Nu-Gaze

Lo shoegaze del nuovo millennio

Si è parlato tanto dell’influenza dei My Bloody Valentine. Ecco alcuni dei loro figli più o meno legittimi.
Nu Gaze
Discografia base

A poco meno di quindici anni dall’Anno Domini (1991), lo shoegaze torna, inaspettato, nelle trame soniche di entrambi i lati dell’Oceano. Prima con formazioni sparse, nei pressi del 2004, poi con feedback e melodie zuccherose che, intorno al cambio di decennio, si diffondono a macchia d’olio. Stavolta non è una “scena” che celebra se stessa: come d’abitudine negli anni dell’Internet, il movimento non è local, bensì global. E le chitarre sono ancora protagoniste, ma lo shoegaze del nuovo millennio non disdegna “sporcate” sintetiche, ibridazioni. In giro, lo chiamano “nu-gaze”.

Autolux
Da Los Angeles, in tre, due album all’attivo e un recente contratto con ATP Recordings. Nella schiera dei pionieri del ritorno dello shoegaze arrivano per primi, nel 2002, a recuperarne tutta la sensualità e la malinconia. Si tengono i riverberi, l’alternanza di voce maschile e femminile e il retrogusto dolciastro dei MBV, ma si distinguono per un uso dilatato e mai ammiccante dell’elettronica, sfociando in aggressioni noise dal vivo.
Disco: Future Perfect (2004)

Amusement Parks On Fire
La creatura di Michael Feerick, oggi quintetto, originaria di Nottingham. Nasce in tempi non
sospetti: è il 2004 quando l’esile biondino inizia il suo viaggio ultra nerd – basso profilo, molta passione, zero successo – attraverso feedback e indie alternative anni 90. Il vigore, le stratificazioni, la voce non effettata e la nostalgia ricordano i Catherine Wheel. Emo-gaze perfetto per l’inverno.
Disco: Amusement Parks On Fire (2005)

M83
Anthony Gonzales, francese, la cui galassia nu-gaze è tra le prime a piombare sulla terra, nel 2001. Sebbene la sua propensione per i synth non sia mai stata un mistero, il tradimento della fede dei fissascarpe, con live electro riempi-arena, lo vorrebbero fuori dalla lista. I suoi primi tre album (composti come duo, con Nicolas Fromageau) sono però rappresentativi di come avrebbe potuto suonare lo shoegaze del nuovo millennio: soundscapes fiabeschi ed effetti dirompenti per un mondo di soli adolescenti.
Disco: Before The Dawn Heals Us (2005)

Serena-Maneesh
Da Oslo, quintetto guidato da Emil Nikolaisen, con alle spalle esperienze in altre band. Lo shoegaze si avvicina alla psichedelia, e non solo nelle teorie visionare dei suoi ideatori. I riverberi e le voci sono quelli della “scena di riferimento”, ma i bagliori, le ripetizioni ossessive e i fuzz sono acidi e lisergici come un Velvet Mushroom. Attesa per un nuovo album in lavorazione.
Disco: Serena-Maneesh (2006)

A Place To Bury Strangers 
Il gruppo più rumoroso di New York”. La definizione è di Lydia Lunch, e chi siamo noi per contraddirla? Il trio di Oliver Ackermann è tra le formazioni d’eccellenza in fatto di wall of sound del nuovo millennio. Aggressori sonici senza il bisogno di mezzucci syntethici, gli APTBS mescolano il credo in feedback e distorsioni con latente spiritualità post punk. Immersi nei loro fumi apocalittici, dal vivo vi fanno a pezzi.
Disco: A Place To Bury Strangers (2007)

No Joy
Jasmin e Laura, con base a Montreal. Con un solo album all’attivo, le No Joy non sono una colonna portante del nu-gaze. A giustificare la loro presenza qui, un esordio con la giusta dose di nostalgia e personalità. Loop, delay, code granulose di riverberi, voci femminili morbide come seta, qualche ritmo fuori controllo. E un nome perfetto per essere ammessi nella scena.
Disco: Ghost Blonde (2010)

Asobi Seksu 
Base a Brooklyn, cuore nipponico. Yuki Chikudate è la voce di uno dei gruppi più amati del nu-gaze. Più che fissatori di scarpe, gli Asobi Seksu sono proprio dei sognatori. Sound etereo, bolle di sapone pop luminescenti, fulmini elettronici e le acute linee vocali della minuta cantante, compongono l’orizzonte fluorescente del quartetto.
Disco: Fluorescence (2011)

Ringo Deathstarr
In tre, da Austin. Espressione del gran ritorno, velato di hype e retromania, dello shoegaze. Dopo un album (Colour Trip) per il quale Kevin Shields e Belinda Butcher avrebbero potuto
gridare al plagio, con l’ultimo Mauve hanno alzato il tiro. Impetuoso, ruvido, quasi punk: il nu-gaze non suona giovane, ma un po’ più irriverente (che in altri coetanei) sì.
Disco: Mauve (2012)

Pubblicato sul Mucchio 774

             
Altri contenuti Musica
Ascolta in streaming ATLAS /INSTRUMENTAL di PIeralberto Valli

Pieralberto Valli

Atlas / Instrumental

La versione strumentale del debutto discografico di Pieralberto Valli, "Atlas", da ascoltare in streaming.
THE HORRORS - L'ologramma del pop

The Horrors

L'ologramma del pop

Il quinto album in studio – intitolato semplicemente "V" - rappresenta un nuovo passo avanti per il...
© stefano masselli

Arcade Fire live

Ippodromo del Galoppo (Milano), 17/07/2017

Sette minuti. Tanto ha atteso invano la platea dell’Ippodromo del Galoppo per un secondo bis degli Arcade...
Chrysta_Bell_BeatTheBeat

Chrysta Bell

È tra i 217 nomi reclutati nel cast della terza serie di "Twin Peaks", nei panni dell'agente...
Naomi Punk (cred. Jami Nadel)

Naomi Punk

Energia

Parliamo con Travis Coster, cantante/chitarrista del trio di Olympia al terzo album con il nuovo "Yellow", di...
MAC DEMARCO - Vecchie abitudini

Mac DeMarco

Vecchie abitudini

Il cantautore canadese in concerto per due date ad Agosto ci racconta la genesi del suo “album...
JTpanorama

U2

Le lacrime di Warhol

The Joshua Tree fa trent’anni, un anniversario celebrato con un tour mondiale con tappe anche a Roma...
laura-coulson---the-xx-6-29985add-16fe-412a-b598-825cdd8623ae

The xx

Una nuova generazione

Sono sempre in tre, sono al terzo album con"I See You". In occasione del nuovo passaggio in...
JENS LEKMAN - Canzoni della vita

Jens Lekman

Canzoni della vita

Il songwriter svedese suonerà il 30 luglio al Siren festival di Vasto (CH), un'occasione per riproporre la...
SUMMER OF LOVE - Dall’estate dell'amore all'inverno del malcontento

Summer Of Love

Dall’estate dell'amore all'inverno del malcontento

Nel 1967, la Summer Of Love colloca San Francisco al centro delle mappe giovanili: a Haight-Ashbury fiorisce...
M.I.A-2544

M.I.A.

Royal Festival Hall, Londra - 18/06/2017

Quindici anni dopo i suoi primi passi nel mondo di musica e multimedia, M.I.A. diventa curatrice del...
184209147-74fa6fc2-02bb-470a-b5c6-1271ad9f6eb5

Sgt. Pepper

Come venne accolto in Italia?

"Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band" uscì in Italia nella prima quindicina di giugno del 1967 e...
kaitlynaureliasmith_header_1440x720

Kaitlyn Aurelia Smith

Giungla futuristica

La natura come primaria fonte d’ispirazione, il carattere alieno del Buchla umanizzato attraverso le melodie vocali, la sinestesia...
000096680022

Kevin Morby

La fine dei vent'anni

Al quarto album da solista, il songwriter statunitense, già membro dei Woods, passa dalla natura a scenari...
Goldie by Chelone Wolf

Goldie

Killing Music

Il ritorno del re della jungle e della drum and bass è a tutti gli effetti un...