PJ Harvey

Recording In Progress

Non ho sputato un groviglio di bestemmie giusto perché non sono un fan. O almeno, non quel tipo di fan.
PJ Harvey
Recording in progress

Sapete, ho un debole per PJ Harvey. Quando ho saputo che le registrazioni del prossimo disco sarebbero avvenute come una sorta di esibizione – le cosiddette Recording In Progress, attualmente in corso alla Somerset House di Londra – dentro di me tutto l’apparato dell’eccitazione ha iniziato a friggere come un moscone nella lampada insetticida. Pensateci: starsene seduti mentre a pochi metri dal nostro naso la Harvey assieme ai fidati Flood e John Parish si scambiano intuizioni, discutono e – per dio – suonano. Ah, Polly Jean. Mai banale. Sempre capace di spiazzarti con uno spasmo inatteso, d’indossare e togliere maschere come se in ciò risiedesse il suo autentico codice espressivo.

Sono persino riuscito a rimanere deluso quando in calce alla news si sottolineava che i biglietti erano già implacabilmente sold out. Figuratevi, da qualche parte dentro di me – sotto strati di pantofolaio impenitente – un algoritmo silente stava già mettendo in conto giorni di ferie, biglietto aereo, bed and breakfast, magari un giro in quei negozietti di vinile usato che… Ragazzi, potevo sentirlo cigolare (l’algoritmo). E invece no: sold out. Non ho sputato un groviglio di bestemmie giusto perché non sono un fan. O almeno, non quel tipo di
fan. Non sono uno che rinuncia a guardare le cose da più angolazioni solo perché una certa cantautrice rock del Dorset se ne va in giro da più di venti anni a sfornare musica formidabile senza quasi mai sbagliare un colpo. Che poi, questa storia della registrazione/ esibizione aperta al pubblico, come una sorta di performance artistica allestita in una galleria, che starebbe a significare? Potrebbe anche trattarsi di un escamotage per aggiungere additivo ad un’ispirazione in fase di stanca. Del resto, già Let England Shake – pur indubbiamente riuscito – sembrò arrivare dopo che White Chalk aveva chiuso tutti i cerchi del percorso artistico ed esistenziale, trovando nuova ed inaspettata linfa come pseudo-concept pacifista (eventualità imprevedibile ai tempi di un Rid Of Me, per dire). Oppure – peggio – verrebbe da sospettare che anche Polly Jean, la mia adorata PJ, stia capitolando ai diktat del guerrilla marketing: o fai sbocciare il prodotto da uno schema promozionale insolito – meglio ancora se del tutto originale e persino provocatorio – oppure non riesci a distinguerti dal resto, a prescindere dal nome e dalla qualità della proposta.

Sono tempi insomma che la manutenzione del medium è il messaggio, lo abbiamo capito
fin troppo bene. Eppure non possiamo esimerci dall’esclamare: tu quoque, Polly Jean? Focalizzando sull’iniziativa, ok, probabilmente si rivelerà azzeccata. Lo è fin dalle premesse, perché esaudisce uno dei desideri atavici dell’appassionato rock (e del fan in particolare): assistere al concepimento della creatura. Ma non vi nascondo le mie perplessità. Difatti, mentre nello schema classico si trattava di un desiderio che acquistava forza – a livelli persino maniacali – man mano che si ispessivano i legami col disco, spingendo l’appassionato a documentarsi su tutto ciò che aveva condotto l’artista sul sentiero di quelle canzoni, la Harvey chiede al suo pubblico un credito preventivo fondato sul suo essere star. Una specie di crowdfunding emotivo, se me lo consentite. Come nel crowdfunding, mi sembra che la musica sia sempre meno centrale, sempre più pretesto per giustificare un evento che si profila come rituale social, quest’ultimo pane e companatico per i fan che (maledetti) nel giro di poche ore polverizzano tutti i ticket disponibili. E se poi le canzoni non si rivelassero gran che? Al fan non farebbe certo piacere, ma pazienza: si tratterebbe comunque di canzoni di Polly Jean, anzi di Polly Jean che fa canzoni. Il cerchio si chiuderebbe lo stesso, però ne rimarrebbero fuori troppe cose, proprio quelle che mi interessano di più. Insomma, sono qui che trepido per il nuovo album della Harvey, sperando che sia grande. Davvero. Ma sono moderatamente pessimista. No, non sono quel tipo di fan.

Commenti

Altri contenuti Musica
HDADD
Il nuovo album "Sense Of Wonder", l'etichetta Queenspectra, le collaborazioni: Marco Acquaviva si racconta

HDADD

La rinascita dello spirito

Per gli ascoltatori più attenti HDADD è una delle realtà più visionarie e al contempo concrete dell'elettronica italiana:...
foto di Francesca Sara Cauli

Preoccupations

Locomotiv Club, Bologna, 27/11/2016

È il Locomotiv Club di Bologna a ospitare la terza e ultima data italiana dei Preoccupations, dopo...
carlo barbagallo

Carlo Barbagallo

Anteprima del video "11 Dreams”

In esclusiva, il video della versione acustica di 11 Dreams, brano tratto da 9, il nuovo album...
SOVIET SOVIET
Nuovo album, nuovi concerti

Soviet Soviet

In attesa dell'imminente secondo album "Endless", il power trio marchigiano ha ripreso a macinare concerti. L'occasione giusta...
19'40"
La nuova scommessa di Enrico Gabrielli e Sebastiano De Gennaro

19’40”

Divulgazione divertente

La collana di dischi congegnata da Sebastiano De Gennaro, Enrico Gabrielli e Francesco Fusaro parte col botto...
SHARON JONES
Addio ad una grande voce del soul

Sharon Jones

Addio ad una grande voce del soul

L'intervistammo esattamente un anno fa mentre alla soglia dei sessant’anni se la stava vedendo con il tumore...
LEONARD COHEN
Spegniamo la candela

Leonard Cohen

Spegniamo la candela

Johnny Cash, David Bowie, Leonard Cohen; andarsene con un disco-testamento è un privilegio riservato ai migliori, un...
tumblr_n5qhv77Ne31tbydapo1_1280

Bye Bye Obama

I magnifici otto

I dischi e gli artisti che hanno fatto da colonna sonora all’era Obama: fra R&B, hip hop...
TOM BROSSEAU
Intervista

Tom Brosseau

Ritorno alle radici

Ha appena pubblicato "North Dakota Impressions", il terzo volume di una sorta di trilogia dedicata ai suoi...
jerusalem-in-my-heart

Jerusalem In My Heart

Cannibalismo culturale

Il progetto sull'asse Libano/Canada di Radwan Ghazi Moumneh e condiviso con il filmmaker Charles-André Coderre torna in...
IMG_20161024_224102

Minor Victories

Santeria Social Club, Milano - 24 Ottobre

L’esordio omonimo dei Minor Victories, uscito a Giugno, si è ritagliato un seguito di culto anche nel...
LOU REED
L'incipit del lungo servizio sul Mucchio in edicola

Lou Reed

Eurochild

Perché i riformati Velvet Underground accettarono di fare da spalla agli U2 durante il tour europeo del...
PJ HARVEY
Per chi l'ha vista a Firenze e anche per chi non c'era

PJ Harvey

OBIHall, Firenze – 24 ottobre 2016

Seconda delle due date italiane per la songwriter inglese, in strepitoso stato di grazia.
ZEN CIRCUS
Un selfie sulle rovine del mondo

The Zen Circus

Un selfie sulle rovine del mondo

Andrea Appino, Ufo e Karim festeggiano i diciotto anni di carriera con un nuovo album: "La Terza...
040916_2144

L7

Live Club (Trezzo sull'Adda, MI) - 04 settembre 2016

Questo è uno di quegli eventi che non possono passare inosservati.