Pistoia Blues 2014

Pistoia, Piazza Duomo – 10-17/07/2014

Per la 35esima edizione della manifestazione toscana, si parte con Lanegan e si conclude con gli Arctic Monkeys. Buono il bilancio, in qualità e in affluenza di pubblico, mentre il blues strettamente inteso resta sempre più ai margini. Con ogni probabilità, inevitabilmente.
x0mTzwE8JVJbz1cvtQddsSg4AIkAnNIzppFhRdxHFaw

La prima serata si apre con l’esclusiva italiana di Mark Lanegan in chiave minimal, non a caso all’interno del Teatro Manzoni. Il cantautore di Seattle, accompagnato soltanto da Jeff Fielder alla chitarra elettrica, francamente un po’ di maniera, assicura al solito brividi con la sua voce roca e profonda, uscita, lei sì, dagli abissi del vero blues. Il set, di poco più di un’ora di durata, scorre via in scioltezza, senza parole: si va da inediti tratti dal prossimo album Phantom Radio, in uscita a Ottobre, a traditional, da canzoni degli Screaming Trees a pezzi dei Soulsavers, da estratti dal proprio repertorio (l’emozionante Don’t Forget Me e il più acceso The Gravedigger’s Song, i più applauditi) a cover (Bertolt Brecht, Nancy Sinatra, Ella Fitzgerald). Forse non in piena forma come in altre occasioni, ma sempre magnetico, sempre un peso massimo. Di uscita dal concerto, si fa purtroppo in tempo a cogliere le aberranti basi elettroniche per vocalizzi da scioglimento di corpo dei Negramaro, incaricati di calpestare per primi l’incolpevole suolo della bella Piazza Duomo.

uxIiwqjdQzp7HtKSOjXSxBBuq9gWE1pNyE9w3z9n5is

Il cartellone prosegue con Robert Plant in compagnia dei Sensational Space Shifters, Bandabardò in abbinamento con Lee Scratch Perry e Zion Train, Morcheeba, Jack Johnson supportato non si sa per quale associazione da Bombino, The Lumineers. Si arriva quindi all’appuntamento tutto al femminile del 16 Luglio, inaugurato da una Joan As Police Woman via di mezzo tra femme fatale e Wonder Woman, in tenuta rosso fuoco con violino color oro in tinta con stivali, cinturone e reggiseno. All’aggressività del look non corrisponde la presa di un set sotto le proprie potenzialità, forse perché Miss Wasser rende meglio in ambienti più raccolti, forse perché l’accompagnamento di una band dall’estetica quasi grunge non pare ben sposarsi con un pop-rock jazzato sempre più soul – in linea con l’ultima fatica di studio, The Classic –  e sempre più rallentato (persino il riarrangiamento di Christobel provoca qualche sbadiglio). I bassi delle tastiere assicurano un po’ di groove, ma non è abbastanza e il climax dei brani non raggiunge il desiderato effetto trascendente. Sorprende in positivo, invece, l’headliner Suzanne Vega: look total black, classe da vendere, impeccabile tenuta canora. Accompagnata nel migliore dei modi soltanto da Gerry Leonard alle sei corde e Doug Yowell alla batteria, la folkstar californiana convince sia quando esegue tracce dal recentissimo Tales From The Realm Of The Queen Of Pentacles (I Never Wear White, in virtù delle alte temperature, fa persino sorridere), sia quando pesca dal suo repertorio storico (con chiusura ovviamente affidata alle hit di una vita, Luka e Tom’s Diner).

kZNBgS-PSJ69Z46vZ9cjyZtDfL7mtUOaQFAFJr3zXgA

Il gran finale è affidato a un’accoppiata agli antipodi, in sound e immaginario, come The Kills e Arctic Monkeys. Molto bravi i primi, che domano e infiammano il pubblico facendosi bastare poche armi a disposizione: la voce di Alison Mosshart con chioma ossigenata al vento, la chitarra incisiva del capitano Jamie Hince – che si mormora abbia appena litigato con Kate Moss: ah, il gossip… – e un paio di ragazzi posizionati ai tamburi. Il loro punk-rock, che a volte torna ad abbeverarsi proprio alla fonte del blues, punta tutto sull’alternanza ai microfoni, sugli spasmi elettrici, sulle irresistibili ritmiche tribali: No Wow trova posto in scaletta e qualche “wow” affiora sulle nostre labbra. Si cambia passo con i secondi, guidati da Alex Turner con immancabile ciuffo impomatato, che suonano svogliati, spompati, ovattati. Che siano tratte dall’energico esordio Whatever People Say I Am, That’s What I’m Not o dal più raffinato AM dello scorso anno, le cartucce indie rock non tirano e scorrono via indistinte, una dietro l’altra. Il momento della ballata arriva con I Wanna Be Yours e va per paradosso leggermente meglio, ma da qua a farci suoi, per la band inglese, purtroppo ce ne corre. Peccato, ma nel complesso va bene lo stesso. Alla prossima edizione.

Foto di Gabriele Acerboni

Commenti

Altri contenuti Concerti / Musica
20171118_214233(0)

The War On Drugs

@ Fabrique, Milano (16/11/17)

È un Fabrique gremito quello che accoglie i War On Drugs, reduci da tre album entusiasmanti a...
20171116_214218

Father John Misty

@Fabrique, Milano (16/11/2017)

La valigia di Josh Tillman è andata persa durante il viaggio aereo verso Milano. “Sembro vestito perfettamente...
shabazz_palaces_01

Shabazz Palaces

Oval Space, Londra - 06/11/2017

Quazarz atterra a Londra: i Shabazz Palaces portano in concerto il loro idiosincratico mix di free jazz...
20171110_215423

Fleet Foxes

@Fabrique, Milano (10/11/2017)

L’ultima incursione dei Fleet Foxes a Milano risale ad un altro novembre, quello del 2011. Nella location...
_MG_0573

Massimo Zamboni

1917-2017: i Soviet + L'elettricità

A Bologna per I Soviet + L'elettricità: lo spettacolo multimediale sui cento anni di rivoluzione russa, un...
dream-syndicate

Dream Syndicate

Dalle 22 alle 24, minuto più minuto meno. Due ore di carica esplosiva. Con gli strumenti caricati...
© stefano masselli

Arcade Fire live

Ippodromo del Galoppo (Milano), 17/07/2017

Sette minuti. Tanto ha atteso invano la platea dell’Ippodromo del Galoppo per un secondo bis degli Arcade...
M.I.A-2544

M.I.A.

Royal Festival Hall, Londra - 18/06/2017

Quindici anni dopo i suoi primi passi nel mondo di musica e multimedia, M.I.A. diventa curatrice del...
BillCallahan_byInigoAmescua

Bill Callahan

Hoxton Hall, Londra - 07/05/2017

Mr. Callahan è tornato a Londra per un’intima residenza di quattro giorni, tra concerti serali e pomeridiani....
Gorillaz perform their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017.
Photo by Mark Allan

Gorillaz

Printworks, Londra – 24/03/2017

La nostra recensione del concerto segreto a Londra, in cui i Gorillaz hanno lanciato il nuovo album...
The Can Project in the Barbican Hall on Saturday 8 April 2017.
Photo by Mark Allan

The Can Project

Barbican Centre, Londra - 08/04/2017

Il Barbican Centre di Londra ospita una lunga serata per celebrare i 50 anni di attività dei...
Senni

Lorenzo Senni

Oslo Hackney, Londra - 29/03/2017

Resoconto del set londinese tenuto dal musicista elettronico italiano ormai di casa Warp. Clean trance ed euforia...
misty1440

Father John Misty

Rio Cinema, Londra - 24/03/2017

Sul Mucchio di aprile troverete la nostra intervista a Father John Misty. L’abbiamo visto a Londra, dove...
17157472_1359727164087978_3672625944240950680_o

Baustelle

Teatro dell'Opera, Firenze - 06/03/2017

In splendida forma, il trio toscano inanella un sold out dopo l’altro nel suo tour più completo...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...