Nu-Gaze

Lo shoegaze del nuovo millennio

Si è parlato tanto dell’influenza dei My Bloody Valentine. Ecco alcuni dei loro figli più o meno legittimi.
Nu Gaze
Discografia base

A poco meno di quindici anni dall’Anno Domini (1991), lo shoegaze torna, inaspettato, nelle trame soniche di entrambi i lati dell’Oceano. Prima con formazioni sparse, nei pressi del 2004, poi con feedback e melodie zuccherose che, intorno al cambio di decennio, si diffondono a macchia d’olio. Stavolta non è una “scena” che celebra se stessa: come d’abitudine negli anni dell’Internet, il movimento non è local, bensì global. E le chitarre sono ancora protagoniste, ma lo shoegaze del nuovo millennio non disdegna “sporcate” sintetiche, ibridazioni. In giro, lo chiamano “nu-gaze”.

Autolux
Da Los Angeles, in tre, due album all’attivo e un recente contratto con ATP Recordings. Nella schiera dei pionieri del ritorno dello shoegaze arrivano per primi, nel 2002, a recuperarne tutta la sensualità e la malinconia. Si tengono i riverberi, l’alternanza di voce maschile e femminile e il retrogusto dolciastro dei MBV, ma si distinguono per un uso dilatato e mai ammiccante dell’elettronica, sfociando in aggressioni noise dal vivo.
Disco: Future Perfect (2004)

Amusement Parks On Fire
La creatura di Michael Feerick, oggi quintetto, originaria di Nottingham. Nasce in tempi non
sospetti: è il 2004 quando l’esile biondino inizia il suo viaggio ultra nerd – basso profilo, molta passione, zero successo – attraverso feedback e indie alternative anni 90. Il vigore, le stratificazioni, la voce non effettata e la nostalgia ricordano i Catherine Wheel. Emo-gaze perfetto per l’inverno.
Disco: Amusement Parks On Fire (2005)

M83
Anthony Gonzales, francese, la cui galassia nu-gaze è tra le prime a piombare sulla terra, nel 2001. Sebbene la sua propensione per i synth non sia mai stata un mistero, il tradimento della fede dei fissascarpe, con live electro riempi-arena, lo vorrebbero fuori dalla lista. I suoi primi tre album (composti come duo, con Nicolas Fromageau) sono però rappresentativi di come avrebbe potuto suonare lo shoegaze del nuovo millennio: soundscapes fiabeschi ed effetti dirompenti per un mondo di soli adolescenti.
Disco: Before The Dawn Heals Us (2005)

Serena-Maneesh
Da Oslo, quintetto guidato da Emil Nikolaisen, con alle spalle esperienze in altre band. Lo shoegaze si avvicina alla psichedelia, e non solo nelle teorie visionare dei suoi ideatori. I riverberi e le voci sono quelli della “scena di riferimento”, ma i bagliori, le ripetizioni ossessive e i fuzz sono acidi e lisergici come un Velvet Mushroom. Attesa per un nuovo album in lavorazione.
Disco: Serena-Maneesh (2006)

A Place To Bury Strangers 
Il gruppo più rumoroso di New York”. La definizione è di Lydia Lunch, e chi siamo noi per contraddirla? Il trio di Oliver Ackermann è tra le formazioni d’eccellenza in fatto di wall of sound del nuovo millennio. Aggressori sonici senza il bisogno di mezzucci syntethici, gli APTBS mescolano il credo in feedback e distorsioni con latente spiritualità post punk. Immersi nei loro fumi apocalittici, dal vivo vi fanno a pezzi.
Disco: A Place To Bury Strangers (2007)

No Joy
Jasmin e Laura, con base a Montreal. Con un solo album all’attivo, le No Joy non sono una colonna portante del nu-gaze. A giustificare la loro presenza qui, un esordio con la giusta dose di nostalgia e personalità. Loop, delay, code granulose di riverberi, voci femminili morbide come seta, qualche ritmo fuori controllo. E un nome perfetto per essere ammessi nella scena.
Disco: Ghost Blonde (2010)

Asobi Seksu 
Base a Brooklyn, cuore nipponico. Yuki Chikudate è la voce di uno dei gruppi più amati del nu-gaze. Più che fissatori di scarpe, gli Asobi Seksu sono proprio dei sognatori. Sound etereo, bolle di sapone pop luminescenti, fulmini elettronici e le acute linee vocali della minuta cantante, compongono l’orizzonte fluorescente del quartetto.
Disco: Fluorescence (2011)

Ringo Deathstarr
In tre, da Austin. Espressione del gran ritorno, velato di hype e retromania, dello shoegaze. Dopo un album (Colour Trip) per il quale Kevin Shields e Belinda Butcher avrebbero potuto
gridare al plagio, con l’ultimo Mauve hanno alzato il tiro. Impetuoso, ruvido, quasi punk: il nu-gaze non suona giovane, ma un po’ più irriverente (che in altri coetanei) sì.
Disco: Mauve (2012)

Pubblicato sul Mucchio 774

             
Altri contenuti Musica
U2
Quarant'anni da icone rock

U2

Quarant'anni da icone del rock

Il 25 settembre del 1976 nasceva il gruppo di Bono Vox e The Edge: quattro decenni dopo,...
Credits_Giorgio_Manzato

Kamasi Washington

Locus Festival

L’onda lunga del caso "The Epic", disco dalla durata monstre (circa tre ore) di Kamasi Washington, non...
dinosaur-jr-tickets_10-06-16_17_5743419d0a05b

Dinosaur Jr.

La lunga coda

Guardi la copertina di GIVE A GLIMPSE OF WHAT YER NOT, con quelle tinte da psichedelia casereccia,...
ELYSIA CRAMPTON
Identità e club music

Elysia Crampton

Identità e club music

Attraverso il recupero di sonorità laceranti figlie dell’industrial e una propensione per la teoria, un gruppo di...
CHELSEA WOLFE
Una cupa estate italiana al Musica W Festival

Chelsea Wolfe

Dell'amore e di altri incubi

In occasione dell'imminente data italiana al Musica W Festival, riproponiamo la nostra ultima intervista con la cantautrice...
JESUS AND MARY CHAIN
Fenomenologia degli altri 80

The Jesus and Mary Chain

Fenomelogia degli altri 80

Rinvigoriti dal tour per il trentennale di "Psychocandy", i Jesus And Mary Chain tornano in Italia il...
11952970_724959524277304_872030406267911607_o

Dimensions Festival

Croazia, Pola (24-28 agosto)

Un fenomeno ha ribaltato il panorama europeo delle estati in musica, negli ultimi anni: l'invasione della Croazia...
13731805_10154351218814402_3019691915445494693_o

Festa della musica

Chianciano Terme (SI), 20 – 24 luglio

A Chianciano non si suona un genere preciso. Allo stesso tempo nessun genere viene escluso. Può capitare...
FARM FESTIVAL
Dal 10 al 12 agosto ad Alberobello (Puglia)

Il Farm Festival

Dal 10 al 12 agosto ad Alberobello (BA)

Al via la quinta edizione di Farm Festival, dal 10 al 12 agosto nella Masseria Papaperta ad...
MINOR VICTORIES
Il supergruppo che funziona

Minor Victories

Il supergruppo che funziona

I componenti di tre gruppi navigati del Regno Unito - Editors, Mogwai e Slowdive - registrano un...
GRIME
Le parole per dirlo

Grime

Le parole per dirlo

Drake e Skepta si stanno prendendo l’hip hop USA, e nessuno l’avrebbe mai detto.
AFTERHOURS
Il nuovo disco, brano per brano

Afterhours

"Folfiri o Folfox"

Il nuovo album commentato traccia per traccia da Manuel Agnelli
Jessy_Promo

Jessy Lanza

Corsica Studios, Londra - 19 maggio 2016

Il nuovo disco della canadese Jessy Lanza, uno dei nomi di punta della storica etichetta Hyperdub, si...
prince-1-1

Prince

50 canzoni

Perché è stato Purple Rain, ma non solo. Una playlist che parla di lui.
persian-pelican2

Persian Pelican

Il songwriting del sogno

Il progetto psych-folk del songwriter marchigiano Andrea Pulcini giunge al terzo capitolo della sua affascinante discografia. Ne...