PJ Harvey

Recording In Progress

Non ho sputato un groviglio di bestemmie giusto perché non sono un fan. O almeno, non quel tipo di fan.
PJ Harvey
Recording in progress

Sapete, ho un debole per PJ Harvey. Quando ho saputo che le registrazioni del prossimo disco sarebbero avvenute come una sorta di esibizione – le cosiddette Recording In Progress, attualmente in corso alla Somerset House di Londra – dentro di me tutto l’apparato dell’eccitazione ha iniziato a friggere come un moscone nella lampada insetticida. Pensateci: starsene seduti mentre a pochi metri dal nostro naso la Harvey assieme ai fidati Flood e John Parish si scambiano intuizioni, discutono e – per dio – suonano. Ah, Polly Jean. Mai banale. Sempre capace di spiazzarti con uno spasmo inatteso, d’indossare e togliere maschere come se in ciò risiedesse il suo autentico codice espressivo.

Sono persino riuscito a rimanere deluso quando in calce alla news si sottolineava che i biglietti erano già implacabilmente sold out. Figuratevi, da qualche parte dentro di me – sotto strati di pantofolaio impenitente – un algoritmo silente stava già mettendo in conto giorni di ferie, biglietto aereo, bed and breakfast, magari un giro in quei negozietti di vinile usato che… Ragazzi, potevo sentirlo cigolare (l’algoritmo). E invece no: sold out. Non ho sputato un groviglio di bestemmie giusto perché non sono un fan. O almeno, non quel tipo di
fan. Non sono uno che rinuncia a guardare le cose da più angolazioni solo perché una certa cantautrice rock del Dorset se ne va in giro da più di venti anni a sfornare musica formidabile senza quasi mai sbagliare un colpo. Che poi, questa storia della registrazione/ esibizione aperta al pubblico, come una sorta di performance artistica allestita in una galleria, che starebbe a significare? Potrebbe anche trattarsi di un escamotage per aggiungere additivo ad un’ispirazione in fase di stanca. Del resto, già Let England Shake – pur indubbiamente riuscito – sembrò arrivare dopo che White Chalk aveva chiuso tutti i cerchi del percorso artistico ed esistenziale, trovando nuova ed inaspettata linfa come pseudo-concept pacifista (eventualità imprevedibile ai tempi di un Rid Of Me, per dire). Oppure – peggio – verrebbe da sospettare che anche Polly Jean, la mia adorata PJ, stia capitolando ai diktat del guerrilla marketing: o fai sbocciare il prodotto da uno schema promozionale insolito – meglio ancora se del tutto originale e persino provocatorio – oppure non riesci a distinguerti dal resto, a prescindere dal nome e dalla qualità della proposta.

Sono tempi insomma che la manutenzione del medium è il messaggio, lo abbiamo capito
fin troppo bene. Eppure non possiamo esimerci dall’esclamare: tu quoque, Polly Jean? Focalizzando sull’iniziativa, ok, probabilmente si rivelerà azzeccata. Lo è fin dalle premesse, perché esaudisce uno dei desideri atavici dell’appassionato rock (e del fan in particolare): assistere al concepimento della creatura. Ma non vi nascondo le mie perplessità. Difatti, mentre nello schema classico si trattava di un desiderio che acquistava forza – a livelli persino maniacali – man mano che si ispessivano i legami col disco, spingendo l’appassionato a documentarsi su tutto ciò che aveva condotto l’artista sul sentiero di quelle canzoni, la Harvey chiede al suo pubblico un credito preventivo fondato sul suo essere star. Una specie di crowdfunding emotivo, se me lo consentite. Come nel crowdfunding, mi sembra che la musica sia sempre meno centrale, sempre più pretesto per giustificare un evento che si profila come rituale social, quest’ultimo pane e companatico per i fan che (maledetti) nel giro di poche ore polverizzano tutti i ticket disponibili. E se poi le canzoni non si rivelassero gran che? Al fan non farebbe certo piacere, ma pazienza: si tratterebbe comunque di canzoni di Polly Jean, anzi di Polly Jean che fa canzoni. Il cerchio si chiuderebbe lo stesso, però ne rimarrebbero fuori troppe cose, proprio quelle che mi interessano di più. Insomma, sono qui che trepido per il nuovo album della Harvey, sperando che sia grande. Davvero. Ma sono moderatamente pessimista. No, non sono quel tipo di fan.

Commenti

Altri contenuti Musica
wolf alice

Wolf Alice

@Santeria Social Club, Milano (13/01/2018)

Un uragano si abbatte su Milano e il suo nome è Wolf Alice. La band nord-londinese, reduce...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
throbbing-gristle

Throbbing Gristle

Distruttori di civiltà

Continua l'opera di ristampa della discografia dei Throbbing Gristle via Mute. A gennaio è il turno di...
SUICIDE_Visti da Massimo Zamboni

Suicide

Massimo Zamboni racconta

40 anni fa esatti il debutto dei Suicide: il duo newyorkese che anticipò il punk. Ce li...
RICHARD HELL_La Generazione Vuota ha compiuto 40 anni

Richard Hell

Memorie della Generazione Vuota

A 40 anni dalla pubblicazione, torna ristampato "Blank Generation": manifesto del punk newyorkese redatto da Richard Hell...
BEE BEE SEA_Suona Garage

Bee Bee Sea

Vibrazioni

Il trio mantovano arriva al secondo album con "Sonic Boomerang", garage rock in ogni senso internazionale. Noi...
sommario-besto_of_2017

Suoni: best of 2017 (pt.1)

Mentre sul numero di dicembre del Mucchio Selvaggio, attualmente in edicola, abbiamo messo in fila i migliori...
CONTEST SACRED BONES
- Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevu due cd in omaggio

Contest Sacred Bones

Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevi due cd

L'etichetta, sinonimo di “oscurità”, sperimentazione e grafica impeccabile è nata dieci anni fa nel sotterraneo del negozio...
CRISTIANO GODANO - Italrock anni 90

Cristiano Godano

A tutti mancano gli anni 90. Tutti li citano. Li omaggiano. In Italia la scena rock di...
YOMBE - Il dono del new soul

Yombe

Il dono del new soul

Il duo campano, operativo a Milano, arriva al primo album con "GOOOD", un oggetto synthsoul di pregio...
20171118_214233(0)

The War On Drugs

@ Fabrique, Milano (16/11/17)

È un Fabrique gremito quello che accoglie i War On Drugs, reduci da tre album entusiasmanti a...
20171116_214218

Father John Misty

@Fabrique, Milano (16/11/2017)

La valigia di Josh Tillman è andata persa durante il viaggio aereo verso Milano. “Sembro vestito perfettamente...
shabazz_palaces_01

Shabazz Palaces

Oval Space, Londra - 06/11/2017

Quazarz atterra a Londra: i Shabazz Palaces portano in concerto il loro idiosincratico mix di free jazz...
20171110_215423

Fleet Foxes

@Fabrique, Milano (10/11/2017)

L’ultima incursione dei Fleet Foxes a Milano risale ad un altro novembre, quello del 2011. Nella location...
_MG_0573

Massimo Zamboni

1917-2017: i Soviet + L'elettricità

A Bologna per I Soviet + L'elettricità: lo spettacolo multimediale sui cento anni di rivoluzione russa, un...