Post-CSI

Accelerazioni

Vogliamo forse rimproverare ai Post-CSI di essere i post CSI?
Post-CSI
Accelerazioni

Non so se di norma questa pagina sia frequentata da qualche trendsetting. A dire il vero, fino a qualche giorno fa neanche sapevo che esistessero, i trendsetting. In ogni caso, conosco un modo infallibile per farli scappare come lucertole. Basta scrivere una parola chiave tipo: “Post-CSI”. L’atmosfera per loro diventa subito angusta, tetra, inospitale. Già. Poche cose suonano vecchie come una vecchia band che tenta di stare a galla riproponendo se stessa, con l’aggravio di non limitarsi a blandire i vecchi fan ma di rivolgersi ad un pubblico potenzialmente nuovo.
Ho avuto occasione di vederli alla presentazione di Breviario Partigiano. Sono ancora pienamente loro – tolto ovviamente Ferretti – con una tale convinzione da non lasciare margini alla critica. In concerto suonano così anni novanta che fanno paura. Una paura che ti prende allo stomaco e ti stringe il cuore, soprattutto se hai circa quarant’anni e hai vissuto i tuoi circa venti tra i tremori di Ko de mondo e i tumulti di Tabula rasa elettrificata. Però è chiaro che la loro musica non riesce più ad intercettare la sintonia col presente. Stavo per aggiungere: “ovviamente”. Ma perché?
È solo questione di come suonano? Certo, negli ultimi tempi le chitarre non stanno più in posizione centrale – cuore, linfa, nervi – della musica cosiddetta pop. Viviamo pur sempre tuttavia in giorni di revival permanenti, sovrapposti e simultanei. Un inedito di Cobain – chitarra e voce – fa ancora parecchio rumore. I redivivi Sonics – chitarre e sax starnazzanti as usual – possono permettersi di sembrare i nipoti adrenalinici degli Strokes. Certo, la musica spinge in direzioni sintetiche, anzi forse meglio dire cibernetiche. Tuttavia, assieme a computer e tastiere il vortice retromaniaco insiste a proporci chitarre, archi e tamburi tra gli ingredienti di una misticanza sonora costantemente in ebollizione. Temo insomma che il motivo per cui certa musica sembri tanto vecchia non sia da imputare al suono. Anni di repertori storici sempre più disponibili (dalle ristampe in cd al diluvio dello streaming) ci hanno abituati a considerare lo scibile musicale come un catalogo di segni sonori dai contenuti perlopiù inattuali, sistematicamente disinnescati dal tempo. Di conseguenza, non siamo più abituati a cercare nelle canzoni l’impronta forte e viva di ciò che le ha ispirate, le ascoltiamo come se fossero fenomeni sonori che non hanno bisogno della stampella contenutistica per essere affascinanti, carichi di implicazioni, ramificazioni e conseguenze.
È un cambiamento radicale: non ci aspettiamo più che il pop-rock sia un riflesso del (o riflessione sul) presente. E se tenta di farlo, ci sembra fuori posto, pretenzioso, retorico, vecchio. Forse, semplicemente, abbiamo accelerato lasciandoci alle spalle la possibilità del pop-rock come testimone critico. È tempo di altri testimoni, più rapidi, fluidi, condivisibili. Accelerati. Non è questione di rimpiangere il perduto “impegno”, ma di prendere atto che non sarà una canzone a raccontarci una nuova Ohio, una London Is Burning né certe Cupe vampe.
Basta saperlo. Possiamo starci, no? Del resto, era stato lucidamente previsto: il megafono alla fine si è inceppato.

Commenti

Altri contenuti Musica
GimmeDanger_Trailer

Iggy Pop & The Stooges

Punk prima di te

A febbraio la storia degli Stooges è arrivata sul grande schermo anche in Italia e la “visione”...
The Can Project in the Barbican Hall on Saturday 8 April 2017.
Photo by Mark Allan

The Can Project

Barbican Centre, Londra - 08/04/2017

Il Barbican Centre di Londra ospita una lunga serata per celebrare i 50 anni di attività dei...
Senni

Lorenzo Senni

Oslo Hackney, Londra - 29/03/2017

Resoconto del set londinese tenuto dal musicista elettronico italiano ormai di casa Warp. Clean trance ed euforia...
misty1440

Father John Misty

Rio Cinema, Londra - 24/03/2017

Sul Mucchio di aprile troverete la nostra intervista a Father John Misty. L’abbiamo visto a Londra, dove...
17157472_1359727164087978_3672625944240950680_o

Baustelle

Teatro dell'Opera, Firenze - 06/03/2017

In splendida forma, il trio toscano inanella un sold out dopo l’altro nel suo tour più completo...
JULIE'S HAIRCUT
- "Il" gruppo psichedelico italiano per eccellenza in tour

Julie’s Haircut

Eterno movimento

A fine febbraio i Julie's Haircut sono tornati con un settimo album, “Invocation and Ritual Dance of...
OvO
- Freak power!

OvO

Freak power!

L'album che ha visto la luce negli ultimi mesi del 2016, "Creatura". L'esteso tour europeo da poco...
Piers Faccini

Piers Faccini

Guerra e pace

L'imminente manciata di date italiane ci offre l'assist per parlare con il songwriter del suo ultimo album...
THE XX
- Una nuova generazione

The xx

Una nuova generazione

In occasione della data italiana al Mediolanum Forum (MI), pubblichiamo un estratto dell'intervista di copertina del...
SAMPHA
- In tutta onestà

Sampha

In tutta onestà

Collaboratore tra gli altri di Kanye West, Solange e FKA twigs, il cantautore R’n’B Sampha ci racconta...
Tenco

Luigi Tenco

Ieri, oggi e forse domani

In che modo, a 50 anni dalla morte, l’eco delle sue canzoni si riverbera ancora nell’attualità?
SOHN
- Correre

SOHN

Correre

Un secondo album, "Rennen", e un'imminente tappa italiana. Una doppia occasione per tornare a conversare con il...
David Bowie
- Accadde un anno fa

David Bowie

David Bowie ha lasciato un'impronta indelebile sul nostro tempo. Nei suoni, nello stile, nel modo di pensare,...
amerigo_img-6136

Amerigo Verardi

Spirito, mente e materia

"È un vero e proprio viaggio da fare con la giusta predisposizione d’animo", sostiene Amerigo Verardi, giunto con...
HOWE GELB
- Il classico di domani

Howe Gelb

Classico di domani

"Future Standards" è un disco costruito attorno a pianoforte, basso e batteria, in cui il fondatore dei Giant...
KLIMT2

Klimt 1918

Freakout, Bologna - 14/12/2016

Dense sonorità da tempesta elettrica per il ritorno della band capitanata da Marco Soellner, in concerto per...