PJ Harvey

OBIHall, Firenze – 24 ottobre 2016

Seconda delle due date italiane per la songwriter inglese, in strepitoso stato di grazia.
PJ HARVEY
Per chi l'ha vista a Firenze e anche per chi non c'era

L’OBIHall è pieno zeppo, come lo era stato ventiquattro ore prima l’Alcatraz di Milano. Ormai, persino in Italia, finalmente, PJ Harvey richiama il pubblico delle grandi occasioni. È una grande occasione, una delle più importanti dell’anno concertistico ancora in corso. L’attesa viene squarciata dal rullo di tamburi e dai fiati che, dapprima in lontananza, si fanno via via più vicini, preannunciando l’ingresso bandistico dei musicisti: ben nove sul palcoscenico, ad accompagnare la protagonista assoluta, che mai in carriera si era avvalsa di una formazione così numerosa. A giovarne è senz’altro la squisita fattura di arrangiamenti che attingono al rock, ma anche al folk e a tratti al jazz, basandosi su corde, tastiere, pelli, legni e ottoni. Ci sono i fedelissimi: John Parish, Mick Harvey, Jean-Marc Butty. Ci sono le new entries, ad apportare notevoli sfumare: James Johnston, Kendrick Rowe, Terry Edwards, Alain Johannes. E poi, per il nostro orgoglio, ci sono le new entries italiane: Enrico Gabrielli, accolto con un’ovazione in grado di far scoppiare a ridere Polly Jean, e Alessandro “Asso” Stefana.

Quella che presenta il tour a supporto di The Hope Six Demolition Project, l’album uscito nel 2016, è una PJ Harvey diversa dalle PJ Harvey che l’hanno preceduta: lei, camaleontica diva elettrica che non ha però mai sacrificato la personalità all’altare del trasformismo, è probabilmente in controllo come mai prima d’ora. È, semplicemente, perfetta. Incarna la perfezione applicata alla forma-canzone, persino quando affiora qualche piccola sbavatura di esecuzione. Ma una perfezione terribilmente violenta a livello emotivo, mai di maniera, mai distaccata. La sua voce sa farsi matura e fanciullesca, acutissima e grave. Le sue movenze sono da guardare nella cornice di una vera e propria rappresentazione teatrale: i movimenti di braccia e mani, tese verso l’alto, slegate in danze tra sabba e folkore, pronte a impugnare il sax. Già, perché Polly Jean non imbraccia la chitarra elettrica, strumento che ha sempre suonato peraltro con stile tutto peculiare: dopo aver rispettivamente approcciato pianoforte e autoharp per White Chalk e Let England Shake, stavolta la donna del Dorset si cimenta con il sassofono, formando a volte un cerchio assieme ai suoi sodali, facendo un passo indietro, lasciando loro occasionalmente la scena.

E gli occhi, gli occhi di PJ Harvey brillano, che siano persi in contemplazioni estatiche, che si accendano nei momenti più intensi, che tradiscano una certa soddisfazione alla fine di ciascun pezzo. Brillano. Brilla dalla testa ai piedi, stasera, Polly Jean, anche se è completamente vestita di nero, il capo adornato da piume che la fanno sembrare un Ermes in versione femminile, una messaggera divina. Officia il suo rito con una carica comunicativa che non aveva mai espresso con altrettanta forza: è magari meno conturbante di un tempo, ma capace di toccare tasti profondissimi.

La scaletta è ovviamente incentrata su The Hope Six Demolition Project e sull’antecedente Let England Shake, due opere – seppur differenti – da leggersi come un corpo unico, appartenente alla medesima fase “sociopolitica”, una fase di apertura verso l’esterno, verso il mondo. I “traditional contemporanei” sfilano uno dietro l’altro, col pubblico spesso a tenere festosamente il ritmo, a partecipare ai cori: Chain Of Keys, The Ministry Of Defence, The Community Of Hope, The Orange Monkey, A Line In The Sand, The Wheel, The Ministry Of Social Affairs con la sua imperiosa coda strumentale, la conclusiva River Anacostia… così come, appunto, The Words That Maketh Murder o The Glorius Land. Fra diciotto tracce complessive, non manca qualche gradito recupero, rielaborato per l’occasione: To Talk To You e The Devil, dallo spettrale White Chalk, e persino le più datate 50ft Queenie (il momento punk-blues all’avanguardia, sotto a luci bluastre), Down By The Water e una To Bring You My Love clamorosa. È lì, in quell’istante, che si ha nuovamente un sussulto di consapevolezza: ci troviamo di fronte a una delle più rilevanti musiciste della nostra epoca.

I bis, infine, diversi di sera in sera e particolarmente fortunati in questa data fiorentina, riallacciandosi difatti al passato con esiti magnetici: uno e due, Working For The Man e Is This Desire? – come a dire, prima indemoniata, poi angelica, Polly Jean. E non si sa dire, guardando le facce delle persone all’uscita, guardandosi allo specchio, se PJ ci abbia posseduti o pacificati. Di sicuro, ha messo la firma con immensa classe su uno degli spettacoli più belli ai quali molti di noi potranno mai assistere, in vita e in sogno.

Commenti

Altri contenuti Concerti / Musica
20171118_214233(0)

The War On Drugs

@ Fabrique, Milano (16/11/17)

È un Fabrique gremito quello che accoglie i War On Drugs, reduci da tre album entusiasmanti a...
20171116_214218

Father John Misty

@Fabrique, Milano (16/11/2017)

La valigia di Josh Tillman è andata persa durante il viaggio aereo verso Milano. “Sembro vestito perfettamente...
shabazz_palaces_01

Shabazz Palaces

Oval Space, Londra - 06/11/2017

Quazarz atterra a Londra: i Shabazz Palaces portano in concerto il loro idiosincratico mix di free jazz...
20171110_215423

Fleet Foxes

@Fabrique, Milano (10/11/2017)

L’ultima incursione dei Fleet Foxes a Milano risale ad un altro novembre, quello del 2011. Nella location...
_MG_0573

Massimo Zamboni

1917-2017: i Soviet + L'elettricità

A Bologna per I Soviet + L'elettricità: lo spettacolo multimediale sui cento anni di rivoluzione russa, un...
dream-syndicate

Dream Syndicate

Dalle 22 alle 24, minuto più minuto meno. Due ore di carica esplosiva. Con gli strumenti caricati...
© stefano masselli

Arcade Fire live

Ippodromo del Galoppo (Milano), 17/07/2017

Sette minuti. Tanto ha atteso invano la platea dell’Ippodromo del Galoppo per un secondo bis degli Arcade...
M.I.A-2544

M.I.A.

Royal Festival Hall, Londra - 18/06/2017

Quindici anni dopo i suoi primi passi nel mondo di musica e multimedia, M.I.A. diventa curatrice del...
BillCallahan_byInigoAmescua

Bill Callahan

Hoxton Hall, Londra - 07/05/2017

Mr. Callahan è tornato a Londra per un’intima residenza di quattro giorni, tra concerti serali e pomeridiani....
Gorillaz perform their new Album; Humanz live at the Print Works in London on Friday 24 March 2017.
Photo by Mark Allan

Gorillaz

Printworks, Londra – 24/03/2017

La nostra recensione del concerto segreto a Londra, in cui i Gorillaz hanno lanciato il nuovo album...
The Can Project in the Barbican Hall on Saturday 8 April 2017.
Photo by Mark Allan

The Can Project

Barbican Centre, Londra - 08/04/2017

Il Barbican Centre di Londra ospita una lunga serata per celebrare i 50 anni di attività dei...
Senni

Lorenzo Senni

Oslo Hackney, Londra - 29/03/2017

Resoconto del set londinese tenuto dal musicista elettronico italiano ormai di casa Warp. Clean trance ed euforia...
misty1440

Father John Misty

Rio Cinema, Londra - 24/03/2017

Sul Mucchio di aprile troverete la nostra intervista a Father John Misty. L’abbiamo visto a Londra, dove...
17157472_1359727164087978_3672625944240950680_o

Baustelle

Teatro dell'Opera, Firenze - 06/03/2017

In splendida forma, il trio toscano inanella un sold out dopo l’altro nel suo tour più completo...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...