianciano non si suona un genere preciso. Allo stesso tempo nessun genere viene escluso. Può capitare...
Jessy_Promo

Jessy Lanza

Corsica Studios, Londra - 19 maggio 2016

Il nuovo disco della canadese Jessy Lanza, uno dei nomi di punta della storica etichetta Hyperdub, si...
DIIV

DIIV

18 marzo 2016 - Londra, Heaven

“You ain’t the first / You ain’t the first”, sussurra Zachary Cole Smith durante "Is The Is...
JF-hi-res-promo-foto-by-M-Borthwick-color-lores

Josephine Foster

25/26 Febbraio, Londra

Nel 2000 la cantautrice e polistrumentista del Colorado Josephine Foster pubblicava There Are Eyes Above, un’autoproduzione in...