Nirvana

I giorni della fine

Il nome della band significa libertà dalla sofferenza e dal mondo esterno. Che tutto fosse scritto ancor prima di iniziare?
kurt

Se volessimo trovare una causa alla conseguenza, ovvero alla morte di Kurt Cobain, potremmo pontificare su una vita disseminata di intemperie: il divorzio dei genitori, l’introversione di un carattere contraddittorio, il disagio da successo, i lancinanti dolori allo stomaco, la dipendenza da eroina che porterà all’overdose romana del marzo 1994.
Sembra che in genere i fattori psicosociali e situazionali siano però troppo vari per stabilire una relazione statisticamente significativa. Potremmo allora ipotizzare, assecondando i sostenitori delle teorie genetiche, che non è un caso se alcuni zii di Cobain si erano già
uccisi per mezzo di armi da fuoco. Armi da fuoco che Kurt collezionava (“Load up
on guns” cantava in Smells Like Teen Spirit). E, sempre a tal proposito, potremmo analizzare i presunti indizi sparsi nei testi: le prime tre canzoni di Nevermind contengono riferimenti a pistole, mentre In Utero è senz’altro l’apologia della cupezza cobaniana, tra pozzi di catrame e orchidee carnivore, cordoni ombelicali e ferite aperte. Soltanto chi è provvisto di autoironia, e quindi voglia di vivere, poteva però immaginare un titolo come I Hate Myself And I Want To Die. Già, perché allora Kurt ha fatto un’altra fine?

Potremmo constatare con un minimo di superficialità che agli artisti, specie se cantori di una disperazione generazionale, la spettacolarizzazione della propria fuoriuscita riesce meglio: sin dai tempi di Shakespeare, del resto, il suicidio era usato come colpo di scena. Nell’antica Grecia e nell’antica Roma era considerato un atto lecito, addirittura consigliabile come coronamento di imprese eroiche o alternativa alla perdita della dignità. Nel settimo girone dell’Inferno architettato da Dante invece le anime dei violenti contro la propria persona sono imprigionate in orrendi alberi, straziati dalle Arpie così come straziarono se stessi: si tratta forse dell’atto più lugubre di tutta la Divina Commedia. Da buon cristiano (ma se fosse stato ebreo o musulmano il risultato non sarebbe cambiato) Dante condannava il suicidio, rafforzando uno stigma profondamente incardinato nella cultura occidentale.

Forse in un sistema culturale connotato altrimenti, la morte autoinflitta di una rockstar non produrrebbe tutta questa eco, e del Club 27 non parleremmo nemmeno.
Club di cui Cobain, esclusa qualche affinità caratteriale con Janis Joplin, non fa filosoficamente parte dato che quelli erano inciampati nei loro stessi eccessi, perlopiù
per mancanza di controllo. Lui è più affine ad altri, a quelli che hanno scelto. A Luigi Tenco che pare essersi sparato come “atto di protesta” contro il pubblico italiano, a Darby Crash che appena ventiduenne si schianta volontariamente di eroina al fianco della fidanzata che gli sopravvive, a Elliott Smith che probabilmente si autoinfligge due coltellate al petto, a Vic Chesnutt che dopo prove infruttuose centra l’obiettivo grazie ai farmaci o a Mark Linkous che invece non vuol sbagliare e mira direttamente al cuore. Difficile dire cosa avrebbe potuto fare Cobain se non si fosse ammazzato. Molto probabilmente non si sarebbe adagiato su schemi fissi, come già l’MTV Unplugged In New York lasciava intuire. Lui che aveva tanto da dare, che prestava la sua notorietà per pubblicizzare colleghi di culto, che sosteneva la causa gay per rifiuto degli stereotipi machisti.

Secondo studi neurobiologici, reputati comunque riduttivi da alcuni specialisti, il gesto estremo potrebbe essere innescato da alterazioni chimiche, legate al principale
neurotrasmettitore del cervello, la serotonina. Proprio come è chimica la reazione che alimenta la musica creata da un insieme di più individui, o qualsiasi processo creativo. Ancora una volta si tratta di impiegare le energie in un senso o nell’altro, per distruggere o per costruire. Ma c’è anche chi costruisce per distruggere.

Commenti

Altri contenuti Musica
M.I.A-2544

M.I.A.

Royal Festival Hall, Londra - 18/06/2017

Quindici anni dopo i suoi primi passi nel mondo di musica e multimedia, M.I.A. diventa curatrice del...
184209147-74fa6fc2-02bb-470a-b5c6-1271ad9f6eb5

Sgt. Pepper

Come venne accolto in Italia?

"Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band" uscì in Italia nella prima quindicina di giugno del 1967 e...
kaitlynaureliasmith_header_1440x720

Kaitlyn Aurelia Smith

Giungla futuristica

La natura come primaria fonte d’ispirazione, il carattere alieno del Buchla umanizzato attraverso le melodie vocali, la sinestesia...
000096680022

Kevin Morby

La fine dei vent'anni

Al quarto album da solista, il songwriter statunitense, già membro dei Woods, passa dalla natura a scenari...
Goldie by Chelone Wolf

Goldie

Killing Music

Il ritorno del re della jungle e della drum and bass è a tutti gli effetti un...
IMG_5789_med

Cody ChesnuTT

Black Music Have The Power

Attivo dalla fine degli anni 90, ChesnuTT esprime una vitalità soul-rock in grado di portare la rivoluzione...
ANGEL OLSEN
Intervista e concerti in Italia

Angel Olsen

This woman's work

La cantautrice originaria del Missouri arriva in Italia (Bologna e Milano) con il nuovo album MY WOMAN,...
xiu xiu JAS blur

Xiu Xiu

La loggia nera della memoria

Con "Xiu Xiu Plays the Music of Twin Peaks", lo scorso anno la band omaggiò la serie...
PERFUME GENIUS
Il coraggio di essere

Perfume Genius

Il coraggio di essere

Mike Hadreas è tornato da poco con il suo quarto album, "No Shape", che sancisce la sua...
DAVID LYNCH - Quando parlammo con il leggendario regista

David Lynch

Dance Of The Dream Man

In occasione dell'eclatante ritorno su piccolo schermo di "Twin Peaks", riproponiamo la nostra intervista al leggendario regista...
CHRIS-CORNELL

Chris Cornell

Euphoria Mo(u)rning

Raccontare Chris Cornell, attraverso un album, nel giorno in cui morì.
BillCallahan_byInigoAmescua

Bill Callahan

Hoxton Hall, Londra - 07/05/2017

Mr. Callahan è tornato a Londra per un’intima residenza di quattro giorni, tra concerti serali e pomeridiani....
Annette+Peacock+2015

Annette Peacock

A volte ritornano

I concerti della compositrice free jazz americana sono ormai avvenimenti più unici che rari e martedì 23...
TIMBER TIMBRE
- L'intervista e le date in Italia

Timber Timbre

Presagi

La band canadese torna armata di sintetizzatori. Il frontman TAYLOR KIRK ci racconta perché SINCERELY, FUTURE POLLUTION...
Gorillaz perform their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017.
Photo by Mark Allan

Gorillaz

Printworks, Londra – 24/03/2017

La nostra recensione del concerto segreto a Londra, in cui i Gorillaz hanno lanciato il nuovo album...