Live: My Bloody Valentine

12-13 marzo 2013 - Londra, Hammersmith Apollo

i My Bloody Valentine dal vivo restano una delle migliori music-experience di tutti i tempi. Un passato, un presente e un futuro che sembrano armonizzati vvolti da una coltre di rumore, come se il passare del tempo fosse una mera questione per i comuni mortali.
mbv1

Chi li ha visti nei tour di reunion tra 2008 e 2009, e soprattutto chi li ha visti in qualche venue al chiuso (uno dei numerosi dettagli che, nell’universo perfetto di Kevin Shields, fanno la differenza), è consapevole di un aspetto che tutti gli altri possono immaginare adeguatamente solo spingendo la fantasia molto oltre la realtà a cui siamo abituati. Un concerto dei My Bloody Valentine non è un’esperienza “musicale”, “culturale”, “sociale” come i live comunemente sono. Un concerto dei My Bloody Valentine è un’esperienza fisica. Sensoriale e psichedelica. Forse non “mistica” come nel caso degli Swans – con cui condividono i volumi e l’appartenenza a una categoria “altra” di live band, che si appropria della mente, del corpo e delle orecchie degli ascoltatori ben oltre la fine della performance – ma certamente un’epifania accecante, che giustifica, e alimenta, l’appartenenza a un credo. Per l’esordio ufficiale dei MBV a Londra post m b v, la location è di quelle per le grandi occasioni, che (già) storicizza, e con classe, questi due concerti “in casa” del gruppo. Il pubblico, oltre a provenire da mezza Europa, è trasversale per età, con tanti giovanissimi. La scaletta, è quella ideale: tanto Loveless, tre brani nuovi (l’unico punto su cui si poteva rischiare di più), un paio di estratti furiosi da Isn’t Anything e poi la sorpresa, dolcissima, con parecchio materiale dagli EP. In platea, a pochi metri dal palco, la prima sensazione con cui ci accolgono i concerti di entrambe le serate, sulle note di I Only Said, sono le vibrazioni che dal pavimento salgono lungo il corpo. Una terapia d’urto purificante, che stordisce con una tabula rasa sonora, ma d’altra parte non rinuncia alla cromoterapia rosa-violetto che è l’essenza, dei visual ma anche delle melodie da sogno-ad-occhi-aperti, della band più rumorosa sulla Terra. Vibrazioni che percuotono ininterrottamente le viscere fino alle schegge impazzite di Wonder 2, brano conclusivo (perfetto) lanciato in orbita dall’orgia rumorista dell’Holocaust (11 minuti di orologio) di You Made Me Realise. Nel mezzo, un’abbondanza di suoni ripetitivi e in continuo crescendo (“Earplugs are available everywhere!” recitano i numerosi cartelli in sala, e dall’attacco dell’Holocaust sarà davvero impossibile farne a meno), la muraglia di amplificatori dietro Kevin Shields, secchiate di caleidoscopi lisergici alle spalle della band, l’ipnosi languida di Cigarette in Your Bed e Slow, quella acida di Soon, la forma asimmetrica di Only Tomorrow che guadagna spessore rispetto al disco, le voci che affiorano di tanto in tanto – e che se pure non si sentiranno mai, non sarà mai davvero un problema. Ma soprattutto, quella sensazione di disorientamento costante, quell’aggressione morbida, quell’oscillazione interiore che è la stessa dei dischi. Ma all’ennesima potenza.

Pubblicato sul Mucchio 705 

Altri contenuti Concerti / Musica
GettyImages-885676404_gorillaz_1000-920x584

Gorillaz

Lucca, 12 luglio 2018

Al Lucca Summer Festival l'unica tappa in Italia dei Gorillaz.
Medimex 2018_Cartolina da Taranto

Medimex 2018

Cartolina da Taranto

Da giovedì 7 giugno a domenica 10 giugno siamo volati al Medimex, evento Puglia Sounds,...
breeders 1

The Breeders

@Cortile Castello Estense, Ferrara (05/06/2018)

Prima data italiana, in assoluto, per la celebre band delle sorelle Deal, a inaugurare la 23esima edizione...
Yorke Firenze

Thom Yorke (+ Oliver Coates)

@Teatro Verdi, Firenze (28/05/2018)

Prima data del nuovo tour europeo da solista, per il leader dei Radiohead, con il violoncellista Oliver...
wolf alice

Wolf Alice

@Santeria Social Club, Milano (13/01/2018)

Un uragano si abbatte su Milano e il suo nome è Wolf Alice. La band nord-londinese, reduce...
20171118_214233(0)

The War On Drugs

@ Fabrique, Milano (16/11/17)

È un Fabrique gremito quello che accoglie i War On Drugs, reduci da tre album entusiasmanti a...
20171116_214218

Father John Misty

@Fabrique, Milano (16/11/2017)

La valigia di Josh Tillman è andata persa durante il viaggio aereo verso Milano. “Sembro vestito perfettamente...
shabazz_palaces_01

Shabazz Palaces

Oval Space, Londra - 06/11/2017

Quazarz atterra a Londra: i Shabazz Palaces portano in concerto il loro idiosincratico mix di free jazz...
20171110_215423

Fleet Foxes

@Fabrique, Milano (10/11/2017)

L’ultima incursione dei Fleet Foxes a Milano risale ad un altro novembre, quello del 2011. Nella location...
_MG_0573

Massimo Zamboni

1917-2017: i Soviet + L'elettricità

A Bologna per I Soviet + L'elettricità: lo spettacolo multimediale sui cento anni di rivoluzione russa, un...
dream-syndicate

Dream Syndicate

Dalle 22 alle 24, minuto più minuto meno. Due ore di carica esplosiva. Con gli strumenti caricati...
© stefano masselli

Arcade Fire live

Ippodromo del Galoppo (Milano), 17/07/2017

Sette minuti. Tanto ha atteso invano la platea dell’Ippodromo del Galoppo per un secondo bis degli Arcade...
M.I.A-2544

M.I.A.

Royal Festival Hall, Londra - 18/06/2017

Quindici anni dopo i suoi primi passi nel mondo di musica e multimedia, M.I.A. diventa curatrice del...
BillCallahan_byInigoAmescua

Bill Callahan

Hoxton Hall, Londra - 07/05/2017

Mr. Callahan è tornato a Londra per un’intima residenza di quattro giorni, tra concerti serali e pomeridiani....
Gorillaz perform their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017.
Photo by Mark Allan

Gorillaz

Printworks, Londra – 24/03/2017

La nostra recensione del concerto segreto a Londra, in cui i Gorillaz hanno lanciato il nuovo album...
The Can Project in the Barbican Hall on Saturday 8 April 2017.
Photo by Mark Allan

The Can Project

Barbican Centre, Londra - 08/04/2017

Il Barbican Centre di Londra ospita una lunga serata per celebrare i 50 anni di attività dei...