Nirvana

I giorni della fine

Il nome della band significa libertà dalla sofferenza e dal mondo esterno. Che tutto fosse scritto ancor prima di iniziare?
kurt

Se volessimo trovare una causa alla conseguenza, ovvero alla morte di Kurt Cobain, potremmo pontificare su una vita disseminata di intemperie: il divorzio dei genitori, l’introversione di un carattere contraddittorio, il disagio da successo, i lancinanti dolori allo stomaco, la dipendenza da eroina che porterà all’overdose romana del marzo 1994.
Sembra che in genere i fattori psicosociali e situazionali siano però troppo vari per stabilire una relazione statisticamente significativa. Potremmo allora ipotizzare, assecondando i sostenitori delle teorie genetiche, che non è un caso se alcuni zii di Cobain si erano già
uccisi per mezzo di armi da fuoco. Armi da fuoco che Kurt collezionava (“Load up
on guns” cantava in Smells Like Teen Spirit). E, sempre a tal proposito, potremmo analizzare i presunti indizi sparsi nei testi: le prime tre canzoni di Nevermind contengono riferimenti a pistole, mentre In Utero è senz’altro l’apologia della cupezza cobaniana, tra pozzi di catrame e orchidee carnivore, cordoni ombelicali e ferite aperte. Soltanto chi è provvisto di autoironia, e quindi voglia di vivere, poteva però immaginare un titolo come I Hate Myself And I Want To Die. Già, perché allora Kurt ha fatto un’altra fine?

Potremmo constatare con un minimo di superficialità che agli artisti, specie se cantori di una disperazione generazionale, la spettacolarizzazione della propria fuoriuscita riesce meglio: sin dai tempi di Shakespeare, del resto, il suicidio era usato come colpo di scena. Nell’antica Grecia e nell’antica Roma era considerato un atto lecito, addirittura consigliabile come coronamento di imprese eroiche o alternativa alla perdita della dignità. Nel settimo girone dell’Inferno architettato da Dante invece le anime dei violenti contro la propria persona sono imprigionate in orrendi alberi, straziati dalle Arpie così come straziarono se stessi: si tratta forse dell’atto più lugubre di tutta la Divina Commedia. Da buon cristiano (ma se fosse stato ebreo o musulmano il risultato non sarebbe cambiato) Dante condannava il suicidio, rafforzando uno stigma profondamente incardinato nella cultura occidentale.

Forse in un sistema culturale connotato altrimenti, la morte autoinflitta di una rockstar non produrrebbe tutta questa eco, e del Club 27 non parleremmo nemmeno.
Club di cui Cobain, esclusa qualche affinità caratteriale con Janis Joplin, non fa filosoficamente parte dato che quelli erano inciampati nei loro stessi eccessi, perlopiù
per mancanza di controllo. Lui è più affine ad altri, a quelli che hanno scelto. A Luigi Tenco che pare essersi sparato come “atto di protesta” contro il pubblico italiano, a Darby Crash che appena ventiduenne si schianta volontariamente di eroina al fianco della fidanzata che gli sopravvive, a Elliott Smith che probabilmente si autoinfligge due coltellate al petto, a Vic Chesnutt che dopo prove infruttuose centra l’obiettivo grazie ai farmaci o a Mark Linkous che invece non vuol sbagliare e mira direttamente al cuore. Difficile dire cosa avrebbe potuto fare Cobain se non si fosse ammazzato. Molto probabilmente non si sarebbe adagiato su schemi fissi, come già l’MTV Unplugged In New York lasciava intuire. Lui che aveva tanto da dare, che prestava la sua notorietà per pubblicizzare colleghi di culto, che sosteneva la causa gay per rifiuto degli stereotipi machisti.

Secondo studi neurobiologici, reputati comunque riduttivi da alcuni specialisti, il gesto estremo potrebbe essere innescato da alterazioni chimiche, legate al principale
neurotrasmettitore del cervello, la serotonina. Proprio come è chimica la reazione che alimenta la musica creata da un insieme di più individui, o qualsiasi processo creativo. Ancora una volta si tratta di impiegare le energie in un senso o nell’altro, per distruggere o per costruire. Ma c’è anche chi costruisce per distruggere.

Commenti

Altri contenuti Musica
20171116_214218

Father John Misty

@Fabrique, Milano (16/11/2017)

La valigia di Josh Tillman è andata persa durante il viaggio aereo verso Milano. “Sembro vestito perfettamente...
shabazz_palaces_01

Shabazz Palaces

Oval Space, Londra - 06/11/2017

Quazarz atterra a Londra: i Shabazz Palaces portano in concerto il loro idiosincratico mix di free jazz...
20171110_215423

Fleet Foxes

@Fabrique, Milano (10/11/2017)

L’ultima incursione dei Fleet Foxes a Milano risale ad un altro novembre, quello del 2011. Nella location...
_MG_0573

Massimo Zamboni

1917-2017: i Soviet + L'elettricità

A Bologna per I Soviet + L'elettricità: lo spettacolo multimediale sui cento anni di rivoluzione russa, un...
cohen

Leonard Cohen

Il piccolo profeta gobbo

Un anno fa moriva Leonard Cohen, il giorno prima dell’elezione di Trump che sconvolgeva il mondo. Questo...
dream-syndicate

Dream Syndicate

Dalle 22 alle 24, minuto più minuto meno. Due ore di carica esplosiva. Con gli strumenti caricati...
vallicelli

Matteo Vallicelli

Botta e risposta

Ripubblichiamo la nostra intervista a Matteo Valliceli in occasione della sua partecipazione alla decima edizione del Transmissions...
CRISTALLO - Se i Melampus risplendono in italiano

Cristallo

La trasparenza del nero

Con l’omonimo EP del loro nuovo progetto, sempre avvolgente ma maggiormente elettronico, Francesca Pizzo e Angelo Casarrubia...
liars1

Liars

A tre anni di distanza da "Mess", i Liars tornano in veste di progetto solistico del frontman...
ZOLA JESUS - Dal vivo in Italia

Zola Jesus

Nostra signora dell'oscurità

A Novembre dal vivo in Italia con il quinto album, un lavoro volutamente heavy
aldousharding_2017blue

Aldous Harding

Strana come un'arancia meccanica

Il 31 ottobre a Torino sarà l'unica occasione per vedere dal vivo Aldous Harding, non perdetevela.
PROG ROCK ITALIANO - La serie in vinile di De Agostini Publishing

Prog Rock Italiano

La stagione d’oro del nostro progressive in vinile

Arriva Prog Rock Italiano, la nuova collana di De Agostini Publishing: sessanta album in vinile per rivivere...
DREAM SYNDICATE - Ad ottobre in Italia

The Dream Syndicate

La deformazione dello spazio-tempo

La stagione d'oro del Paisley Underground, quattro dischi, lo scioglimento e poi l'indefessa carriera tra album da...
La doppia vita di NICO

La doppia vita di Nico

Cinquant'anni da Chelsea Girl

Nell’ottobre 1967 usciva Chelsea Girl, primo album da solista della chanteuse dei Velvet Underground: femme fatale che...
SequoyahTiger5_byVampaClub

Sequoyah Tiger

Sulla rampa di lancio

Geometria e sinestesia, synthpop e psichedelia, movimento e ripetizione, comunicazione ed esplorazione. Tutto questo, e molto di...
jerusalem-in-my-heart

Jerusalem In My Heart

Cannibalismo culturale

Il progetto sull'asse Libano/Canada di Radwan Ghazi Moumneh e condiviso con il filmmaker Charles-André Coderre torna in...