Squarepusher

Il 26 giugno a Roma, Circolo Andrea Doria

"Damogen Furies" è qualcosa di clamoroso. Ne abbiamo parlato con l’artefice che il 26 giugno sarà protagonista della serata romana all'Andrea Doria.
VIVID-2015-DNSW-SITE-TILES-570x320-3_SQUAREPUSHER

A molti un disco del genere potrebbe sembrare carino e interessante sì, ma troppo complicato, troppo elettronico, troppo presuntuoso, troppo cupo, troppo poco cupo, troppo fusion (anche se in realtà è una fusion che appare ben di rado, rispetto ad altre meno felici sortite del signor Jenkinson), eccetera eccetera eccetera. Ma per chi è dentro al mondo di Squarepusher, e in generale per chi è dentro all’elettronica che osa il quasi inosabile e che comunque sa lavorare con la scrittura, è un lavoro monumentale. L’artefice, raggiunto al telefono, è esattamente come ce lo ricordiamo dopo il nostro incontro di persona qualche anno fa: analitico, chirurgico nelle parole, asciutto ma non laconico, spesso tagliente.
Sono una persona molto meticolosa? È vero. Ed è proprio questo il punto. È questo l’aspetto contro cui ho combattuto per anni e contro cui continuo a combattere. Se hai una certa inclinazione verso l’essere meticoloso in quello che fai, il rischio è quello di concentrarsi così tanto sulla rifinitura di singoli particolari da perdere la spontaneità dell’insieme. E quando la perdi fra i vari rischi c’è anche quello di perdere entusiasmo ed energia, come autore. Vedi, io di ogni disco – appena esce – sono profondamente insoddisfatto. Quando lo riascolto finito e a registrazioni ufficialmente chiuse, sento solo i difetti. Di Ufabulum, ad esempio, non apprezzavo l’eccesso di maniacalità nel rifinire e tirare a lucido i particolari. Questa insoddisfazione è stata un ottimo motore: perché la voglia di fare un disco meno controllato, per certi versi meno professionale, è stato ciò che ha dato vita a Damogen Furies. Ho cercato l’equilibrio: ovviamente non ho rinunciato alla cura del particolare e del dettaglio, ma ho tentato di far sì che questa cura non andasse ad intaccare la voglia di fare un disco cattivo, aggressivo, che cerca la sfida con l’ascoltatore”. In effetti, così è. Decisamente.

squarepusher-damogen-review

Un’altra tranche molto interessante di conversazione la si è avuta partendo dalla constatazione di come nell’album appaiono momenti di chiara matrice happy hardcore primi anni 90 e di come, in generale, si stia oggi vivendo un revival di molti aspetti di quel periodo lì, anche e soprattutto nel novero dell’elettronica intelligente – o almeno, quella che fa opinione, da Andy Stott in giù e in su.
Io quell’era l’ho vissuta in prima persona e vederla rivivere è per certi versi bizzarro ed affascinante, per altri non è assolutamente un mio problema. Io non sono preoccupato di citare, o raccontare, o preservare il passato: io sono preoccupato del futuro. Io sono preoccupato di esplorare, in musica, possibilità che ancora non sono state esplorate. Questo non impedisce che ci siano riferimenti a soluzioni già esistenti o già trattate nel passato, ma la mia preoccupazione principale continua essere quella di percorrere strade apparentemente non battute. Io non provo nessun piacere particolare nel ritirare fuori cose già codificate nel passato, men che meno se questo diventa un mezzo per enfatizzare l’interesse delle persone verso quello che fai – cosa che vedo succedere abbastanza spesso. Detto questo, nella storia della musica ci sono molti momenti significativi e non si capisce perché debbano scomparire o, altra faccia della stessa medaglia, essere oggetto di speculazione revivalista. Perché non possono semplicemente continuare ad esistere? Perché prima vanno bene, poi non più, poi vanno bene di nuovo? Ho il sospetto che questo atteggiamento sia figlio di un approccio alla musica volontariamente, o involontariamente, ipercapitalista. Per rendere sempre il prodotto nuovo più desiderabile del vecchio prodotto. Ma ripeto, questa è una discussione che non mi interessa. Non voglio sembrare arrogante, ma non ho tempo: a malapena ho tempo abbastanza per fare una piccola quantità delle cose che vorrei fare, delle strade in musica che vorrei esplorare, figuriamoci se ne utilizzo altro – distogliendo così anche energie mentali – per riflettere su discorsi come questo. Quando sentirò di aver finito di esplorare in musica, di aver percorso tutte le strade, forse mi dedicherò a riflettere su questioni come la retromania”.

image008

 

Commenti

Altri contenuti Musica
CONTEST SACRED BONES
- Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevu due cd in omaggio

Contest Sacred Bones

Regala un abbonamento al Mucchio Selvaggio e ricevi due cd

L'etichetta, sinonimo di “oscurità”, sperimentazione e grafica impeccabile è nata dieci anni fa nel sotterraneo del negozio...
CRISTIANO GODANO - Italrock anni 90

Cristiano Godano

A tutti mancano gli anni 90. Tutti li citano. Li omaggiano. In Italia la scena rock di...
YOMBE - Il dono del new soul

Yombe

Il dono del new soul

Il duo campano, operativo a Milano, arriva al primo album con "GOOOD", un oggetto synthsoul di pregio...
20171118_214233(0)

The War On Drugs

@ Fabrique, Milano (16/11/17)

È un Fabrique gremito quello che accoglie i War On Drugs, reduci da tre album entusiasmanti a...
20171116_214218

Father John Misty

@Fabrique, Milano (16/11/2017)

La valigia di Josh Tillman è andata persa durante il viaggio aereo verso Milano. “Sembro vestito perfettamente...
shabazz_palaces_01

Shabazz Palaces

Oval Space, Londra - 06/11/2017

Quazarz atterra a Londra: i Shabazz Palaces portano in concerto il loro idiosincratico mix di free jazz...
20171110_215423

Fleet Foxes

@Fabrique, Milano (10/11/2017)

L’ultima incursione dei Fleet Foxes a Milano risale ad un altro novembre, quello del 2011. Nella location...
_MG_0573

Massimo Zamboni

1917-2017: i Soviet + L'elettricità

A Bologna per I Soviet + L'elettricità: lo spettacolo multimediale sui cento anni di rivoluzione russa, un...
cohen

Leonard Cohen

Il piccolo profeta gobbo

Un anno fa moriva Leonard Cohen, il giorno prima dell’elezione di Trump che sconvolgeva il mondo. Questo...
dream-syndicate

Dream Syndicate

Dalle 22 alle 24, minuto più minuto meno. Due ore di carica esplosiva. Con gli strumenti caricati...
vallicelli

Matteo Vallicelli

Botta e risposta

Ripubblichiamo la nostra intervista a Matteo Valliceli in occasione della sua partecipazione alla decima edizione del Transmissions...
CRISTALLO - Se i Melampus risplendono in italiano

Cristallo

La trasparenza del nero

Con l’omonimo EP del loro nuovo progetto, sempre avvolgente ma maggiormente elettronico, Francesca Pizzo e Angelo Casarrubia...
liars1

Liars

A tre anni di distanza da "Mess", i Liars tornano in veste di progetto solistico del frontman...
ZOLA JESUS - Dal vivo in Italia

Zola Jesus

Nostra signora dell'oscurità

A Novembre dal vivo in Italia con il quinto album, un lavoro volutamente heavy
aldousharding_2017blue

Aldous Harding

Strana come un'arancia meccanica

Il 31 ottobre a Torino sarà l'unica occasione per vedere dal vivo Aldous Harding, non perdetevela.
PROG ROCK ITALIANO - La serie in vinile di De Agostini Publishing

Prog Rock Italiano

La stagione d’oro del nostro progressive in vinile

Arriva Prog Rock Italiano, la nuova collana di De Agostini Publishing: sessanta album in vinile per rivivere...