Post-CSI

Accelerazioni

Vogliamo forse rimproverare ai Post-CSI di essere i post CSI?
Post-CSI
Accelerazioni

Non so se di norma questa pagina sia frequentata da qualche trendsetting. A dire il vero, fino a qualche giorno fa neanche sapevo che esistessero, i trendsetting. In ogni caso, conosco un modo infallibile per farli scappare come lucertole. Basta scrivere una parola chiave tipo: “Post-CSI”. L’atmosfera per loro diventa subito angusta, tetra, inospitale. Già. Poche cose suonano vecchie come una vecchia band che tenta di stare a galla riproponendo se stessa, con l’aggravio di non limitarsi a blandire i vecchi fan ma di rivolgersi ad un pubblico potenzialmente nuovo.
Ho avuto occasione di vederli alla presentazione di Breviario Partigiano. Sono ancora pienamente loro – tolto ovviamente Ferretti – con una tale convinzione da non lasciare margini alla critica. In concerto suonano così anni novanta che fanno paura. Una paura che ti prende allo stomaco e ti stringe il cuore, soprattutto se hai circa quarant’anni e hai vissuto i tuoi circa venti tra i tremori di Ko de mondo e i tumulti di Tabula rasa elettrificata. Però è chiaro che la loro musica non riesce più ad intercettare la sintonia col presente. Stavo per aggiungere: “ovviamente”. Ma perché?
È solo questione di come suonano? Certo, negli ultimi tempi le chitarre non stanno più in posizione centrale – cuore, linfa, nervi – della musica cosiddetta pop. Viviamo pur sempre tuttavia in giorni di revival permanenti, sovrapposti e simultanei. Un inedito di Cobain – chitarra e voce – fa ancora parecchio rumore. I redivivi Sonics – chitarre e sax starnazzanti as usual – possono permettersi di sembrare i nipoti adrenalinici degli Strokes. Certo, la musica spinge in direzioni sintetiche, anzi forse meglio dire cibernetiche. Tuttavia, assieme a computer e tastiere il vortice retromaniaco insiste a proporci chitarre, archi e tamburi tra gli ingredienti di una misticanza sonora costantemente in ebollizione. Temo insomma che il motivo per cui certa musica sembri tanto vecchia non sia da imputare al suono. Anni di repertori storici sempre più disponibili (dalle ristampe in cd al diluvio dello streaming) ci hanno abituati a considerare lo scibile musicale come un catalogo di segni sonori dai contenuti perlopiù inattuali, sistematicamente disinnescati dal tempo. Di conseguenza, non siamo più abituati a cercare nelle canzoni l’impronta forte e viva di ciò che le ha ispirate, le ascoltiamo come se fossero fenomeni sonori che non hanno bisogno della stampella contenutistica per essere affascinanti, carichi di implicazioni, ramificazioni e conseguenze.
È un cambiamento radicale: non ci aspettiamo più che il pop-rock sia un riflesso del (o riflessione sul) presente. E se tenta di farlo, ci sembra fuori posto, pretenzioso, retorico, vecchio. Forse, semplicemente, abbiamo accelerato lasciandoci alle spalle la possibilità del pop-rock come testimone critico. È tempo di altri testimoni, più rapidi, fluidi, condivisibili. Accelerati. Non è questione di rimpiangere il perduto “impegno”, ma di prendere atto che non sarà una canzone a raccontarci una nuova Ohio, una London Is Burning né certe Cupe vampe.
Basta saperlo. Possiamo starci, no? Del resto, era stato lucidamente previsto: il megafono alla fine si è inceppato.

Commenti

Altri contenuti Musica
PROG ROCK ITALIANO - La serie in vinile di De Agostini Publishing

Prog Rock Italiano

La stagione d’oro del nostro progressive in vinile

Arriva Prog Rock Italiano, la nuova collana di De Agostini Publishing: sessanta album in vinile per rivivere...
DREAM SYNDICATE - Ad ottobre in Italia

The Dream Syndicate

La deformazione dello spazio-tempo

La stagione d'oro del Paisley Underground, quattro dischi, lo scioglimento e poi l'indefessa carriera tra album da...
La doppia vita di NICO

La doppia vita di Nico

Cinquant'anni da Chelsea Girl

Nell’ottobre 1967 usciva Chelsea Girl, primo album da solista della chanteuse dei Velvet Underground: femme fatale che...
SequoyahTiger5_byVampaClub

Sequoyah Tiger

Sulla rampa di lancio

Geometria e sinestesia, synthpop e psichedelia, movimento e ripetizione, comunicazione ed esplorazione. Tutto questo, e molto di...
jerusalem-in-my-heart

Jerusalem In My Heart

Cannibalismo culturale

Il progetto sull'asse Libano/Canada di Radwan Ghazi Moumneh e condiviso con il filmmaker Charles-André Coderre torna in...
Ascolta in streaming ATLAS /INSTRUMENTAL di PIeralberto Valli

Pieralberto Valli

Atlas / Instrumental

La versione strumentale del debutto discografico di Pieralberto Valli, "Atlas", da ascoltare in streaming.
THE HORRORS - L'ologramma del pop

The Horrors

L'ologramma del pop

Il quinto album in studio – intitolato semplicemente "V" - rappresenta un nuovo passo avanti per il...
© stefano masselli

Arcade Fire live

Ippodromo del Galoppo (Milano), 17/07/2017

Sette minuti. Tanto ha atteso invano la platea dell’Ippodromo del Galoppo per un secondo bis degli Arcade...
Chrysta_Bell_BeatTheBeat

Chrysta Bell

È tra i 217 nomi reclutati nel cast della terza serie di "Twin Peaks", nei panni dell'agente...
Naomi Punk (cred. Jami Nadel)

Naomi Punk

Energia

Parliamo con Travis Coster, cantante/chitarrista del trio di Olympia al terzo album con il nuovo "Yellow", di...
MAC DEMARCO - Vecchie abitudini

Mac DeMarco

Vecchie abitudini

Il cantautore canadese in concerto per due date ad Agosto ci racconta la genesi del suo “album...
JTpanorama

U2

Le lacrime di Warhol

The Joshua Tree fa trent’anni, un anniversario celebrato con un tour mondiale con tappe anche a Roma...
laura-coulson---the-xx-6-29985add-16fe-412a-b598-825cdd8623ae

The xx

Una nuova generazione

Sono sempre in tre, sono al terzo album con"I See You". In occasione del nuovo passaggio in...
JENS LEKMAN - Canzoni della vita

Jens Lekman

Canzoni della vita

Il songwriter svedese suonerà il 30 luglio al Siren festival di Vasto (CH), un'occasione per riproporre la...
SUMMER OF LOVE - Dall’estate dell'amore all'inverno del malcontento

Summer Of Love

Dall’estate dell'amore all'inverno del malcontento

Nel 1967, la Summer Of Love colloca San Francisco al centro delle mappe giovanili: a Haight-Ashbury fiorisce...
M.I.A-2544

M.I.A.

Royal Festival Hall, Londra - 18/06/2017

Quindici anni dopo i suoi primi passi nel mondo di musica e multimedia, M.I.A. diventa curatrice del...