Post-CSI

Accelerazioni

Vogliamo forse rimproverare ai Post-CSI di essere i post CSI?
Post-CSI
Accelerazioni

Non so se di norma questa pagina sia frequentata da qualche trendsetting. A dire il vero, fino a qualche giorno fa neanche sapevo che esistessero, i trendsetting. In ogni caso, conosco un modo infallibile per farli scappare come lucertole. Basta scrivere una parola chiave tipo: “Post-CSI”. L’atmosfera per loro diventa subito angusta, tetra, inospitale. Già. Poche cose suonano vecchie come una vecchia band che tenta di stare a galla riproponendo se stessa, con l’aggravio di non limitarsi a blandire i vecchi fan ma di rivolgersi ad un pubblico potenzialmente nuovo.
Ho avuto occasione di vederli alla presentazione di Breviario Partigiano. Sono ancora pienamente loro – tolto ovviamente Ferretti – con una tale convinzione da non lasciare margini alla critica. In concerto suonano così anni novanta che fanno paura. Una paura che ti prende allo stomaco e ti stringe il cuore, soprattutto se hai circa quarant’anni e hai vissuto i tuoi circa venti tra i tremori di Ko de mondo e i tumulti di Tabula rasa elettrificata. Però è chiaro che la loro musica non riesce più ad intercettare la sintonia col presente. Stavo per aggiungere: “ovviamente”. Ma perché?
È solo questione di come suonano? Certo, negli ultimi tempi le chitarre non stanno più in posizione centrale – cuore, linfa, nervi – della musica cosiddetta pop. Viviamo pur sempre tuttavia in giorni di revival permanenti, sovrapposti e simultanei. Un inedito di Cobain – chitarra e voce – fa ancora parecchio rumore. I redivivi Sonics – chitarre e sax starnazzanti as usual – possono permettersi di sembrare i nipoti adrenalinici degli Strokes. Certo, la musica spinge in direzioni sintetiche, anzi forse meglio dire cibernetiche. Tuttavia, assieme a computer e tastiere il vortice retromaniaco insiste a proporci chitarre, archi e tamburi tra gli ingredienti di una misticanza sonora costantemente in ebollizione. Temo insomma che il motivo per cui certa musica sembri tanto vecchia non sia da imputare al suono. Anni di repertori storici sempre più disponibili (dalle ristampe in cd al diluvio dello streaming) ci hanno abituati a considerare lo scibile musicale come un catalogo di segni sonori dai contenuti perlopiù inattuali, sistematicamente disinnescati dal tempo. Di conseguenza, non siamo più abituati a cercare nelle canzoni l’impronta forte e viva di ciò che le ha ispirate, le ascoltiamo come se fossero fenomeni sonori che non hanno bisogno della stampella contenutistica per essere affascinanti, carichi di implicazioni, ramificazioni e conseguenze.
È un cambiamento radicale: non ci aspettiamo più che il pop-rock sia un riflesso del (o riflessione sul) presente. E se tenta di farlo, ci sembra fuori posto, pretenzioso, retorico, vecchio. Forse, semplicemente, abbiamo accelerato lasciandoci alle spalle la possibilità del pop-rock come testimone critico. È tempo di altri testimoni, più rapidi, fluidi, condivisibili. Accelerati. Non è questione di rimpiangere il perduto “impegno”, ma di prendere atto che non sarà una canzone a raccontarci una nuova Ohio, una London Is Burning né certe Cupe vampe.
Basta saperlo. Possiamo starci, no? Del resto, era stato lucidamente previsto: il megafono alla fine si è inceppato.

Commenti

Altri contenuti Musica
U2_3

U2

Quarant'anni da icone del rock

Il 25 settembre del 1976 nasceva il gruppo di Bono Vox e The Edge: quattro decenni dopo,...
Credits_Giorgio_Manzato

Kamasi Washington

Locus Festival

L’onda lunga del caso "The Epic", disco dalla durata monstre (circa tre ore) di Kamasi Washington, non...
dinosaur-jr-tickets_10-06-16_17_5743419d0a05b

Dinosaur Jr.

La lunga coda

Guardi la copertina di GIVE A GLIMPSE OF WHAT YER NOT, con quelle tinte da psichedelia casereccia,...
ELYSIA CRAMPTON
Identità e club music

Elysia Crampton

Identità e club music

Attraverso il recupero di sonorità laceranti figlie dell’industrial e una propensione per la teoria, un gruppo di...
CHELSEA WOLFE
Una cupa estate italiana al Musica W Festival

Chelsea Wolfe

Dell'amore e di altri incubi

In occasione dell'imminente data italiana al Musica W Festival, riproponiamo la nostra ultima intervista con la cantautrice...
JESUS AND MARY CHAIN
Fenomenologia degli altri 80

The Jesus and Mary Chain

Fenomelogia degli altri 80

Rinvigoriti dal tour per il trentennale di "Psychocandy", i Jesus And Mary Chain tornano in Italia il...
11952970_724959524277304_872030406267911607_o

Dimensions Festival

Croazia, Pola (24-28 agosto)

Un fenomeno ha ribaltato il panorama europeo delle estati in musica, negli ultimi anni: l'invasione della Croazia...
13731805_10154351218814402_3019691915445494693_o

Festa della musica

Chianciano Terme (SI), 20 – 24 luglio

A Chianciano non si suona un genere preciso. Allo stesso tempo nessun genere viene escluso. Può capitare...
FARM FESTIVAL
Dal 10 al 12 agosto ad Alberobello (Puglia)

Il Farm Festival

Dal 10 al 12 agosto ad Alberobello (BA)

Al via la quinta edizione di Farm Festival, dal 10 al 12 agosto nella Masseria Papaperta ad...
MINOR VICTORIES
Il supergruppo che funziona

Minor Victories

Il supergruppo che funziona

I componenti di tre gruppi navigati del Regno Unito - Editors, Mogwai e Slowdive - registrano un...
GRIME
Le parole per dirlo

Grime

Le parole per dirlo

Drake e Skepta si stanno prendendo l’hip hop USA, e nessuno l’avrebbe mai detto.
AFTERHOURS
Il nuovo disco, brano per brano

Afterhours

"Folfiri o Folfox"

Il nuovo album commentato traccia per traccia da Manuel Agnelli
Jessy_Promo

Jessy Lanza

Corsica Studios, Londra - 19 maggio 2016

Il nuovo disco della canadese Jessy Lanza, uno dei nomi di punta della storica etichetta Hyperdub, si...
prince-1-1

Prince

50 canzoni

Perché è stato Purple Rain, ma non solo. Una playlist che parla di lui.
persian-pelican2

Persian Pelican

Il songwriting del sogno

Il progetto psych-folk del songwriter marchigiano Andrea Pulcini giunge al terzo capitolo della sua affascinante discografia. Ne...