My Brightest Diamond

Milano, Salumeria della Musica - 17/02/2015

MY BRIGHTEST DIAMOND 30 © stefano masselli

Salumeria della Musica di Milano non gremita, ma più piena di quanto mi aspettassi: stasera a Milano c’era solo l’imbarazzo della scelta. My Brightest Diamond, Maximilian Hecker e Jarboe insieme a Alexander Hacke. Tutti dal vivo, tutti la stessa sera. Ovviamente in tre locali diversi. Roba che quando lo scopri rimani un attimo interdetto e pensi che la scelta di Sophie, a confronto, era facile. Per quel che mi riguarda, si è trattato di momento risolto in fretta: My Brightest Diamond vince a mani basse.

La poliedrica Shara Worden porta dal vivo il suo quarto album e sono proprio curiosa di vedere come riuscirà a trasferire le atmosfere pop, ricche e complicate di This Is My Hand sul palco con una formazione ridotta a trio. Ma Shara è brava e non mi preoccupo. Di gente così (e intendo brava sul serio) ci si può solo fidare.

A fare da supporto, tale Tim Fite. Bello pacioccone, lui. Con capellino di traverso, sorrisone, e pancetta a dividersi tra cabaret, hip-hop e ninna-nanne. È divertente, tiene bene la scena e a metà del set, Shara salta sul palco a ballare e scopriamo che è brava anche in quello. Un ultimo brano ancora e poi tocca a lei.

Pantaloni che sembrano esserle disegnati addosso e ciuffo che solo sulle passerelle di moda dei primi anni ’90 (e potrebbe non essere una buona cosa, ma evidentemente a lei piace così), Shara abbraccia la chitarra e inizia il concerto reinterpretando Gunshot Glitter di Jeff Buckley. Tutti colti di sorpresa, tutti zitti, fermi e attenti e poi esplode Bad Guy, con la chitarra che non è così gentile come su disco: è rumorosa, distorta, cattiva. E la batteria che non è elettronica come sul disco: è secca e pesta duro. Gli arrangiamenti sono completamente rivoltati e quando l’elettronica non diventa un rock compatto, si trasforma nel più cattivo synthpop.
Shara tiene a coinvolgere il pubblico e ci insegna piccole coreografie così che possiamo accompagnare il brano. La prima è per Pressure. Ce la spiega bene, insieme al gruppo e a Tim Fite che la raggiunge sul palco per i cori. Ora, vedere lei che si muove suademente e Fite che fa le faccette è piacevole, vedere il bassista (con il grugno naturale, pelato, di colore e grande quanto il mio sgabuzzino) fare lo stesso è curioso. Si capisce facilmente che anche loro, come noi, si stanno divertendo un mucchio.
Dopo la prima lezione di ballo (la seconda sarà per High Low Middle), c’è quella di canto: tante piccole civette per accompagnare Before The Words. Fite si stupisce di quanto siamo bravi. Shara gli risponde istintivamente, senza nemmeno pensare: “Italy”.

MY BRIGHTEST DIAMOND 14 © stefano masselli

Un set principalmente incentrato sull’ultimo lavoro di My Brightest Diamond (Lover Killer, This Is My Hand, Resonance), che include brani meno recenti (Be Brave, I Have Never Loved Someone, Inside A Boy) e due estratti da un ep in uscita che si intitolerà I Have Grown Wild (Say What e A Bronze Head).
Poi c’è il bis con la versione più appassionata di Feeling Good che un artista possa mai regalare al proprio pubblico.
A chiusura Shara indossa una tuta da lavoro bianca con delle scritte nere che richiamano This Is My Hand e viene raggiunta da Fite per una versione tutta loro di It Takes Two (proprio quella di Rob Base & DJ EZ Rock, non la sentivo dal 1989), mentre scendono dal palco e ballano tra il pubblico e con il pubblico.

Insomma, che ci si sia divertiti durante un concerto che è stato bello, tirato e, soprattutto, impeccabile è chiaro. Ma vorrei che fosse chiara anche un’altra cosa, ben più importante. Shara non è solo brava. Non è nemmeno semplicemente brava. Shara è impressionante.
A parte essere una musicista e performer ineccepibile, la sua voce è uno strumento incredibilmente versatile (ma quante ottave prende? meglio non sapere) e, anche se sembra non fare fatica, è chiaro che quello che sta facendo non sia facile, che dietro c’è un lavoro da proverbiale mazzo. E ti domandi come possa essere possibile che su disco questa voce meravigliosa risulti addirittura limitata.

Insomma, succede che quando ti imbatti in persone tanto preparate (e vi assicuro che bassista e batterista non erano da meno), ti viene una giustificatissima voglia di non avvicinarti mai più a una chitarra, di suonare l’ukulele per far ballare la tua nipotina, canticchiare quando lavi i piatti o battere il cucchiaio di legno sulla pentola quando cucini che ti sembra di fare un torto all’universo.
Poi ti fanno anche ridere e ballare. Quindi, a concerto finito, a me viene solo una gran voglia di andare nel backstage, prendere quei tre, piegarli, stiparli nella borsetta e portarmeli a casa.

Foto di Stefano Masselli

Commenti

Altri contenuti Concerti / Musica
040916_2144

L7

Live Club (Trezzo sull'Adda, MI) - 04 settembre 2016

Questo è uno di quegli eventi che non possono passare inosservati.
Credits_Giorgio_Manzato

Kamasi Washington

Locus Festival

L’onda lunga del caso "The Epic", disco dalla durata monstre (circa tre ore) di Kamasi Washington, non...
13731805_10154351218814402_3019691915445494693_o

Festa della musica

Chianciano Terme (SI), 20 – 24 luglio

A Chianciano non si suona un genere preciso. Allo stesso tempo nessun genere viene escluso. Può capitare...
Jessy_Promo

Jessy Lanza

Corsica Studios, Londra - 19 maggio 2016

Il nuovo disco della canadese Jessy Lanza, uno dei nomi di punta della storica etichetta Hyperdub, si...
DIIV

DIIV

18 marzo 2016 - Londra, Heaven

“You ain’t the first / You ain’t the first”, sussurra Zachary Cole Smith durante "Is The Is...
JF-hi-res-promo-foto-by-M-Borthwick-color-lores

Josephine Foster

25/26 Febbraio, Londra

Nel 2000 la cantautrice e polistrumentista del Colorado Josephine Foster pubblicava There Are Eyes Above, un’autoproduzione in...
FatWhiteFamily12

Fat White Family

2 marzo 2016, Parigi

Non è mica da poco il dilemma che si trovano a fronteggiare Lias Saoudi e i Fat...
1401x788-Grimes---Kill-V.-Maim

Grimes

10 MARZO 2015 - O2 BRIXTON ACADEMY, LONDRA

Il tour di Artangels riporta Grimes a Londra dopo quattro anni. La Brixton Academy non potrebbe essere...
mum2

múm

4 marzo 2016, Bergamo

La 34a edizione di Bergamo Film Meeting è stata inaugurata dall’anteprima italiana della performance della band islandese...
11826022_881445975276903_4379589732803519447_n

Ypsigrock Festival

Castelbuono (Palermo) – 06-09/08/2015

Come a ogni edizione, Giulia Sarno/unePassante ci racconta il festival siciliano che quest'anno porta nelle sue terre...
deus

dEUS

Villa Ada, 25 luglio 2015

Ho sempre pensato che se mai il Belgio dovesse cambiare inno nazionale – quello attualmente in vigore...
IMG_1752

Ryley Walker

Paradiso, Amsterdam - 02/05/2015

Trasferta olandese per ascoltare dal vivo il cantautore americano, da poco al suo secondo album con "Primrose...
10918993_966678046698254_8783892567178930641_n

Giovanni Lindo Ferretti

Sonar, Colle Val d'Elsa, Siena - 28/02/2015

Un concentrato di accordi, canzoni e sentimenti per due ore di spettacolo che di sicuro non hanno...
MY BRIGHTEST DIAMOND 30 © stefano masselli

My Brightest Diamond

Milano, Salumeria della Musica - 17/02/2015

Salumeria della Musica di Milano non gremita, ma più piena di quanto mi aspettassi: stasera a Milano...